Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nick Brandt: un grido per l'Africa

natura africa fotografia bianco e nero

 La fotografia di Nick Brandt è unica, fortemente coinvolgente ed ha un solo scopo:  celebrare, non documentare, la bellezza, di più, la  grandezza della natura africana minacciata di distruzione. Nick Brandt fotografa per  consegnare questa natura  alla memoria, prima che scompaia, ma  lo fa nella speranza che qualcuno si muova in tempo per preservare quel che ne rimane.

Nick Brandt nasce nel 1964 in Inghilterra, studia pittura e cinematografia alla Saint Martin's School of Art. All'inizio degli anni 90 si trasferisce negli USA dove dirige alcuni video musicali di successo tra cui uno con Michael Jackson.
 
Immagine Allegata: 55383d51d96aa_nick_brandt.jpg
 
Nel 1995, durante le riprese di uno di questi video (Earth Song) ambientato in Tanzania, si innamora della natura e degli animali d'Africa. Per alcuni anni cerca di trasmettere senza successo le sue sensazioni nei confronti di questa terra.
Poi ha un'intuizione, esprimerà questo sentimento tramite la fotografia, ma una fotografia diversa.
 
Brandt infatti sceglie di fotografare in un modo completamente diverso da quasi tutti gli altri fotografi naturalisti. Le sue immagini sono molto lontane dalla vivacità di colori e dal dinamismo che si incontra nella quasi totalità della fotografia naturalistica di oggi. 
 

Immagine Allegata: Nick-Brandt-Wildlife-Photographer-Male-and-Female-Lionjpg-700x466.jpg

 

Nick Brandt fotografa in bianco e  nero su pellicola medio formato e non usa teleobiettivi potenti perchè, secondo lui, sono di ostacolo nel catturare l'essenza degli animali, secondo Brandt, con gli animali è come con le persone, non puoi rivelarne la personalità con un ritratto  ripreso da lontano a loro insaputa.
Devi essere vicino, presente (viene da chiedersi cosa faccia o cosa abbia per non venire mangiato dai leoni o calpestato da un elefante, come è successo ad altro fotografo famoso, Peter Beard, che se l'è cavata per un soffio).
Afferma di amare le "sorprese" e le "imperfezioni"  della pellicola, come la luce interagisce in modo inaspettato con il negativo.
Secondo lui le foto troppo perfette tecnicamente non necessariamente sono migliori o più interessanti.
 

Immagine Allegata: giraffes-crossing-lake-bed.jpg

 

 
Dal 2000 inizia il suo progetto fotografico: non documentare, ma celebrare, la bellezza, direi la grandezza, della natura africana minacciata di distruzione, per consegnarla alla memoria, prima che scompaia, nella speranza che qualcuno si muova per preservare almeno quel che ne rimane.
 
Il suo lavoro si concretizza in una trilogia di libri i cui titoli formano in sequenza un'unica frase: "On This Earth", "A Shadow Falls", "Across The Ravaged Land" (ossia "Su questa Terra" "Si proietta un'Ombra", "Su di una terra devastata"), oltre a numerosissime mostre.
 

 

Immagine Allegata: nick-brandt_across-the-ravaged-land_elephants.jpg

 

 

Immagine Allegata: Elephant-with-Baby_2706264k.jpg

 

 

Immagine Allegata: 20684012-origpic-3a66b8.jpg

 
 
 
Nel 2010 esasperato dal contrabbando di avorio, causa della strage degli elefanti, diviene co-fondatore della Fondazione Big Life, per la conservazione della fauna (e della natura) dell'Africa Orientale, a questo proposito scrive:"There’s little use being angry and passive. Much better to be angry and active." Ossia "serve a poco essere arrabbiati e passivi,. Molto meglio essere arrabbiati e fare qualcosa".
Come non essere d'accordo.
 
 

Immagine Allegata: Nick-Brandt_TFM_00151.jpg

 

La "cosa"  bianca è un cranio di elefante.

 

 

Immagine Allegata: Rangers Holding Tusks of Killed Elephants 18inW.jpg

 

 

Immagine Allegata: 219256.jpg

 

Nel 2016 pubblica una mostra/installazione ed un  libro intitolati "Inherit the dust" (eredita la polvere) nella quale tramite una serie di imponenti foto panoramiche documenta l'impatto umano nell'Africa Orientale luoghi dove un tempo gli animali vagavano liberi, ora non più. In ogni location, pannelli a  grandezza naturale degli animali sono sovrapposti ad un ambiente di affollamento urbanistico, fabbriche, discariche e cave. 
 

 

 

Immagine Allegata: 230017_mediamedium.jpg

 

Immagine Allegata: QUARRY-WITH-GIRAFFE.jpg

 

 

 








11 Comments

Foto
happygiraffe
ago 15 2016 17:19
Grazie Silvio. Le foto di Brandt sono incredibili. Trovo molto interessanti e di impatto quelle dell'ultimo lavoro, "Inherit the dust".
Foto
Leonardo Visentýn
ago 15 2016 17:32

Fatalità, ho preso da poco un libro di Brandt (uno della trilogia, A shadow falls pre la precisione - stampato in qualità molto buona, anche se credo sia la prima versione, quella che Brandt ha criticato per la qualità non sufficiente a rendere quello che era il suo lavoro,e che ha fatto ripubblicare, in versione deluxe, ahimé fuori budget), che ho sempre trovato divinamente intimo, nel senso che ti crea una connessione intima con l'animale ritratto, pur nella sua visione un po' "sognante" (forse a richiamo del suo sogno che un giorno si torni a trattare il mondo animale con il rispetto dovuto, e che permetterebbe di godere ancora a lungo di molte meraviglie che la Natura offre e offriva).

Si effettivamente sono molto ma molto particolari..  nonché alla loro maniera molto belle..  ed escono dai normali canoni..

Capisco la frustrazione di Brandt avendola vissuta (in scala ridotta) con la distruzione della meravigliosa Lagoa di Marapendì a Rio per far posto agli stadi della XXXI olimpiade. E' una tristezza enorme tornare nel nostro angolo segreto e invece di bellissimi animali trovare solo acqua mista a schiuma gialla e basta.

Tornando a Brandt trovo molto emozionanti i suoi scatti anche se non vedo perchè non potrebbe usare una reflex digitale. Probabilmente fa più "fino" così.

Non lo conoscevo e ringrazio Silvio per l'opportunità di farlo! Davvero affascinanti per la capacità di andare oltre e vedere un genere reinterpretato con un vero e proprio stile. Bellissime. Sul perché un fotografo non usi una moderna digitale mi son fatto una personale opinione, in molti casi senz'altro come dice Michele fa più "fine" dando ulteriore materiale "didascalico" a curatori e critici... In altri casi però, e in questo per quel che ho sommariamente visto, la scelta del mezzo condiziona la visione dell'autore. Una medio formato a pellicola ti porta a scattare in modo diverso, forse proprio più intimo, più "sentito".. Un po' per lo stesso motivo per cui si preferisce ancora usare una bella stilografica per scrivere qualcosa di personale o per un biglietto "sentito"... Piuttosto che una penna più moderna.. Il mezzo condiziona il risultato, per certe persone.
Nel mio piccolissimo è il motivo per cui certe foto mi vengono molto più naturali con la X100T piuttosto che la D5, non chiedermi perché ma quell'ottica fissa e il telemetro ottico (follia a rigor di logica, oggi) mi portano vicino (non solo nel senso fisico) al soggetto rispetto alla classica reflex. Questione di feeling e sensibilità... e poi quel che conta, sempre, è il risultato! Per me potrebbe averle scattate tanto con una Phase One che con una Kodak usa e getta...

Tornando a Brandt trovo molto emozionanti i suoi scatti anche se non vedo perchè non potrebbe usare una reflex digitale.

 

Sono completamente d'accordo, sia sulla prima che sulla seconda constatazione.

Dimenticavo: concordo con Silvio nella associazione all'opera di Salgado. Ma le foto di quest'ultimo non sono mai forzate a mio parere, mentre queste si. Salgado rappresenta anche il dramma della condizione umana ma sempre con una dignità e un pizzico di positività... Non saprei come spiegarlo meglio... Hanno una loro poesia nel linguaggio scelto.
Queste sono più d'effetto, a scapito di quella eleganza tipica di SS..
Mi prometto di approfondire perché comunque questa preview offerta da Silvio mi è proprio piaciuta! Grazie ancora

Sì! Stupende! Le immagini di Brandt sono forse tra le più famose al mondo. E questo, secondo me, dipende dal fatto che più che delle foto naturalistiche sono proprio dei ritratti di animali... e che ritratti! In molti secondo me hanno cercato di emulare il suo stile.

Le sue fotografie si possono trovare appese nei posti più diversi, e non solo dagli amanti della natura.

In quella del leone, così forte, saggio e fiero, mi ci sono imbattuto diverse volte. C'è anche nello studio del mio dentista :-)

Foto
danighost
ago 17 2016 09:17

ho notato che spesso chi ha studiato pittura, oltre ad avere una marcia in più nella fotografia in generale, tende ad usare il film chimico ... e spesso (nei paesaggi) coi banchi ottici e facendo da sè le lastre ... 

Grazie per l'articolo. Avevo letto di questa mostra ma non avevo approfondito.

Andro a vedere se è previsto un passaggio in Italia, dal vivo credo che siano foto di grande impatto.

Si, foto di fronte alle quali non si può rimanere indifferenti: non solo coinvolgenti ma uniche nel loro genere. Dice bene cris7, dei ritratti per cogliere “l’anima” di questi animali. Operazione perfettamente riuscita.

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi