Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 3 risultati taggati con widezoom

Ordina per                Ordina  
  1. Sigma 12-24mm f/4 Art: ma si, tarpiamogli le al...

     [attachment=106093:502 11042017 -_DSC7467 90 mm ISO 200 Max Aquila photo ©.jpg]

    Abbiamo gia' abbondantemente detto e mostrato di questo Sigma 12-24mm f/4 DC HSM Art, prestatoci per un paio di mesi da Mtrading,  nella sua piu' congeniale collocazione in ambito Nikon, ossia sulla D810, la reflex che possiede su questo marchio il sensore della migliore qualita' e densita'.

     

    [attachment=106092:501 11042017 -_DSC7458 90 mm ISO 100 Max Aquila photo ©.jpg]

     
    Mentre lo utilizzavo con la soddisfazione che ho raccontato ed il profitto che le mie foto, spero, abbiano espresso, mi attraversava la mente l'idea di fare la medesima esperienza collocando questo zoom (capace di un angolo di campo esteso fino a 120°), anche sulla mia D500, reflex di formato APS-C, tarpandogli quindi le ali, trasformandolo in un 18-36mm equivalente, certamente una copertura meno eclatante del valore assoluto di cui questo eccellente obiettivo e' accreditato, ma classicamente in uno zoomino 2x per un corredo da viaggio, in associazione ad un 50mm luminoso e ad un telezoom a piacere.
    Per confutare le mie osservazioni conclusive dell'articolo citato, nelle quali sostenevo che 

     
    Non penso possa trovarsi bene in qualsiasi mano: nella street serve andare in giro il piu' semplici e leggeri possibile, nel reportage di cronaca servono range focali che in wide arrivino almeno a 35mm e poi anche uno o due diaframmi di luce in piu'...
    Nello sport serve un ritratto del soggetto il piu' possibile esaltante delle sue qualita' atletiche... e i 12mm trasformerebbero in bastoni di scope anche i piu' tarchiati piloni del rugby...oltre a dover arrivare davvero troppo vicini all'azione.

    Bene, adesso a 35mm ed anche oltre ci si arriva, gli stop di luce in piu' li compensiamo con la gamma dinamica dello splendido sensore della D500, i 12mm deformanti non ci sono piu'... e quindi...?
    Resta di certo il peso... :a136: 
     
     
     
    [attachment=106097:0091 07042017 -_D5K9675 18 mm ISO 360 Max Aquila photo ©.jpg]
    Ed e' stato cosi' che, approfittando di una mezza settimana progettata (in pieno fuori stagione, ad inizio di aprile) tra Cagliari ed il sud/sudovest sardo, complice un corso di lavoro della mia compagna Raffaella, ho fatto la mia borsa fotografica, appunto con gli elementi sopracitati (e qualcosa in piu') e su di una Panda in affitto ho cominciato il mio tour, alla fine del quale i 950 km percorsi, sono stranamente coincisi con il numero degli scatti (esattamente 950) effettuati con il solo Sigma Art: su un totale di piu' di 1500, quindi, il Sigma Art 18-36mm f/4 l'ha fatta da mattatore, come era nelle stelle che dovesse essere...
     
    Il secondo motivo per cui abbia voluto scriverne un secondo articolo, risiede nell'entusiasmo che mi ha suscitato l'uso prolungato


    di questa enorme boccia per pesci rossi [attachment=106099:511 11042017 -_DSC7472-Modifica 90 mm ISO 200 Max Aquila photo ©-2.jpg]

    e la curiosita' di vederlo alle prese col sensore della D500, sicuramente meno esigente di quello della sorella maggiore, ma molto piu' propenso a quelle regolazioni verso l'alto degli ISO che nelle fattispecie di ripresa di questo veloce tour sardo mi sarebbero state necessarie.
    Una notazione di servizio: nel nome di ognuna delle immagini postate nelle pagine seguenti, troverete anche la focale equivalente alla quale ho scattato.
    Ossia, con la ghiera di focale regolata a 12mm il file si chiamera' 18mm e cosi' via fino a 36...  e cosi' li considerero' io stesso nell'articolo
     
     
    Cosa resta da dire di questo Sigma Art? nulla, a voi il giudizio: ormai gli editor di Nikonland sono diventati troppo di parte per Sigma.
    E Sigma Art unitamente al profilo colore FL(at) sono diventati per me connubio indissolubile con Nikon... Scusate se e' poco!  :mestieri-11: 




    • apr 17 2017 03:39
    • da Max Aquila
  2. Wide to wide zoom per le nostre Nikon

    [attachment=104037:Migliori-obiettivi-video-HD-DSLR-Canon-Nikon-2.jpg]

    Uno dei quesiti piu' frequentemente posti sui forum di fotografia, riguarda una delle categorie piu' richieste di zoom, quella degli zoom wide to wide e/o dei trans standard. ossia di quegli zoom che posseggano escursione focale al di sotto della focale standard per quel formato, oppure attraverso questa.
    E la materia e' in continua evoluzione, grazie alla prolificita' dei produttori di obiettivi, originali ed universali, motivo per cui i consigli apprestati perdono di efficacia e consistenza, spesso gia' solo pochi mesi dopo esser stati forniti.
    La domanda riguarda sia l'abbinamento a corpi macchina FX sia quelli DX (a maggior ragione considerando il fattore di conversione).
     
    Ma l'offerta sul mercato di obiettivi universali, specie nella categoria di cui al titolo di questo articolo, spesso ingenera confusione: non sempre infatti continua a valere il detto che "chi piu' spende meno spende" e le differenti politiche commerciali dei marchi, oltre ai frequenti aggiornamenti degli obiettivi stessi, porta utenti anche piuttosto smaliziati a confondersi e a formulare la fatidica domanda:
    "cosa mi consigli come zoom grandangolare da montare sulla mia D...?"
     

    [attachment=104035:001 P_20161225_135339.jpg][attachment=104034:lc_12-24_4_dg_hsm_a016.jpg][attachment=104036:12-24nik.JPG]

    In quanto appassionato dai grandangolari in genere, da quelli fissi in particolare, questa categoria dei wide zoom mi interessa non poco e ancor di piu' la tengo d'occhio da quando, all'inizio del 2016, ho acquistato una splendida D500 col precipuo scopo di limitarne l'uso agli obiettivi da 50mm in su... possedendo una eccellente D810 per "curare" le focali al di sotto di quella standard.
    Considerando l'utilizzo nel 2016, fortemente sbilanciato a favore del corpo DX, mi sono piu' volte chiesto anch'io quale zoom wide-to-wide potrebbe reggere in abbinamento all'esigente sensore della D500, ma ad oggi non mi sono ancora riuscito a dare risposta, mancando all'appello delle mie prove alcuni zoom di un paio di marchi universali, non ancora passati dalle mie grinfie...
    Ovviamente intendo considerare solamente (e tutti) quegli obiettivi minimo 24mm in FX, e quindi minimo 24mm-eq in DX
    Dalla disamina non intendo tenere in considerazione tutti gli zoom smaccatamente entry-level (18-55mm e similari), i modelli palesemente "dimenticati in listino" (tipo 17-35fx e 17-55dx)  ed i trans-standard che arrivino oltre gli 80/85mm, costituendo questi piu' una "soluzione totale" che una risposta al quesito che riguarda il lato grandangolare della loro escursione focale. 
     

    [attachment=104057:tam1530.PNG] [attachment=104058:L0000073-construction.jpg]

    Avete mai sfogliato a fondo il catalogo completo dell'offerta su baionetta F di questi zoom?
    Di quelli gia' testati su Nikonland trovate link all'articolo relativo (il piu' recente se piu' d'uno), degli altri solo una scheda sintetica delle principali caratteristiche.
    Quattro brand, finora:
     

    Nikon,     Sigma,     Tamron,    Tokina

     
    ...in rigoroso ordine alfabetico...
     
    Questo articolo restera' un work in progress per gli inevitabili aggiornamenti, che ci piacerebbero venissero integrati dalle vostre considerazioni ed experiences, nella discussione a margine
     
     
    Max Aquila © per Nikonland 2017
     



    • ago 01 2017 15:36
    • da Max Aquila
  3. Sigma 10-20mm f/3,5 EX DC: what else?

    [attachment=100673:0062 _D5K3268 40 mm 1-250 sec a f - 13 Max Aquila photo ©.JPG]

     
    Ne abbiamo usati di superwide zoom fin dall'inizio dell'avventura in digitale, quando i sensori erano soltanto APS-C e sperare di ritrovare gli angoli di campo di un 15 o di un 20mm su pellicola era un lontano miraggio.
    Usati, metabolizzati e, quasi tutti, rivenduti. A causa dell'impossibilita' progettuale di tenere nitidi anche i bordi come il centro immagine .
    Ma sono passati ben piu' di dieci anni da allora ed ecco che, accanto al ritrovato formato FX (che ci ha pero' costretto a buttar via negli ultimi tempi anche obiettivi fissi che pensavamo inalienabili, a causa dell'elevatissima qualita' delle terze generazioni di sensori) torniamo a dilettarci con l'allora odiato formato DX, complice l'abbinamento di tele e telezoom di rinnovata qualita'.
     
    Spesso nel forum nuovamente viene posta la fatidica domanda: quale zoom wide (escludendo quindi i trans-standard) di prezzo abbordabile ma di buona qualita' complessiva?
     
    Nella ricerca di una soluzione dignitosa al quesito, recentemente abbiamo di istinto consigliato l'acquisto, ad un paio di amici, del Sigma 10-20mm f/3,5 EX DC HSM che al range di focali apparentemente limitato, ma in effetti completissimo, equivalendo su FX ad un 15-30mm e comprendendo in un sol colpo angoli di campo complessi e diversissimi come quelli relativi ai 15-18-20-24-28mm e tutti gli altri che stanno in quel mezzo.
     

     
     
     

    [attachment=100674:0063 _D5K3274 105 mm 1-250 sec a f - 18 Max Aquila photo ©.JPG]

     
    Dopo che lo hanno acquistato, glielo abbiamo chiesto in prestito e cosi', nella migliore tradizione del "friend's test", Roby Casetta ci ha messo a disposizione il suo esemplare, pagato attorno a 400 euro, per consentirci di effettuare una discreta quantita' di scatti per poterne parlare un po' piu' concretamente, Nikonland style according  :P
     
    Si tratta di uno zoom DC (APS-C per Sigma) della vecchia serie PRO, quella denominata EX [attachment=100688:0077 _D5K3335 105 mm 1-250 sec a f - 18 Max Aquila photo ©.JPG]
    caratterizzata dal filetto dorato intorno alla parte anteriore del barilotto.
     

     
     
     

     
    [attachment=100677:0066 _D5K3280 105 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG]

     
    La sua presentazione e commercializzazione risale al 2009 e sostituisce il precedente esemplare, molto meno luminoso (f/4-5,6) con un diaframma fisso a tutte le focali f/3,5 molto promettente. [attachment=100675:0064 _D5K3275 105 mm 1-250 sec a f - 18 Max Aquila photo ©.JPG]
     
    Ghiere di messa a fuoco e di regolazione focale separate, paraluce a petalo compatto, ma efficiente, come avremo modo di vedere in seguito
    [attachment=100681:0070 _D5K3291 105 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG][attachment=100682:0071 _D5K3295 105 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG]
     
    [attachment=100689:202-lens-construction.gif] Dotato di uno schema ottico di 13 lenti in 10 gruppi,
    quattro delle quali asferiche e tre a bassa/bassissima dispersione, misura LxH 87,3 x 88,2mm e ha un diametro filtri da 82mm
     
    Non e' quindi un obiettivo compatto, come si puo' ben vedere dall'accostamento al suo piu' giovane parente, quel Sigma Art 20mm f/1,4 del quale e' poco piu' basso,[attachment=100686:0075 _D5K3317 40 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG]
    ma sicuramente pesante la meta', :bigemo_harabe_net-92:  raggiungendo senza tappi e paraluce a petalo i 520 grammi appena (rispetto i 950 del mio Art)
     
    Lente frontale sufficientemente incassata (e protetta) [attachment=100678:0067 _D5K3282 105 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG]
     
    baionetta di montaggio in acciaio (a dimostrazione della classe di appartenenza) [attachment=100680:0069 _D5K3288 105 mm 1-250 sec a f - 14 Max Aquila photo ©.JPG]
     
    orgogliosamente Made in Japan [attachment=100679:0068 _D5K3284 105 mm 1-250 sec a f - 18 Max Aquila photo ©.JPG] ... anche oggi !
     
     
     
     
    Esteticamente ben proporzionato, da qualsiasi punto lo si osservi, [attachment=100685:0074 _D5K3315 105 mm 1-250 sec a f - 22 Max Aquila photo ©.JPG]
     
     
    dotato di selettore AF/MF [attachment=100684:0073 _D5K3310 105 mm 1-250 sec a f - 22 Max Aquila photo ©.JPG]
    non di OS, che per l'epoca progettuale non era mai preso in considerazione su alcun obiettivo sotto i mediotele almeno.
     
    Un difetto evidente fin da subito?
     
    Secondo me, Sigma le ghiere di messa a fuoco manuale le tira in aria e aspetta che ricadano sull'obiettivo per stabilire dove collocarle.... :marameo: 
    anche qui, l'interferenza col bordo del paraluce non e' che aiuti a volerla considerare comoda... [attachment=100683:0072 _D5K3301 40 mm 1-250 sec a f - 16 Max Aquila photo ©.JPG]
     
     




    • ott 10 2016 23:11
    • da Max Aquila