Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con modernismo

Ordina per                Ordina  
  1. L'ultima delle Cattedrali

    Se non capita tutti i giorni di trovare dietro un cartiglio che identifica una data di fondazione, 
    le immense gru di un cantiere edile
    [attachment=47300:005 20130429 _DSC3691 Max Aquila ph.jpg]
     
    certo risulta piuttosto unico piu' che raro rendersi conto che non si tratti del restauro dopo 131 anni da quella data,
    bensi' del cantiere di fabbrica di una chiesa piuttosto inconsueta,
    [attachment=47301:003 20130429 _DSC3677 Max Aquila ph.jpg]
     
    no, riformulo... piuttosto atipica,
    [attachment=47302:006 20130429 _DSC3695 Max Aquila ph.jpg]
     
    mio Dio, no..., assolutamente assurda, incoerente, inimmaginabile nelle sue forme esterne
    [attachment=47303:023 20130429 _DSC3859 Max Aquila ph.jpg]
     
    nei dettagli e nell'estro dei particolari, per le forme e la fabbrica degli "effetti speciali"
    [attachment=47304:004 20130429 _DSC3685 Max Aquila ph.jpg]
     
    e la ricchezza del racconto narrato sulla pietra di Montjuic
    [attachment=47305:025 20130429 _DSC3897 Max Aquila ph.jpg]
     
    e' a Barcellona, e' catalana (non spagnola), e' l'icona del Modernismo, e' diversa da tutte le chiese che potrete vedere nella vostra vita, e' iniziata ma non sappiamo quando sara' finita, e' la sintesi di tutte le tendenze del secolo trascorso dell'arte e dell'architettura, e' tuttora il laboratorio attivo delle tecniche di costruzione piu' estreme:
    [attachment=47308:gaudi0101.jpg][attachment=47307:gaudi0102.jpg]
    e' il Temple Expiatorii de la Sagrada Familia di Anton Gaudi', al quale venne commissionata dal re Alfonso XII di Spagna nel 1882, quando lo stesso Gaudi' a soli 30 anni era gia' considerato il Genio dell'architettura modernista catalana, prima ancora di stupire il mondo con gli allestimenti delle abitazioni barcine di casa Battlo' e palazzo Guell, sintesi di stili e metodi ancora oggi incomparabile esercizio di provocatoria immaginazione.
     
    E' l'ultima delle Cattedrali di questo mondo occidentale,
    [attachment=47306:002 20130429 _DSC3656 Max Aquila ph.jpg]
     
    un cantiere incredibile, simbolo della riedificazione del concetto di culto, indipendente dal credo, universale nel suo messaggio di espiazione delle colpe terrene.
     
    Barcellona e' una citta' che splende di colori: della gente, delle strade, dei palazzi e del cielo... [attachment=47326:001 20130429 _DSC3653 Max Aquila ph.jpg]
    io sono riuscito a sommare tre giorni di pioggia che mi hanno portato a soffermarmi sul come, piuttosto che solamente stupirmi della sua bellezza,
    cosicche' della Sagrada Familia ho rinunciato alla stereotipia della visione corrente, quella delle guglie alte piu' di 115 metri e cosparse dalle ceramiche multicolori, immensi termitai stagliati sull'azzurro di un cielo terso e sono rimasto colpito dal complesso dell'opera e dalla fatica delle maestranze che per 130 anni hanno prima di tutto dovuto piegare la propria esperienza all'inaudito progetto e poi realizzarlo. 
     
    L'estremo contrasto tra le due facciate esistenti (manca ancora la terza):
    quella della Natività con le sue sculture di inizio Novecento, a formare un presepe attorno ad una grotta di personaggi intenti alle loro occupazioni,
    [attachment=47310:028 20130429 _DSC3867 Max Aquila ph.jpg]
    come questo Gesu' adolescente nella bottega paterna [attachment=47309:024 20130429 _DSC3892 Max Aquila ph.jpg]
     
    rispetto la modernissima facciata della Passione con le sculture spigolose e drammatiche,[attachment=47311:007 20130429 _DSC3793 Max Aquila ph.jpg]
    contestatissime, di Josep Subirachs
    come questa agghiacciante Flagellazione [attachment=47312:008 20130429 _DSC3794 Max Aquila ph.jpg]
     
     Vetrate policrome in linea con le forme neogotiche, come ci si aspetterebbe in un progetto del genere
    [attachment=47313:010 20130429 _DSC3808 Max Aquila ph.jpg]
     
    ma dove la realta' supera del tutto l'immaginazione è nello sguardo che corre all'interno delle navate, dove oltre alle dimensioni gigantesche degli spazi dedicati al culto
    [attachment=47314:015 20130429 _DSC3826 Max Aquila ph.jpg] [attachment=47315:013 20130429 _DSC3818 Max Aquila ph.jpg]
     
    cio' che lascia sbalorditi e del tutto spiazzati sono le forme dei particolari di realizzazione statica,
    colonne con capitelli da saghe aliene [attachment=47316:011 20130429 _DSC3809 Max Aquila ph.jpg] (ovviamente realizzate grazie all'avvento della progettazione assistita dal computer) nella necessita' di rispettare cio' che del disegno originario di Gaudi' e' rimasto, insieme alla necessita' di interpretare il suo pensiero che gia' nelle prime fasi andava progredendo durante la costruzione stessa.
     
    Alzare lo sguardo alla volta principale equivale a perdersi nell'alternanza apparentemente casuale di forme strettamente interconnesse, basate sulla gestione della luce per ottenere volumi contrastanti [attachment=47317:012 20130429 _DSC3815 Max Aquila ph.jpg]
     
    incredibili sequenze di guglie che nel loro interno contengono contrafforti e strutture decorative che servono a costituire supporto ma al tempo stesso sono anche funzione della parte a cui sono associate
    [attachment=47318:017 20130429 _DSC3833 Max Aquila ph.jpg] [attachment=47319:016 20130429 _DSC3829 Max Aquila ph.jpg]
     A questo punto decido che non è piu' il colore ad interessarmi e imposto un profilo monocromatico sulla mia V1 con il 10mm ed il 30-110, alti ISO e forte contrasto, a significare le alternanze di luci ed ombre, precisa funzione delle luci che filtrano da punti ben studiati, la' in alto
    [attachment=47320:022 20130429 _DSC3857 Max Aquila ph.jpg]
     
    pietra, marmo e granito si succedono a stabilire varianti di densità strutturale [attachment=47321:019 20130429 _DSC3845 Max Aquila ph.jpg]
     
    [attachment=47322:021 20130429 _DSC3853 Max Aquila ph.jpg]
    archi e contrafforti inframmezzati da scale che salgono e scendono, avvitandosi alle pareti [attachment=47323:018 20130429 _DSC3836 Max Aquila ph.jpg]
     
    sopra la cripta originaria, l'organo moderno ma immenso, formato da 1492 canne, poste ad altezza di uomo, diversamente che nelle usuali collocazioni
    [attachment=47324:020 20130429 _DSC3852 Max Aquila ph.jpg]
     
    dietro l'abside centrale il cui retablo visto dal basso ipnotizza nella ricerca della sua coesione strutturale
    [attachment=47325:027 20130429 _DSC3914 Max Aquila ph.jpg]
     
    Anton Gaudi' dedico' tutta la vita alla realizzazione di questa sua magniloquente opera architettonica, basata sulla sua grande Fede ispiratrice: mori' nel 1926 investito da un tram nelle vicinanze della Sagrada Familia e i suoi disegni furono in parte abbandonati, in parte perduti, in parte rimasti prigionieri della sua mente.
     
    Oggi la Sagrada Familia e' rimasta l'ultima Cattedrale in edificazione in Europa:
    rimane da realizzare la terza facciata, quella della Gloria e la torre piu' alta, quella centrale, che una volta eretta misurerà 170 metri di altezza, un metro al di sotto del Montjuic che fiancheggia la citta' catalana: questo perché lo stesso Gaudi' sosteneva che l'opera dell'uomo non debba sovrastare quella di Dio.
     
    Per capirne il significato non bastano guide e libri:
    bisogna dedicare del tempo a leggerne la forma e a tradurre il senso che ha portato a scrivere in una pluralita' di lingue la parola dell'anima
    [attachment=47327:009 20130429 _DSC3804 Max Aquila ph.jpg]
     
    Max Aquila per Nikonland 2013
     

    • mag 25 2013 09:18
    • da Max Aquila