Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Datacolor SpyderLens Cal




DataColor è sicuramente più famosa per le sue sonde di calibrazione della serie Spyder.

Recentemente ha aggiunto ai suoi prodotti questo simpatico accessorio che serve per mettere a punto la messa a fuoco fine degli obiettivi.

Si compone essenzialmente di una mira ottica graduata in plastica :

Immagine Allegata: _DSC4887.jpg

piuttosto robusta e ripiegabile. E' in sostanza un'asta graduata che si incastra a 45° di fianco ad un riquadro rettangolare.
Sotto è presente un attacco a vite per treppiedi da 3/8'', adattabile a qualsiasi stativo per luci.

Oggi l'ho voluto usare per verificare la messa a fuoco del mio Sigma 50/1.4 HSM a tutta apertura sulla D800E perchè a occhio ho notato qualche indecisione.

Immagine Allegata: _DSC4891.jpg

Ho fatto il test in luce ambiente, mettendo lo SpyderLens su uno stativo cinese e la D800E su un treppiedi leggero Hama.

Per complicarmi l'esistenza ho connesso la D800E al portatile ed ho gestito l'operazione via Camera Control Pro 2, verificando i file con Nikon View NX2.
Non è un passaggio necessario, ritengo che l'immagine a monitori dia già una prova più che sufficiente ma potendo, perchè no ?

Con l'occasione ho così potuto verificare che entrambi i programmi Nikon funzionano tranquillamente con Windows 8 ( ;)).

Immagine Allegata: _DSC4889.jpg
Le due schermate di controllo di Camera Control Pro 2

Immagine Allegata: _DSC4888.jpg
L'immagine ingrandita in Nikon View NX 2

In questo modo ho la possibilità di andare a modificare (eventualmente) la messa a fuoco fine della fotocamera, scattare nuovamente e verificare i vari scatti tra loro.
Ho anche l'opportunità di fare "la prova del nove" scattando infine sul rettangolo verticale per vedere se - ammesso che io abbia messo in bolla il Lens Cal - ci sono problemi anche fuori centro.

Nel mio caso è risultato che il Sigma è nella norma. Le variazioni di messa a fuoco dipendono essenzialmente dalla corretta messa in fase dei vari componenti del test.
La riprova l'ho avuta impostando dei valori di compensazione AF fittizi. Il risultato è peggiorato.

Insomma, sulla D800E a TA il Sigma 50/1.4 HSM è semplicemente meno pulito di quanto non sia con D3x e D4.
Ma va benissimo così in quanto io tendo ad usarlo ad F2.

Sottolineo come l'esperienza mi abbia sostanzialmente confermato la semplicità di uso di questo strumento ma ricordato come la sua attendibilità dipenda essenzialmente da vari fattori di messa punto, in particolare messa in asse e in bolla che nel video fornito dal costrutture vengono del tutto trascurati a mio avviso per semplice superficialità o comunicazione votata al marketing.

(le foto di contorno sono state scattate con la Nikon V1 e il 18.5/1.8. La Lens Cal è stata acquistata da Aproma a circa 75 euro. Un prezzo salatino ma tutto sommato adeguato al marchio e alla fattura dell'oggetto).


16 Comments

Bel lavoro.. ne ho acquistato uno tempo fà, e lo provai con il 300 AF-s e tutto in regola, ora visto che rudolf mi ha fatto ricordare di avere l'oggetto, vedo di dare una rispolverata.. confermo per quanto l'ho usato che il suo lavoro lo fà e bene.. in fondo è anche una questione di.. pazienza e un pizzico di pignoleria..
Foto
Bernardo Gattabrìa
gen 07 2013 09:19
sai il prezzo dell'oggetto, Mauro?
Foto
Mauro Maratta
gen 07 2013 09:31
E' caruccio. Sui 70-80 euro.

Non basterebbe un foglio/righello/3pile e risparmiare quelle 60/80euro ?
Effettivamente se consideriamo che compriamo un obiettivo da 600€ ed oltre, che non ci dara mai la massima nitidezza per mancanza di una "calibrazione perfetta" ... :GrattaTesta:


ago.. non vale la pena.. per quanto fatto bene il nostro sarà quasi sempre perdente.. e non dimenticare il tempo che impieghi a fare una cosa simile.. questa è fatta e ti resta..

ciao e buon anno..
Foto
Massimo Vignoli
gen 07 2013 22:41
Ciao, segnalo che, nel genere, esistono due prodotti a mio parere migliori:
* Il LensAlign, che dispone di un meccanismo per la verifica dell'allineamento tra mira e sensore, necessario per ottenere una perfetta calibrazione, e di un regolo graduato molto più lungo, utilissimo nel tarare i lunghi teleobiettivi, soprattutto se moltiplicati (e che quindi vanno tarati da molto lontano, circa 15-25 volte la focale).
* Il FocusTune, un software che serve ad automatizzare la verifica sulla regolazione che ottiene il miglior risultato (utile ma non indispensabile ed, in ogni caso, da usare in abbinamento al LensAlign: da solo non fornisce risultati totalmente risolutivi).

Entrambi sono prodotti e venduti da michael tapes design.

Purtroppo - visto che calibrare macchine ed obiettivi è molto noioso - negli anni mi sono fatto un discreto know how sul come farlo.
In ogni caso suggerisco a tutti i possessori di tele luminosi di investire i soldi ed il tempo necessari, a mio parere può veramente fare la differenza!

Ciao

Massimo
Foto
takeaphoto
gen 16 2013 19:49
L'argomento mi interesa tant'è che a dicembre ti avevo già chiesto personalmente come potevo fare la taratura fine e se fosse veramente necessario.

Segnalo un software che ha preso recentemente un amico, trattasi del Reikan FoCal Lens Calibration.

Metto anche il link: http://www.reikan.co.uk/focalweb/ per chi fosse interessato.

Appena abbiamo un week end libero con una bella giornata facciamo la taratura delle nostre lenti così poi ne do conto anche ai soli fini statistici; se su una decina di lenti o più ci fosse bisogno di una correzione per diverse .... beh! non sarebbe una bella cosa ed allora mi chiederei perché non includere sw gratuiti per fare la procedura nelle confezioni dei corpi macchina e/o delle lenti.
Foto
massimo_r
gen 24 2013 19:13
Quale e' la distanza corretta per fare il test?
Mi pare di ricordare di aver letto che sia pari a 50 volte la focale; nel video mi sembra che la fotocamera sia invece molto più' vicina.
Foto
Mauro Maratta
gen 24 2013 19:39
Il manuale fa questa raccomandazione :



Distanza ottimale = distanza utilizzata di frequente /
lunghezza focale x 30~50, ad es. 35 mm x 30~50 =
105~175 cm


ma dice anche :



Per calibrare gli obiettivi, si consiglia di tenere la
macchina fotografica a una distanza da SpyderLensCal
corrispondente alla distanza con cui normalmente si
scattano le fotografie con ciascun obiettivo. SpyderLensCal
e la macchina fotografica devono sempre essere in
posizione parallela, alla stessa altezza, con la parte
frontale dell’obiettivo parallela al lato anteriore della
tavola cromatica di SpyderLensCal.

L'ho preso, approfittando di un'offerta su Amazon.
Mi rimane il dubbio sull'effetivo controllo che si ha sulla messa in asse del sistema.
Per la messa in bolla non ci sono problemi, ne con il "coso" ne con la macchina (e se si ha in piú una bolla da mettere sulla slitta flash é ancora meglio).

Ma se tutto il sistema non é in asse, non serve praticamente a nulla.
É inutile infatti avere una scala precisa al mezzo millimetro, se poi l'area di messa a fuoco non coincide con la stessa precisione allo zero della scala.
Sono perplesso...
Sarebbe stato semplice aggiungere una mira, del tipo di quelle usate dagli arceri, per garantire l'ortogonalitá del sistema.
a_
Ce l'ho anch'io e non ho ancora capito se è utile. Come Andre_ ho sempre il dubbio di avere messo il tutto perfettamente parallelo.
Accetto suggerimenti su un sistema valido per farlo.
Anche io l'ho preso quest'estate e nella taratura dell 85 del 105 mi è sembrato utile. Per cercare di limitare al massimo i problemi di disassamento ho fatto così: Ho messo macchina e mira sullo stesso tavolo (la taratura l'ho fatta alla minima distanza di messa a fuoco), mettendo vari spessori (libri dalla copertina rigida) sotto la macchina in modo che il punto centrale della messa a fuoco cadesse sull'incrocio dei quattro quadrati grossi. Fatto questo ho usato una bolla per centrare la macchina e quella incorporata per la mira. Mira e macchina fotografica erano posizioni su due fogli di carta millimetrata che mi aiutavano a metterle in "squadra", come ulteriore riferimento ho usato i bordi del tavolo.
Non è un sistema a prova di errore ovviamente, ma il risultate mi è sembrato molto molto buono e il materiale necessario si riduce a due fogli di carte millimetrata. Spero di essere stato chiaro.
Non so quanto possa essere utile/precisa/desiderabile una taratura fine fatta vicino alla minima distanza di messa a fuoco, per obbiettivi che normalmente vengono usati per soggetti piú lontani.

Non lo so, appunto. Me lo chiedo. :)
a_

Non so quanto possa essere utile/precisa/desiderabile una taratura fine fatta vicino alla minima distanza di messa a fuoco, per obbiettivi che normalmente vengono usati per soggetti piú lontani.

Non lo so, appunto. Me lo chiedo. :)
a_


la scelta è dovuta alla considerazione che alla minima distanza la messa a fuoco è più critica per la ridotta profondità di campo, allontanandomi dal soggetto la tolleranza dovrebbe essere maggiore. Mi sembra anche un dato un po' più fisso e preciso della distanza a cui solitamente si usa l'ottica che potrebbe variare da 1m a 2m ad esempio. Non voglio dire che il mio metodo sia giusto o esente da critiche/miglioramenti, cerco solo di giustificare le mie pensate :)

la scelta è dovuta alla considerazione che alla minima distanza la messa a fuoco è più critica per la ridotta profondità di campo, allontanandomi dal soggetto la tolleranza dovrebbe essere maggiore. Mi sembra anche un dato un po' più fisso e preciso della distanza a cui solitamente si usa l'ottica che potrebbe variare da 1m a 2m ad esempio. Non voglio dire che il mio metodo sia giusto o esente da critiche/miglioramenti, cerco solo di giustificare le mie pensate :)


L'idea dei fogli è buona, ma anch'io non avevo mai considerato di usare un tavolo o altro, ho sempre usato due cavalletti. Per la distanza minima, se dobbiamo seguire il manuale e come ha riportato sopra Rudolf, con il tavolo diventa dura (con il 300 dovrei avere un tavolo di almeno 9 metri), però con i grandangoli ci si può provare...

provato con la chart tradizionale stampata, per il micro 105 no problem nè a distanza ravvicinata nè a 1,5 metri la differenza tra front e rear focus mi pare minima

 

per il 24-35 non riesco a farlo a 1.5 metri perchè la mia scala è troppo corta e l'immagine sul formato troppo piccola e poco risoluta.

 

sul sigma a 30/50 cm alle due focali 24/35mm il campo a fuoco si estende maggiormente nella parte vicina (le zone oltre il punto di fuoco sfocano prima).

 

scusate l'ignoranza: si può centrare la zona di fuoco dalla regolazione fine della fotocamera (D610) (ci ho provato ma pare non succeda nulla) o si deve/può fare solamente dalla dock sigma?

 

105 f 2.8 @ 1,5 metri

T7jtzED.jpg

 

105 f 2,8 @ 50 cm

T7jtzED.jpg

 

24-35 @ 35mm f 2  (50 cm)

HAcv9ix.jpg

 

24-35 @24mm f 2 (35 cm)

swNUcsq.jpg

Foto
Mauro Maratta
giu 07 2017 12:47

Si può ma sarà efficace a tutte le distanze, dalla minima ad infinito, allo stesso modo. Mentre la forza della dock Sigma è quella di consentirti di regolare diversamente alla minima, media, breve e lunga distanza.

 

In ogni caso, un 20-35 ti darà una profondità di campo tale da far accettare anche differenze di svariati millimetri nell'uso pratico.

Quindi anche abbastanza difficile da tarare bene.

 

Però devo ammettere che nella mia esperienza, il Sigma 20-35/2 che ho testato, era di una correttezza esemplare fin dalla minima distanza di messa a fuoco a differenza di altri Sigma, anche recenti.

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi