Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

1933 - 1944 gli Aero-NIKKOR


Il primo obiettivo per fotocamera prodotto da Nikon con il marchio Nikkor uscì nel 1933.

Si trattava del primo della famiglia denominata Aero-NIKKOR, denominazione che ne indicava l'uso nelle fotocamere per foto-ricognizione aerea.

La famiglia era piuttosto articolara e andava dai 7.5 ai 50 cm, in generale con diaframma fisso F5.6.

Eccone uno degli ultimi :
 

Immagine Allegata: aero01.jpg

Immagine Allegata: aero02.jpg

 

R-Aero-Nikkor 50 cm F5.6 #38352376

Prodotto per l'esercito nel 1944 e montato su una fotocamera a grande formato.
 

Immagine Allegata: aero03.jpg

[Il tappo anteriore]

 

Immagine Allegata: aero04.jpg

[Il tappo posteriore]

 

foto © 2003 by Kiril Arsov, Svezia


Questo obiettivo consentiva riprese chiare anche da grande altitudine (oltre 10.000 metri di quota).
La stessa fotocamera era costruita da Nikon (Aero-Camera per l'Esercito Imperiale Mod. I).
Era a controllo elettrico con un telecomando da parte del copilota.
Ne furono consegnate 600 pezzi.

La fotocamera su cui era montato quell'ottica veniva usalmente installata sotto al muso di uno Hyakushiki Shitei, aereo da ricoglizione dell'Esercito Imperiale Giapponese, denominato DINAH dalle forze alleate.

Eccone il blue-print :
 

Immagine Allegata: mitsubishiki_46_hyakushiki_shitei_dinah.gif

 

un profilo pittorico :
 

Immagine Allegata: aero100irst.jpg

 
e una foto in volo :
 

Immagine Allegata: aero100shiki.jpg

 
la denominazione di produzione dell'aereo era MITSHUBISHI Ki-46 (Mitshubishi controllava Nikon).

E questa era la fotocamera completa di Nikkor che veniva installata e puntata verso il basso:
 

Immagine Allegata: aerocamera.jpg

©2003 Takashi Doi, Giappone

 
montava un rullino da 18x24 cm.

Gli altri obiettivi Aero-NIKKOR di cui si hanno notizia sono i seguenti :

- 1932 : Aero-Nikkor 50cm F4.8
- 1932 : Aero-Nikkor 70cm F5
- 1933 : Aero-Nikkor 18cm F4.5
- 1937 : Aero-Nikkor 7.5cm F3.5
- 1939 : Aero-Nikkor 10cm F5.6 (grandangolo)
- 1944 : R-Aero-Nikkor 50cm F5.6 formato 18x24 cm
- 1944 : R-Aero-Nikkor 20cm F3.5

L'Aero-NIKKOR 20 cm F3.5 :
 

Immagine Allegata: 200505_24.jpg

 
e' quotato intorno ai 185 dollari.

Questo é uno dei primissimi Nikkor consegnati, un 12cm F4.5, montato su una Pentax 6x7 tramite un Compur (apparecchio completamente funzionante ancora oggi !) :
 

Immagine Allegata: firstnikkor.jpg

 

Immagine Allegata: oldnikkor1.jpg

 


9 Comments

Foto
danighost
mag 14 2013 08:47

Interessante, sopratutto il discorso della fotocamera e il rullino utilizzato ...

Quello che non ho capito è quanto fosse grandi queste lenti.

Foto
Mauro Maratta
mag 15 2013 08:29

Si tratta di fotocamere di altri produttori ma le proporzioni sono evidenti :

 

 

Immagine Allegata: images.jpg

 

Immagine Allegata: RFC_aircraft_with_aerial_reconnaissance_camera.jpg

 

Immagine Allegata: images2.jpg

 

 

Immagine Allegata: Mk1.jpg

questa è la più grossa, una Konika (Minolta) Mk I con un obiettivo Nikon da 50 cm (500 mm) in formato 18x24 centimetri !

 

questa è la postazione dell'operatore su un aereo inglese (un Mosquito) simile nell'impostazione del Judy giapponese su cui montavano gli apparecchi Nikon :

 

Immagine Allegata: A_ground_crew_sergeant_demonstrates_the_operation_of_the_photo-reconnaissance_camera_in_a_de_Havilland_Mosquito_of_No._540_Squadron_RAF_at_Benson,_Oxfordshire,_August_1943._CH10853.jpg

 

l'impianto è collocato nel muso vetrato dell'aereo, verso il basso.

 

L'ultimo aereo famoso ad usare fotocamere del genere (Kodak) è stato l'U2 ma molti aerei da combattimento sono stati adattati per la rilevazione fotografica.

 

Tutto questo lavoro adesso viene svolto da satelliti e da drones in campo ravvicinato.

Foto
danighost
mag 15 2013 09:17

Chissà usare una fotocamera come questa per foto di paesaggio ... ecco ho detto la caxxxta ...

Foto
Mauro Maratta
mag 15 2013 09:52

Chissà usare una fotocamera come questa per foto di paesaggio ... ecco ho detto la caxxxta ...

 

Affatto. Le più belle, particolareggiate e dettagliate foto della costa normanna sono ancora quelle prese dai ricognitori della RAF con pellicola grande e medio-formato nel 1943-1944 :)

Qeusti obiettivi - mi riferisco in particolare agli Aero-Nikkor sono stati pensati per produrre immagini nitide anche in riprese da 10.000 metri di quota (altro che paesaggio !).

 

La coibentazione bianca dell'ultima fotocamera più sopra, serve appunto per mantenere l'operatività nel freddo delle alte quote ;)

Foto
danighost
mag 15 2013 10:33

Bene :) ... allora chissà quanto può valere un tale apparecchio ...

Foto
VonGheller
giu 04 2013 18:45

Con una pellicola di quelle dimensioni il 75mm (7,5 cm) risultava un grandangolare mooolto spinto! Poi pensavo che sempre in relazione al formato non avevano poi dimensioni esagerate queste fotocamere...

 

 

Bene :) ... allora chissà quanto può valere un tale apparecchio ...

 

+ di quanto costerebbe una D4 temo! ;)

Sarebbe davvero da capire quanto vale una macchina del genere, perché non sono convinto abbiano prezzi alti.

Semmai é la raritá dell'oggetto a fare salire leggermente la quotazione, ma il problema é che non penso ci siano molti collezionisti, per cui non eiste un vero mercato di queste cose.

 

Comunque, avendo fatto il Geometra (a scuola, mai nella vita) nela seconda metá degli ani '80, mi ricordo molto bene le aerofotogrammetrie da cui hanno derivato le carte IGM (e, ahinoi, lo abbiamo dovuto fare anche a scuola...).

Al confronto le immagini disponibili su Google Maps oggi fano ridere.

Ovviamente le riprese IGM erano in BW, ma con una ricchezza di particlari che era un piacere guardarle in 3D. :)

 

Qualcuno sa che macchine usasse l'Aereonautica Militare?

Certamente c'erano tutti i dati tecnici sulle stampe delle riprese montate (non solo maccha e focale, ma anche tempo e sensibilitá)... Ma non me lo ricordo. :(

a_

 

P.S. Erano bellissimi i collages fatti a mano sui cosiddetti "obbiettivi sensibili". Il segreto di Pulcinella, insomma.

Al posto del carcere di S. Vittore c'erano dei tetti di case incollati ala bell'e meglio.

Mentre le piste di Linate erano girate di una quindicina di gradi.... Peccato che ci atterrassero aerei di tutte le nazionalitá, e quindi quei dati erano di dominio pubblico.

Ah, i militari...  :rolleyes:

ho delle fotografie aeree, di quelle serie, mi basta trovarle per leggere i dati..

quindi.. pazienza giovanni...

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi