Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con berlino

Ordina per                Ordina  
  1. Berlino disperata...erotica...stomp

    Girando ancora un poco ho incontrato uno che si era perduto
    gli ho detto che nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino
    mi guarda con la faccia un pò stravolta e mi dice "sono di Berlino".
    Berlino, ci son stato con Bonetti, era un pò triste e molto grande
    però mi sono rotto, torno a casa e mi rimetterò in mutande.




    Così Lucio Dalla nel 1977 e mi era rimasta la curiosità di questi berlinesi smarriti nella tristezza della loro grande città, come nelle foto di Werner Bishof delle rovine di guerra dei bombardamenti che decisero della Seconda Guerra Mondiale, o nell'immaginario collettivo della Trabant che sul finire del 1989 varcava vittoriosa la Brandenburger Tor


    Immagine inserita


    prima simbolo di divisione ed oggi di riunificazione da una pazzia durata quasi trenta anni.


    Immagine inserita


    E l'impressione che mi é rimasta in una visita di cinque giorni a cavallo del Capodanno 2007 é quella di una Piazza Grande (per continuare a parafrasare il nostro...) come non mai,


    Immagine inserita


    tagliata tra le immagini di un passato recente di separazione, fin troppo evidente nella alterna diversità dei negozi di una parte


    Immagine inserita


    e dell'altra


    Immagine inserita


    degli edifici sensazionalisti di Potsdamer


    Immagine inserita


    e di quelli alternativi dell'Oranienstrasse


    Immagine inserita


    e Kreutzberg


    Immagine inserita


    o di là del fiume, lo Spree


    Immagine inserita



    una maestosa Capitale ben compresa del ruolo dei suoi Conduttori come Federico il Grande, che ancora oggi fronteggia la meravigliosa passeggiata del miglio di Unter Den Linten, che provvedette ad allargare agli attuali 60 metri a vantaggio delle parate militari che vi si tennero numerose fino al secolo scorso


    Immagine inserita

    Immagine inserita



    in un visibilio di luci,


    Immagine inserita

    Immagine inserita


    tra musei e palazzi


    Immagine inserita

    Immagine inserita



    sinagoghe e chiese di ogni culto


    Immagine inserita

    Immagine inserita

    Immagine inserita

    Immagine inserita





    una città nella quale sembra abbiano prima che le strade, progettato e costruito la ferrovia e le tranvie, tanto razionali quanto ci si aspetta dai loro stessi orologi


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    come quello universale, con i fusi orari di tutto il mondo ed il planetario ad Alexanderplatz dal 1968


    dietro la grande Fernsehturm: il megaripetitore televisivo dell'ovest cittadino


    Immagine inserita



    che spunta dalla skyline di tutta la città, da dietro cavalli alati


    Immagine inserita



    e chiese


    Immagine inserita



    dal basso


    Immagine inserita



    e da ... dietro qualche filtro di troppo...!


    Immagine inserita




    una città in cui il Muro é rimasto ... dentro:


    uguale a se stesso, dipinto, scolpito, abbandonato


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    o coltivato e celebrato in musei come quello del "checkpoint Charlie" il posto di frontiera per eccellenza tra Est ed Ovest


    Immagine inserita



    Immagine inserita


    Immagine inserita


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    "sul marciapiede dei folli idealisti" lapidi dedicate ai pensatori dei secoli scorsi cominciano proprio dedicando un tributo alla fratellanza della "Giovine Europa" di Giuseppe Mazzini:


    i miei figli decidono di schiaffeggiarsi proprio li sopra... 


    Immagine inserita



    il cielo sopra Berlino non dimentica di ricordare... incessantemente dell'Olocausto,


    dal parco dedicato allo sterminio del popolo ebreo, raffigurato da 2711 stele di cemento di varia grandezza su un terreno con frequenti dislivelli e labirinti, come a raffigurare lo smarrimento che ne deriva:


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    come anche nell'inquietante e suggestivo Judaische Museum, il museo della cultura ebraica, annesso al Berlin Museum, dove l'alluminio il vetro ed il cemento si rincorrono a tagliare lo spazio in spigoli e vuoti allegorici


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    anche al suo interno


    Immagine inserita


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    o nel "Giardino degli esuli"


    Immagine inserita



    dove, a fianco dell'edificio principale, uno spazio recintato su di un piano fortemente inclinato, un labirinto formato da silos di cemento in cima ai quali ulivi simboleggiano la resistenza degli ebrei al genocidio, testimonia della necessità di "ricordare"



    Immagine inserita



    Ma Berlino é sopratutto luogo di ritrovata tranquillità nel pacifico convivere di stili e culture (anche culinarie) decisamente diverse


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Luogo di sommo raccoglimento per chi vada in cerca di emozioni culturali:



    Immagine inserita


    l'isola dei musei circondata dallo Spree é uno dei posti più suggestivi della città, dove si annoverano alcuni tra i più importanti siti di archeologia e storia del mondo (o meglio i reperti che i tedeschi nei secoli sono "riusciti" a procurarsi nei loro "viaggi organizzati".... )



    Come dentro al Pergamon Museum


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    dove sono conservate vestigia che sono incredibile vanto della smania dell'Uomo di conservare la traccia di sé:


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    come la porta di Ishtar: smontata e ricostruita dentro questo Museo...


    Immagine inserita



    A Berlino insomma vi si trova tutto ed il suo opposto,


    dagli splendidi animali del suo zoo


    Immagine inserita



    agli omologhi impagliati al Museo di Storia Naturale


    Immagine inserita



    ancora...!


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    una città edificata per trasmettere sensazioni, e non soltanto da adesso...


    Immagine inserita


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    Immagine inserita



    una città che lega armoniosamente presente e passato


    Immagine inserita



    Immagine inserita



    una città che mi ha colpito ed in cui tornerò presto


    Immagine inserita



    © Max Aquila per Nikonland 2007

     

    • mag 07 2013 13:25
    • da Max Aquila