Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con leva dei diaframmi

Ordina per                Ordina  
  1. C'era una volta il leggendario acciaio giap...

    ... il presente !
     
    Ho usato per lo più a diaframmi aperti la Df nell'ultimo periodo. E' dove mi serve di più quando è in coppia con la D810.
     
    Però in un set ho usato un flash di studio rivolto verso l'alto ed ho deciso di scattare ad F5 con entrambe le macchine.
    Scatto di test con la D810 e il 50/1.4 Sigma, perfetto.
    Scatto di test con la Df e il 35/1.4 Sigma, sovraesposto malamente.
     
    Riprovo. Niente, ancora sovraesposto.
     
    Tolgo il flash, apro ad F2. Perfetto. Provo ad F2.8. Perfetto. Chiudo ad F4. Sovraesposto.
     
    Insomma, la macchina non funziona. O meglio, funziona ma solo con i diaframmi più aperto, se chiudo oltre F2.8 le foto vengono tutte chiare o chiarissime.
    Peraltro la macchina mi avvisa. Dopo lo scatto (sovraesposto) compare la scritta ERR lampeggiante che spompare solo dopo spegnimento della fotocamera ... :(
     
    Qualche giorno dopo porto la Df al pranzo sociale di Nikonland. Me l'hanno chiesta in visione.
    Avviso di non chiudere il diaframma oltre F2.8.
     
    Valerio mi guarda ed esclama : ma no, da Nikon non mi posso aspettare queste cose !
     
    Qualche giorno dopo rifaccio un altro test, scatto ancora con la Df ma con il 58/1.4 Nikon. Nessun problema a nessun diaframma.
     
    Ero tentato di portarla in assistenza ma allora, tutto a posto.
     
    No, la Df è una macchina particolare ... è quasi una creatura. Qualche giorno dopo, faccio una serie di foto per testare in parallelo due 85 mm. E zac, di nuovo il problema.
    Ma solo con il Sigma, oltre diaframma 2.8, le foto vengono chiare, con il Nikon nessun problema.
     
    Un limite con Sigma ? Neanche per idea. Monto il 58/1.4 e zacchete, quando chiudo ad F2.8, sovraespone. In pratica ho solo i diaframmi fino ad F2 !
     
    Ma io sono un testone.
     
    Prendo la vecchia Nikon FA del 1983.
    Una macchina che mi ha accompagnato per 16 campi durante il servizio militare. E che ancora oggi funziona perfettamente.
     
    Come tutte le Nikon moderne, il controllo del diaframma é una semplice traversa in acciaio dentro al mirabox, sulla parte sinistra guardando la macchina :
     
    [attachment=76028:_D8X0779.jpg]
     
     
    quando si preme il simulatore del diaframma questo si sposta dall'alto verso il basso
     
    [attachment=76024:_D8X0782.jpg]
    [attachment=76025:_D8X0783.jpg]
    [attachment=76026:_D8X0784.jpg]
     
    riprendo la Df, deve essere uguale
     
    [attachment=76027:_D8X0780_piegato.jpg]
     
    e no, non è uguale, è piegato verso l'alto. In pratica in posizione di riposo tira verso l'alto, muovendosi la testa (quella che controlla effettivamente il diaframma) resta un paio di mm verso l'alto !
     
    Che si fa ?
     
    Una pinzetta et voilà !
     
    [attachment=76029:_D8X0781.jpg]
     
    [attachment=76030:_D8X0780.jpg]
     
    piego con la forza l'astina fino a riportarla nella posizione corretta.
    Adesso è come la FA. Controllo con la D4, uguale.
     
    Muovendo a mano mi sembra che quella della D4 opponga un pò più di resistenza ma forse è solo una impressione.
     
    Monto un paio di obiettivi, chiudo fino ad F11. Tutto ok.
     
    Non so come sia successo ma adesso so cosa è successo. E so come rimediare.
    Insomma, c'era una volta l'acciaio giapponese con cui gli artigiani armaioli facevano le spade dei samurai.
    Era un acciaio leggendario che rendeva quei guerrieri invincibili tanto che le lame degli altri guerrieri sembravano di burro.
     
    Adesso l'acciaio che usa Nikon è morbido come il burro e si piega semplicemente con l'uso.
     
    Che delusione .... :(

    • mar 23 2015 09:05
    • da Lieve