Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 24-70mm F2.8E VR (test/prova)


Materiale ricevuto in visione dal distributore ufficiale italiano che è stato restituito a fine test.

Ho avuto nel tempo due esemplari di Nikon 24-70/2.8 che ho utilizzato con D3 e D3x.
All'epoca non c'era confronto, i fissi disponibili sul mercato erano ampiamente superati e lo zoom li surclassava tutti.
 
Con un corpo professionale come quello di una ammiraglia Nikon, uno zoom di questa classe si trova perfettamente a suo agio.
 
Nel tempo, con l'apparire di nuovi fissi prestazionali e poi con D800 e D810 mi sono ritrovato a relegare sempre di più al ruolo di comprimario il mio 24-70/2.8 (ma in catalogo mi restano oltre 40.000 scatti ...) preferendogli sempre una terna di fissi, aggiungendo piuttosto un secondo corpo quando non ho il tempo di cambiare ottica.
Prendendomi i miei tempi quando invece non ho impellente necessità di fare lo scatto a tutti i costi. Finchè non ho deciso di venderlo e di non pensarci più.
 
Immagine Allegata: D8X_3868.jpg
eccolo qua l'ultimo rampollo degli zoom trans-standard di punta by Nikon
 
Certo lo zoom è comodo e per un fotogiornalista uno zoom della classe di un 24-70/2.8 è essenziale per il proprio lavoro.
E normale che per quella categoria di fotografi nella borsa ci siano due o tre zoom, tutti di classe F2.8 e di costruzione professionale.
 
A distanza di otto anni, Nikon ha deciso di rinnovare questo obiettivo, proponendo l'oggetto di questa prova.
 
Immagine Allegata: D8X_4120.jpg
a confronto dimensionale con il piccolo Nikon 50/1.8G
 
Il nuovo arrivato ha guadagnato lo stabilizzatore integrato VR, il diaframma a controllo elettromagnetico. Purtroppo ha guadagnato anche qualche centimetro in altezza, un paio di etti di peso e un passo filtri che sale da 77mm a 82mm.
 
Immagine Allegata: D8X_4146.jpg
montato sulla mia Nikon D500 con il battery-grip MB-D17, a testimonianza di quale categoria di macchine - professionali - sia il normale sbocco di questa categoria di ottiche.
 
Per certi utilizzi già la presenza dello stabilizzatore integrato (valido per scatti anche sotto 1/6 di secondo !) basterebbe a motivare l'acquisto o la sostituzione del precedente.
 
Purtroppo nel frattempo è cresciuta la disponibilità di nuovi obiettivi fissi prestazionali, sia di classe F1.4 che di classe F1.8, in grado di coprire integralmente la gamma di focali del 24-70/2.8 ed andare anche oltre (a 20 o a 85 e 105mm).
 
E soprattutto, sul finire del 2016, Nikon ha lanciato sul mercato anche la più nuova versione dell'altro zoom professionale, quel Nikon 70-200/2.8E VR che invece ha nuovamente spostato verso l'alto l'asticella delle prestazioni rispetto a molti degli obiettivi fissi disponibili in gamma tele.
 
E' proprio il confronto con quest'ultimo (vi rimando al mio test qui) che rende cedente sul piano del rapporto prezzo/prestazioni il 24-70/2.8.
 
Intendiamoci, ne resta il degno compagno e il fido ed insostituibile strumento di lavoro per il fotogiornalista ma per il resto di noi (io in testa) fotoamatori più attenti alla qualità dello scatto più che alle qualità professionali di uno zoom, il discorso può essere del tutto diverso.
 
Il Nikon 24-70/2.8E VR è un ottimo obiettivo, affidabile, capace di prestazioni coerenti ed omogenee a tutte le focali e in tutte le circostanze.
Che si impugna bene, quasi come se fosse un 70-200/2.8 più leggero.
 
Ma sul mercato ci sono obiettivi fissi in grado di offrirci di più e a meno. Con minore ingombro e senza quell'effetto "paparazzo" che indubbiamente una Nikon D5 con un 24-70/2.8 finisce con l'avvolgervi.
 
 

Immagine Allegata: D5H_7601.jpg

Nikon D5, Nikon 24-70/2.8E VR, F9, 1/100'', a 62mm (premere per vedere in formato 4k)

 
Insomma :
 
- avete il precedente Nikon 24-70/2.8 e lo trovate fondamentale per il vostro modo di fotografare ?
Chidetevi se lo stabilizzatore e un quid di prestazioni generali in più vi siano indispensabili, accettate il cambio del passo filtri dallo standard di ieri da 77mm allo standard di oggi da 82mm, e fate il cambio, se già non l'avete fatto.
 
- avete il precedente Nikon 24-70/2.8 e cercate qualche cosa che vi faccia avere risultati chiaramente migliori su D810 e sulla imminente nuova D850 ?
Ebbene, tenetevi quello come strumento di sicurezza ma affiancategli gli obiettivi fissi delle focali che vi servono di più. Magari aggiungete un secondo corpo se avete proprio bisogno di flessibilità.
 
- non avete il precedente Nikon 24-70/2.8 ?
Se vi serve uno zoom, pensate per un attimo se uno zoom F4 non sia meglio per voi (più leggero, più economico, con un range di focali più esteso verso il tele) e per le vostre foto migliori, compratevi i più bei fissi che ci sono sul mercato.
 
- siete un fotoreporter ?
Dimenticatevi tutto quello che ho scritto fino ad ora e, se avete finito il leasing del precedente Nikon 24-70/2.8, rinnovatelo e prendetevi ad occhi chiusi il nuovo.
 
Come dite là in fondo ? Sigma, Tamron, Tokina ?
Beh, si, certo. Esistono. Ma sono tutte seconde scelte secondo me.
 
Se vi serve uno strumento di livello professionale, meglio puntare direttamente al Nikon.
Se invece cercate le prestazioni assolute, niente da fare, stesso discorso.
Nulla - per il momento - sul mercato, nel range 24-70 o 24-120, vi offrirà prestazioni elevate come i fissi di oggi. Anche quelli F1.8, non solo i più prestigiosi F1.4.
Purtroppo non ci sono vie di mezzo.
 
Ecco, volevo ben chiarire il mio punto di vista prima di passare a parlare di questo obiettivo.
Che, come il precedente, mi ha soddisfatto si, ma ...
 

 

Immagine Allegata: D5H_7592.jpg

Nikon D5, Nikon 24-70/2.8E VR, F9, 1/100'', a 62mm (premere per vedere in formato 4k)

 




Test: Yes



4 Comments

Foto
Gianni_54
ago 04 2017 15:36

Scusa Mauro, ma nella settima foto a pagina due con la seguente didascalia "l'anello frontale (passo filtri da 82mm) non reca invece nessuna iscrizione", sI intravedere una crepa nella parte dell'anello fontale vicino alla lente. Se è veramente una rottura delle plastiche, per un'ottica professionale mi pare un brutto biglietto da visita.

Foto
Mauro Maratta
ago 04 2017 15:49

Sai che me ne accorgo solo adesso ?

Purtroppo non ce l'ho più e non posso verificare.

Ma piuttosto che una crepa mi sembra uno sfregio alla guarnizione a tenuta anteriore che penso possa essere facilmente sostituita.

 

Tieni conto che si tratta di un esemplare che viene esposto nelle giornate dimostrative ... credo che niente possa reggere a lungo a certi trattamenti ...

 

Comunque, no, non è un brutto biglietto da visita perchè nell'uso io non ho riscontrato alcun difetto.

Uno strumento professionale deve poter lavorare anche quando è (ragionevolmente) maltrattato ;)

Foto
Gianni_54
ago 04 2017 15:55

Grazie, sempre esaustivo

Foto
Mauro Maratta
ago 22 2017 09:24

del test del Nikon 24-70/2.8E VR si parla qui

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi