Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
  • You cannot edit this record

Sigma 120-300 F2.8 HSM APO [Test] La via economica per il 300 F2.8 -----

Submitted by: Lieve
Submitted: gen 21 2010 11:17
Last updated: gen 21 2010 11:17
Category: Obiettivi Sigma, Tokina e Tamron per l'innesto Nikon
Titolo : Sigma 120-300 F2.8 HSM APO [Test] La via economica per il 300 F2.8
Keywords :
Potrebbe bastare questa carrellata di foto a valutare l'eccezionale valore di uno zoom proposto dal pi? attivo e coraggioso produttore "universale", unico e migliore esponente della fascia 100-300 con luminosit? massima F2.8 :


Immagine Allegata: _DSC2616.JPG


Colori saturi, come da tradizione Sigma




Immagine Allegata: DSC_7149.JPG


Ottimo sfuocato



Immagine Allegata: _DSC2506.JPG


Resa omogenea sui vari piani



Immagine Allegata: _DSC1000.JPG


Nitidezza



Immagine Allegata: _DSC2570.JPG


Doti motoristiche anche in presenza di disturbi in primo piano



Immagine Allegata: _DSC2568.JPG


Velocit? di messa fuoco e maneggevolezza anche senza appoggi



Buona tenuta anche con una duplicazione spinta ottenuta con l'ottimo Sigma APO 2x :


Immagine Allegata: _DSC0932.JPG Immagine Allegata: _DSC1231.JPG


Immagine Allegata: _DSC1206.JPG Immagine Allegata: _DSC1590.JPG


Immagine Allegata: _DSC1531.JPG Immagine Allegata: _DSC1810.JPG


Immagine Allegata: _DSC1783.JPG



La capacit? di congelare il momento restituendo tutti i dettagli dell'immagine :


Immagine Allegata: _DSC1129.JPG


Immagine Allegata: _DSC2534.JPG



Il tutto offerto ad un prezzo particolarmente interessante, dato che nuovo costa meno di un 300/2.8 Nikon usato (intorno ai 2.400 euro) mentre usato - a trovarlo ! - viene intorno ai 1.200 euro.

Cui ? il caso di aggiungere 90 euro per il duplicatore che lo trasforma in un ottimo zoom 240-600/5.6 !


Abbiamo trovato l'obiettivo perfetto ?


Al tempo, parliamone ...


Non ? un peso piuma.


Eccolo ripreso attaccato ad una D2 :


Immagine Allegata: _DSC3299.JPG


Immagine Allegata: _DSC3301.JPG



Immagine inserita


Il paraluce



Dispone di un buon paraluce metallico con aggancio a baionetta, poco ingombrante che si sistema per il trasporto ripiegato sull'obiettivo.

Ha il classico involucro protettivo in similpelle per proteggere la lente anteriore del diametro di 106 mm.


Viene consegnato con un astuccio in cordura resistente come tutti gli obiettivi Sigma della serie EX (quella professionale con la finitura zigrinatura e la verniciatura grigia).


Pesa circa 2,6 chilogrammi, ? composto da 18 lenti in 16 gruppi.

La messa a fuoco minima ? di 150 cm alla focale di 120 mm e di 250 cm alla focale di 300 mm.


In realt? la focale massima, all'infinito non supera i 280 mm.


Il diaframma ? a 9 lamelle (e lo sfuocato ringrazia).


Il collarino per il treppiedi ? buono ma Sigma ne vende uno opzionale pi? efficiente, robusto e anatomico che consente di trasportare agevolmente l'obiettivo e il corpo macchina impugnandolo saldamente.


Andiamo ai difetti costruttivi principali :


- la ghiera dello zoom ruota al contrario rispetto a quanto siamo abituati. Non ci sono spiegazioni e quindi bisogna farci l'abitudine.

- non ? previsto un cassettino porta filtri posteriore, quindi gli eventuali filtri devono essere posti sull lante anteriore. Dato il diametro, un polarizzatore adatto per questo obiettivo da 106 mm di diametro, costa come uno zoom di fascia media della stessa Sigma !

- sebbene il motore HSM sia di ottima qualit?, si lamentano in vari casi esemplari con vari problemi di messa a fuoco (back focus in generale oppur messa a fuoco con una ripartizione tra davanti e retro di proporzioni diverse all'ideale)


Tutto sommato non si tratta di pecche mortali, dato il costo complessivo dell'apparecchio.


Ci? che ho lamentato di questo obiettivo ? la scarsa tenuta complessiva in condizioni di scarsa luce e alta sensibilit?, come in questi scatti al rugby :


Immagine Allegata: DSC_7592.JPG Immagine Allegata: _DSC3444.JPG

Immagine Allegata: _DSC3457.JPG Immagine Allegata: _DSC3460.JPG


dove la resa complessiva (e anche la messa a fuoco) vengono duramente messe alla prova.


Stesso discorso per i controluce e i riflessi sull'acqua.


In questa foto ? presente una compilation completa di flares e ghost con flange di aberrazione cromatica :


Immagine Allegata: _DSC1176.JPG



Dettaglio :



Immagine Allegata: _DSC1176dett.jpg



Devo precisare che la versione che ho provato era la prima, non la DG, l'ultima con un trattamento antiriflessi che Sigma assicura essere stato messo a punto proprio per correggere questi difetti ed assicurare il miglior risultato in digitale.


Un obiettivo per foto in giornate di bel tempo ?


Immagine Allegata: _DSC1914.JPG



Gaurdando questo scatto direi proprio di si.


In conclusione, si tratta di un obiettivo che fa la felicit? di ogni fotografo naturalista. E' proprio in quest'ambito che secondo me il Sigma 120-300/2.8 da il meglio di se, specialmente in abbinamento all'ottimo duplicatore che Sigma ha progettato per quest'ottica e per il 70-200/2.8 HSM.


Al di la della mia antipatia per la finitura EX (troppo prona a sporcarsi) mi sono trovato benissimo con questo obiettivo che ho ceduto solamente per finanziare l'acquisto dell'eccellente Nikon 300/2.8 AF-S Mk I, prossimo oggetto di test sul campo.


Commenti e contributi bene accetti, qui
Articoli simili :
  • You cannot edit this record
Array
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi