Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con Marumi

Ordina per                Ordina  
  1. Macrofotografia: Lenti addizionali Canon vs Mar...

    Dell'uso delle lenti addizionali in macrofotografia ho già parlato abbastanza estesamente qui e anche qui, questo mio articolo vuole  invece essere un test di due fra le migliori lenti addizionali in commercio: La Canon 500D e la Marumi DHG 330 Macro.
     
    Per completezza riassumo ugualmente cosa sono come funzionano e a cosa servono le lenti addizionali, per poi passare al confronto.
     
    Le lenti addizionali macro (close up lenses) sono degli aggiuntivi ottici simili a dei filtri. Si avvitano davanti all'obiettivo per diminuire la distanza di messa a fuoco e consentire così un rapporto di riproduzione maggiore rispetto a quello ottenibile con il solo obiettivo. 
     
     
    Ci sono due tipi di lenti addizionali quelle ad un elemento, economiche ma di qualità scarsa/o appena sufficiente e quelle a due elementi (doppietti acromatici) in cui le aberrazioni sono molto più corrette e, se accoppiate ad obiettivi adatti, possono dare dei risultati di alto livello qualitativo (professionale :marameo:).  Non paragonabile ad un vero macro ai bordi, ma se si accoppiano ad un buon obiettivo e/ si usa il formato Dx, o se il soggetto è centrale, di reali problemi non ce ne sono.
    Dei vantaggi e svantaggi rispetti ai tubi di prolunga ne ho scritto negli articoli che ho citato.
     
    Le lenti addizionali hanno diversa capacità di ingrandimento che dipende dal numero di diottrie della lente, tanto più alto, tanto maggiore l'ingrandimento, però anche maggiori le aberrazioni. 
     
     
    Il rapporto di riproduzione (RR) minimo ottenibile  con la lente e l'obiettivo  focheggiato ad infinito si calcola in vari modi;  il più semplice è: RR=diottrie della lente x lunghezza focale dell'obiettivo in metri ad es. una lente da 2 diottrie montata su un 100mm focheggiato all'infinito permette di ottenere un ingrandimento di 2x0,1=0,2 ossia 1:5. Naturalmente se anzichè all'infinito si 
    focheggia più vicino si avranno ingrandimenti maggiori (non di molto e il calcolo è un po' complesso).
    Da quanto ho scritto sopra  deriva che maggiore è la focale dell'obiettivo maggiore sarà il rapporto di riproduzione, ma bisogna tenere conto di due fattori: le lenti addizionali sono spesso ottimizzate per un range di lunghezze focali e focali tropo lunghe tendono a soffrire di maggiori aberrazioni.
     
    La distanza massima di messa a fuoco si può calcolare dividendo 1000 per il numero di diottrie: una lente da 1 diottria mette a fuoco a  1m, una da 2 diottrie a 50cm e così via.
     
    Come introduzione può bastare, veniamo alle lenti in prova.
     
     
    [attachment=107455:canomarumi.jpg]
     
     
    Le Marumi e (un po' meno) le Canon sono le lenti addizionali acromatiche più facilmente reperibili sul mercato. La Canon produce la 250 D (quattro diottrie) e la 500D  (due diottrie) la Marumi la DHG 200 (cinque diottrie) e la 330 (tre diottrie). I numeri che distinguono i modelli non sono casuali, corrispondono alla distanza massima di messa a fuoco in mm tra soggetto  e lente addizionale (non tra soggetto e sensore). 
     




    • mag 23 2017 07:55
    • da Silvio Renesto