Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
* * * * * 1 votes

[reportage] Venezia tra bricole e paline

Inviato da Alberto73 , 08 ottobre 2013 · 6065 visualizzazioni

Venezia bricola palina dama

Arrivando a Venezia per la prima volta, una delle cose che non si può non notare è la grande quantità di pali di vario materiale (generalmente legno, in quanto l’uso di altri materiali era vietato) disseminati nella laguna. Si tratta di elementi utili in vari modi alla navigazione veneziana.

Immagine Allegata

In città, lungo i numerosi canali che la caratterizzano, è possibile vedere dei pali singoli conficcati sul fondo: sono le paline. Queste servono come ormeggio per barche e gondole che navigano in città, specie lungo il Canal Grande.

Immagine Allegata

Particolarità delle paline è che non sono tutte uguali: si va dal semplice palo di legno alla palina colorata o variopinta che riporta i simboli della nobiltà veneziana (‘de casada’) o i colori di attività commerciali.

Immagine Allegata  Immagine Allegata

Immagine Allegata

All’epoca della Serenissima vi era un magistrato apposito con lo specifico compito di supervisionare l’installazione di nuove paline al fine di salvaguardare l’equilibrio idrogeologico della laguna. Ogni nuovo palo, infatti, poteva costituire un possibile nucleo di interramento della laguna ("Palo fa palù", "un palo crea palude") per cui si decise di regolamentarne l’utilizzo in modo da evitare gli abusi che potevano essere pericolosi per la città stessa.

Immagine Allegata

Immagine Allegata

Di funzione completamente diversa sono le bricole (o briccole). Queste di solito si trovano in laguna (alcune si possono vedere vicino agli approdi dei vaporetti) e servono a delimitare i canali navigabili. Sono costituite da più pali di legno (generalmente tre ma possono essere anche di più) e molte sono numerate in modo da consentire, in assenza di altri mezzi di localizzazione, di conoscere la propria posizione confrontandone il numero con una mappa apposita.

Immagine Allegata

Immagine Allegata

Generalmente vengono collocate ai lati del canale per cui, osservando i contrassegni (rosso a sinistra e verde a destra) o il lato in cui sono apposti i catarifrangenti e/o la numerazione progressiva, consentono di stabilire dove è possibile navigare senza pericolo di arenarsi.

Immagine Allegata

Pur avendo la stessa funzione, la dama si differenzia dalla bricola per la struttura in quanto è costituita da 4 pali più uno centrale, più alto, che porta una luce di segnalazione e un cartello indicante il limite di velocità da osservare. Caratteristico della dama è anche il posizionamento: questa, infatti, si trova all’incrocio di due o più canali.

Immagine Allegata

Immagine Allegata

Da sempre (almeno dal 1400) il legno più adatto è la robinia perché quasi indistruttibile. Col tempo però la marea e il moto ondoso riescono ad avere il sopravvento, motivo per cui, periodicamente, i pali in legno vanno sostituiti con dei nuovi.

Immagine Allegata






Foto
Raffaele Pantaleoni
ott 09 2013 14:04

Mi son sempre chiesto quale fosse la funzione di questi pali (mi riferisco alle paline). Ora lo so!

Grazie! :-D

Foto
Alberto73
ott 11 2013 10:05

prego :)

Utile e costruttivo.
Un tassello in più che si aggiunge alle mie conoscenze su Venezia.

Foto
Alberto73
ago 27 2014 22:40

mi fa piacere sia stato utile :)

Bello.

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    3ino
    24 mar 2018 - 18:39
  • Foto
    Leonardo Visentýn
    22 ago 2017 - 20:31
  • Foto
    Lieve
    21 ago 2017 - 07:30
  • Foto
    Roby C
    18 ago 2017 - 17:21
  • Foto
    Alberto Coppola
    17 ago 2017 - 13:58