Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 2 risultati taggati con 105mm

Ordina per                Ordina  
  1. Sigma 105mm f2.8 Macro OS ... in macro (test/re...

    Technical data and overall description of the 105mm f2.8 Sigma Macro OS can be found in many sites and also here on Nikonland there is an article by Mauro Maratta dealing with this lens used for portrait and general photography.
     
    I'll try to avoid as much as possible repetitions (even if some will be unavoidable), and will describe mainly my user impressions in macrophotography.
     

    Build and Handling.
     
    Since I own and use for my work the 105mm f2.8  micro-nikkor AfS G VR, it becomes obvious for me to make some comparison.  
    The lens barrell of the Sigma is somewhat narrower and longer than that of the Nikon, as already written by Mauro. In the Sigma the focus ring is also slightly narrower, and the lens gives the feel to be lighter, and perhaps a tad more fragile. 
    The focus ring rotates in the opposite way with respect to the Nikon, it's a little odd, but easy to get quickly used to.
    There are many similarities between the two lenses: same filter thread (62mm) both are  IF (internal focus, that is the lens barrel does not extend at close distances) which is a very good thing.
     

    Years ago I tried the previous version of the Sigma 105mm f2.8 macro, named EX, the one with 
     
    that hideous, brittle, coating.
     I found it more than satisfactory for the sharpness, but awkward in use due to the exxaggerated  extension of the barrell at close focus; where it nearly doubled its length (the same occurred in the coeval version of the 90mm f2.8 Tamron). This extension reduced greatly the working distance  (the distance between the subject and the front element of the lens) which is important to manage lightings, and above all, to avoid scaring living critters that might fly away (or conversely sting, bite, chew, suck your blood and all other nasty habits  that the fearsome evolutionary fantasy of nature gave to Invertebrates). 
     

    The external coating is that of  new Sigma generation, it is black, elegant and smooth, pleasant to touch and incredibly better than the gritty, britty, self-peeling EX coating of the previous version.
    Even if the focusing ring is narrower than that of the 105 micro-nikkor VR it is wide enough,  is well damped and fully usable for precision manual focusing, an important feature for macrophotography.
    The sample of the 105 Sigma OS I tried ad a distinctly stiffer focusing ring with respect to my  105mm f2.8 micro-nikkor AfS G, but in practical use there were no differences, perhaps I felt even more comfortable with the Sigma.  
     

    As usual with new Sigma long lenses, the 105 has two hoods, one to be used with full frame cameras and the other to be added when the lens is mounted on APS-C cameras. 
    I used an APS-C camera (nikon D7100) but put on only the FF-hood, which is much less cumbersome than that of the 105 nikon VR.  Perhaps in strong lateral lighting it may be less effective than that of the nikkor, and perhaps in that case it may be advsable to put on the APS_C-hood.
     

    The throw of the focusing ring is shorter than that of the NIkonwhere you go from  3m to infinite whit the same spin amount that in the Sigma brings from 2m to infinite. The focus distance window  is wide and markings are well visible: as in any macro worth the name, reproduction ratio ad various distances is reported along with distance scale in feet and meters.
     

    An important difference between the two lenses is in the distance selectors. Nikon has two options: full,  and from  50cm to infinite. The Sigma has three: 31-45cm. 45cm-infinite, and obviously full. 
     

    [attachment=83532:selettori.jpg]

     


    The  45/50cm-infinite option, shared by both lenses is useful when you want to use the lens as a normal short tele e.g. for portraits; greatly increasing the focusing speed. The 31-45cm option,  offered only by the Sigma is aimed to macrophotographrs, because it may avoid bothersome hunting of the autofocus in close ups, especially if the background is messy, intricate, like among bushes and tall grasses.
     
     
    Focusing distances are practically the same for the Sigma and the Nikon at all reproduction ratios  of interest for macrophotography. Minimum focusing distance at 1:1 is something more than 31 cm for the Sigma and nearly 31cm for the nikon; at 1:2 focusing distance is 40cm for both lenses, and so on.
     

    [attachment=83533:distanze.jpg]

     

     


    The same applies to reduction of actual focal length at shorter distances, both lenses have an actual focal length of 77mm at minimum focusing distance.
     

    [attachment=83534:focali.jpg]

     

     The 105 Sigma is somewhat longer than the Nikkor, but the slight difference in minimum focusing distance compensate the slight disadvantage, so that the working distance is roughly the same for the two lenses: about 14cm for the  Sigma nearly 14,5cm for the Nikon.
     

    The 105mm f4 micro nikkor Ai I added for ...pure affection is not IF, thus it does not reduce its focal length, but its barrel extends significantly and  to reach 1:1 you have to add the PN11 extension tube, which is 5,2 cm long, thus at the end, the working distance (that is what really counts) isn't any better for the old Ai micro. 
     
     
    Performance
     

    The autofocus of the Sigma in full mode isn't very fast, but adequate for this kind of lenses. Image stabilization works very well at normal distances
     

    [attachment=83536:ventesimo.jpg]

     

    A sleepy Vincent indulges in posing to test image stabilization 1/20s hand held (or better leaning on elbows lying the floor)

     

    [attachment=83537:ventesimoc.jpg]

     

    Crop 100%

     

    its  effectiveness decreases at close distances becoming nearly useless at 1:1, but it is a common feature of all macro lenses. 
     




    • ago 30 2015 06:16
    • da Silvio Renesto
  2. Sigma 105mm f2.8 Macro OS ... in macro

    In vita mia, un po' per lavoro e un po' per hobby, credo di aver provato quasi tutti gli obiettivi macro con montature  compatibili con la baionetta Nikon, prodotti negli ultimi trent'anni, spesso in più versioni. Ho quindi accettato con piacere l'offerta di provare la versione più recente del  105mm f2.8 Macro Sigma, quella stabilizzata.
     
    Le specifiche tecniche e la descrizione generale sono già nell'articolo  di Mauro Maratta per cui  non le ripeto e cercherò di evitare il più possibile le ridondanze, descrivendo soprattutto le mie impressioni d'uso in macrofotografia.
     
    Costruzione ed ergonomia.
     

     

    Possedendo ed utilizzando costantemente per lavoro il 105mm f2.8  micro-nikkor AfS G anche a me viene spontaneo fare dei paragoni.  Il sigma è un po' più stretto e lungo come ha scritto Mauro, la ghiera di messa a fuoco è leggermente più stretta che nel Nikon e l'obiettivo da' la sensazione di essere pochino più leggero e il barilotto sembra un po' più delicato. 
    La ghiera di messa a fuoco gira in senso opposto a quella del Nikon. Ma la cosa non mi ha dato particolare fastidio, ci si abitua subito.
     
    Fra i due obiettivi ci sono molte somiglianze: Stesso passo filtri (62mm) Entrambi sono IF (internal focus) ossia il barilotto mantiene le stesse dimensioni a qualsiasi distanza di messa a fuoco e questa è un'ottima cosa. Avevo provato anni fa la versione precedente del Sigma 105mm f2.8 macro, denominata  EX.  L'avevo trovato più che soddisfacente per la nitidezza, ma poco comodo  per via dell'eccessivo allungamento del barilotto alle brevi distanze (come nel 90mm f2.8 Tamron), cosa che riduceva notevolmente la distanza di lavoro (la distanza fra il soggetto e la lente frontale dell'obiettivo), che è importante sia per gestire le luci, che per fotografare  sul campo soggetti animati che potrebbero fuggire (o pungere, mordere, succhiare masticare e tutto quello che la  temibile fantasia evolutiva degli invertebrati ha messo a loro disposizione). 
     
    Il rivestimento esterno è quello della nuova generazione degli obiettivi Sigma, elegante e piacevole al tatto, enormemente meglio del granuloso rivestimento EX.
    La ghiera di messa a fuoco anche se più stretta di quella del micro nikkor, è comunque larga a sufficienza, ha un buona resistenza che la rende pienamente utilizzabile nella messa a fuoco manuale di precisione, caratteristica importante in macrofotografia. 
    Nell'esemplare che ho provato la ghiera è distintamente più "dura" del mio 105mm f2.8 micro-nikkor AfS G, ma direi che nell'uso pratico non ci sono differenze, forse, è addirittura meglio il Sigma.
     

     

    Il Sigma ha due paraluce, uno per corpi macchina con sensore a formato pieno ed uno per corpi con sensore Aps-C. Pur utilizzando una fotocamera con sensore Dx ho usato il solo paraluce per Fx  senza problemi trovandolo molto meno ingombrante di quello del Nikon. Solo in casi estremi di forte luce laterale, potrebbe essere leggermente meno efficace di quello unico del micro-nikkor ed allora conviene montare la combinazione per Dx.
     
    Una differenza importante fra i due obiettivi sta nei selettori delle distanze, Il Nikon offre due possibilità, full  e da 50cm a infinito. Il Sigma ne offre tre: 31-45cm, 45cm  -infinito e naturalmente full. 
     

    [attachment=80897:selettori.jpg]

     

     

    L'opzione 45/50cm-infinito, comune ad entrambi è utile quando si vuole usare il 105mm come un obiettivo normale aumentando non poco la prontezza della messa a fuoco. L'opzione 31-45,  offerta in più dal Sigma è mirata alla macrofotografia perchè evita fastidiosi fenomeni di hunting (corsa avanti e indietro della messa a fuoco) in caso di riprese molto ravvicinate e, se lo sfondo è intricato, evita che il sensore af decida che è lo sfondo ad interessare.
     

     

    Le distanze di messa a fuoco sono pressoché identiche nel Sigma e nel Nikon praticamente a tutti i rapporti di riproduzione caratteristici della macrofotografia. 
    La distanza minima di messa a fuoco a 1:1 è poco più di 31 cm per il Sigma e quasi 31cm per il nikon; per entrambi a 1:2 è 40cm e così via.
     
     

    [attachment=80898:distanze.jpg]

     

    Distanza di messa a fuoco ai vari rapporti di riproduzione

     

     

     
    Lo stesso si può dire per la riduzione della focale effettiva alle brevi distanze. Entrambi finiscono per essere dei 77mm e qualcosa alla minima distanza di messa a fuoco.
     

    [attachment=80899:focali.jpg]

     

    Variazioni della focale effettiva ai diversi rapporti di riproduzione 

     
    Nonostante il 105 Sigma sia un po' più lungo del Nikkor, la la leggera differenza nelle distanze minime compensa, per cui alla fine la distanza di lavoro risulta essere quasi identica: circa 14cm per il Sigma e quasi 14,5 per il Nikon. 

     

    Il 105mm f4 micro nikkor Ai che ho aggiunto nei grafici per affett.. confronto, non è If, non riduce la focale effettiva, ma per contro si allunga molto e, per raggiungere il RR di 1:1, necessita del tubo di prolunga PN11, lungo 5cm e rotti, per cui, alla fine, la distanza di lavoro, che è quella che più conta, non è migliore.
     

     

    Come va.
    La messa a fuoco in full non è fulminea, ma adeguata  per questo tipo di obiettivi. Lo stabilizzatore funziona molto bene a distanze normali. 
     
     

    [attachment=80900:ventesimo.jpg]

     

    Un sonnacchioso Vincent si presta per sperimentare la stabilizzazione del 105 Sigma, tempo di scatto 1/20s a mano libera (con appoggiati i gomiti al petto)

     

     

    [attachment=80901:ventesimoc.jpg]

     

    Crop 100%

     

     

    Come penso sia fisiologico, l' efficacia della stabilizzazione diminuisce gradualmente nelle riprese macro, via via più ravvicinate, fino ad annullarsi o quasi al RR di 1:1, ma questo non è un difetto del Sigma, bensì un fenomeno comune a tutti gli obiettivi macro.
     




    • ago 26 2016 10:45
    • da Silvio Renesto