Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon F90x : tra pellicola e digitale

Nikon F90x N90s Kodak digital science Kodak DCS-410 Nikkor Nikon AF-D Matrix 3D Focus tracking Nikon MB-10 Trap focus

il mio cavallo da battaglia sul lavoro

Immagine Allegata:  0003_D4H1214 23012016  Max Aquila photo(c).JPG

 
Questa e' la storia di una macchina fotografica piuttosto anomala nel panorama Nikon: una di quelle che hanno costituito ponte tra vecchio e nuovo, ma cui non e' stato tributato nessun onore, neppure tardivo, prima di precipitare con tutti gli sforzi profusi, nell'oblio della tecnologia obsoleta.
Parlo della Nikon F90x (N90s negli USA) nata nel 1994, due anni dopo la sorella F90 e due anni prima della rivoluzione F5.
 
Eppure nella considerazione dei progettisti, questa macchina e' stata una liason tra le consapevolezze del passato piu' remoto della casa di Tokyo e la modernita' dell'avvicinamento al digitale ormai prossimo.
 
E' un modello a se': non ha collegamenti tecnico-stilistici con le precedenti F801s /F601 e nemmeno con le successive F80/70/60/50.
 
E' stata un banco di prova e ha prodotto risultati eccellenti che si sono poi trasferiti sul capolavoro delle reflex a pellicola non "ammiraglie", vale a dire la F100 del 1998, che ne e' la naturale evoluzione.
 

Immagine Allegata:  0002_D4H1212 23012016  Max Aquila photo(c).JPG

 
Di questa strana e sottovalutata (anche nei ricordi) reflex a pellicola ho due esemplari, a lungo usati per i miei lavori da fotografo di matrimoni, prima dell'avvento delle prime DSLR.
Una e' un esemplare statunitense, appunto siglato N90s: entrambe sono gravate da evidenti segni di uso, ma sopratutto da quello che e' stato il problema principale delle Nikon di quel periodo, ossia il rivestimento dei dorsi macchina che nel tempo  (e col mancato utilizzo) e' diventato prima appiccicoso e poi si e' spellato: mi dispiace anche perche' una delle due macchine e' dotata anche di uno dei due dorsi pellicola dedicati, il piu' completo, MF26
 

Immagine Allegata:  0001_D4H1205 23012016  Max Aquila photo(c).JPG

 
dotato oltre che delle tradizionali funzioni di impressione dati, anche di una modalita' di AF supplementare, il focus trap che consiste nel fissare un punto sul quale, non appena il soggetto passera', il dorso consente lo scatto.
 
Entrambi gli esemplari sono ancora ben funzionanti e non hanno risentito del lungo periodo di inattivita' che ho loro, ineluttabilmente,  imposto.
 




Test: Yes



7 Comments

Foto
Mauro Maratta
gen 24 2016 07:01

Anche questa ... lo dico senza mezze parole, brutta quanto un videoregistratore degli anni '80, di quelli che io mi rifiutavo di imparare ad usare.

 

Si sarà guadagnata la sua meritata fama grazie a meriti effettivi, sta di fatto che io sono rimasto fuori dal mercato per tutto il periodo delle AF fino all'uscita della F5.

E non me ne pento ;)

Foto
Max Aquila
gen 24 2016 07:43

Anche questa ... lo dico senza mezze parole, brutta quanto un videoregistratore degli anni '80, di quelli che io mi rifiutavo di imparare ad usare.

 

Si sarà guadagnata la sua meritata fama grazie a meriti effettivi, sta di fatto che io sono rimasto fuori dal mercato per tutto il periodo delle AF fino all'uscita della F5.

E non me ne pento ;)

Io che invece in quel periodo fotografavo e lavoravo fotografando, era con queste macchine che dovevo avere a che fare.

Le Canon erano piu' veloci e performanti, ma (eccetto l'ammiraglia), dei puri cessi di estetica, ergonomia ed ispirazione tecnologica: quelle si che sembravano lavatrici invece che fotocamere, con i loro selettori per dummies con le icone invece delle lettere.

Il concetto di estetica, anche allora, giocava tutto a favore di Nikon.

Chi usava, come te macchine come FA, FE, FM e simili (Contax, Pentax, Yashica...x) era del tutto fuori dal gioco:

forse ben di piu' di chi oggi continui a fotografare con la fidata D300  :marameo:

É stata la mia seconda Nikon, quando iniziai a campare di fotografia. 

La acquistai, usata, per affiancarla alla F100... E diventó la mia prima scelta per le foto con il flash. 

A differenza della piú nuova, trovavo che il comportamento della F90x era migliore quando le si abbinava all'SB-28 con lettura Matrix. Mi interessava soprattutto la sua tendenza ad illuminare l'intera scena in luce mista, quando la F100 sottoesponeva immancabilmente la luce flash nel disperato tentativo di restituire la giusta esposizione su qualunque cosa si trovasse in primo piano. 

 

Per il resto (luce ambiente), le due macchine erano perfettamente equivalenti (le usavo sempre con lettura Media, in "A" compensando l'esposizione, e quasi sempre in MF). 

 

Per tutti gli anni precedenti alla D1x (che decretó la vendita della F90x a favore della mai veramente apprezzata FM-2), la F90x era quasi sempre destinata alle pellicole piú sensibili, lasciando alla F100 le meno veloci. 

 

L'ho molto piú che apprezzata, e con l'arrivo del digitale decisi di vendere lei invece della F100 solo perché l'altra aveva la calotta danneggiata, quindi ricavai piú soldi dalla vendita della F90x. 

 

L'unico difetto che le ho mai rimproverato era la mancanza della ghiera per comandare i diaframmi, che imponeva di andare a rincorrere la minuscola ghiera sull'obbiettivo degli zoom luminosi come il 17-35/2.8. 

Per il resto, mi era perfetta. :)

a_

Foto
Mauro Maratta
gen 24 2016 10:50

[...]

Chi usava, come te macchine come FA, FE, FM e simili [...] era del tutto fuori dal gioco:

forse ben di piu' di chi oggi continui a fotografare con la fidata D300  :marameo:

 

Infatti all'epoca io fotografavo, come fa ancora il 75% dei presenti, cose ferme e immote, oppure distanti e in moto lento ;) e fotografavo una frazione infima di quanto fotografo oggi.

Che non riesco a considerare nulla di meno di una D810-D500-D5-D850-D900 per la fotografia seria.

 

;)

Foto
Tiziano Manzoni fototm
gen 24 2016 12:22
Parliamo con la nostalgia... Io le ho avute ne avevo tre due con mb una senza... Sono le macchine che mi hanno dato soddisfazione parlando di af... Le ho, adorate e ho pianto quando uscito dello stadio, in attesa dei soliti tafferugli era di prassi fermarci a un barattino che ci faceva dei caffè anche se chiuso...in attesa di scoppi di bombe carta... Noi stavamo defilati ma a 300 metri da blocco polizia è uscita tifosi...Bhe fu così che la mia adorata,croma Fiat veniva rubata senza che nessuno di noi se ne accorgesse, ma manco i 1000 poliziotti sparsi... C'era dentro la mia totale attrezzatura essendo io di rientro da un matrimonio e dovendo coprire la partita la sera... 300 2'8 afd... Il mio amato 851'4 4 metz 45 un 60 ct1... Tre f90x due fm 2 una f3 insomma in lire 40 milioni... Mai più ritrovata... Anche se avevano una particolare le mie f90x avevano le cinghie della f5 perché il mio collega le sostituì con le mie...ho amato quella macchina come ho amato le fm2 e le f3 l'ho trovata migliore della f4 leggera veloce...
Foto
Valerio Brùstia
gen 24 2016 14:04
Mamma mia! Secondo me sta storia occupa ancora i tuoi incubi notturni.

Fa male già solo a leggere, figurati a viverla una situazione così.

La mia seconda Nikon AF, grande reflex! robusta, leggera sapeva il fatto suo. 

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi