Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 70-200mm F2.8E FL VR : e chi ha più bisogno dei fissi ? (test/prova)


Devo essere stato particolarmente buono quest'anno se mi sono arrivati in rapida successione e pronti per Natale tre splendidi strumenti fotografici come il Nikon 105/1.4E, il Sigma 85/1.4 Art e quest'ultimo, fantastico Nikon 70-200/2.8E. Costituiranno il mio kit minimo dedicato al ritratto per i prossimi anni !
 

Immagine Allegata: D8X_7463.jpg
Il nuovo Nikon 70-200/2.8E FL montato sulla mia Nikon D5
 
Era atteso, certamente più del 24-70/2.8E lanciato l'anno scorso.
Era atteso perchè ... il 70-200/4G aveva riportato le cose a posto ma in un ambito meno estremo.
 
Mi spiego meglio con una nota personale.
 
In epoca moderna ho sempre avuto un 70-200/2.8 come obiettivo principale.
 
Il primo è stato ... il primo Sigma che insieme al suo duplicatore mi ha permesso di superare le assonnate performance - sul piano velocistico - del vecchio Nikon 180/2.8 che era l'unico teleobiettivo che usavo in digitale.
Il motore e le sue prestazioni ne facevano il principale strumento per il mio modo di fotografare.
 
L'ho sostituito poi con il primo Nikon 70-200/2.8 per la presenza dello stabilizzatore che imparato ad apprezzare come funzionalità inestimabile nello sport, e in particolare nel panning.
 
Ho parlato del cavallo da tiro in un test qui su Nikonland (Nikon 70-200mm F2.8 VR - Il cavallo da tiro) un obiettivo dai tanti pregi che ho usato praticamente per tutto, dall'automobilismo al rugby e al ritratto in studio e non, tanto che ne ho avuti un totale di tre esemplari.
Purtroppo il limite di progettazione lo ha reso molto limitato con l'arrivo delle full-frame (quasi che in Nikon quel fusto molto sottile lo avessero testato esclusivamente con le macchine APS-C dell'epoca ? Sarebbe imperdonabile ma tutto sommato possibile :().
 
Per questa ragione l'ho sostituito con le versione II appena disponibile (Nikon 70-200mm F2.8 VR II : l'asino). Di questo ho avuto due esemplari che hanno servito bene, avendo in mente il nuovo limite imposto dai progettisti.
Il "combinato-disposto" di distanza di messa a fuoco degna di un 300mm (circa un metro e mezzo) e la riduzione di focale (a tutte le focali) alla distanza tipica da ritratto, lo rendono più un 55-135 che un vero e proprio 70-200/2.8.
 
E' stato il motivo che mi ha indotto a provare svariate altre soluzioni di teleobiettivi, oltre al 200/2, anche il Sigma 180/2.8, passando per vari 135mm.
Tutti obiettivi validi ma in fondo non flessibili quanto lo è - e lo deve essere - un vero 70-200/2.8.
 
Ho testato di recente anche il più 70-200/4 (Nikon Zoom 70-200mm F4 VR (e Nikon 70-200/2.8)) provato proprio in raffronto al 70-200/2.8 VR II nelle situazioni in interni in cui mi ritrovo più facilmente in studio o in location.
E con mio grande scorno ho verificato che il più "economico" fratellino, pur non potendo aprire di uno stop in più come il fratellone, in compenso permette di chiudere bene sul soggetto fino a farne il primo piano della "maschera", spaziando veramente sulle focali effettivamente più tele.
Lo stabilizzatore è più efficiente e la nitidezza - pur ad F4 - di grande livello (e ad occhio, più aggiornato del 70-200/2.8 VR II anche in autofocus e stabilizzatore).
 
Immagine Allegata: D8X_7465.jpg
 
purtroppo (o per fortuna ! dato che questo me ne ha evitato l'acquisto ....) F4 per me è una limitazione più che una opportunità e l'avrei accettato solo se fosse stato un 70-300 e non un semplice 70-200, e quindi anche il 70-200/4 non faceva al caso mio.
 
Ho salutato quindi con grande gioia l'arrivo di questo nuovo oggetto, dichiaratamente professionale, che è andato a sostituire quello che probabilmente l'obiettivo più importante del corredo (anche solo contanto sul piano statistico le svariate centinaia di migliaia di scatto che ho fatto con i predecessori).
 
Tanto che, pur avendo preventivato di acquistarlo solo la prossima primavera, la vendita immediata del "vecchio" e del Sigma 180/2.8 OS (bellissimo, per carità, ma lento, enorme e troppo "macro" per il ritratto), mi hanno indotto a regalarmelo già per questo Natale.
 




Test: Yes



15 Comments

Foto
Mauro Maratta
dic 06 2016 14:47

Che diavolo stai facendo con quel robo ? Vieni a giocare con noi ... !

 

Immagine Allegata: D5H_9504.jpg

 

Immagine Allegata: D5H_9515.jpg

 

Immagine Allegata: D5H_9602.jpg

 

;)

 

primi scatti di prova per verificare che sia tutto ok.

 

Nikon D5, Nikon 70-200/2.8E FL, 1/1000'', auto-iso, nessuno sviluppo.

Foto
Max Aquila
dic 06 2016 15:06

insomma...ora che non te ne farai piu' nulla di quei poveri fissi (85 ART, 105/1.4) vedi un po' a chi li devi svendere...

Foto
Mauro Maratta
dic 30 2016 08:29

Test completato, se volete leggere le mie conclusioni.

 

Più le foto nel già indicato album (qui)

 

gallery_1_83_400906.jpg

 

premere per vedere al 75%

 

200mm

F2.8

Nikon D810

Grazie Mauro. Test esauriente che fornisce indicazioni puntuali sulle possibilità dell'obbiettivo. Vedremo anche foto in altri contesti, ma credo che non ci sia un uso di elezione. Bel oggetto....
Foto
Mauro Maratta
dic 30 2016 09:37

Nicola, diciamo che all'aperto, in campo medio e nello sport, si apprezzeranno per lo più le migliori doti di autofocus e stabilizzazione.

Ma non credo che sia là che si noteranno le migliori prestazioni sulla qualità di immagine (ritengo il nuovo meglio del vecchio a tutte le focali).

 

Mentre nel ritratto io riconosco in questo obiettivo le migliori caratteristiche dei migliori fissi disponibili.

 

Una cosa che nei precedenti cavallo da tiro e asino non ho mai riscontrato. Il che mi ha indotto in tempi recenti a dichiarare che è difficile innamorarsi di un 70-200/2.8, obiettivo in generale più utile che sopraffino.

 

Ecco, qui Nikon ha invertito i termini dell'equazione. I fissi, per superare questo zoom, non potranno essere meno che eccezionali :)

Foto
Max Aquila
dic 30 2016 09:38

beh, se con i flash ed in interno funziona cosi'... chissa' alla luce del sole a Monza!!!

 

Dietro una D500

Foto
Mauro Maratta
dic 30 2016 09:42

[...]

 

Dietro una D500

 

O una D5x :wub: :wub: :wub: :wub:

E' bello vedere un Mauro soddisfatto. Soprattutto conoscendo quanto è in grado di alzare l'asticella.

 

Brava Nikon. Te lo meriti, una volta tanto.

 

Riguardo la domanda "e chi ha più bisogno dei fissi?" credo che ormai la risposta sia solo nel peso e nel costo.

Ormai è chiaro che il gap tra zoom e prime è molto piccolo (se non forse inesistente come in questo caso).

Foto
Fab Cortesi
dic 30 2016 16:56

Dopo le prime prove di Mauro,  chiesi consiglio e....la sua (ottima) critica mi ha portato a comprarne uno.

 

Confermo quanto detto nel suo test, finalmente Nikon ha migliorato (e tanto) i modelli precedenti.

Questo 70-200 e' senza dubbio un obiettivo degno del nome Nikkor.

Foto
Dario Fava
dic 30 2016 17:13

 

 

Riguardo la domanda "e chi ha più bisogno dei fissi?" credo che ormai la risposta sia solo nel peso e nel costo.

Ormai è chiaro che il gap tra zoom e prime è molto piccolo (se non forse inesistente come in questo caso).

 

Io credo che la domanda sia provocatoria, le ottiche moderne, ovvero con risolvenze adeguate a sensori ad alta risoluzione, hanno tutte una caratteristica, ovvero toni un po' più decisi rispetto ai "vecchietti" ed un bokeh più duro.

Se si vuole mantenere un pizzico di "magia" che in termini tecnici si traduce in transizioni tonali morbide e bokeh pastosi, bisogna stare sui fissi, gli zoom sono comodi, hanno un AF da formula uno ma sono un compromesso per il palato superfino, usare un fisso come il 105 o l'85 1.4 in studio a diaframma chiuso è uno sperco di fatiche, lo zoom ha solo vantaggi in quel campo.

Ma nel ritratto ambientato ad esempio, non c'è zoom che sostituisca un fisso moderno se le nostre aspettative sono alte.

 

Ciò non toglie che ci sono fotografi affermati che si fanno bastare un 24-105 (canon) od un 70/200 VrII e continuano a vendere stampe a 10k$ ... tanto la gente "non capisce" 

Foto
Silvio Renesto
dic 30 2016 17:50

E' uno zoom entusiasmante, vero è che le foto devono molto, oltre alla qualità sensazionale,  anche all'uso sapiente. Però  a vedere le tue foto e  leggere l'articolo  verrebbe voglia di comprarlo subito.

:)

Altri lo hanno detto, e io lo ripeto..

 

" vedere il Mauro felice per un 70 -200 ".. è cosa di fatto rara... molto rara...

 

ma questa volta ha colto nel segno, siamo contenti per lui..

Foto
Fabrizio Ruzzier
dic 30 2016 23:20
Test interessante e bellissime le fotografie a supporto, nei ritratti in studio mi piace la profondità, dalle tue conclusioni sembrerebbe il 70-200 definitivo per il prossimo futuro. Il prezzo è alto e per ora rimarrò "alla finestra" a vedere altre foto, ho appena cambiato macchina e, son pure in ritardo nell'aggiornare il mio profilo....
Foto
Mauro Maratta
dic 31 2016 07:17

Non mancheranno certo nuove foto che pubblicherò nell'album dedicato. Prevedo che sarà tra gli obiettivi più utilizzati del 2017 :)

Foto
Mauro Maratta
feb 06 2017 17:15

Immagine Allegata: D8X_7954.jpg

Nikon D810, Nikon 70-200/2.8E, F4.5

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi