Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con dossier

Ordina per                Ordina  
  1. I Dossier di Nikonland : la camera chiara ideale

    La camera chiara (cioé la piattaforma informatica dedicata alla fotografia) senza disdegnare quella oscura per chi ce l'ha ancora.
    Per il fotografo digitale di oggi - ma anche per quello che usa ancora la pellicola ma vuole un ponte digitale - dopo lo scatto c'é tutto un mondo che prevede ulteriori investimenti in macchinari e in software.
    Pena perdersi le molteplici possibilità che la tecnologia offre. Gioie e dolori, a ciascuno stabilire quanto delle une e quanto delle altre ... :a037: :a032:

    Una breve carrellata di quello che usano alcuni redattori di Nikonland più che altro per dare lo spunto di discussione a chi vorrà condividere con gli altri le sue scelte.

    Non facciamone - come giustamente sottolinea Guglielmo - una questione di fede. Se il Mac fosse realmente quello che i suoi più accesi adepti affermano, non avrei alcun pregiudizio e lo adotterei.
    Oppure - se Apple lo consentisse legalmente - utilizzerei l'OS X su di un server con VMWare così come si può fare con gli altri sistemi operativi sia a 32 che a 64 bit.

    Questo per dire che si tratta di scelte, consapevoli o meno, che possono se si vuole essere motivate ma senza affermare che le scelte personali sono le migliori perché stà scritto sulla Bibbia di Cupertino o di Redmond, a seconda dei casi.

    Così come per il corredo fotografico, fatto di fotocamere ed obiettivi, ognuno é bene che si doti di ciò che trova più utile e più congeniale, secondo le proprie esigenze, indole e background tecnologico.

    Grazie a tutti !

    La camera chiara di AxNaird

    è per ora strutturata in funzione del fattore economico... ma è in divenire (nella discussione che segue potete rilevare gli aggiornamenti); vi dico quindi come è fatta ora e quali sono gli strumenti che vorrei sostituire.

    E' basata sul software LightRoom, che si appoggia su PC con processori Pentium 4 o centrino dual con sistema operativo XP: non è particolarmente performante, ma mi permette comunque di elaborare e gestire il mio flusso di scatti ad un livello professionale. Per alcuni scatti, se devo avvalermi di filtri software particolari, di livelli o eseguire particolari scontornature, utilizzo Photoshop Elements. Non mi serve altro per ora: i PC in mio possesso subiranno un lento processo di upgrade.

    Il monitor che utilizzo attualmente è un HP da 20" (HP 2010i), che calibro con una sonda Spyder III. Questo monitor ha una risposta prettamente 'vivace', non è molto adatto a lavori di editing fotografico professionali ed è il punto debole della mia 'camera chiara': cercherò di sostituirlo scegliendo un modello che incorpori un pannello con tecnologia IPS se non PVA, che spero di potermi permettere a 24".

    [attachment=22923:HP-Pavilion.jpg] [attachment=22924:spyder3.jpg]




    Lato archiviazione mi appoggio a degli hard disk esterni, in una configurazione che ho dettagliato meglio QUI.

    Stampo in proprio fino all'A4 su una Canon Pixma 5200 su carta Photo Paper Pro (PR-101) Canon o sulla IlFord Gold Galerie Silk. Per stampe di maggiori dimensioni mi avvalgo di laboratori o amici; resta che anche la stampante che utilizzo è oramai suscettibile di sostituzione: modelli con più inchiostri (la mia ne incorpora 5: due neri e tre colori) ne redifiniscono le performance e sinceramente attendo di poterla sostituire con un modello che stampi fino all'A3 (anche se avverrà occasionalmente, visti i comunque alti costi).

    [attachment=22925:Canon Pixma iP 5200.jpg]




    [attachment=22926:canon paper.jpg] [attachment=22927:ilford-galerie-gold-fibre-silk.jpeg]




    Come dispositivo di input saltuariamente utilizzo anche una tavoletta grafica, che nel mio caso consiste in una Wacom Bamboo fun: è davvero il minimo come penna grafica, la utilizzo per alcuni scontorni o per agire più comodamente per applicare filtri in Photoshop e Lightroom a particolari o dettagli. Non è precisa come le Intuos, sempre di Wacom, ma senz'altro enormemente più precisa del mouse:

    [attachment=22995:wacom-bamboo-fun.jpg]




    Direi che non c'è molto da aggiungere: penso di essere in una posizione simile a quella di molti appassionati, ai quali consiglio di leggere e rileggere questo e gli altri dossier/articoli qui su Nikonland e decidere con calma i propri acquisti. Maturazione e scelta precisa dello strumento consentono notevoli risparmi, non solo economici !


    AGGIORNAMENTO 7/2011 : ora l'hardware è costituito da un iMac 27" i5 quad - nella discussione che segue i dettagli

    Il Punto di vista di gpb01 (Guglielmo)

    Non avendo mai creduto nelle "guerre di religione" ed essendo di formazione un elettronico/informatico, utilizzo per la mia "camera chiara" un mix di sistemi in cui troviamo Mac, Win e anche Linux (... anche se quest'ultimo non é su una postazione di lavoro, ma sul server di rete).


    A livello Hardware, le tre postazioni di lavoro più usate sono così configurate :


    1. iMac 24" (late 2009) 3.06 GHz Intel Core 2 Duo con 6 GB di RAM (... si, contrariamente alle specifiche che dicono che se ne possono montare solo 4 GB, il sistema ne gestisce perfettamente 6 GB), 1TB di HD interno, unità DroboPro esterna (connessa in firewire 800) con 6 dischi da 2 TB cad (... configurati in RAID a doppia ridondanza) utilizzata per un primo livello di backup giornaliero e due unità esterne Western Digital da 2 TB cad utilizzate come secondo livello di backup settimanale ...

    [attachment=22956:iMac.jpg] [attachment=22957:DroboPro.jpg] [attachment=22958:MyBook.jpg]


    ... a questo sistema é collegata anche una tavoletta grafica della Wacom, una Intuos formato A4 che, in molti casi, semplifica veramente la vita Immagine inserita ...

    [attachment=22959:wacom.jpg]



    2. PC basato su processore AMD Phenom II X4 970 (... 4x 3500 MHz, 4x 128 KB Level 1 cache, 4x 512 KB Level 2 cache, 1x 6144 KB Level 3 cache) con 8 GB di RAM, 2 HD da 1 TB cad e monitor Eizo S2402W, 24.1" ...







    [attachment=22964:PC.jpg] [attachment=22960:Eizo.jpg]




    3. MacBook 13" Unibody, con 4 GB di RAM e 512 GB di HD (... 7200 RPM, sostituito all'originale da 340 GB 5400 RPM con cui veniva fornito il sistema) ... usato ogni volta che stà in giro per scaricare/esaminare subito le foto ...







    [attachment=22961:MacBook.jpg]



    Tutti i monitor sono calibrati utilizzando il ColorMunki della Xrite, strumento veramente completo e versatile, dotato di un ottimo software che permette un precisa calibrazione di monitor, stampanti e videoproiettori ...

    [attachment=22962:colormunki.jpg]




    Completa l'hardware la stampante Epson Stylus Pro 4800 in grado di stampare fogli singoli dal formato A4 al formato A2 e carta in rotolo ...


    [attachment=22963:Epson.jpg]


    ... sulla quale uso sempre inchiostri e carte originali Epson.


    Per quanto riguarda l'aspetto del Software, l'aver cominciato a suo tempo a sviluppare i RAW con RawShooter Premium (... della Pixmantec, prima che questa venisse assorbita da Adobe) ha condizionato le mie scelte future ... facendomi naturalmente passare ad Adobe Lightroom, che utilizzo dalla sua prima release.

    A fianco a Lightroom non manca Adobe Photoshop e tutta una lunga serie di plugin tra i quali comunque, quelli che utilizzo di pi?, sono senz'altro quelli della Nik Software (... fondamentalmente Color Efex Pro, Silver Efex Pro e HDR Efex Pro), assieme a quelli della Topaz Lab (... di cui trovo eccezionale il Topaz Remask 3).



    La "camera chiaroscura" di Gianni Zadra

    Hardware:
    - Imac 27" con SnowLeopard (per ora 4 Giga di RAM, a giorni diverranno 8).
    - HD USB collegato per backup con Time Machine
    - HD ulteriori per seconda copia periodica
    - Stampante e carta Epson ( ma per le stampe impegnative mi rivolgo a un laboratorio professionale)
    - Spyder (non mia) per calibrazione mensile del monitor
    - Coolscan V ED, come "ponte" con la camera oscura (soprattutto dia, il BW resta "di là dal ponte").
    Acquisti hardware in programma per ottimizzare backup e calibrazione.


    [attachment=22659:_GZ15067.jpg]
    Imac27"

    Software:
    - PhaseOne ExpressionMedia per catalogazione e archiviazione
    - Photo Mechanic (id.)
    - PhaseOne CaptureOnePro6 per trattamento e conversione dei RAW
    - Apple Aperture3 per progetti vari (book, pagine-web...)
    - Vuescan (per il Coolscan)
    - programmini specifici di contorno (Pixelmator, PortraitProfessional...)

    [attachment=22998:EM2 1.jpg]
    Expression Media2- visualizz. miniature

    [attachment=22661:ImacCone6 1.jpg]
    CaptureOne6Pro-tavolozza esposizione

    Beninteso...
    Tengo pienamente in funzione la camera oscura, che serba l'esclusiva pressoché totale del mio BW, inoltre al bisogno sviluppa e (ormai di rado) stampa dia, con:
    - Durst AC 707 Variocolor con timer e fotocellula incorporati
    - Apo-Rodagon 50 e 80mm
    - Jobo CPE2
    Oltre a tank, drum, carta, chimici e tutta la minuteria del caso.

    [attachment=22658:_GZ14867.jpg]
    La mia camera oscura

    Motivi delle mie scelte
    Strettamente personali le mie preferenze, altrettanto soggettive le motivazioni: non avanzo pretesa alcuna che valgano per altri, ma... io le condivido. Immagine inserita
    Ho scelto Mac perché dopo alcuni lustri di Windows ho deciso che la vita era già abbastanza complicata di suo...
    Trovo il monitor 27" dell'Imac ampiamente sufficiente per le mie esigenze. So bene che c'é di meglio... ma anche molto di peggio.
    Mi rendo piuttosto conto di dover fare qualcosa di più per prevenire eventuali perdite di dati.
    Per il trattamento dei NEF non ho ancora trovato nessun software che mi soddisfi quanto CaptureOnePro per qualità dello sviluppo, ricchezza di funzioni, logicità e flessibilità dell'interfaccia, razionalità del flusso operativo. Lo ritengo perfetto per i fotografi, per i quali fa velocemente e al meglio tutto ciò che può servire, e anche molto di più. N.d.r.: Personalmente distinguo coloro che si dilettano di fotografia digitale in due gruppi: 1) i fotografi, per i quali le foto prima si fanno (con la DSRL), poi si sviluppano (via software), indi si stampano (le migliori) 2) gli informatici, per i quali la fotocamera é una delle tante risorse del computer. Per questi ultimi COnePro, non "occupandosi" di grafica bensì "solo" di fotografia, non é precisamente il software ideale.
    ExpressionMedia (già IviewMediapro) é un catalogatore multimediale molto noto e apprezzato. Acquisito di recente da PhaseOne, andrà presto a integrarsi con COne come un guanto.
    Per quanto riguarda invece il mix digitale/pellicola, la ragione é presto detta: ritengo tuttora superiore l'"argentico" in due settori: la stampa in BW e la proiezione. A prescindere, in camera oscura mi diverto e mi rilasso più che in camera chiara.

    Il punto di vista di gciraso


    Sono utente Mac incallito, il primo computer risale al 1987, un Mac con schermo da 8" e doppio slot per dischetti da 720kb. Sono quindi legato a questa piattaforma e mi ci trovo ultrabene. Le mie considerazioni sono pertanto un po' di parte.

    Hardware:
    in studio: MacPro quad core, 8 GB di Ram. Quattro HD da 2TB collegati in RAID più una base wireless con HD da 1TB per il backup delle sole foto recenti (incrementale).
    Monitor Apple Cinema display da 30" (di prossimo affiancamento con LaCie 30").
    Plotter HP Designjet Z3100
    Scanner piano Epson V700 Photo
    Scanner per pellicola Nikon Coolscan V ED
    Sonda per calibrazione monitor, accessori varii, ecc.

    In viaggio portatile MacBook Pro con schermo rigorosamente opaco e HD da 500GB alimentato da computer con firewire. In più un HD da 1TB di riserva.

    Software:
    Per le foto Lightroom 3 e CS5 sia sul fisso che sul portatile. Photoshop lo uso dalla versione 3 e lo upgrado regolarmente, per cui ormai mi costa poco. Tutto sw regolarmente licenziato!!!! LR l'ho iniziato ad usare all'uscita e mi ci sono trovato bene, per cui ho continuato. La presenza di Camera Raw sia su LR che su CS mi aiuta ad avere lo steso flusso di lavoro nel trattamento delle foto. Non sono un talebano del sw di sviluppo raw, per cui ognuno usi quello con cui si trova. Alla fine si ottengono buoni risultati con tutti.
    Per le scansioni uso da tempo Vuescan sia per pellicola che sul piano.

    Quello che manca é il tempo: le foto da sistemare sono sempre una marea e pensare che ultimamente scatto pure meno.


    La "camera chiara" di Rudolf e i suoi perché

    La piattaforma hardware non strettamente fotografica con il digitale ha assunto un ruolo di primaria importanza.
    Innanzitutto per le esigenze di storage e di backup delle fotografie in formato elettronico (e di oggi la stima che la mole di informazioni dell'intera umanità nel passaggio dalla carta al digitale si é incrementata di 60 volte), ma soprattutto per le necessità di visualizzazione, sviluppo, elaborazione, pre-stampa e stampa delle fotografie.

    Avendo una più che trentennale esperienza informatica (che risale a prima che uscisse l'Apple II, giusto per intenderci) e non gradendo affatto le soluzioni a scatola chiusa (unica esperienza positiva : il mitico Amiga), trovo più pratico assemblarmi da me le macchine per le mie esigenze.
    Quello che mi da fastidio di Apple é proprio la dote che i più apprezzano, la monoliticità delle soluzioni da prendere così come sono proposte, con minime personalizzazioni e senza la possibilità di operare upgrade nel tempo. Questo più che per le possibilità offerte dall'ambiente, stabile ed efficiente, si, certo, ma non così tanto come si vuole mitizzare.
    In sostanza se comperassi un Apple, questo sarebbe un Mac Pro molto anabolizzato. Ma a quei costi io posso fare di più, oppure spendere meno, e posso fare upgrade sistematici ogni volta che ne sento il bisogno.
    Questo panegirico per dire che, magari un giorno comprerò anche io un iMac, quando avranno monitor touch evoluti e saranno superati i paradigmi di mouse+tastiera+finistre, per ora invece lavoro bene su Windows 7 a 64 bit sulle mie macchine, costruite con le mia mani.


    Hardware :

    [attachment=22943:imagesCADAL1GB.jpg]

    Attualmente il mio front-end si compone di (dall'input all'output) :

    - sonda Spyder 3 Pro collegata al
    - monitor Eizo CE240W con calibrazione hardware
    - secondo monitor Samsung da 24'' di tipo televisivo
    - tower Coolermaster Cosmos 2000 che consente di contenere 6 bay da 3.5 pollici e 5 da 5,25 pollici con un alimentatore da 850 W ed un UPS esterno di capacit? adeguata.
    - scheda madre Asus con Intel i7 mod. 950 quadcore con HT e 12 Gigabyte di ram di tipo DDR3
    - 1 HD Western Digital Caviar Balck Sata 600 da 1 Tb come disco da avvio (ho usato l'anno scorso un Seagate XT Momentus ibrido senza grandi sensazioni, attendo che gli SSD scendano di prezzo per questo scopo)
    - 5 HD Western Digital Caviar Green (basso consumo) da 2Tb combinati in Raid 5 come memoria di massa principale
    - 2 HD esternei Western Digital MyBook USB3 da 3 Gbyte ciascuno
    - mouse di precisione Logitech
    - tastiera mini Microsoft
    - switch 1Gb da 24 porte 3Com che controlla tutti i dispositivi di casa (distribuiti su tre piani, compresa il player dove sto trasferendo tutti i CD)
    - due lettori di compact flash Lexar concatenati connessi in Firewire 800.

    Completano la dotazione una stampante di rete doppia faccia laser a colori Lexmark e una stampante fotografica A2 Epson 3800 con cui stampo su carta Ilford Gold Silk.
    Ho un vecchio scanner Epson 4850 collegato in firewire che funziona oramai solo in emulazione di Windoes XP sotto Virtual Pc (finestra sempre aperta dove faccio girare programmi fastidiosi come Skype, mTorrent, vecchi giochi ...)


    in totale ho quindi 4+4 core a disposizione con 12 Gbyte di ram completamente sfruttati dal SO a 64 bit (e vi assicuro che anche Photoshop CS 5 é vorace !) e spazio su dischi per complessivi 17 Tb tra dischi principali e di backup.
    Per sicurezza accedo anche ad un server connesso Lacie in rete Gigabit che contiene altri 4 TB di spazio per i backup storici.

    Sottolineo per chi non ha ancora avuto esperienza l'elevata efficienza della interfaccia USB 3.0 (principale motivo per cui ho cambiato scheda madre l'anno scorso) che consente di saturare la massima capacità di banda degli attuali dischi fissi (praticamente il trasferimento dati va ad oltre 100 megabyte al secondo continui. Spero che che escano presto lettori di compact flash con questo standard !).


    Trovo un must i due monitor per qualunque applicazione (io programmo in ambiente Microsoft dai tempi del DOS 3, faccio grafica 3D ed illustrazioni. Scrivo e per finire archivio ed ascolto musica, spesso tutto insieme). Sento la necessità di una tavoletta grafica per completare i dispositivi di input in modo un pò più naturale.

    Faccio presente che quanto descrivo é ciò che utilizzo effettivamente (anche) per la fotografia. In casa ci sono almeno altri 3 pc desktop (attivi, oltre a svariati accantonati per usi futuri) e 2 o 3 portatili (non ricordo più). Due di questi desktop sono connessi attraverso un DAC a due diversi impianti hi-fi.

    [attachment=22942:imagesCAZJI48N.jpg]

    Software :

    Come detto, ovviamente con tutta questa roba non ci fotografo solamente ma per quanto riguarda il mondo della fotografia, sono legato al mondo Adobe.

    Uso principalmente Adobe Photoshop CS5, sviluppo con Camera Raw visualizzando le foto con Bridge anche se ultimamente sto cercando di usare al suo posto Lightroom 3 (al posto di Bridge, non di CS5).
    In pratica sfoglio le foto con LR, le sviluppo con questo e poi passo quelle che mi interessano a Photoshop per le successive elaborazioni e finalizzazioni.
    Non uso nient'altro, al di là dei classici Plugins di Nik Software, sempre all'interno di Photoshop.

    Per i backup impiego Acronis che é molto efficiente (tenete conto che al momento ho in linea 2,7 Tb di foto e la semplice copia da un disco all'altro richiede circa 7 ore ...).

    La camera chiara di andre_ (Updated 23. sep 2011)

    Tutto ruota intorno a come vedo le immagini, ed a come le stampo (come le vedo stampate, quindi).

    - Come monitor ho ancora il vecchietto LaCie 319, piccolo (solo 1280x1024px) ma con la calibrazione hardware ed una resa dei colori invidiabile.
    Ho cambiato il monitor (finalmente...).
    Visto che mi sono trovato molto bene con il "vecchietto", alla fine ho optato per un poco piú moderno LaCie 324.
    I motivi della scelta sono soprattutto economici, avendo trovato il 324 (ora sostituito dal 324i) ad un prezzo stracciato, e considerato il fatto che il 324i mi avrebbe obbligato a cambiare software e sonda per la calibrazione.
    Ora ho finalmente lo spazio che mi serve (tutti i software oggi vogliono un monitor wide...), ed ho aggiunto anche un po' di colori, avvicinandomi di molto al gamut di AdobeRGB (ma soprattutto avendo a disposizione l'intero gamut di ISO Coated, che mi permette di risparmiare molti vogli per l'hard proof).

    - La mia bellissima stampante, invece, mi ha appena abbandonato. Era una Epson R2400, il cui canale del Magenta é andato in pensionamento anticipato senza possibilitá di rientro al lavoro.
    Mi ci sono trovato talmente bene che la scelta non poteva cadere che sulla naturale evoluzione di questa stampante. A giorni dovrebbe arrivarmi la Epson 3880, piú grande ma finalmente con delle cartucce di dimensioni decenti.

    - I due "pezzi" precedenti non potrebbero funzionare senza una adeguata calibrazione.
    Per il monitor uso il LaCie BlueEye Pro (che é un X-Rite Display 2 Pro rimarchiato), con il software della stessa marca (é l'unico in grado di entrare nella LUT del monitor, ed i risultati sono davvero ottimi).
    Le accoppiate carta/stampante hanno il loro bel profilo creato ad hoc con un Color Munki della X-Rite. Risultati davvero ragguardevoli anche qui, spanne sopra i profili standard (ed indispensabili per le prove colore su carte particolari).
    Lo uso con il suo software X-Rite originale, ma mi sto lanciando a profilare con Argyll, e le prime prove sembrano promettenti.

    - Per le carte, infine, dopo diverse prove ho deciso di usare solo ILFORD Galerie. In particolare la Smooth Gloss, ma sempre piú Gold e Pearl, ultimamente.
    Decisamente piú bianca e luminosa delle pur ottime carte Epson, ha dei risultati che mi soddisfano di piú, per i miei gusti. E costa decisamente meno, ed é piú piacevole al tatto. Tutte cose che non guastano affatto.

    Il tutto é controllato ovviamente da un hardware, come é ovvio.
    Aspettando un Mini quad-core, ho praticamente due computer gemelli entrambi con Core 2 Duo, ed 8GB di RAM sul fisso e 4 sul laptop: un Mac Mini ed un MacBook Pro da 15".
    Li uso abbastanza indifferentemente, tanto i files delle immagini stanno in plurime copie su dischi esterni, RAID 1 (mirroring) e diverse copie uniche, staccate dalla corrente salvo che per i backups.

    Ma quello che fa funzionare la baracca sono i Softwares, ovviamente.
    Sono dell'idea che conoscere a fondo un software significa garantirsi i risultati migliori possibili. Troppe volte si sente o si legge di gente che incensa un programma dopo aver "provato un altro, senza aver ottenuto dei risultati all'altezza".
    Per forza... non lo conosci!

    Per lo stesso motivo uso solo i softwares indispensabili, senza trasformare la cartella Applications in una discarica ricettacolo di tutto ció che capita di provare.
    Essenzialmente, uso:
    - Adobe LightRoom, nella versione piú aggiornata, per lo sviluppo dei RAW.
    E lo sviluppo del RAW é sufficiente per la stampa del 90% delle mie foto, difficile faccia qualcosa d'altro.
    - Adobe Photoshop (ora CS5), usato per il ridimensionamento, eventuale grana ed eventuale USM.
    E per un sacco di altre cose, ma piú che altro per lavoro, quasi mai per le "mie" foto.
    - Driver originali Epson.
    Ho usato a lungo GutenPrint, ma trovo che gli ultimi driver originali siano davvero ottimi di per sè, oltre ad avere aggiunto la stampa del BW a 16bit, per cui non mi serve altro.
    - Adobe Profile Editor, per migliorare i profili per la fotocamera creati da ColorChecker Passport di X-Rite (piú flessibile nella creazione dei profili).

    E basta, sostanzialmente, per quanto riguarda il flusso che dalla mia Nikon porta alla mia stampa.

    Ovviamente ho altri software, sempre legati alla fotografia, che uso sia per lavoro che per svago.
    - Adobe InDesign CS5, insieme ad Illustrator CS5 ed al fantastico Inkscape, i migliori nel loro campo.
    - Adobe Bridge CS5, che di fatto uso solo per i files di lavoro, molto poco per le mie foto (salvo per rinominare i files).
    - HoudahGPS e GPSPhotoLinker, in serie, per il geotagging dei files delle foto, con i dati raccolti dal Sony CS-1

    E basta, che mi venga in mente....

    • gen 01 1970 01:00
    • da Mauro Maratta