Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Foto

Smentita (relativa al sensore della nuova Leica M)


  • Per cortesia connettiti per rispondere
10 risposte a questa discussione

#1 Lieve

Lieve

    ammi-Raglio

  • Admin
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20272 messaggi

  • Nazione : Kaiserliche Marine

  • Città: Nikonland
  • Data di nascita: 25-07-1917
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Nikon D5 in attesa della D850 !
  • Ob.vo Principale: Sotto gli 85mm sono tutti troppo corti !
  • Nikonista dal: 1982
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Sono il fondatore di questo sito insieme a Max Aquila
  • Generi fotografici praticati: Ritratto, nudo, fotografia sportiva e d'azione : fotografo i miei simili

Inviato 21 settembre 2012 - 10:05

Leica-M-24MP-SMOSIS-sensor.jpg


Ho scritto più volte in questi giorni che il sensore della Leica M sarebbe prodotto da Sony e lo stesso della Nikon D600 e della Sony A99.
Semplicemente non è vero. Quel sensore è prodotto con tecnologia europea (halleluya) e qui c'è il comunicato stampa che lo testimonia :


Antwerp, Belgium, 17 September 2012
CMOSIS, the renowned European specialist for advanced CMOS image sensors, has developed a high-resolution, high-dynamic-range CMOS image sensor exclusively for Leica Camera AG geared to an important volume market. The new “Leica M” digital camera launched at Photokina 2012 incorporates the full-custom CMOSIS “Leica MAX 24MP CMOS Sensor” featuring 24 Megapixels across an active sensor area of 36 x 24 mm², corresponding to the full-frame 35mm format. The sensor is the first milestone in a long term, strategic cooperation between Leica Camera AG and CMOSIS.
"This is the first time that a CMOS image sensor for a 35mm high-end camera was designed, and is manufactured, in Europe for a European customer," said Guy Meynants, CTO at CMOSIS, Antwerp, Belgium. "Apart form the ceramic IC package the Leica MAX 24MP CMOS Sensor is a 100-percent European product."
The new custom-designed sensor chip, counting 6,000 x 4,000 pixels on a 6 x 6 µm² grid across the active area of 36 x 24 mm², is made by STMicroelectronics (STM) in Grenoble, France, using 300mm wafers in their IMG175 CIS technology. STM's 110nm frontend and 90nm backend CIS technology with copper metallization was originally developed for CMOS image sensors with 1,75µm² pixels for mobile phones and other consumer applications. The large die size, larger than the reticle size, requires the use of one-dimensional stitching.
The imager for the “Leica M” is based on a 6 x 6 µm² pixel size, yielding a linear full well capacity of ≥40,000 electrons and a linear dynamic range close to 76dB. Pixel data are digitized by patented low-power, high-speed 14-bit column AD converters. The sensor features an electronic rolling shutter with global reset and noise cancellation through both analog as well as digital correlated double sampling (CDS) resulting in low temporal and spatial noise and non-uniformities.
Special care was taken in the sensor development to reduce crosstalk between neighboring pixels for a wide range of incident light angles. The sensor reduces spatial crosstalk by its very small distance between color filters and photodiodes. This thin optical stack is optimized for an efficient light coupling into the silicon. Microlenses with a strong curvature and high top height focus the incoming light rays in the center of each pixel's photodiode. The resulting low angular sensitivity of the quantum efficiency (QE) at high ray angles was achieved by the particular features of STM's 110/90nm CMOS process. This allows the “Leica M” to accept the full range of high-quality lenses in the camera system, which includes wide-angle, large aperture lenses, at their full optical performance.
Pixel size of 6x6µm² and full frame rate of 5fps are state of the art and comparable to other high-end CMOS image sensors used in 35mm cameras. The 24MP CMOS Sensor also allows Leica to offer, for the first time, full HDTV video recording and a live preview on an M-model camera. Power consumption of the sensor chip at full speed and resolution is specified at 700 mW. It is housed in a 78-pin ceramic package covered by a customized glass with anti-reflective coating and near-infrared cut-off filter.
“With CMOSIS, we are very pleased to have found a partner who made it possible for us to design and construct a sensor especially for Leica. Thanks to the special sensor technology and wide pixel aperture from CMOSIS, we can now, and for the first time, offer a digital system camera that is perfectly optimised for use with both M- and R-Lenses”, said Alfred Schopf, Chairman of the Executive Board of Leica Camera AG. Leica is particularly proud of the fact that the “Leica M” employs a sensor “Made in Europe”, as a large proportion of the sensor is manufactured in France and Germany. “At the same time, the extremely low power consumption of the sensor brings added benefits for both image quality and battery life”, said Alfred Schopf.

About CMOSIS
CMOSIS is a pure-play supplier of standard off-the-shelf and application-specific CMOS image sensors for the industrial and professional market covering applications such as machine vision, high-end DSC markets, scientific, medical, automatic data capture and space. CMOSIS was founded in November 2007 as a fabless CMOS image sensor vendor providing in-house design, characterization, testing and qualification facilities for research, development and volume production. CMOSIS has developed unique IP related to CMOS image sensors such as global shutter pixels, fast and low-noise AD converters, backside illumination and increased dynamic range, resulting in six patents and several more pending. The company has grown continuously and consistently, currently employing more than 40 at its headquarters in Antwerp, Belgium.

per me post-1-0-10355500-1498806984.jpg non è solo uno slogan !


#2 Valerio Brùstia

Valerio Brùstia

    Veterano di Nikonland

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2788 messaggi

  • Nazione : Trinidad and Tobago

  • Città: --
  • Data di nascita: 03-12-1968
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: -
  • Ob.vo Principale: -
  • Nikonista dal: 1993
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Su questo forum si trovano informazioni di prima mano, non mediate da interessi di mercato ma solo testimonianze pesate sulle necessita' e esperienze degli utenti. Nikonland e' Utile

Inviato 21 settembre 2012 - 10:14

ALLELUJA PER DAVVERO!!!

La ST si fa sentire, meno male. E' vero che viene dai cugini di Grenoble, però la holding è la stessa degli stabilimenti di Agrate Brianza e Cornaredo.
Ho diversi amici che ci lavorano, è una faccenda amicale, come dire.
Ahh se sta M costasse .....la Metà ....

bella notizia GRZ
ciao

Valerio Brustia


#3 Adriano Max

Adriano Max

    A stella è fisso

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5250 messaggi

  • Nazione : Madagascar

  • Città: Rho (Mi)
  • Data di nascita: 28-06-1969
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Nikon D750
  • Ob.vo Principale: Nikkor 50mm f/1,4 AFS
  • Nikonista dal: 1981
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Indago il mondo anche fotografandolo ...
    AxNaird

  • Generi fotografici praticati: Fotografia delle cose

Inviato 21 settembre 2012 - 10:39

Non lo sapevo, ma da questa e molte 'vocine' che si susseguono mi sembra che se i numeri non sono troppo alti si può fare a meno di uscire dall'Europa ...
;)

Ottima notizia !
:)

Ciao,
A.

http://www.adrianomax.it
http://adrianomax.blogspot.com/
http://twitter.com/#!/AxNaird
Flickr

"Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni!"
-- Andreas Feininger --

"Di sicuro ci sarà sempre chi guarderà solo alla tecnica e si chiederà COME?, mentre altri di natura più curiosa si chiederanno PERCHE'?."
-- Man Ray --

"La Fotografia è una cosa semplice. A condizione di avere qualcosa da dire."
-- Mario Giacomelli --

"L'istante genera la forma e la forma fa vedere l'attimo."
-- Paul Valery --

 

"L'astratto è quindi anche questo saper suggerire qualcosa alla propria fantasia: rendere privato qualcosa di universale."

-- Adriano Max --


#4 andre_

andre_

    Veterano

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6312 messaggi

  • Nazione : Denmark

  • Città: Charlottenlund
  • Data di nascita: 10-04-1973
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: M
  • Ob.vo Principale: Nokton-M 50/1.5
  • Nikonista dal: 1998
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: x

Inviato 21 settembre 2012 - 11:34

Nella descrizione mi pare abbastanza importante il fatto che usino wafer da 300mm.
Tecnologia della piú moderna, segno che ha margine per svilupparsi. :)

La mia speranza é sempre quella che l'Europa possa diventare conveniente per le produzioni perché gli standard asiatici (sociali ed ambientali) si stanno alzando insieme ai relativi costi.
Ma non pare sia cosí...
Fino a quel momento, ogni notizia di produzioni che si spostano in Europa é solo una bruttissima notizia, perché significa che le condizioni qui sono abbastanza basse da essere competitivi con i giganti asiatici e le loro orrende condizioni. :(

Non credo sia il caso di Leica, perché é un prodotto abbastanza di nicchia ed abbastanza costoso da potersi permettere dei costi industriali superiori, mantenendo i margini di guadagno elevati grazie al prezzi di vendita assurdo. ;)
a_

andrea landi
justnuances.com
 
Chissà cosa si trova a liberarela fiducia nelle proprie tentazioni...


#5 Adriano Max

Adriano Max

    A stella è fisso

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5250 messaggi

  • Nazione : Madagascar

  • Città: Rho (Mi)
  • Data di nascita: 28-06-1969
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Nikon D750
  • Ob.vo Principale: Nikkor 50mm f/1,4 AFS
  • Nikonista dal: 1981
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Indago il mondo anche fotografandolo ...
    AxNaird

  • Generi fotografici praticati: Fotografia delle cose

Inviato 21 settembre 2012 - 11:40

Non sono daccordo, andre_ ( secondo me in questo caso è come dire che i ravioli industriali sono meglio di quelli di mia mamma :D ovvero le scale in gioco sono davvero diverse e non confrontabili ) ... e in ogni caso penso che la differenziazione e la proliferazione dell'offerta sia un segnale positivo, anche ai costi Leica.
;)

Ciao,
A.

http://www.adrianomax.it
http://adrianomax.blogspot.com/
http://twitter.com/#!/AxNaird
Flickr

"Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni!"
-- Andreas Feininger --

"Di sicuro ci sarà sempre chi guarderà solo alla tecnica e si chiederà COME?, mentre altri di natura più curiosa si chiederanno PERCHE'?."
-- Man Ray --

"La Fotografia è una cosa semplice. A condizione di avere qualcosa da dire."
-- Mario Giacomelli --

"L'istante genera la forma e la forma fa vedere l'attimo."
-- Paul Valery --

 

"L'astratto è quindi anche questo saper suggerire qualcosa alla propria fantasia: rendere privato qualcosa di universale."

-- Adriano Max --


#6 andre_

andre_

    Veterano

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6312 messaggi

  • Nazione : Denmark

  • Città: Charlottenlund
  • Data di nascita: 10-04-1973
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: M
  • Ob.vo Principale: Nokton-M 50/1.5
  • Nikonista dal: 1998
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: x

Inviato 21 settembre 2012 - 11:49

Non sono daccordo, andre_ ( secondo me in questo caso è come dire che i ravioli industriali sono meglio di quelli di mia mamma :D ovvero le scale in gioco sono davvero diverse e non confrontabili ) ... e in ogni caso penso che la differenziazione e la proliferazione dell'offerta sia un segnale positivo, anche ai costi Leica.

Leggi bene tutto il mio post, non sto confrontando il raviolo industriale con quello artigianale. ;)
E soprattutto ho aggiunto l'ultima frase, che dice chiaramente che non penso sia questoil caso, modificando il post originale dopo un paio di minuti. :rolleyes: Mi ero accorto di essere stato ambiguo.
:P
a_

andrea landi
justnuances.com
 
Chissà cosa si trova a liberarela fiducia nelle proprie tentazioni...


#7 Lieve

Lieve

    ammi-Raglio

  • Admin
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20272 messaggi

  • Nazione : Kaiserliche Marine

  • Città: Nikonland
  • Data di nascita: 25-07-1917
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Nikon D5 in attesa della D850 !
  • Ob.vo Principale: Sotto gli 85mm sono tutti troppo corti !
  • Nikonista dal: 1982
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Sono il fondatore di questo sito insieme a Max Aquila
  • Generi fotografici praticati: Ritratto, nudo, fotografia sportiva e d'azione : fotografo i miei simili

Inviato 21 settembre 2012 - 11:54

Che l'industria europea sia in grado di produrre qualsiasi cosa al massimo standard credo non sia oggetto di disputa.
Lo è la convenienza a farlo in concorrenza con i produttori dell'estremo oriente.
Sia quelli giapponesi e coreani, sia quelli cinesi.

Che Philips sia uscita dal mercato dei pannelli lcd è un dato di fatto.

Leica passa da Kodak a CMOSIS ? Sarebbe una bella notizia se riguardasse un modello che venderà milioni di pezzi.
Ma a parte il fatto che non sappiamo come vada effettivamente questo "capolavoro" europeo, quando uscirà la prossima M, probabilmente ne avranno ancora pezzi in più, come adesso per il vecchio Kodak.

La questione di fondo sarebbe invece : l'industria europea è in grado di battersi - industrialmente parlando - con qualsiasi altro produttore mondiale del settore consumer.
E lo dimostra servendo il mercato europeo con prodotti all'altezza delle aspettative :)

E' fuori dubbio - a mio parere - che Leica (già legata a Panasonic per tutto il resto) - avrebbe avuto maggiore convenienza a rivolgersi a Sony.
E' possibile che dietro questa scelta non ci siano motivazioni industriali, piuttosto di natura relazionale tra azionisti comuni :marameo:


per me post-1-0-10355500-1498806984.jpg non è solo uno slogan !


#8 Francesco64

Francesco64

    Nikonlander Verace

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 807 messaggi

  • Nazione : Italia

  • Città: Lecco
  • Data di nascita: 03-07-1964
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: D800
  • Ob.vo Principale: Sigma Art 24-105 f4
  • Nikonista dal: 1989
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: sono qui praticamente da quando esiste
  • Generi fotografici praticati: animali selvatici, paesaggio, sport, concerti, danza

Inviato 21 settembre 2012 - 14:39

Piccola nota tecnologica:
I wafer da 300 mm sono in giro da una decina d'anni, mentre la tecnologia a 90 nm (per i profani diciamo che indica molto spannometricamente le dimesioni di un transistor) risale piu o meno al 2005.
Non si tratta peraltro di prodotti obsoleti: non esistono wafer piu' grandi e probabilmente STM e' in grado di produrre anche geometrie piu' piccole del 90 nm (la piu' piccola in produzione e' il 28nm, in mezzo ci stanno anche 60 e 45). Peraltro certi prodotti vengono meglio e con rese piu' elevate in tecnologie piu' grandi.
Quanto ai costi, la produzione dei wafer in silicio e' un processo praticamente automatico, non ci vogliono molti operai.
Ci vogliono pero' una marea di quattrini per comprare le macchine che fanno Nikon, ASML (ditta Olandese) e forse uno o due altri produttori.
Infatti la produzione dei chip si fa un po' in tutto il mondo (mi risulta che STM produca anche a Catania).
Sono a Taiwan, per la cronaca, le due fabbriche piu' grosse che lavorano solo come terzisti e servono molte delle aziende che non ritengono economicamente conveniente farsi le proprie fabbriche. L' azienda per cui lavoro e' cliente di entrambe le fabbriche, ma ha lavorato anche con fabbriche americane giapponesi e coreane.
E' fra l'altro interessante il vero motivo storico per cui si e' sviluppata negli anni 60 la produzione a Taiwan. All'epoca i collegamenti fra il circuito in silicio e i piedini era fatto a mano, tirando dei fili microscopici. Tecnica ancora oggi usata per prodotti economici, ma affidata ai robot. Ebbene, le operaie di Taiwan avevano mani piccolissime e grande pazienza e quindi erano ideali per fare questi lavori di precisione. Per ovvi motivi invece era impossibile mettere fabbriche in Cina.

#9 Roby C

Roby C

    Veterano di Nikonland

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4633 messaggi

  • Nazione : Holy See Vatican City

  • Città: milano
  • Data di nascita: 02-05-1946
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: nikon 1 V 3- in attesa di erede...
  • Ob.vo Principale: vari - CX
  • Nikonista dal: 1962
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: a dire il vero.. sono iscritto da un pò...

Inviato 21 settembre 2012 - 15:37

Piccola nota tecnologica:
I wafer da 300 mm sono in giro da una decina d'anni, mentre la tecnologia a 90 nm (per i profani diciamo che indica molto spannometricamente le dimesioni di un transistor) risale piu o meno al 2005.
Non si tratta peraltro di prodotti obsoleti: non esistono wafer piu' grandi e probabilmente STM e' in grado di produrre anche geometrie piu' piccole del 90 nm (la piu' piccola in produzione e' il 28nm, in mezzo ci stanno anche 60 e 45). Peraltro certi prodotti vengono meglio e con rese piu' elevate in tecnologie piu' grandi.
Quanto ai costi, la produzione dei wafer in silicio e' un processo praticamente automatico, non ci vogliono molti operai.
Ci vogliono pero' una marea di quattrini per comprare le macchine che fanno Nikon, ASML (ditta Olandese) e forse uno o due altri produttori.
Infatti la produzione dei chip si fa un po' in tutto il mondo (mi risulta che STM produca anche a Catania).
Sono a Taiwan, per la cronaca, le due fabbriche piu' grosse che lavorano solo come terzisti e servono molte delle aziende che non ritengono economicamente conveniente farsi le proprie fabbriche. L' azienda per cui lavoro e' cliente di entrambe le fabbriche, ma ha lavorato anche con fabbriche americane giapponesi e coreane.
E' fra l'altro interessante il vero motivo storico per cui si e' sviluppata negli anni 60 la produzione a Taiwan. All'epoca i collegamenti fra il circuito in silicio e i piedini era fatto a mano, tirando dei fili microscopici. Tecnica ancora oggi usata per prodotti economici, ma affidata ai robot. Ebbene, le operaie di Taiwan avevano mani piccolissime e grande pazienza e quindi erano ideali per fare questi lavori di precisione. Per ovvi motivi invece era impossibile mettere fabbriche in Cina.


grazie.. imparato ancora altro...
Roby C 4

#10 Adriano Max

Adriano Max

    A stella è fisso

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5250 messaggi

  • Nazione : Madagascar

  • Città: Rho (Mi)
  • Data di nascita: 28-06-1969
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Nikon D750
  • Ob.vo Principale: Nikkor 50mm f/1,4 AFS
  • Nikonista dal: 1981
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: Indago il mondo anche fotografandolo ...
    AxNaird

  • Generi fotografici praticati: Fotografia delle cose

Inviato 21 settembre 2012 - 17:47

[...]
Non credo sia il caso di Leica, perché é un prodotto abbastanza di nicchia ed abbastanza costoso da potersi permettere dei costi industriali superiori, mantenendo i margini di guadagno elevati grazie al prezzi di vendita assurdo. ;)
[...]

Leggi bene tutto il mio post, non sto confrontando il raviolo industriale con quello artigianale. ;)
E soprattutto ho aggiunto l'ultima frase, che dice chiaramente che non penso sia questoil caso, modificando il post originale dopo un paio di minuti. :rolleyes: Mi ero accorto di essere stato ambiguo.
:P
a_


La modifica ci fa sostanzialmente dire la stessa cosa con le due teste diverse che siamo !!
:ibf_thumbup:

Ciao,
A.

http://www.adrianomax.it
http://adrianomax.blogspot.com/
http://twitter.com/#!/AxNaird
Flickr

"Chi non sa fare una foto interessante con un apparecchio da poco prezzo, ben difficilmente otterrà qualcosa di meglio con la fotocamera dei suoi sogni!"
-- Andreas Feininger --

"Di sicuro ci sarà sempre chi guarderà solo alla tecnica e si chiederà COME?, mentre altri di natura più curiosa si chiederanno PERCHE'?."
-- Man Ray --

"La Fotografia è una cosa semplice. A condizione di avere qualcosa da dire."
-- Mario Giacomelli --

"L'istante genera la forma e la forma fa vedere l'attimo."
-- Paul Valery --

 

"L'astratto è quindi anche questo saper suggerire qualcosa alla propria fantasia: rendere privato qualcosa di universale."

-- Adriano Max --


#11 danighost

danighost

    Artista pazzo quasi fuso

  • Nikonlander Veterano
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3616 messaggi

  • Nazione : Nepal

  • Città: Laveno Mombello (VA)
  • Data di nascita: 22-05-1979
  • M/F: Maschio
  • Corpo Principale: Holga pinhole wide (nera)
  • Ob.vo Principale: buco nero
  • Nikonista dal: 2006
  • Perchè mi sto iscrivendo ?: perchè mi reputo un foto-creativo

Inviato 22 settembre 2012 - 09:24

Piccola nota tecnologica:
I wafer da 300 mm sono in giro da una decina d'anni, mentre la tecnologia a 90 nm (per i profani diciamo che indica molto spannometricamente le dimesioni di un transistor) risale piu o meno al 2005.
Non si tratta peraltro di prodotti obsoleti: non esistono wafer piu' grandi e probabilmente STM e' in grado di produrre anche geometrie piu' piccole del 90 nm (la piu' piccola in produzione e' il 28nm, in mezzo ci stanno anche 60 e 45). Peraltro certi prodotti vengono meglio e con rese piu' elevate in tecnologie piu' grandi.
Quanto ai costi, la produzione dei wafer in silicio e' un processo praticamente automatico, non ci vogliono molti operai.
Ci vogliono pero' una marea di quattrini per comprare le macchine che fanno Nikon, ASML (ditta Olandese) e forse uno o due altri produttori.
Infatti la produzione dei chip si fa un po' in tutto il mondo (mi risulta che STM produca anche a Catania).
Sono a Taiwan, per la cronaca, le due fabbriche piu' grosse che lavorano solo come terzisti e servono molte delle aziende che non ritengono economicamente conveniente farsi le proprie fabbriche. L' azienda per cui lavoro e' cliente di entrambe le fabbriche, ma ha lavorato anche con fabbriche americane giapponesi e coreane.
E' fra l'altro interessante il vero motivo storico per cui si e' sviluppata negli anni 60 la produzione a Taiwan. All'epoca i collegamenti fra il circuito in silicio e i piedini era fatto a mano, tirando dei fili microscopici. Tecnica ancora oggi usata per prodotti economici, ma affidata ai robot. Ebbene, le operaie di Taiwan avevano mani piccolissime e grande pazienza e quindi erano ideali per fare questi lavori di precisione. Per ovvi motivi invece era impossibile mettere fabbriche in Cina.


Interessante grazie :)
Più che scrivere con la luce, mi piace giocare con la luce. Lens sana in photocamera sana
Daniele Andreoli
 
 




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi