Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Duplicare Dia Con Nikon Es-1


Cesare Pavese scrisse: “Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi.”
Io dei viaggi passati ricordo meglio gli attimi, appunto, che ho voluto immortalare su pellicola. Vuoi per il fatto che non potevo sbagliare, quindi ci mettevo molto impegno, vuoi perché il processo nell’analogico è più lungo, è fatto di più attenzione ma anche di attese, ma anche perché con l’analogico si stampava di più e le stampe hanno un’altro impatto rispetto al monitor.
 
Fotografia e viaggi: inscindibili. Al punto che per potermi dedicare completamente alla fotografia grande formato viaggiavo da solo. Poi è arrivato il digitale e le diapositive sono rimaste al buio.
Le avevo già stampate, quelle che ritenevo migliori, ma non erano fruibili e condivisibili in rete. Bisognava “scannarle”. Ma a che prezzi e con che qualità?
Con il 4”x5” il problema l’ho risolto con uno scanner piano di prezzo abbastanza modesto (HP Scanjet 4050G) e tanta pazienza, specie nel ritoccare i files da polvere e pelucchi. 400 lastre in 18 mesi, tutte le scansioni però accettate da iStock Photo.
 
Rimangono le Velvia 50, Kodachrome 25 ed i negativi. Provai con la D300 il 60 Micro ed un visore per pellicole piane a 5500°. Una schifezza! Troppo contrasto, perdita di dettaglio nelle ombre, colori falsati. Ho lasciato il progetto nel cassetto fino a quando dal mio spacciatore ho trovato un simpatico accessorio: il Nikon ES-1, nel mercato del usato ho trovato un ancor ottimo 55 Micro f/2,8 ed il suo tubo dedicato PK-13.
 


Immagine Allegata: 1.jpg


 


Immagine Allegata: 2.jpg


 


Immagine Allegata: 3.jpg


 


Immagine Allegata: 4.jpg


 
 
Ho assemblato il tutto sulla D3X. Nel complesso un kit molto compatto e solido, facile da gestire. Per l’illuminazione non ho avuto esitazioni, Spectra Led Light 500 di Manfrotto. Temperatura colore ottimale, costante, ben diffusa  se usata ad una certa distanza (circa 15/20 cm.).
Gli scatti, in RAW, sono stati sviluppati in Camera Raw e, quando necessario con Color Efex Pro. 
I risultati mi hanno soddisfatto pienamente. Certo la grana rimane. Ingrandire un francobollo di 24 x 36 mm. non è certo come ingrandire un fazzoletto di 100 x 130 mm. ma questo è un limite del formato della pellicola. Da Velvia i risultati migliori. Con Kodachrome ho avuto più problemi di contrasto.
Altri esempi (Valle della Morte, Foresta Pietrificata, White Sands:
 
 
 


Immagine Allegata: 5.jpg


 


Immagine Allegata: 6.jpg


 


Immagine Allegata: 7.jpg


 


Immagine Allegata: 8.jpg


 


Immagine Allegata: 9.jpg


 


Immagine Allegata: 10.jpg


 


Immagine Allegata: 11.jpg


 


Ora passo ai negativi con qualche escamotage perché l'accessorio descritto è nato solo per trasparenze montate in telaietti standard.


 


 


 

A proposito di pellicole e loro differenze:
Uno scatto con Kodachrome come scannato ed a fianco lo stesso corretto con Camera RAW. Diminuito il contrasto di circa il 50%, scaldata l'atmosfera, aperte le ombre ed il bianco.
 
Immagine Allegata: 12.jpg                                              Immagine Allegata: 13.jpg
 

Altro esempio con Kodachrome:
 
Immagine Allegata: 14.jpg
Immagine Allegata: 15.jpg
 
Non sono soddisfatto, anche il Kodachrome non mi ha mai esaltato per i paesaggi. La trovo troppo fredda anche dalle stampe Cibachrome. 
 
 
Illuminazione
Quando fotografiamo, di solito, interpretiamo il visibile e non solo. Quando scattiamo vogliamo impressionare il supporto anche dei nostri sentimenti, sensibilità, umore, arte, idee. Nella riproduzione di ciò che abbiamo già espresso e goduto, dovremmo cercare di rappresentare fedelmente l’originale. Certo oggi possiamo anche migliorare e potenziare il messaggio originario in post produzione, ma questo è un altro discorso, siamo oltre la fase di riproduzione.
Diciamo che vogliamo partire da una riproduzione fedele de l’originale. Come? Ma ovviamente con la luce.
Quale luce? Quale tipo di illuminazione è più adatta allo scopo? I parametri fondamentali per me sono: Temperatura colore, uniformità di illuminazione.
 
Lampade ad incandescenza: 
Eviterei le lampade ad incandescenza, la fisiologica usura fa perdere parte della loro potenza, spostando lo spettro delle stesse verso il rosso, abbassando la temperatura colore. Le alogene inoltre scaldano molto. Qualcuno ricorda l’effetto della lampada del proiettore sulle trasparenze?
Nel secolo scorso esistevano apparecchi con lampada alogena e tre filtri dicroici in modo da eliminare le dominanti di colore. Ma parliamo di analogico…
Altro impiccio è la dispersione della potenza luminosa dal centro alla periferia se non opportunamente diffusa. La vignettatura, è vero, la possiamo controllare in PP, ma non dimentichiamoci che lavoriamo su una diapo con i suoi limiti originari. Meno interveniamo meno danni causiamo.
 

Immagine Allegata: 16.jpg


 

Il lampeggiatore
Perché usare un lampeggiatore, la cui fonte luminosa non è controllabile, per soggetti immobili? Unico motivo: la temperatura colore ideale costante. Situazione migliore con lampada pilota incorporata.
 

Luce naturale
Usare una finestra ben illuminata è molto economico e facilmente disponibile, ma il sole si sposta continuamente variando anch’esso la temperatura cromatica.
 


Immagine Allegata: 17.jpg


 
Abbiamo quindi necessità di una fonte luminosa di qualità, quantità costante e controllabile.
Personalmente ho trovato soddisfazione nelle lampade a LED. Non abbiamo bisogno di lampade grandi e costose. La diapositiva è piccola ma va illuminata ad una certa distanza (circa 20 cm.) per evitare le ombre di ciascun LED sulla DIA.
 


Immagine Allegata: 18.jpg


 
Quindi, se non vogliamo usare tempi di esposizione che ci mettano a rischio di micromosso meglio sia potente. 36 LED a 5600°K, 420 Lux a un metro sono sufficienti.
 
 


8 Comments

Foto
Silvio Renesto
ago 18 2014 11:27

Interessante, ho anch'io il duplicatore , e un sacco di dia in attesa, la luce led è un ottimo suggerimento che proverò.

:)

Ciao, la tua soluzione la utilizzavo in "era" analogica per duplicare le diapositve con la KODAK EKTACHROME SLIDE DUPLICATING.

I miei scatti analogici venivano effettuati al 90% con diapositive, quando volevo stampare mi  affiadavo al cibachrome. Con l'arrivo del digitale la maggior parte dei laboratori, per la stampa delle diapositive,  hanno cominciato a lasciare il cibachrome ( i pochi che lo trattavano aumentavano ulteriormente i costi ) affidandosi alla scansione. sono cominciati i problemi: non tutti i laboratori fornivano scansioni di alto livello, quelli che lo facevano avevano dei costi alti. Cominciai quindi a pensare la soluzione migliore per fare da solo.  In principio ho continuato ad utilizzare il duplicatore di diapositive utilizzando la KODAK VERICOLOR INTERNEGATIVE FILM, praticamente ottenevo dei negativi che poi stampavo. Ma la soluzione migliore per me è arrivata da quando ho cominciato ad utilizzare scanner dedicati. Non potendo permettermi uno scanner a tamburo virtuale ho testato alcuni scanner,  alla fine scelsi quello che aveva il miglior rapporto qualità/prezzo per le mie tasche, un Konica Minolta Dimage Scan Elite 5400II ( in questo modello, a differenza del primo, la fonte di ulluminazione è LED). Non mi sono mai pentito della scelta, lo utilizzo ancora oggi, qui e qui potrete vedere il risultato di scansioni da Kodachrome 100VS, 64,Velvia 50 e 100, Provia. Qui scansioni ottenute da Kodak Supra 100, T400 CN tirata a 1600, TMax400.

Ciao

Foto
Valerio Brùstia
ago 19 2014 14:07
Io da otto anni uso il nikon ls5000ed e va bene,pero' benedetto lo mazzo. La proposta di dueeotto e' molto accattivante piu' che altro per ridurre i tempi di digitalizzazione che fan diventare vecchi! Io ho fatto qualche prova con il 55micro e l'anello per raggiungere 1:1 con la D800 ma ho desistito perche' cio' che ottenevo era un risultato comunque iforiore alla scansione con il Nikon. Certe che, se riuscissi .... Ai tempi ho stampato pochissime dia, i risultati su cibachrome sono sempre stati piu' che penosi. I primi risultati che facevano vedere un orizzonte luminoso per le stampe da dia li feci nel 1996, scansione e stampina a sublimazione e si cominciava a ragionare. Ma il salto in avanti arrivo' due anni dopo con la prima epson a getto. Non mi sembrava vero! Altro che cibachrome o internegativo ammazzacolori. Ma perche' racconto ste cose? Boh. Grazie duevirgolaotto, ci devo riprovare con opportuno accessorio per dia e fonte a led. Un saluto Valerio

Pure il sottoscritto ha uno scanner dedicato Nikon ma, come giustamente dice il proff. Valerio.. i tempi ti fanno venire il latte alle ginocchia..

Ora.. una Dsrl..non l'ho più.. ma ho il sistema 1, l' accrocchio ES 1, ha uno costo da fuori di zucca.. ma ho anche il piano luminoso a luce calibrata.. uno stativo da riproduzione, piccolo.. non quello originale.. ora stò aspettando un anello  di riduzione e poi ci provo..

Di una cosa sono già certo.. sarà infinitamente meglio dei vari  scannerini  " a torre " li ho sentiti chiamare così.. da pochi euri..  o meglio, ho visto che arrivano sino ai 150 € circa.. ma non li valgono..

 

Ora proveremo così.. in fondo di dia da scansionare ne ho poche.. o meglio; di diapositive ne ho una valanga.. ma che poi scansiono..

Io da otto anni uso il nikon ls5000ed e va bene,pero' benedetto lo mazzo. La proposta di dueeotto e' molto accattivante piu' che altro per ridurre i tempi di digitalizzazione che fan diventare vecchi! Io ho fatto qualche prova con il 55micro e l'anello per raggiungere 1:1 con la D800 ma ho desistito perche' cio' che ottenevo era un risultato comunque iforiore alla scansione con il Nikon. Certe che, se riuscissi .... Ai tempi ho stampato pochissime dia, i risultati su cibachrome sono sempre stati piu' che penosi. I primi risultati che facevano vedere un orizzonte luminoso per le stampe da dia li feci nel 1996, scansione e stampina a sublimazione e si cominciava a ragionare. Ma il salto in avanti arrivo' due anni dopo con la prima epson a getto. Non mi sembrava vero! Altro che cibachrome o internegativo ammazzacolori. Ma perche' racconto ste cose? Boh. Grazie duevirgolaotto, ci devo riprovare con opportuno accessorio per dia e fonte a led. Un saluto Valerio

 

Per il momento non credo ci sia nulla di meglio del Nikon 5000ED, a parte lo scanner a tamburo...

Il problema velocità dipende molto dall'ICE inserito o meno, inoltre mi auguro tu possieda questo indispensabile accessorio per la scansione/archiviazione DIA:

 

Nikon_SF-210_Auto_Slide_Feeder_for_Nikon

Foto
Mauro Maratta
ago 25 2014 15:21

Ma state citando apparecchi da tempo fuori produzione e disponibili solo sull'usato (e non a poco, per esempio, il Nikon 5000ED o il 9000ED per chi ha medio formato).

 

Una reflex ad alta risoluzione adesso è alla portata di tutti, o già tutti ce l'hanno e fare uno scatto ad una dia se il set è pronto, porta via un solo click ;) mica minuti e minuti (ICE or not) :(

Ma state citando apparecchi da tempo fuori produzione e disponibili solo sull'usato (e non a poco, per esempio, il Nikon 5000ED o il 9000ED per chi ha medio formato).

 

Una reflex ad alta risoluzione adesso è alla portata di tutti, o già tutti ce l'hanno e fare uno scatto ad una dia se il set è pronto, porta via un solo click ;) mica minuti e minuti (ICE or not) :(

 

Certamente Mauro, con l'ES-1 e una buona full frame i risultati sono molto buoni e sicuramente il Nikon 5000 ED e soci non valgono la spesa nel 99% dei casi.

Però visto che Valerio ce l'ha e lo usa... l'SF-210 è una manna... e mentre va, tu puoi fotografare/fare altro...

Il Nikon si, è il migliore, ma il prezzo era e rimane molto alto. Ho detto rimane perchè cercando lo si trova ancora nuovo. Parlando di tempi di attesa e risultato finale la mia scelta ricade tuttora sulla scansione.

Un saluto

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi