Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Raynox Micro Explorer; supermacro con poco... o da poco?

macro aggiuntivi ottici

La tua fotocamera 35mm diventa un potente microscopio con questo innovativo terzetto. Sarà vero?
 
Il mio amico Gianni ha l'animo del collezionista e la maggior parte degli obiettivi Ai-AiS di cui pubblico i test in questo sito sono suoi, messi gentilmente a mia disposizione (temporanea ;) ). 
L'animo del collezionista però porta a volte a fare strani acquisti.
Uno di questi, che mi ha incuriosito in quanto legato alla macrofotografia, è un kit di lenti aggiuntive Raynox definite micro explorer. Acquistate d'occasione per pochi spiccioli, in origine erano piuttosto care, ma  promettevano molto. Così quando Gianni mi ha proposto di farne un test ho accettato volentieri.
 
 
Delle lenti addizionali, uso, pregi e  difetti, ne ho parlato qui, in genere danno risultati inferiori rispetto agli obiettivi macro, ma certe, le cosiddette lenti acromatiche, possono dare una qualità accettabile se accoppiate all'obiettivo giusto. Di solito maggiore è la potenza della lente, minore è la qualità, quindi è meglio non andare oltre le 2 diottrie.
 
Il kit Raynonx è costituito da tre lenti molto potenti, 6x, 12, e addirittura 24x!!
 
Immagine Allegata: raynox1.jpg
 
Le tre lenti Raynox, l'adattatore e la tabella del potere di ingrandimento e delle distanze di lavoro (fonte: Raynox), la minore ha una potenza praticamente pari a 6 diottrie!
 
Ma alla Raynox sono (o meglio erano, perchè il kit è uscito di produzione da qualche tempo) molto fiduciosi sulla qualità delle lenti.
Sulla scatola sta scritto che "la tua fotocamera 35mm diventa un potente microscopio con questo innovativo terzetto". 
 
Immagine Allegata: microexplorer.jpg
 
La scatola, molto "vintage".
 
 
Vediamo un po'.
 

La confezione è molto curata, cofanetto in plastica semitrasparente e ciascuna lente ha tappi anteriore e posteriore. La struttura è di metallo e l'aspetto è piacevolmente solido e pesante.

Le tre lenti sono in realtà dei piccoli obiettivi, costituiti da tre elementi (6xd e 12 x) e quattro elementi (24x) in modo da correggere il più possibile le aberrazioni.
 
Immagine Allegata: raynox 2.jpg
 
Specifiche tecniche (fonte: Raynox).
 
Sono piccole di diametro e si innestano sull'obiettivo tramite un adattatore a molla che consente il montaggio su obiettivi di diverso passo filtri, da 49 a 62mm.
Nelle specifiche è consigliato di usare le lenti su obiettivi o zoom che arrivino a 200mm. Non disponendo del nuovo 70-200 f4 AFS VR, le ho montate sul sempreverde, sempre valido nikkor 80-200mm f4 AiS, che ha un'ottima resa anche sulle digitali full frame e da solo raggiunge il rapporto di riproduzione massimo di 1:4,2 a 1,2m.
 
Immagine Allegata: kitass.jpg
 
Una lente montata sullo zoom 80-200 tramite l'adattatore.
 

I rapporti di riproduzione ottenibili sono molto spinti come recita la tabella della casa che ho riportato all'inizio. Qui  propongo un test casalingo per dare un'idea dei rapporti di riproduzione ottenibili e delle condizioni d'uso. Per il test ho usato la D800 per cui l'area inquadrata corrisponde al rapporto di riproduzione, non c'è fattore di crop.
 
Immagine Allegata: 200minte.jpg
 
Questo il soggetto del test, ripreso alla minima distanza di messa a fuoco dell'80-200.
 
Immagine Allegata: sigma11.jpg
 
Questa è l'area che  viene inquadrata al rapporto di riproduzione 1:1 (ho usato il 150 Sigma Apo Macro). Distanza di lavoro (soggetto/lente frontale) con il 150 Sigma 19,5cm circa.
 
Immagine Allegata: te6per.jpg
 
Questa è l'area inquadrata con la lente 6x e lo zoom a 200mm e f8, focheggiato all'infinito (focheggiando a distanze minori, si guadagna un po' di ingrandimento e si perde molto come distanza di lavoro). Siamo chiaramente oltre l'1:1.
La distanza di lavoro è circa 16cm, la messa a fuoco autofocus è praticamente impossibile, quella manuale è difficile ma non impossibile sfruttando l'indicatore se c'è luce sufficiente ma è consigliabile il live view. Indispensabile lo scatto a distanza e l'alzo preventivo dello specchio per evitare vibrazioni. Si nota una certa vignettatura. 
 
Immagine Allegata: te12x.jpg
 
Questa è l'area inquadrata con la lente 12x. Distanza di lavoro circa 10cm. Necessario l'uso del live view. Per il resto, come sopra.
 
Immagine Allegata: te24x.jpg
 
Questa è l'area inquadrata con la lente 24x. Distanza di lavoro 4cm. l'ingrandimento è davvero notevole, ma si evidenzia oltre alla vignettatura, una certa distorsione e "ammorbidimento" dei bordi immagine.
Inoltre è ancora più difficile mantenere un parallelismo accettabile fra soggetto e sensore, già problematico con le  lenti meno potenti.
 
Sul campo?
 
Lo dico subito, sul campo non sono stato in grado di usare la lente 24x, troppo poca distanza di lavoro, troppo poca luce, la minima vibrazione del soggetto risulta enormemente amplificata.
 
Con la lente 6x e 12x se non c'è vento (nemmeno brezza) ed il soggetto non è dotato di movimenti propri qualcosa di buono si riesce anche  a fare ma già con la lente 12x insorge qualche difficoltà operativa.
 
Immagine Allegata: 200taras.jpg
 
Soggetto della prova sul campo un soffione.
 
 
Immagine Allegata: taras6x.jpg
 
Zoom 80-200 e lente 6x (sempre focheggiato a infinito)
 
Immagine Allegata: taras12x.jpg
 
Zoom 80-200 e lente 12x (come sopra)
 
 
Immagine Allegata: 200cactus.jpg
 
Un fiorellino di pianta grassa (zoom 80-200 alla minima distanza).
 
 
Immagine Allegata: cactus6x.jpg
 
Con la lente 6x (sempre focheggiato ad infinito)
 
Immagine Allegata: cactus12x.jpg
 
 
Con la lente 12x (come sopra).
 
 
 
Conclusione.
Il kit è attraente sulla carta, ma in pratica lo è meno. 
Le lenti sono abbastanza corrette per essere degli aggiuntivi ottici (che costavano un centinaio di euro, comunque), ma rimane comunque la vignettatura (notevole nella lente 12x e inaccettabile nella lente  24x) .
 
Operativamente le difficoltà sono molte, legate soprattutto all'elevatissimo rapporto di riproduzione. Diversamente dalle normali lenti addizionali,non sono degli aggiuntivi ottici di uso agevole sul campo, al contrario.
Mantenere il corretto parallelismo a quegli ingrandimenti è difficilissimo, data anche la ridottissima profondità di campo.
La luce disponibile è poca, per cui si è obbligati a tempi lenti anche ad ISO alti. Con brezza o soggetti mobili è un  problema.
La distanza di lavoro è praticabile sul campo solo con la lente 6x, e se si è bravi con la lente 12x, ma non con la lente 24x.
Come per tutti gli aggiuntivi ottici si  ha un range ristretto di rapporti di riproduzione.
Su stativo in condizioni controllate di illuminazione, penso si possano ottenere risultati migliori (con la 6x e la 12x almeno).
 
Insomma, se vi volete divertire a provare, cercatele su ebay e simili, ma sappiate che se da una parte permettono ingrandimenti molto spinti, dall'altra non sono così facili da usare.
 
                              Silvio Renesto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Test: Yes



5 Comments

Foto
Valerio Brùstia
ago 04 2013 21:20

E sei riuscito a fare tutto questo con sto caldo infernale????

 

Silvio complimenti!!

 

Già solo l'idea di cavarmi l'occhio per controllare i microerrori di allineamento mi fa venire il mal di pancia , figurarsi poi con sto caldo!

Grazie Silvio

 

ciao

Foto
Raffaele Pantaleoni
ago 04 2013 22:17

Divertenti attrezzi e divertente articolo.

al telefono mi aveviaccennato alla cosa.. ma vedere i risultati ma, sopratutto con la canicola che gira... sei da nobel.. chissà poi se si treoveranno ancora in giro..

 

comunque come al solito.. bravo stà stretto...

Foto
danighost
ago 05 2013 11:19

interessanti, anche se preferisco accoppiare gli obiettivi e/o usarli invertiti ...

visto su adorama by USA a circa 120$+ invio
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi