Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Sony RX10 III - Tutto in uno


Da tempo ero rimasto senza nessun teleobbiettivo un po' lungo, e l'abbandono in toto di tutte le lenti autofocus é stata l'occasione per dotarmi di una macchin(ett)a piccola, leggera e con un tele degno di questo nome. Giusto per averlo. 
 
Immagine Allegata: rx.jpg
 
Le scelte non sono molte, di fatto si riducono alla Leica V-Lux Typ114 (la versione decente dell'orribile - al tatto - Panasonic FZ1000), e le varie Sony RX10. 
La prima é dotata di uno zoom 25-400/f2.8-4, che dicono decisamente buono, mentre le seconde di un piú modesto 24-200/f2.8, che ha dalla sua la luminositá fissa. 
 
Fino a pochi mesi fa, quando la terza incarnazione della RX10 ha offerto quello che da sempre é il sogno di piú o meno tutti... Uno zoom 25x che arriva a 600mm... f4. 
Ok, ovviamente parliamo di 600mm equivalenti, ma é sempre un buon biglietto da visita. 
La profonditá di campo equivalente é di f11 da 100 a 600mm, mentre alle focali piú basse si arriva a circa 6.3. Come sempre, gli obbiettivi luminosi nei picoli sensori servono solo a tenere bassi gli ISO, non a giocare con la DoF. 
Ma tenuto conto della buona resa, gli F11 equivalenti alle focali piú lunghe facilitano la messa a fuoco e la leggibilitá del soggetto. 
 
La macchina é fatta cosí:
Immagine inserita
 
Da spenta, perché una volta accesa diventa cosí:
Immagine inserita
 
...Ed alla massima focale cosí (in tutto meno di 25cm):
Immagine inserita
 
Insomma... Rimane piccolissima. 
E leggera, visto che parliamo un chilo e poco piú compresa la batteria. 
 
É ben fatta, di buona plastica che si impugna per bene, tutte le ghiere necessarie (compresa la compensazione dell'esposizjone dedicata) ed un sacco di pulsanti da personalizzare in maniera davvero completa.
Immagine inserita
 
Dietro c'é persino la seconda ghiera, che non usando mai la modalitá "S" non credo di avere mai toccato. 
Immagine inserita
 
I diaframmi sono sul davanti, a scatti di 1/3EV, e sulla sinistra c'é pure il pulsante di blocco della messa a fuoco (anche lui riprogrammabile). 
Come si vede, la zoomata é comandata dal classico selettore vicino al pulsante di scatto, ma non solo. 
Intanto perché da menu si puó scegliere tra due velocitá di variazione della focale (la "veloce" é davvero veloce... pure troppo), e poi perché la ghiera piú grande sul barilotto consente variazioni di fino, quasi mm per mm. 
Insomma, in Sony ci si sono messi davvero d'impegno, ed hanno tirato fuori uno zoom elettroassistito davvero ottimo. 
 
La ghiera piú piccola (ma anche queste si possono reimpostare) serve per la messa a fuoco manuale. 
Detto cosí non ha molto senso, ma la modalitá "AF/MF" la rende davvero utile. 
In pratica, se si lavora in AF-S (come faccio nel 99.5% dei casi), tenendo schiacciato a metá il pulsante di scatto si puó ficheggiare a mano di fino, con l'ingrandimento a mirino automatico sulla zona di messa a fuoco. 
C'é anche sulla A7, ovviamente con lenti AF, ma sará che io ho la prima versione, ma qui funziona decisamente meglio. 
 
Monitor orientabile:
Immagine inserita
Ed ottimo EVF: 2.3Mp con un ritardo praticamente impercettibile e ben dettagliato. 
É un po' troppo luminoso per i miei gusti, ma sinceramente non ho ancora approfondito se si puó regolare. 
Uguale se non migliore di quello giá ottimo della A7, rispetto alla minuscola RX100M3 siamo su un altro pianeta. 
 
Batteria con sportello in basso, SD sul lato.
Immagine inserita
É data per 420 scatti, e mi sembra un numero verosimile. 
La batteria é la stessa della Sony A7, in tutte le sue versioni.  
Dall'altro lato le prese sono complete, sia per il video/audio che per l'ormai per me indispensabile MiniUSB per la carica della batteria.
Immagine inserita
Gli sportelli sono ben fatti. 
 
Per quanto riguarda la costruzione c'é ben poco da aggiungere. 
Il corpo é tropicalizzato (come quello della omologa Leica, non della Panasonic), il menu molto completo (c'é perfino la possiblitá di cambiare il nome dei files, ed un sacco di altre cose). 
 
Il pulsante di scatto é filettato, ma purtroppo non sono riuscito a fare funzionare il vecchio flessibile meccanico (che invece va a meraviglia con la Leica M): probabilmente la filettatura serve solo per i pulsanti "soft" che vanno tanto di moda ma che io reputo inutili. 
 
Attacco flash di serie, flashettino di emergenza integrato. 
Otturatore meccanico (silenziosissimo) fino a 1/2000sec, elettronico fino a 1/32000sec. Raffica fino a 14ftg/sec. 
 
Attacco filettato al centro dell'obbiettivo, come é giusto che sia, e la incredibile sorpresa di non poter mettere una tracolla diversa da quella in dotazione, perché quella di serie é leggermente piú stretta del normale e non si puó nemmeno mettere gli anelli triangolari di misura standard. 
Niente di che, se non fosse per il fatto che ho in uggia le tracolle con scritto il nome della macchina. 
Sto cercando un'opzione differente, perché la scritta mi manda in bestia. 
 
Ma tutto sommato le pecche si fermano qui. :) 
 
Del sensore ho poco da dire: é il solito Sony da 20Mp ed 1", nella sua ultima incarnazione. 
Si parte da 100ISO e si sale un bel po' per un sensorino del genere. A seconda delle situazioni, é usabile fino oltre i 3200ISO, ed anche ben di piú. 
 
 
L'obbietivo
L'obbiettivo é il vero motivo per cui si sceglie questa macchina. 
Immagine inserita
(Schema da dpreview.com)
 
8.8-220mm, che "convertiti" sul full frame fanno 24-600mm. Un sacco. 
Per visualizzare, stiamo parlando di foto da cosí:
Immagine inserita
 
A cosí:
Immagine inserita
Si, é lo stesso punto di vista (al centro della precedente), e dietro al ponte c'é la Svezia.
 
Per come lo uso io, senza paraluce, da cosí:
Immagine inserita
 
A cosí:
Immagine inserita
 
f2.4 solo a 24mm, f2.8 fino a 35mm, f4 da 100 a 600mm. 
La definizione é ottima fin da TA, incredibilmente anche alle focali piú lunghe. 
Una sorpresa non da poco. 
 
Per passare dalla minima focale alla massima impiega 3.5 o 2 secondi, a seconda dell'impostazione del menu. 
Davvero poco, se si tiene conto che il lag all'accensione é ben inferiore al secondo, e che non c'é memoria della focale (all'accensione parte sempre da 24mm). 
Ma come detto, la regolazione fine é davvero... fine. 
 
L'AF é solo come le compatte, quindi dimentichiamoci dell'AF-C (probabilmente verrá introdotto nella prossima versione, come hanno fatto con la RX100 V). 
L'hunting é minimo, la dimensione del punto di fuoco é regolabile senza problemi e la precisione ovviamente ottima. 
 
La mesa a fuoco é veloce, e lo stabilizzatore é efficacissimo, complice il peso piuma. 
1/100sec a 600mm garantisce foto praticamente sempre ferme. 
Ma si puó osare anche di piú.
 
 
Coma va.
Beh, tenendo presente che stiamo parlando di uno zoom 25X... Ci si puó dimenticare di avere per le mani uno zoom 25X. :)
Ovvio, il Summilux funziona un po' meglio, ed anche i Sigma Art... 
Ma i tedesco/nipponici credo abbiano fatto un ottimo lavoro. 
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Contrasto e colori sono decisamente buoni, come anche la consistenza dei risultati con zone al sole ed in ombra. 
Immagine inserita
 
E se le condizioni sono buone, il risultati non fa rimpiangere un obbiettivo ben piú blasonato.
Immagine inserita
 
I contrasti sono resi con una bella ricchezza di particolari, come anche i passaggi un po' piú delicati, segno di un'ottima integrazione tra lente e sensore (ancora, guardate come regge bene il sole/ombra sulla nave).
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
 
Quello che non si puó chiedere ad uno zoom del genere é un passaggio verso il fuori fuoco da lente con ben altre caratteristiche, come anche un bokeh di prima categoria.
Sará questo, sará che avere con sé una macchinetta cosí flessibile fa proprio passare la voglia di portarsi appresso una DSLR ed il peso connesso... Ma tutto sommato la resa é ben superiore a quanto ci si aspetta. 
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Insomma... Non siamo al livello del Nikon 28-300mm... Questo é meglio. ;)
 
 
Da una lente del genere ci si aspettano difetti importanti, come ad esempio aberrazioni cromatiche e fringing importanti. 
Immagine inserita
 
O flare devastanti.
Immagine inserita
 
Invece... Niente di tutto questo. :)
Sinceramente non ho ancora trovato una aberrazione che sia una, e le ho cercate... 
Non ho capito come abbiano fatto, davvero. 
 
E pure le deformazioni sono molto controllate. 
 
Per ultimo, un particolare a mio parere interessante... 
Questo 24-600 mette a fuoco a 72cm alla massima focale, il che significa un RR di circa 1:2 (o 0.49X). 
A focali piú ragionevoli si sta su 1:3 o 1:4, valori che consentono delle foto ravvicinate di buona qualitá. 
Immagine inserita
 
 
Dopo tutto questo, non resta che parlare del video. 
Boh, so che é 4k, so che c'é un microfono stereo integrato, so che c'é la possibilitá di attacare tutti quegli accessori che pare siano importanti... Ma lo so perché l'ho letto, non avendo mai fatto un solo video. 
 
Immagine inserita
Questo é il JPG on-camera, il RAW non ha il cielo bruciato... ;) 
 
Per concludere:
Ho una macchina che fa quello che dice di fare, e lo fa in maniera francamente migliore di quanto mi aspettassi. 
Non é una macchina da foto per fine art, e nemmeno lo vuole essere, ma ho stampato in A2 ed i risultati sono di tutto rispetto. 
Per tutto il resto, ho la Leica. 
 
Insomma, credo che questa Sony RX10 III sarebbe la macchina ideale per moltissimi, che oggi si ostinano ad usare una DSLR senza averne davvero bisogno. 
In piena luce é al livello di qualsiasi DSLR APS con zoom di media caratura (e molto meglio degli zoomettini da kit). 
Per viaggiare potrebbe essere la soluzione ideale, se si superasse lo snobismo da reflex. ;)
Personalmente sono francamente stupito di quanto buono sia quello zoom esagerato, che con una luminositá piú che decente arriva a tutte le focali possibili, piú qualcun'altra. 
a_
 
 
NOTA: Tutte le foto sono JPG on camera, a parte gli estremi di focale con l'Øresundbro e la nave militare (senza un motivo specifico, semplicemente avvo aperto l'altro Catalog di LR...). 
Ho scattato in RAW+JPG, per cui ho anche i RAW di tutte, che sono del tutto analoghi ai JPG... solo che si possono sviluppare :P
Senza PP, l'unica grande differenza é con le foto ad alti ISO, che vengono irrimediabilmente piallate dal denoise della macchina. 
Ad esempio questa:
Immagine inserita
5000ISO (e ricordiamo che si parla di un sensore da 1 inch...), e totalmente piallata dal JPG on camera, anche se si vede ancora bene la buona gamma dinamica. 
Il RAW é piú rumoroso, ma si distinguono i peli del cervo, che una volta corretto é molto piú bello. 
E la gamma dinamica migliora di un bel po' (il bosco sullo sfondo non é piú una macchina nera). ;) 
Immagine inserita
(E questo si stampa in A3 senza problemi ;) )

Test: Yes



5 Comments

Foto
Silvio Renesto
dic 15 2016 20:55

Pochi commenti forse perchè già discusso nel blog :)

 

Però meritava la promozione ad articolo, perchè questo settore di bridge prestazionali sta evolvendo e vale la pena seguirle. Se mai le nikon DL vedranno la luce si aprirebbe un confronto

interessante.

Foto
Valerio Br¨stia
dic 15 2016 21:43

Ah ecco! Mi pareva di aver già letto e commentato (pure).

 

Ricordo che mi aveva fatto cadere in depressione, quindi eviterei di ripetere come mi sento sccemo con 20 kg di calibri "navali" e supporti da obice della grande guerra sulle spalle :)

 

Però tant'è.

Foto
Mauro Maratta
dic 16 2016 06:19

Se ti poni queste domande ... evidentemente non dovresti solamente 'sentirti'  scemo :marameo:

Foto
Valerio Br¨stia
dic 16 2016 11:21

Mettiamola così

 

se c'è un bel sole e tutte le condizioni al contorno sono ideali, allora sì mi sento un fesso a scammellarmi l'ambaradame. Certo che dopo le 18.00 o prima delle 8.00 la mattina forse forse la faccenda cambia aspetto. Peraltro TUTTE le foto di bestie e bestiole (con pochissime eccezioni) che ho in archivio son state scattate proprio in quelle fasce orarie crepuscolari o, comunque, in condizioni di luce mai ottimali. Come dire: i selvatici in orario "lavorativo", stanno a riposo (infrattati) ed è l'ennesima dimostrazione di quanto sia potente la pressione umana su tutto l'ambiente acqua-terraceo

 

(PS anche i pesci son più attivi al crepuscolo)

Su DPreview hanno recensito la Panasonic FZ2500, che é la risposta a questa Sony. 

C'é qualcosa di piú dal lato video, ma non sono in grado di comprenderne a fondo la portata, mentre per il resto sono analoghe. 

 

L'obbiettivo é un 24-480/2.8-4.5, che tutto sommato fa esattamente lo stesso servizio del 24-600/2.4-4 della Sony.

In teoria, perché al confronto é morbido in maniera imbarazzante, non riuscendo a stare dietro ai 20Mp del sensore a nessuna focale. 

 

Quindi no, la Sony rimane regina incontrastata del settore, con il suo piccolo capolavoro 25X. :) 

a_

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi