Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Il dopoguerra e la rinascita di Nikon

storia nikon

II capitolo della nostra rivisitazione della storia quasi secolare di Nikon.

 

Immagine Allegata: 1.jpg

la firma ufficiale della resa incondizionata delle forze giapponesi sul ponte della BB Missouri

 

 
Il dopoguerra
 
Al tracollo militare e alle devastazioni conseguenti la seconda guerra mondiale ed in particolare ai bombardamenti pesanti effettuati dall'aviazione americana nel 1944-1945, il sistema industriale giapponese era al collasso.
Il giorno dopo la resa incondizionata delle truppe giapponesi, il Gruppo Mitsubishi si sciolse ufficialmente lasciando libere le sue sussidiarie tra cui Nikon.
 
Abbiamo seguito qui (La nascita di Nikon (Nippon Kogaku) e la Marina Imperiale Giapponese) le vicende legate allo sviluppo industriale del Giappone, alla nascita di Mitsubishi e di Nikon e la loro progressiva crescita insieme al potenziale militare del loro Paese.
Nikon nel 1944 era una impresa di rilevanza nazionale, ne è prova il rapporto rispetto a Canon, operativa dal 1933 ma solo in campo civile con le sue fotocamere in 24x36mm.
Nikon nel 1944 capitalizzava in borsa 50.000.000 di Yen e fatturava per 48.200.000 di Yen mentre Canon stava rispettivamente a 1.000.000 e 3.680.000.
 
La guerra livello tutto lasciando lutti e distruzione. Reduci e civili che vagavano in cerca di una occupazione o qualche espediente per sopravvivere. L'occupazione militare americana e la perdita di indipendenza. Una esperienza devastante per un popolo tanto orgoglioso quanto restio nei rapporti con gli stranieri.
 
Immagine Allegata: 3.jpg
Tokyo 1946
Immagine Allegata: 4.jpg
orfanotrofio giapponese per i figli dei soldati dell'occupazione tornati poi in patria nel 1952 che le madri erano costrette ad abbandonare
Immagine Allegata: 5.jpg
 
Immagine Allegata: Firebombing-of-Tokyo-Mar-1945-1-Wiki-PD-455x350.jpg
il distretto industriale di Tokyo dopo i bombardamenti incendiari americani (marzo 1945)
Per tutto il periodo dell'occupazione (in pratica dal 1946 fino alla fine della guerra di Korea, 1953) il grosso problema per gli americani era il mantenimento dell'ordine e della disciplina tra i militari che in libera uscita finivano sempre per combinare guai, scontrandosi con i civili in cerca di occupazione che cercavano di difendere le proprie donne.
 
Immagine Allegata: 2.jpg

Un giorno, osservando i rapporti della Military Police, il Governatore Militare Douglas MacArthur disse : "Date ad ogni soldato una macchina fotografica così che non abbia né i soldi né il tempo per il saké e le prostitute".
Leggenda, aneddoto, ma sta di fatto che questo suggerimento insieme alla volontà di aiutare la ricostruzione industriale del Giappone sconfitto - il lavoro porta ordine - produsse un flusso di vendite e di conseguenza di esportazioni verso gli Stati Uniti di fotocamere di tutti i tipi. Segnando da un lato la nascita del predominio giapponese in questo settore e indirettamente il declino delle aziende nazionali americane.

E Nippon Kogaku ?
 
 







9 Comments

Foto
Leonardo Visentėn
feb 26 2015 13:38
Ottimo viaggio nella storia del marchio e dell'evoluzione della fotografia.

Una S digitale e moderna sarebbe un sogno per molti, ma non per tutti
Foto
danighost
feb 26 2015 18:27

Maga a scuola si studiava storia in questo modo :( ...

Foto
Andrea Zampieron
feb 27 2015 21:32

Storia e passione per la fotografia,spiegata in modo chiaro e alla portata di tutti

Foto
happygiraffe
feb 27 2015 22:33

Appassionante!

Foto
Adriano Max
feb 28 2015 12:32

SPETTACOLARE !! da mandare tramite raccomandata in Giappone !!

:bravo:

Foto
Paolo Mudu
feb 28 2015 23:08

Bello!

Riaccende la passione.

Fa pensare, pensare a quali ricercatezze si arriverebbe oggi, con l'attuale tecnologia e l'allora entusiasmo ed etica.

Grazie

Foto
Mauro Maratta
mar 13 2015 10:38

La Nikon One del 1946-1948 e le successive telemetro costruite partendo dalla Contax II.

Il vetro ottico comprato ancora oggi dalla Schott.

 

Il legame tedesco di Nikon si è mantenuto ?

 

Direi di si. Se confrontiamo due oggetti recenti è immutato ai miei occhi.

 

Con le dovute proporzioni e fatta la tara del posizionamento (telemetro e full frame a pellicola la tedesca, mirrorless digitale in formato 16 mm la giapponese) :

 

Contax-Kyocera G2 :

 

Immagine Allegata: DSC_5292-600.jpg

 

Nikon V3

 

Immagine Allegata: Nikon_V3_mirino.jpg

 

forma, proporzioni, mirino aggiuntivo opzionale, rotellina ferticale che si aziona con l'indice, grip ... :) quasi una vera e propria citazione.

 

Sarà il primo auspicio di un prossimo futuro ? ;)

 
Impressionante!!

E allora... mi state proponendo di acquistare una Contax'...     mah.. forse non sarebbe poi male.. sta g2

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi