Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

Risultati Ricerca

C'erano 1 risultati taggati con Giallo

Ordina per                Ordina  
  1. I Jpeg delle Nikon sono gialli?

     
    1. Introduzione.
    Sul World Wide Web tutto è possibile. E' accertato per esempio che Elvis Presley sia vivo, mentre Paul Mc Cartney è sicuramente morto da tempo. E che gli asini volano di notte.
    Una di queste interessanti voci è che le Nikon producano immagini gialle.
    Per assurdo direi che c'erano fin dal tempo della pellicola. Forse perchè il logo è giallo..quindi le immagini devono essere gialle. C'è una logica. E infatti le immagini Canon pare siano rosse. Logico di nuovo direi.
    Sia come sia è oggi possibile sfruttare i moderni metodi di analisi per verificare se c'è un fondo di verità e di divertirci parecchio durante tale lavoro.
    .
    2. Scopo e Descrizione del test
    Lo scopo è quello di misurare la precisione complessiva dei colori fotografati da un sensore Nikon con la macchina settata in modalità Jpeg. Cioè come si comporta una Nikon con "tutti" i colori, la questione del giallo è ...una nota di colore!
    .
    Il metodo è quello di fotografare dei colori di cui siano già conosciute a priori le coordinate colorimetriche e di confrontare i colori misurati sulle fotografie con quelli noti. E' chiaro che un'eventuale deviazione verso il giallo, per essere un difetto, deve essere presente "DOPO" la correzione del bilanciamento del bianco (WB). Altrimenti parliamo solo di difetto del rilevamento WB, cosa possibile, ma infinitamente meno interessante ed esoterica ;)
     
    Per semplificare il tutto si sceglie di riferire entrambe le situazioni e cioè la misurazione indipendente del soggetto e  il bilanciamento della Fotografia effettuata in un'unica condizione di illuminazione comune e cioè quella che neutralizzi un certo elemento riconosciuto come un certo grigio. Noi useremo le coordinate effettive della carta, che non sono perfettamente neutre, ma sono perfettamente conosciute.
    .
    Condurremo il test in una situazione di luce da studio con sorgenti di luce che approssimano l'illuminante D50.  Alla fine potremo solo dire se il sensore si è comportato bene oppure no, con questa illuminazione. Useremo una Nikon D800E con un 24-70 f/2.8 AFS-G
    .
    Per estendere il risultato a tutte le situazioni sarà necessario in futuro ripetere il test con altre sorgenti di luce. Ma per ora partiamo così.
    Utilizzeremo perciò delle test-chart cioè delle tavole di colore preparate in modo idoneo allo scopo.
    Ho deciso di sviluppare un metodo in-house senza usare il comune Imatest che a fronte di un impianto matematico interessante, presenta però sostanziosi problemi di "robustezza numerica". Questo è anche uno dei motivi per cui ho voluto lavorare con un numero molto alto di colori (1728) invece dei soliti 24 della CC24.
    Vorrei anche dire che sono cosciente delle molte approssimazioni effettuate, ma le giustifico tenendo in mente lo scopo del test e soprattutto l'ordine di grandezza dei valori che misuriamo in rapporto con gli errori commessi.
     




    • lug 27 2016 20:33
    • da Spinoza