Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
  • You cannot edit this record

Tokina ATX Pro 28-70 f/2,6-2,8 Uno zoom 'medio' di buona qualit? ad un ottimo prezzo -----

Submitted by: Adriano Max
Submitted: gen 06 2010 10:43
Last updated: gen 06 2010 10:43
Category: Obiettivi Sigma, Tokina e Tamron per l'innesto Nikon
Titolo : Tokina ATX Pro 28-70 f/2,6-2,8 Uno zoom 'medio' di buona qualit? ad un ottimo prezzo
Keywords : tokina .

Immagine inserita

Tokina 28-70 f/2,6-2,8 ATX Pro - il mio esemplare mostra evidenti segni di un pesante utilizzo


L'ottica in questione ? un progetto non pi? recentissimo (risale agli anni '90), ma tra gli zoom universali concorrenti rimane uno dei pi? temibili tra gli strumenti disponibili.

Immagine inserita


La prima impressine ? tattile: ? un ottica costruita utilizzando materiali di alta qualit? (dal duralluminio del barilotto alla gomma delle ghiere) e che trasmette sensazioni di robustezza e affidabilit?.

Il peso non ? trascurabile: circa 760gr, ottimamente bilanciato. Le ghiere di messa a fuoco e di zoomata sono larghe e comode, con una diversa texture che le fa riconoscere anche al tatto. La ghiera di messa a fuoco ha un meccanismo (dettaglio AF-MF nell'immagine sopra) che la disattiva allontanandola dal corpo macchina; tirandola verso il corpo macchina invece si riaggancia la messa a fuoco in manuale, posizione in cui ? meglio non usare l'autofocus per non sforzare i motori del corpo macchina. La messa a fuoco minima non ? il suo punto di forza: siamo a 0,7m dal piano pellicola.

Copre il formato 24x36 , quindi ? utilizzabile anche sui corpi macchina digitali con sensore di dimensioni ridotte.

Il nome completo dell'obiettivo ?: ATX 270 AF II PRO 28-70/2.6-2.8; il diaframma minimo ? f/22; il diametro dei filtri ? di 77mm.

Vi sottopongo ora alcuni scatti realizzati con la Nikon D200 appositamente per questo test di valutazione: ecco una pi? che classica bicicletta ! Nell'angolo in basso ho inserito un'ingrandimento dei freni anteriori (70mm f/5,6) .

Immagine inserita


Ecco quindi altri due scatti, di cui pi? sotto potete vedere una porzione ingrandita al 100% (ho lavorato con i jpeg). Sono stati eseguiti entrambi a f/5,6 e con un tempo di posa di 1/250 per la Galleria di Milano e 1/60 per la vetrata esterna del Duomo di Milano. Notate il dettaglio al bordo, nella seconda, della rete di protezione che ricopre le vetrate.

Immagine inserita Immagine inserita


Immagine inserita


Altri due scatti. Rispetto alle focali fisse il trattamento antiriflessi deve cercare di ridurre le interriflessioni di un gran numero di lenti (16 elementi in 12 gruppi per questo obiettivo): il contrasto, per quanto ottimo, ? leggermente inferiore ad un'ottima focale fissa.

Immagine inserita Immagine inserita


Faccio parlare le immagini: ecco uno scatto eseguito a 70mm di cui a lato ? visibile il dettaglio a due diaframmi diversi. A tutta apertura, a 70mm, lo zoom mostra una resa morbida; chiudendo tuttavia anche di un solo diaframma la resa migliora notevolmente.

Immagine inserita


Immagine inserita


Ancora una volta un test che parla chiaro in tre immagini: basta chiudere di uno stop per ottenere immagini di buona qualit?, specialmente al centro immagine. Per risultati in grado di rendere giustizia al sensore della D200 fino ai bordi ? invece necessario chiudere di due diaframmi; il miglior diaframma di quest'ottica ? intorno a f/5,6 - f/8.

La prima serie di foto riporta la qualit? al centro immagine ai tre diaframmi indicati; la seconda serie riferisce del comportamento all'angolo in alto a destra (l'immagine di riferimento ? sotto alle due serie).

Notare quanto cambi la qualit? ai bordi tra f/4 e f/8 e come rimanga sostanzialmente inalterata a centro immagine (due diaframmi !).

Immagine inserita


Immagine inserita


Immagine inserita


Ecco infine uno scatto effettuato a f/8 e alla minima distanza di messa a fuoco (tutti gli ingrandimenti e i ritagli sono al 100%):


Immagine inserita


______________________________________________________________________________

In sintesi :

Pro :

Eccellente costruzione meccanica
Ottima qualit? ottica se si ha l'accortezza di chiuderlo di uno o due diaframmi
Colori squillanti, ottimo contrasto per uno zoom
Molto utile il meccanismo AF -MF
Costo molto contenuto, specie se reperito sul mercato dell'usato (150-250?)

Contro :

A tutta apertura (f/2,8) la resa ? morbida, specie sulle focali medio-lunghe
Il blocco della ghiera dei diaframmi potrebbe essere progettato meglio
La minima distanza di messa a fuoco ? di 0,7m

Giudizio Finale : UNO ZOOM DI QUALITA' AD UN PREZZO ACCESSIBILE

Si tratta a mio avviso della miglior scelta possibile tra gli zoom di questa classe, specie se si prevede un utilizzo intenso e continuo e non si pu? accedere ai prezzi delle ottiche originali.

L'ottica ? straordinariamente robusta e ben progettata. L'autofocus ? veloce e preciso. L'affidabilit? sul campo si ? rivelata ineccepibile.

La qualit? ottica, su pellicola, ? gi? ad un livello buono chiudendo a f/4. Su digitale un livello analogo si raggiunge chiudendo di un paio di diaframmi (f/5,6). A tutta apertura la morbidezza alle focali lunghe pu? essere apprezzabile in foto di ritratto. Le mie considerazioni e le immagini che ho portato per sostenerle sono da considerarsi estremamente critiche: per utilizzatori meno esigenti la qualit? dell'obiettivo ? generalmente buona in ogni condizione di utilizzo.

Altre immagini effettuate con questa ottica sono visionabili sul sito http://www.adrianomax.it

? Adriano Max per Nikonland 2006

Commenti a questo test qui
Articoli simili : Tokina AF ATX SD 80-200 f/2,8 [Test] Lo zoom tele luminoso per tutte le tasche

  • You cannot edit this record
Array
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi