Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
* * * * - 1 votes

[luoghi] L'Orrido di Bellano

Inviato da Alberto73 , 24 giugno 2012 · 2525 visualizzazioni

orrido; bellano; pioverna; fiume;

Immagine Allegata

 

Definito da Sigismondo Boldoni "un orrore di un'orrenda orridezza" non è altro che una profonda gola scavata nella roccia circa 15 milioni di anni fa dalle acque del fiume Pioverna nel corso di migliaia di anni successivi al ritiro dei ghiacciai e rimasto immutato fino ai giorni nostri.

Immagine Allegata

L'ingresso non è particolarmente bello data la presenza della grossa condotta forzata che incanala l'acqua verso la centrale idroelettrica, ma il paesaggio cambia radicalmente una volta entrati nella gola dove l'unico elemento artificiale è la passerella che consente ai visitatori di poter ammirare il salto che il Pioverna compie all'interno precipitando sulle rocce sottostanti con un fragoroso rumore che diventa sempre più forte man mano che ci si avvicina.

Immagine Allegata Immagine Allegata


Immagine Allegata Immagine Allegata

Nei secoli questo luogo ha ispirato varie tradizioni e leggende come quella del pirata:
 

negli strapiombi disegnati del Pioverna si dice sia sepolto Taino, un intrepido guerriero che accumulò durante la sua vita inestimabili ricchezze saccheggiate ai nemici. Dopo la sua morte, i compagni cercarono un luogo dove tumularlo con le sue ricchezze, in modo che nessuno potesse mai trovarlo. Deviando il corso del Pioverna, calarono il corpo in una cavità al centro del fiume, coprendo con un enorme macigno il sepolcro del capo. Poi le acque tornarono a scorrere nel loro alveo, celando per sempre il segreto di Taino.

 

Immagine Allegata

Nel 1998 il comune di Bellano ha acquisito l'area e ne ha rilanciato l'immagine turistica rifacendo le passerelle ancorate alle rocce e dotando la zona di un impianto di illuminazione che rende, nelle ore serali, particolarmente suggestivo l'ambiente circostante.

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

Un discorso a parte merita la "casa del diavolo", una torretta costruita sulla riva del Piovena, della quale, però, se ne ignora l'origine e la funzione. L'unica cosa certa è data da una stampa del 1834 che ne testimonia l'esistenza all'epoca.

Immagine Allegata

Il nome della torre è legato alle figure mitologiche (fra cui un satiro) che decorano la facciata dell'ultimo piano. Anche in questo caso, col tempo, sono nate leggende ad essa legate: secondo alcuni al suo interno veniva evocato il demonio con oscuri riti satanici mentre secondo altri (più maliziosi) si svolgevano festini "galanti" organizzati dai proprietari della casetta.

Immagine Allegata

La torre a pianta esagonale (esagono irregolare) si innalza per quattro piani collegati tra loro da una scala a chiocciola interna ed ha alcune finestre con ringhiera a dare luce ai vari piani.






Foto
Tiziano Manzoni fototm
set 12 2012 22:55
questo mi era sfuggito!!! e lotrovo molto descrittivo, forse un po ripetitive, ma capisco... ce poco da fare li in piu...
Foto
danighost
set 11 2014 09:13

Me lo ero perso :( ...

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    3ino
    24 mar 2018 - 18:39
  • Foto
    Leonardo Visentýn
    22 ago 2017 - 20:31
  • Foto
    Lieve
    21 ago 2017 - 07:30
  • Foto
    Roby C
    18 ago 2017 - 17:21
  • Foto
    Alberto Coppola
    17 ago 2017 - 13:58