Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

- - - - -

Il dopoguerra e la rinascita di Nikon

storia nikon

II capitolo della nostra rivisitazione della storia quasi secolare di Nikon.

 


 
Ottiche per macchine a telemetro e fotocamere a telemetro
I proventi delle vendite di materiale ottico andavano bene e così Nikon poté ricostruire il proprio potenziale industriale, rientrare nel Gruppo Mitshubishi e tornare alla quotazione in Borsa già nel 1949 quando l'unica fabbrica occupa comunque 1400 dipendenti.
 
Nasce da questa fase la Nippon Kogaku che ci interessa come fotografi :)
 
Il collasso industriale di Nikon di fatto diede l'opportunità a Canon di affrancarsi. Dopo la produzione di obiettivi Nikkor rimarchiati Serenar per le sue fotocamere ma comunque prodotti da Nikon, Canon stessa avviò una produzione in proprio. Ne abbiamo parlato qua : 1934 - 1946 Nikon fornitore unico di Canon
 
Immagine Allegata: 200605_35.jpg
La Hansa Canon mod. 1935, liberamente ispirata alla Leica II del 1932
 
Era il momento per Nikon di tentare la via della produzione di fotocamere civili, sfruttando l'esperienza accumulata in tutti i campi, non ultima proprio la produzione per quella che diventerà la sua principale rivale in campo fotografico.
 
Immagine Allegata: 6.jpg
un operaio Nikon al lavoro su obiettivi da telemetro ad inizio anni '50
 
La telemetro Canon si diceva fosse una copia della Leica. Nikon aveva accumulato esperienza con le ottiche per Canon, poteva quindi avviare una produzione di nuovi obiettivi con attacco a vite per Leica
 
Immagine Allegata: 135 m39.jpg
un Nikkor 13,5 cm con attacco a vite M39
 
ma tutto questo non poteva bastare. Venne deciso di lavorare attorno ad un progetto di macchina a telemetro di produzione Nikon che potesse utilizzare le ottiche Nikon.
 
Anche in questo caso tornò utile l'esperienza bellica. Non c'erano più disegni o prototipi ma gli ingegneri potevano riprendere tutti quei concetti miniaturizzandoli.
Venne scelto il formato 35 mm e già nell'aprile del '46 venne prodotta una serie di 20 fotocamere sperimentali su cui provare differenti soluzioni tecnologiche. Il telemetro era concettualmente una versione ridotta di quello di tiro navale.
 
Anche se entrò in commercio solo nel 1948, già nel settembre del '46 il design della prima fotocamera civile Nikon era definito.
Un sistema di lavoro metodico che verrà mantenuto sino ai giorni nostri (sappiamo che già prima di presentare al mercato la Nikon D4, un team alternativo aveva cominciato i primi passi per la D5).
 
Siamo anche al primo prodotto Nippon Kogaku a portare il marchio Nikon : La Nikon Model One
 
Immagine Allegata: Model One.jpg
 
la nuova macchina riprendeva soluzioni tecnica sia della Leica che della coeva Contax, migliorandole sotto certi aspetti. Si tratta di un modello abbastanza rozzo nell'aspetto ma raffinato nella concezione che scontava la mancanza di macchinari moderni (per la molatura delle lenti veniva usata ancora una macchina tedesca del 1932).
Ma le tecniche di fusione e, specialmente, il leggendario trattamento delle lenti che aveva consentito ai giapponesi strumenti di rilevamento notturni superiori a tutti quanti, erano di primordine.
 
Per la macchina vennero pensati prima del lancio svariate denominazioni come NICCA, NIKKA, NIKORET, NIKO e NIKKORETTE. Appena prima della messa in commercio prevalse il nome Nikon.
 
La macchina venne prodotto per circa un anno, da marzo 1948 ad agosto 1949. Circa 400 esemplari vennero effettivamente consegnati, accoppiati con il 50 mm F2 o il 50 mm F3.5 collassabili.
 
Immagine Allegata: 50 35.jpg
L'attacco era molto simile a quello già progettato da Nikon per Canon nel 1936.
 
Singolarmente - forse per economizzare la pellicola, si facevano 40 scatti anzichè 36 - venne scelto un formato 24x32mm anzichè il normale formato Leica 24x36mm.
 
Immagine Allegata: 6094-4.jpg
 







9 Comments

Foto
Leonardo Visentìn
feb 26 2015 13:38
Ottimo viaggio nella storia del marchio e dell'evoluzione della fotografia.

Una S digitale e moderna sarebbe un sogno per molti, ma non per tutti
Foto
danighost
feb 26 2015 18:27

Maga a scuola si studiava storia in questo modo :( ...

Foto
Andrea Zampieron
feb 27 2015 21:32

Storia e passione per la fotografia,spiegata in modo chiaro e alla portata di tutti

Foto
happygiraffe
feb 27 2015 22:33

Appassionante!

Foto
Adriano Max
feb 28 2015 12:32

SPETTACOLARE !! da mandare tramite raccomandata in Giappone !!

:bravo:

Foto
Paolo Mudu
feb 28 2015 23:08

Bello!

Riaccende la passione.

Fa pensare, pensare a quali ricercatezze si arriverebbe oggi, con l'attuale tecnologia e l'allora entusiasmo ed etica.

Grazie

La Nikon One del 1946-1948 e le successive telemetro costruite partendo dalla Contax II.

Il vetro ottico comprato ancora oggi dalla Schott.

 

Il legame tedesco di Nikon si è mantenuto ?

 

Direi di si. Se confrontiamo due oggetti recenti è immutato ai miei occhi.

 

Con le dovute proporzioni e fatta la tara del posizionamento (telemetro e full frame a pellicola la tedesca, mirrorless digitale in formato 16 mm la giapponese) :

 

Contax-Kyocera G2 :

 

Immagine Allegata: DSC_5292-600.jpg

 

Nikon V3

 

Immagine Allegata: Nikon_V3_mirino.jpg

 

forma, proporzioni, mirino aggiuntivo opzionale, rotellina ferticale che si aziona con l'indice, grip ... :) quasi una vera e propria citazione.

 

Sarà il primo auspicio di un prossimo futuro ? ;)

 
Impressionante!!

E allora... mi state proponendo di acquistare una Contax'...     mah.. forse non sarebbe poi male.. sta g2

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi