Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

E' arrivata la Canon ip7200!

Stampa inchiostri dyes stampa casalinga

NOTA: Raccolgo qui alcune note che costituiscono solo l'inizio dell'articolo. Man mano che procedo col lavoro aggiungerò nuovi risultati e commenti.
 
E' arrivata la 7200!

Però, siccome siamo nella sezione "Stampa" non parliamo della pur desiderabilissima Nikon D7200, ma di una stampante inkjet. In particolare della Canon ip7250, che fa parte della famiglia delle ip7200 (ci sono vari modelli leggermente diversi per le varie regioni del mondo, da noi c'è appunto la 7250).
In realtà non è un nuovo lancio, ma è nuova per me.
 
Immagine Allegata: Canon ip7250-1.jpg
 
Nel mio studio SlowPrint uso due stampanti Epson di grande formato: una 9900 a pigmenti da 44" di cui ho parlato quie una 7880 da 24" convertita a dyes di cui ho parlato qui.
 
Naturalmente nel mio studio c'è anche una piccola stampante per stampare fatture, ricevute e documenti vari. Inoltre, essendo io un maniaco stampatore con la passione per profilare tutto quello che trovo, questa "stampantina" dovrà possedere una qualità alta anche nella stampa fotografica.
 
Immagine Allegata: Canon ip7250-2.jpg
 
C'è anche un altro elemento: questa stampantina viene usata anche per stampare le foto degli eventi scolastici dei bambini (feste di natale, feste di fine anno, saggi vari, ecc). In questo modo la vecchia ip4850 si è ripagata centinaia di volte il suo costo...magari anche la Epson 9900 avesse lo stesso ritorno!
 
In conclusione questa stampantina giocherà un ruolo molto importante nel mio studio che va ben oltre la stampa di documenti.
Riassumendo, le mie necessità per questa stampantina sono:
 
- formato A4
- elevata qualità fotografica
- compatibilità con CIS (alimentazione di inchiostro a serbatoi esterni non originali)
- grande robustezza e durata nel tempo
- bassissima frequenza di bloccaggio degli ugelli e perdita di tempo in pulizie degli stessi.
 
In passato ho avuto 3 Epson di questo formato (R285): avevano 6 cartucce invece di 4, ma si sono dimostrate estremamente delicate e sono finite alla discarica comunale una dopo l'altra a pochi mesi di distanza.
 
Poi sono passato a Canon e ho avuto una ip4500 e quindi una ip4850 che mi è durata per 5 anni, accettando in silenzio menomazioni e sostituzioni selvagge di vari pezzi: alla fine sembrava un vecchio cavaliere al ritorno dalla guerra dei cent'anni, tutta rammendata...ma funzionante...finchè un giorno non ce l'ha fatta più. Al momento di portarla in discarica  ho sentito qualcosa di simile un dispiacere misto a gratitudine.
 
E' logico quindi che per la sua sostituta pensassi alla sorella più giovane e cioè alla Canon ip7250.
(Stranamente ho avuto l'esperienza opposta con un plotter professionale Canon che è finito anche lui in discarica dopo 12 mesi e un giorno dall'acquisto e mi ha fatto giurare "mai più un plotter Canon"!)
 
Dopo una rapida ricerca di prezzi ho trovato la ip7250 a poco più di €50!! su un sito tedesco con derivazione italiana (www.alternate.it): servizio e velocità incredibili. Dopo due giorni è arrivata e mi hanno anche accreditato un euro e mezzo di bonus sul conto Paypal....non so neanche io perchè.
 
L'imballaggio è curatissimo come sempre. Dentro c'è la solita montagna di mini-guide in tutte le lingue del mondo e naturalmente le maledettissime cartucce ip-er-care che userò solo per l'installazione e alcuni test prima di sostituirle con inchiostri alternativi di fiducia (ne parlerò più avanti).
 
Immagine Allegata: Canon ip7250-4.jpg
 
L'installazione è velocissima. Ci sono alcune differenze con la vecchia sorella. Prima di tutte le testine di stampa sono già installate e quindi si evita una parte del lavoro. Noto poi che adesso c'è anche il collegamento di rete wireless. Può essere utile se si stampa da diversi computer in casa o in ufficio.
 
Immagine Allegata: Canon ip7250-5.jpg
Anche il CD di installazione funziona molto meglio: prima si doveva lottare per trovare i driver giusti dal web, adesso invece è tutto automatico e veloce e soprattutto senza inghippi. Ci sono alcuni software abbinati che consentono la stampa per gli ultra-dilettanti: evitateli!
Ok, la macchina è installata: adesso devo inserire la carta per allineare le testine.
 
Immagine Allegata: Canon ip7250-6.jpg
 
E qui noto la differenza più importante con la vecchia ip4850: è sparita l'alimentazione posteriore per i fogli a maggiore spessore.
E' una scocciatura e mi dispiace anche se in effetti le stampe venivano spesso "rigate" anche usando una certa opzione speciale. In compenso adesso ci sono due cassetti, uno sopra l'altro e servono uno per i formati più piccoli (quello superiore) e l'altro per i formati A4 e simili (quello inferiore).
 
La stampa è molto silenziosa anche se il confronto con la mia vecchia Frankestein non è significativo, ormai era più rumorosa di un treno merci :)
 
Inizio i miei test con la costruzione di un profilo per la carta Hahnemühle Glossy che uso spesso nel mio laboratorio. E' una carta lucidissima con un bianco freddo.
 
Ho a disposizione due driver tra cui scegliere: Photo Paper Plus Glossy II oppure Photo Paper Pro Platinum. Scelgo il primo per la qualità della carta che considero simile. Ho accesso a due livelli di qualità e cioè il livello 2 e il 3. Il livello 1, che è quello più alto, è accessibile solo col driver della Platinum. Dato che è solo un test uso un target di 840 tacche che sta comodamente su un foglio A4.
 
NOTA: la parte che inizia qui è stata riscritta con dati totalmente nuovi
 
Stampo il target e dopo 24 ore lo leggo con lo spettrofotometro EyeOne Pro 2. Come software uso i1profiler, che è quello più preciso disponibile in questo momento anche se non il più "gradevole" come risultati (titolo che appartiene ancora a Monaco Profiler 4.8).

Dobbiamo aprire qui un'importante capitolo e cioè come escludere la gestione del colore sulla ip7250
 




Test: Yes



56 Comments

Per questo motivo ... io continuo a lasciare la stampa a chi lo fa per mestiere e 100.000 volte meglio di me :marameo: (quale che sia la stampante che usa).

Anche io ho abbandonto da tempo l'idea di stampare da me.

Sia che siano stampe piccole e di poco conto che per i libri fotografici preferisco lasciar fare ai professionisti.

Il denaro eventualmente risparmiato non vale l'enorme quantità di tempo ( che non ho ) che mi costerebbe seguire tutto il processo.

Foto
Bernardo Gattabrìa
nov 21 2016 09:50

Il problema di queste stampanti e la loro diffusione, è il costo dei consumabili. Non so quale sia oggi il loro costo attuale. Sono passati circa 20 anni da qundo  ero il direttore commerciale della Epson Italia, ma a quel tempo le cartucce il cui costo di produzione era di qualche centesimo, venivano vendute a circa 20... trentamilalire.

Credo che le cose non siano cambiate di molto. Forse i costi di produzione si sono abbassati ulteriormente. Certo la stampa personale sarebbe molto più diffusa se le cartucce costassero al massimo un euro ciascuna.

Quindi sintetizzando non c’è nessuna possibilità come “sognato” di avere una stampante di dimensioni e costi contenuti con più livelli di grigio che gestisca egregiamente fino al formato A4 le stampe casalinghe in bn? E se si quale e con quale sw relativo?

 

Grazie

 

Lk

Foto
Leonardo Visentìn
nov 21 2016 14:18
Esistono gli inchiostri e relative curve profilo Piezography, per chi volesse tentare di cimentarsi (non sono affatto semplici da utilizzare al meglio)..
 
Compatibili (nella versione non PRO) con inchiostri K6 (Epson 890, Epson 1280, Epson 1290, Epson 1400, Epson 1430, Epson 7000, Epson 7500, Epson R200, Epson R220, Epson R300, Epson R320, Epson R340, Epson 9000,Epson 9500) e K7 (Epson 2100, Epson 2200, Epson 3800, Epson 3880, Epson 4000, Epson 4800, Epson 4880, Epson 4900, Epson 7600, Epson 7800, Epson 7880, Epson 7890, Epson 7900, Epson 9600, Epson 9800, Epson 9880, Epson 9890, Epson 9900, Epson 11880, Epson R800, Epson R1900 K7, Epson R2000 K7, Epson R2400 K7, Epson R2880 K7, Epson R3000 K7) e P2 (Epson 4800, Epson 4880, Epson 7800, Epson 7880, Epson 9880) 

Per questo motivo ... io continuo a lasciare la stampa a chi lo fa per mestiere e 100.000 volte meglio di me :marameo: (quale che sia la stampante che usa).

 

Quotissssssssssssssssimo! E esattamente quello che ho pensato mentre leggevo l'articolo.

Non si può correre dietro a tutto :-)))

D'accordo con tutti, ma avere la possibilità di gestire alcune volte le proprie stampe per la soddisfazione di poter seguire l'intero processo dallo scatto alla copia cartacea, piuttosto che ottenere subito la stampa senza i tempi necessari a recarsi dalla stampatore, commissionare e ritirare poi il lavoro a distanza di qualche giorno, credo che sia un plus interessante.

 

Molti amici del fotoclub mi stanno suggerendo di provare a fare come loro, e devo dire che le loro stampe home made (A4 e A3) non sono affatto male. Finora ho sempre "resistito" per le stesse motivazioni che ho letto qui e di cui sono convinto anch'io, ma la voglia di tentare e la curiosità di vedere cosa è possibile ottenere con qualche consiglio di chi è più esperto è davvero forte... ^_^

D'accordo con tutti, ma avere la possibilità di gestire alcune volte le proprie stampe per la soddisfazione di poter seguire l'intero processo dallo scatto alla copia cartacea, piuttosto che ottenere subito la stampa senza i tempi necessari a recarsi dalla stampatore, commissionare e ritirare poi il lavoro a distanza di qualche giorno, credo che sia un plus interessante.

....

 

Non vedo perché dovresti privarti di questa esperienza. :) 

Anche perché qualunque sia la macchina che scegli, se vuoi fare le cose davvero per bene non devi neppure andare lontano. ;) 

Per il resto basta chiedere. :) 

(Ok, devi mettere in conto che ogni singola richiesta sará seguita dal consiglio di affidarsi agli esperti e non fare da te, ma poi la risposta arriva comunque :lol:). 

a_

Lo so, lo so che che "lassù" qualcuno ci ama... :lol: :lol: :lol:

Io sono sempre molto felice di aiutare e consigliare chi vuole procedere con la stampa casalinga.

Nella nostra sezione stampa ci sono vari articoli applicabili alla stampa casalinga.

Inoltre sono qui per aiutare, per quello che posso, chiunque abbia domande e voglia consigli.

Ho provato praticamente tutto quello che c'è in giro e ho già fatto "milioni" di errori dai qual posso perciò proteggervi ;)

E' un'attività affascinante, ma bisogna avere molta costanza perchè si rischia di rimanere frustrati se non si procede in modo corretto.

 

PS Bisogna essere specifici nelle richieste e chiarire quale aspetto o aspetti, si vogliono chiarire.

Foto
Bernardo Gattabrìa
nov 21 2016 20:23

Una domanda forse stupida, ma mi è venuta in mente adesso. Volendo utilizzare la stampa chimica (acidi e bacinelle)  a parte le stampanti professionali da laboratorio esiste qualcosa di amatoriale per stampare una foto digitale?

Una domanda forse stupida, ma mi è venuta in mente adesso. Volendo utilizzare la stampa chimica (acidi e bacinelle)  a parte le stampanti professionali da laboratorio esiste qualcosa di amatoriale per stampare una foto digitale?

Non che io sappia, ma da queste parti un internegativo in BW costa l'equivalente di circa undici Euro, ed é di ottima qualitá. 

Solo che la definizione é di poco inferiore ai 20Mp, sovracampionati per restituire una grana ben fatta (non mi chiedere che algoritmo usano :P). 

a_

Foto
Bernardo Gattabrìa
nov 22 2016 11:08

Uno scanner trasforma un negativo in digitale, e moltissimi di noi l'hanno acquistati in passato per trasformare i nostri archivi in digitali, perdendo pero' la capacità di stampa chimica personale. Cosa fare se appunto, se ci viene lo schiribizzo di fare una stampa chimica di  uno scatto digitale? :post-515-1140593913:

Foto
Fab Cortesi
nov 22 2016 12:22

Uno scanner trasforma un negativo in digitale, e moltissimi di noi l'hanno acquistati in passato per trasformare i nostri archivi in digitali, perdendo pero' la capacità di stampa chimica personale. Cosa fare se appunto, se ci viene lo schiribizzo di fare una stampa chimica di  uno scatto digitale? :post-515-1140593913:

Io credo che la miglior soluzione sia affidarsi a un centro professionale per la stampa in digitale e magari fare una riproduzione in analogico della stessa stampa.

Pero mi viene una domanda: perche complicarsi la vita scegliendo uno due formati distinti per poi trasformarlo nell'altro (con perdita di qualitá) e non scattare direttamente nel formato che si vuole la stampa?

Come ha scritto Andrea il metodo c'è, è consolidato e si chiama internegativo.

 

In pratica si fa un negativo (medio/grande formato) partendo dal file digitale.

 

E poi si stampa in chimico con il metodo tradizionale questo internegativo (o a contatto se questo internegativo è già molto grande, stampato su film trasparente con inkjet partendo dal file digitale).

 

C'è almeno un grande fotografo che ne fa largo uso, Sebastiao Salgado che da anni ha abbandonato Pentax e Hasselblad a pellicola, utilizza solo esclusivamente Canon EOS 1Dx e poi lascia trattare ai suoi assistenti i file perchè ne ottengano le stampe a cui lui è abituato tramite stampa chimica.

Foto
Bernardo Gattabrìa
nov 22 2016 16:49
In pratica si fa un negativo (medio/grande formato) partendo dal file digitale.

 

 

 

Come? :GrattaTesta: Dici quindi che bisogna stampare digitalmente su un film trasparente ottenendo poi  un negativo da  passare all'ingranditore e poi via di seguito?

 No perchè ingranditore ok, scanner ok, ma manca la stampante che stampi su film trasparente e poi detto internos a questo punto ti passa la voglia

Una tecnica, lo spazio e attrezzatura alla portata di tutti…  (mi viene in mente il mio angusto bagno cieco di 30 anni fa: d’estate con gli acidi diventava una camera a gas  :) )

Preferisco buttare i miei soldi con altri metodi, tra l'altro più... veloci ;)

Foto
Bernardo Gattabrìa
nov 22 2016 19:49

Come ti capisco!  :post-42-1201873916:

Foto
Aldo Del Favero
nov 22 2016 22:07

Una domandina a chi sa, perchè ho letto di tutto e di più, ma non  mi è ancora chiaro se si possono stampare i target TIFF per la creazione di un profilo ICC (creati da Argyll) con Lightroom (profilo colore disattivato) e lo stesso con il profilo  disattivato anche nella stampante, con sistema operativo Windows 10.

Ho letto di ACPU, ma mi sembra sia necessario solo con Photoshop e MacOS. E comunque ho stampato un target con ACPU e me lo ha tagliato dove voleva lui...

Se qualcuno ha capito di cosa sto parlando batta un colpo :) grazie

 

Immagine Allegata: gestito da stampante.PNG Immagine Allegata: Proprieta canon.PNG

 

No da LR non si può.
Quanto a ACPU va usato "fuori" da Ps.
ACPU stampa "circa"dove glielo dici tu ma "restringe" la dimensione del target del 10% circa.
Se hai i1profiler puoi stampare i target direttamente da lì.
Io stampo comunque da Ps CC tramite doppia assegnazione
Foto
Aldo Del Favero
nov 23 2016 13:03

No da LR non si può.
Quanto a ACPU va usato "fuori" da Ps.
ACPU stampa "circa"dove glielo dici tu ma "restringe" la dimensione del target del 10% circa.
Se hai i1profiler puoi stampare i target direttamente da lì.
Io stampo comunque da Ps CC tramite doppia assegnazione

 

Grazie per aver risposto :) riproverò con ACPU

Grazie a tutti per le indicazioni fornite: io proseguo in ogni caso alla ricerca di una qualche soluzione / compromesso (!!) che mi soddisfi.

 

Lk

Foto
Max Aquila
mag 06 2017 14:27

Aggiornamento 1:

Finalmente dopo vari giorni di prove...ho capito perchè il profilo della ip7250 non veniva bene.

In pratica nella stampa del target non viene disabilitata completamente la Gestione del Colore a meno che, sul menù di stampa della stampante, oltre a scegliere ovviamente l'esclusione della gestione del Colore, non viene spuntata anche una misteriosa opzione sepolta in mezzo alle opzioni "nascoste" che spiegherò poi.

Appena si asciugano i nuovi target li misuro e poi correggo l'articolo con i nuovi profili e i nuovi commenti. Questa volta sono sicuro che i profili ICC verranno eccellenti.

 

Aggiornamento 2:

Sono arrivati gli inchiostri sostitutivi. Appena ho finito i test con le cartucce originali, le sostituirò con questi e in tal modo potremo fare un primo confronto tra originali e sostitutivi.

io ti direi di aggiornare le due paginette del test iniziale di questa stampante, con questi e gli altri suggerimenti ai quali non hai piu' dato seguito !  :angry:

 

Visto che ancora oggi la consigli come easy printer la cosa sarebbe di interesse generale...

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi