Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon oggi : il bilancio 2007 Nikon


Andamento delle vendite per segmento commerciale :


Immagine Allegata: vendite_segmento.jpg


Come si può notare, il trend crescita di tutti i segmenti é stato sostenuto nell'ultimo quinquennio.
In particolare le vendite nel segmento strumenti di precisione (scanner e stepper per la produzione di semiconduttori e circuiti integrati) sono cresciute del 220%.

Nel complesso il segmento Immagine é cresciuto del 165% mentre le altre vendite sono salite del 183%.

La ripartizione delle vendite si é mantenuta intorno a 55%-45% fino al 2006 (55% Immagine, 45% altro).
Nel 2007 c'é stato un aumento del peso dei prodotti industriali, saliti fino al 48% (in particolare gli Strumenti di precisione sono saliti dal 27% sul totale vendite del 2003, al 34% del 2007.

Questo per sfatare il mito di Nikon, industria esclusivamente fotografica !

Come ben evidenziato in queste torte :

Ripartizione vendite per segmento commerciale


Immagine Allegata: segmenti_2003.jpg

Immagine Allegata: segmenti_2007.jpg



Per raffronto, nel 2001, le vendite totali sono state di 517 miliardi di Yen (quindi ben di più del 2003) e la composizione tra prodotti industriali e di immagine ben differente :

Immagine Allegata: vendite_2001.jpg






[Tutti i dati sono in milioni di Yen. Un euro = 156.78 Yen al 17/3/2008]

Ripartizione delle vendite per area geografica

Immagine Allegata: area_geografiche.jpg

Meglio evidenziato con questi grafici a torte :

Immagine Allegata: geo_2003.jpg

Immagine Allegata: geo_2007.jpg


Apparirà immediatamente all'occhio il balzo fatto dalle vendite in Asia nel quinquennio appena passato.
L'Asia rappresenta adesso il principale mercato per Nikon, avendo superato nel 2007 gli Stati Uniti, tradizionale bacino commerciale sin dagli anni '50.
L'Europa e il GIappone sono stazionarie nella composizione.

Al momento Giappone e USA sono inferiori per vendite all'Asia.

A causa dell'andamento del cambio dollaro-resto del mondo, ? presumibile che l'area Nord Americana subirà ulteriori flessioni nel 2008 e nel prossimo futuro, probabilmente compensata da Asia ed Europa.

Comunque il fatturato complessivo di Nikon al marzo 2007 (ultimo dato ufficiale annuale) é stato pari a 822 miliardi di Yen, equivalenti a circa 4,2 miliardi di Euro, partendo dai 468 miliardi di Yen del 2003, poco meno di 3 miliardi di euro.


[Tutti i dati sono in milioni di Yen. Un euro = 156.78 Yen al 17/3/2008]

Ricerca e Sviluppo



E' l'aspetto che più ci interessa, maggiori sono gli investimenti per Ricerca e Sviluppo e maggiori sono le novità che una azienda ipertecnologica come Nikon può offrire ai suoi clienti.

Ecco quanto Nikon ha investito nell'ultimo quinquennio, ripartito per segmento commerciale :

Immagine Allegata: ricerca_sviluppo.jpg


Non dovrebbe sorprendere vedere come sia cresciuto in modo importante l'investimento in ricerca e sviluppo, passando dai 27 miliardi di Yen ai 47 miliardi del 2007 (rispettivamente : da 171 a quasi 300 milioni di euro), mantenendosi però entro un 6% del totale delle vendite.

Il segmento Immagine ha ottenuto un netto aumento degli investimenti passando da 9 a 18 miliardi tra il 2003 e il 2007, raggiungendo il settore di alta precizione, salito comunque da 11 a 18 miliardi.

Immagine Allegata: red_2003.jpg

Immagine Allegata: red_2007.jpg


Segno evidente di come un'azienda in salute (aumento delle vendite e degli utili) possa aumentare gli investimenti e diversificare i prodotti.


Margine sulle vendite e utili netti

Ma un'azienda rimane sana se guadagna sulle vendite.

Nel seguente prospetto vediamo l'andamento delle vendite raffrontato con l'utile operativo (margine sulle vendite) e l'utile netto :

Immagine Allegata: utili.jpg

E vediamo come nel marzo 2003 si sia toccato il minimo con un margine operativo risibile (0,9% sulle vendite) che ha prodotto un risultato di gestione negativo con una perdita di oltre 8 miliardi di Yen.

E' stato il momento in cui Nikon ha seriamente valutato l'ipotesi di ritirarsi dal segmento Immagine, limitandosi ai più redditizi settori industriali.Perché l'anno dopo, nonostante l'immissione di nuovi prodotti interessanti (ma non all'altezza della concorrenza), e nonostante l'aumento delle vendite, il margine operativo rimase risicatissimo (0,7% sulle vendite) con una perdita netta sulle vendite di 4 miliardi di Yen.
Subito dopo il miracolo : l'uscita della D70 il cui boom di vendite e il rapporto prezzo/prestazioni favorevole consentì quell'inversione di tendenza che ancora dura.
Nel 2005 infatti il margine sulle vendite salì al 4,8%, nel 2006 al 9% per arrivare ad un bel 12,4% nel 2007 che in rapporto alle vendite, rappresenta un utile netto di 54 miliardi di Yen.

Un bel salto !

Altre informazioni economiche al marzo 2007 :


Dipendenti totali : 22.705 (13.184 nel 2003)
- di cui Prodotti per l'immagine : 14.267 (5.023 nel 2003)
- di cui Strumenti di precisione : 4.187 (5.069 nel 2003)

Spese per Pubblicità :57.729 (33.063 nel 2003)
Spese per Salari : 33.257 (28.360 nel 2003)
Costi generali : 16.729 (12.221 nel 2003)
Ricerca e Sviluppo : 47.217 (27.505)

Un appunto sulle spese per salari.
Nel 2008 Nikon ha raggiunto la forza lavoro che ebbe nel suo massimo splendore come industria bellica nel 1944.
E' signolare vedere che, a fronte di un quasi raddoppio del personale, il costo dello stesso sia aumentato solamente di 18%.
Segno che la diversificazione delle fabbriche in aree in via di sviluppo (Thailandia e Cina) paga.

Trovo invece molto singolare che una impresa seria come Nikon spenda più in pubblicità che in ricerca.
Sarà necessario per conquistare nuove quote di mercato ma ai miei occhi si tratta di soldi sprecati che otterrebbero ben altri risultati se investiti in ricerca e sviluppo !

Pezzi venduti :



Immagine Allegata: vendite_pezzi.jpg

e limitatamente al settore Reflex :



Immagine Allegata: vendite_pezz_slri.jpg




12 Comments

Foto
andrea buttarelli
mar 17 2008 19:14
interessante quanto Nikon venda per met? circa nel settore "prodotti per l'immagine", mentre il 48% va in altre applicazioni (settore incrementato rispetto al 2003 a discapito di quello "immagine", che dal 55% passa al 52%)

Nikon non ? solo quello che noi comunemente pensiamo!
E siamo solo all'inizio.... vedrete prossimamente... roby c
sarebbe molto interessante sapere quale ?la strategia aziendale di Nikon.
Mi spiego:
se vedete c'? un perfetto aspetto di sostitzione tra DSLR e Reflex analogiche. Pi? o meno il peso ? sempre del 1,5 - 2Milioni di pezzi.
La Coolpix evidentemente ? il vero fiore all'occhiello di Nikon.
Ora quello che mi aspetto ? che la crescita di Coolpix venga usata per trainare le DSLR (i clienti contenti di Coolpix che vogliono salire di Classe: ecco le Bridge e le D40).
Inoltre un ottimo risultato sugli obiettivi intercambiabili (mentre le D/SLR rimangono 2 Milioni, gli obiettivi vengono venduti alla grande).

Tuttavia per ragionare in questo modo bisognerebbe sapere 2 cose:

1) Quali sono i margini unitari, e di questi i costi variabili delle varie categorie. E quindi: la spinta su Coolpix ? voluta (perch? i margini totali comunque sono maggiori) oppure non riusciamo a fare fruttare le DSLR? Per esempio: Nikon guadagna 10% su Coopix e 20% su DSLR, quindi se una Coolpix media costa 200? e una Reflex 400 (80% di D40 e D60 vendute) , ha guadagni totali per Coolpix uguali a (0,10 x 8Milioni x 200? = ) 160 milioni, per DSLR uguali a ( 0,20 x 2 Milioni x 400? = ) 160 Milioni. Ci rendiamo conto che a parit? di possibilit? di mercato sarebbe meglio vendere una DSLR in pi? e una Coolpix in meno. Ma bisognerebbe vedere un p? i costi variabili e fissi e gli investimenti strategici.

2) Bisognerebbe conoscere ile aspettive che le case hanno del mercato, il loro posizionamento...conoscere il contesto competitivo. Tra l'altro non ho capito neanche chi sia il leader di mercato per le macchine fotografiche, pare un gioco a 2 con Canon, ma solo sulle reflex.

Grazie dell'articolo, mi hai messo un bel p? di curiosit?. Non so per? se partire con la ricerca delle analisi di mercato (dovrei trovarne in tutte le lingue, non dovrebbe essere difficle) e lcercare i vari studi di settore oppure se fare prima a farmi assumere da Nikon.

Meglio la seconda: sai che sconti iimpiegati sui vari pezzi!!!!
:D

ciao,
Andrea
Foto
Mauro Maratta
mar 16 2009 14:12
Andrea, essendo Nikon una societ? quotata, abbiamo a disposizione tutte le informazioni (pubbliche) a livello trimestrale.
Sono scaricabili in formato Excel dal loro sito (Japan).

In particolare posso segnalarti che il margine sulle Coolpux ? (quasi) irrisorio, a differenza di quello corposo sulle DSLR di fascia media ed alta.
E che le spese di promozione (delle Coolpix) sono superiori a quelle di ricerca e di personale.

Pensavo che questo argomento non interessasse nessuno e quindi mi sono fermato ai dati dell'esercizio 2007 senza aggiungere altri commenti.

A questo punto aspetto con curiosit? di vedere il bilancio 2008 (che si chiude il 31/3/2009) per vedere se il buon trend viene confermato nonostante la crisi.

Sintonizzaimoci su met? aprile :D
Foto
Adriano Max
mar 16 2009 14:26

[...]
Sintonizzaimoci su met? aprile :D


Per me, che non capisco un tubazzo di economia, l'articolo di Mauro ? interessantissimo !
Capisco anche il perch? la D70 sia stata cos? importante !!

Sarebbe interessante in questa luce capire perch? alcune ottiche particolari 'recenti' di Nikon e delle quali tutt'ora si fregia come prima produttrice siano state ritirate: mi riferisco in particolare al micro Nikkor zoom 80-180mm e al 28mm f/1,4 Asph (ritirati entrambi nel 2005/2006) ...

:a063:

Grazie,
A.

Per me, che non capisco un tubazzo di economia, l'articolo di Mauro ? interessantissimo !
Capisco anche il perch? la D70 sia stata cos? importante !!

Sarebbe interessante in questa luce capire perch? alcune ottiche particolari 'recenti' di Nikon e delle quali tutt'ora si fregia come prima produttrice siano state ritirate: mi riferisco in particolare al micro Nikkor zoom 80-180mm e al 28mm f/1,4 Asph (ritirati entrambi nel 2005/2006) ...

:a063:

Grazie,
A.



piccola svista.. 70-180.... comunque mi aspetto prossimamente.. una bomba... al posto di costui...
Foto
Mauro Maratta
apr 29 2009 19:22
Nikon ha annunciato una revisione delle stime dei dati di chiusura del bilancio al 31/3/2009 :

"
Earnings estimates (in millions of yen):


...........................revised forecast...........................previous forecast

Net Sales.............879,000.......................................860,000

Net Income...........28,000.........................................24,000

?Due to stagnation of consumer spending and demand for investment originating from abrupt deterioration of consumer environment caused by global economic slowdown triggered by the global financial crisis as well as appreciation of Japanese Yen and decline of stock market, our businesses are still in depressed market condition. Under this environment, we carried out the group wide production adjustment and enhanced our sales promotion activities. As a result of these measures, our Imaging business is expected to achieve higher revenue and profit than our prospects, and our consolidated results are expected to exceed our last forecast.?



rispetto alle precedenti stime, le vendite aumentano cos? come pure l'utile (vi segnalo a paragone che Sony ha chiuso il trimestre con una perdita di quasi 2,3 miliardi ... di dollari, non di Yen).
Ma chiaramente il mercato ? depresso e quindi Nikon ha dovuto sostenere (e sta sostenendo) le vendite con campagne promozionali, nonostante la forza dello yen rispetto alle altre valute. Sono anche stati rivisti i volumi di produzione per evitare accumuli di magazzino.

Infatti in Giappone e in Usa ? in atto una campagna di cash-back di 200 dollari per l'acquisto della D700.
Foto
Adriano Max
apr 30 2009 09:43
Immagine Allegata: yinyang.gif
Foto
Mauro Maratta
mag 19 2009 18:09
COME VENDERE TANTO E GUADAGNARE POCO, CONTINUANDO A TIRARE PER RAGGIUNGERE IL 50% DEL MERCATO

Nikon ha pubblicato la scorsa settimana i dati di chiusura dell'esercizio 2009, terminato ufficialmente il 31 marzo.

Mentre mi riprometto appena me la sentir? di aggiornare i grafici del trend di vendite, un commento a caldo.

Se non ci fosse stata la crisi globale, questo sarebbe probabilmente stato l'anno boom di Nikon degli ultimi ... 80 anni.

Si perch? nonostante i tagli alla produzione decisi a partire da dicembre 2008, le vendite sono state sostanzialmente pari a quelle dell'anno prima, con la bella cifra di 3,42 milioni di fotocamere vendute e 4,9 milioni di obiettivi.
Tanto da consentire a Nikon di crescere nella quota di mercato, fissa adesso al 37,5% (mondo).

Di contro per?, effetto del caro Yen e della debolezza delle altre monete, politiche di sostegno della domanda con cash-back e offerte speciali, materiali e finanziarie, crollo della domanda del settore industriale, i margini complessivi sono scesi del 52%.
Questo ha comportato una certa carenza di liquidit? e il ricorso all'indebitamento (sia bancario che in bond).

Nulla di preoccupante in quanto i tagli produttivi hanno limitato al minimo le scorte (che sono quelle, insieme al personale e alle spesi di ricerca e di pubblicit?, che devono essere finanziate con la cassa).

L'anno in corso vede Nikon prevedere il consolidamento delle vendite dell'anno scorso e se possibile l'aumento della quota di mercato a spese delle concorrenti, sviluppando le vendite nei mercati asiatici (in primo luogo Nikon India).

Per fare ci? saranno tagliati i costi di struttura e di pubblicit? ma non quelli di sviluppo.

Questo dovrebbe consentire il normale sviluppo di nuovo materiale per l'insaziabile attesa dei fedeli nikonisti.

:P

Insomma se 5 anni fa la D70 ha consentito a Nikon di rimanere sul mercato, quest'anno la D700 ha permesso di compensare le perdite della divisione di precisione.

:lol:
Foto
danighost
mag 20 2009 07:20

Insomma se 5 anni fa la D70 ha consentito a Nikon di rimanere sul mercato, quest'anno la D700 ha permesso di compensare le perdite della divisione di precisione.

:lol:


:vinco: :bravo: :banana:

Brava mamma Nikon.
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 10:50
e adesso, simo in piena recessione.. o quasi, checchè ne dicano in giro.. ma Nikon, ora come ora com'è messa?... dovremo aspettare aprile per saperlo? alla chiusura del 2012 e apertura del 2013...

ho la sensazione che globalmente sia un paio di tacche in avanti.. vedremo.
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi