Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

George Hurrell : il pittore che creava le star di Hollywood

grandi fotografi hollywood star

Immagine Allegata: hurrell_davis_wm.jpg
George Hurrell nel suo studio situato nel famoso Sunset Boulevard, si intrattiene allegramente con una giovane Bette Davis.
 
Quelle che seguono sono parole di Mario Testino, fotografo tra i più accreditati nello star system internazionale, che ha avuto nel suo studio personaggi che vanno da Lady Diana Spencer a Hillary Clinton, passando per star del cinema come JLo o Natalie Portman, tutti resi con inconfondibile fascino e glamour.
 
E si riferiscono a George Hurrell, fotografo che Testino stesso riconosce come maestro - suo e di altri - in questo consesso e del quale ha curato personalmente più di una mostra a tributo della sua importanza nella storia della fotografia di ritratto.
 
"E' stato intorno alla metà degli anni 1980 che ho ho cominciato a frequentare Los Angeles per lavorare con pubblicazioni americane, soprattutto, a quel tempo, la rivista GQ. E' stato li che la mia curiosità mi ha spinto a scoprire i fotografi che avevano definito il fascino dell'epoca del grande schermo di Hollywood. Uno solo spicca per me: George Hurrell. Mi è stato subito chiaro che é stato il più importante immagine-maker di quel periodo a Hollywood. Lui aveva una straordinaria capacità di trasformare tutto e catapultandoli alle massime altezze del glamour. Nessuno sembrava più famoso, più magico, più magnifico di quanto non sembrasse nelle sue fotografie".
 
La scelta delle foto più rappresentative per descriverlo secondo Testino non potrebbero essere più iconiche e sono tutte, tranne una, degli anni '30 :
 
Immagine Allegata: 1.jpg
Joan Crawford, MGM maggio 1937
 
Immagine Allegata: 2.jpg
Katharine Hepburn, RKO, giugno 1938
 
Immagine Allegata: 3.jpg
Carole Lombard, Paramount, giugno 1937
 
Immagine Allegata: 4.jpg
Greta Garbo, MGM 1930
 
Immagine Allegata: 5.jpg
Jane Russell, United Artists, 1941
 
Immagine Allegata: 6.jpg
Jean Harlow, MGM 1930
 
Credo che anche uno che non si intende di cinema e che non ha mai visto un vecchio film in bianco e nero, non possa non avere in mente il ritratto di Hedy Lamarr che ho scelto per simboleggiare l'opera di Hurrell
 
Immagine Allegata: hedy.jpg
Hedy Lamarr, 1939
 
per gli altri le foto scelte da Testino potrebbero anche bastare a dire ... ah, ecco, quello è George Hurrell !
 
Casualmente, tre di queste attrici sono tra le mie preferite di tutti i tempi, Hollywood e non.
Io forse non avrei scelto quelle foto ma altre al posto di Testino.
Ma insomma, abbiamo ben capito di cosa stiamo parlando e probabilmente non ci sarebbe bisogno di indagare oltre.
 
Stiamo parlando di un'epoca in cui la fotografia di un certo livello era in grado, grazie a magazine come Variety di creare o di ricreare l'immagine di un/una divo/a del cinema e di influenzarne la carriera (insieme a sapienti gossip, inventati o veri che fossero ;)).
 
I fotografi erano dipendenti diretti della major cinematografiche, sotto contratto esattamente come le star che immortalavano.
 
Immortalavano. Proprio la parola giusta in questo contesto. E George Hurrell è quello che ha più lasciato il segno.
 
Adesso che lo abbiamo identificato nella nostra memoria, legando al suo nome i ritratti che abbiamo sempre visto associati a quelle star, proviamo a conoscerlo meglio.
 







22 Comments

Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 11:44

Non sfuggirà, io credo, ai più attenti e interessati all'argomento, il parallelo con il nostro :

 

03/10/2013 - Arturo Ghergo : l'artista italiano

 

(e in effetti l'articolo su Hurrell doveva essere pubblicato prima di quello su Ghergo) ;)


L'unica fotografia a colori di George Hurrell che mi è capitata sotto occhio in rete.

 

Immagine Allegata: gene-tierney-photo-george-hurrell.jpg

Gene Tierney by George Hurrell

 

all'epoca il nudo non era accettato nella cinematografia.

 

Ma mi pare che qui non ce ne sia bisogno. Un decimetro quadrato di pelle della pancia e la sottolineatura delle forme del seno con la luce, insieme alla posa e allo sfondo, secondo me, creano molto più trasporto di certe immagini "d'autore" di oggi che non lasciano invece nulla all'immaginazione ;)

Foto
Gabriele Castelli
lug 29 2016 11:45

In effetti sono ritratti davvero immortali. Potrebbero essere stati scattati oggi.

 

Davvero notevole, vado a cercare qualche suo libro.

Sempre letture piacevolissime!

 

Grazie !

Bella lettura.

Un vero maestro, la resa finale è superlativa.

Un tempo che fù con bellissime donne di classe (che oggi sono diventate rarissime).

Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 12:51

In effetti sono ritratti davvero immortali. Potrebbero essere stati scattati oggi.

 

Davvero notevole, vado a cercare qualche suo libro.

 

 

Io ho questo :

 

Immagine Allegata: libro_.jpg

 

non a caso con Carole Lombard in copertina e prefazione di Sharon Stone (l'ultima diva moderna ?).

 

Su Amazon.it a 50 euro circa.

Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 13:06

Una citazione dei nostri giorni che dimostra come l'eredità di Hurrell sia viva e non si tratti di statica e stantia carta da museo delle cere.

 

 

 

Immagine Allegata: hurrelljessicalange1.png

Jessica Lange, George Hurrell

 

Immagine Allegata: Nicole-Kidman-for-Vogue-Italy-photo-by-Peter-Lindbergh-7.jpg

praticamente una citazione da parte di Peter Lindbergh con Nicole Kidman

Articolo molto interessante, e soprattutto autore straordinariamente attuale e moderno: molte delle sue foto sembrano essere scattate adesso. Ma non è forse la modernità riconosciuta ad un artista a rendere poi in qualche modo "immortali" le sue opere?
Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 13:25

Immagine Allegata: Jane_Russell_1946.jpg

Immagine Allegata: 2003-VintHurrell-Russell-L.JPG

Jane Russell, 1946, UA, George Hurrell

 

Immagine Allegata: Katy-Perry-by-Annie-Leibovitz1.jpg

Katy Perry, Vogue 2013, Annie Leibovitz

 

;)

Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 13:39

Immagine Allegata: angelina-jolie-photos-from-mario-testino_004-660x452.jpg

non sembra nello stile Hollywood di George Hurrell questa Angelina Jolie di Mario Testino ?

 

che richiama le foto di Jean Harlow e di Veronica Lake di Hurrell con questo nudo non nudo

Immagine Allegata: january-jones-2011-photo-mario-testino-9.jpg

Foto
Mauro Maratta
lug 29 2016 13:47

Altra immagine iconica di George Hurrell, fuori dal cinema, l'immortale ritratto del mitico Jascha Heifetz, il più grande violinista di tutti i tempi :

 

Immagine Allegata: Jascha_Heifetz_1937.jpg

Jascha Heifetz, 1937, George Hurrell

Bellissimo articolo.

Ho studiato le luci di quel periodo ma non conoscevo questo autore.

Viene voglia di approfondire.

Avete notato che solo in pochissimi casi il soggetto guarda nell'obiettivo?

 


I primi 5 nomi, voglio dire già il nome, farebbero commuovere anche un cammello.

Avete notato che solo in pochissimi casi il soggetto guarda nell'obiettivo?

Immagino fosse un stilema del periodo, il soggetto non ti guarda perché non ti vede, dal suo altissimo livello di star irraggiungibile dai comuni mortali.

Delle varie luci usate in questi ritratti trovo sempre poca simpatia per quella che rende lucide, quasi plastificate le fisionomie dei soggetti, difficilmente riesco a trovare piacevole quell'effetto. Cito ad esempio la foto di Joan Crawford o quella di Ramon Navarro. Nulla da dire sulla disposizione delle luci, è proprio l'effetto cerone sulla pelle che non mi è mai piaciuto.

Foto
Mauro Maratta
lug 30 2016 10:29

E' il fotoritocco glamour. Uno standard.

Foto
Gabriele Castelli
lug 30 2016 14:39

Per quei soggetti ci sta. Dona perfezione, aumentando la distanza tra di loro e le persone ordinarie.

Foto
Valerio Br¨stia
lug 30 2016 18:45

Immagino fosse un stilema del periodo, il soggetto non ti guarda perché non ti vede, dal suo altissimo livello di star irraggiungibile dai comuni mortali..


Tipo le Madonne del '200? Eh si, uno standard dalle pievi di campagna del medioevo fino a Medjugorie degli anni '90.
De gustibus
Foto
Silvio Renesto
lug 30 2016 19:42

Grande articolo. Grandissimo fotografo. Un vortice di fascino, di sogno, sono d'accordo con Michele (Spinoza), si commuove anche un masso di granito.  Che importa se poi nella realtà erano altro? Qui grazie a Hurrell, sono il sogno che vogliamo sognare, così vogliamo Hedi Lamarr o la pantera Lauren Bacall, e così vogliamo , Humprey Bogart nella sua nuvola di fumo. 

 

Non so se è il segno dei tempi ma la comunque splendida  Jessica Lange mi colpisce meno ritratta con questo stile. Forse perchè ho in mente la torrida ristoratrice del "postino".

 

Riguardo ai contributi,  non so se sia pre-giudizio o che, ma trovo leggermente fuori tono quello di Annie Leibowitz, non so se è lei che ha "indurito" o se Katy Perry per quanto bella, non sia paragonabile alle altre, ma qualcosa mi la fa sembrare questa fotografia diversa dalle altre.

Mentre sia Angelina Jolie che la letteralmente mozzafiato (breathtaking!) Nicole Kidman ci stanno benissimo.

Foto
Mauro Maratta
lug 31 2016 05:38

Beh la Jane Russell di Hurrell é praticamente 'porno' per l'epoca : la preda del bandito, stesa sulla paglia.
Fu Howard Hughes stesso a pretenderlo (cerca su google Jane Russell, the outlaw del 1943).

La citazione ci sta, é il motivo per cui l'ho riportata. Per mostrare che quanto dice Testino é attuale, Hurrell non é un fossile del cinema muto é presente in moltissime delle foto attuali delle star, nonostante in mezzo sia passato Avedon ;)

Mentre la foto della Lange di Hurrell, riprende in tempi recenti quelle di Hurrell stesso a Veronica Lake, pose, luci, capelli. Per farne una 'femme fatal' del noir, di quelle che ti portano alla perdizione con il protagonista del film che finisce immancabilmente morto disperato.

 

Immagine Allegata: VeronicaLake_GeorgeHurrell.jpg

Veronica Lake, Hurrell, 1941

Del resto 'il postino suona sempre due volte' del 1981 - con Lange e Nicholson - é il remake dell'altrettanto torbido film del 1946 con Lana Turner e il povero John Garfield ;)

 

Immagine Allegata: Lana Turner, 1941, in a publicity photo for Ziegfeld Girl by George Hurrell.png

Lana Turner, Hurrell, 1941

Foto
Mauro Maratta
lug 31 2016 07:14

Se l'argomento interessa, più avanti parleremo di Laszlo Willinger che sostituì Hurrell alla MGM quando questo si dimise dall'incarico ;)

Interessa moltissimo!

Gran bel ottimo articolo Mauro... grazie!

Splendido!
Letto l'articolo ho ordinato il libro segnalato da Mauro. Arrivato ieri:è un tomo bello grosso!
Grazie!!!
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi