Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Imagenomic Portraiture 2


Ci sono tanti sistemi per ritoccare un ritratto, dai più beceri ai più complessi.
Il web e Youtube sono arcizeppi di tutorial al riguardo.
Sia per Lightroom che per Photoshop.
 
Ma ci sono anche svariati plugins che promettono di fare il lavoro "grosso" per conto nostro.
Donandoci, oltre all'immediatezza anche una certa ripetitività "industriale" se siamo bulimici ed abbiamo tante foto da elaborare.
 
Ve ne voglio presentare uno in questo articolo con cui mi sto trovando particolarmente bene.
 
Non è economico ma è molto valido perchè ben dosato permette un intervento non evidente, lasciando con i giusti tocchi personali, le foto come se fossero state ritoccate da un professionista del settore (lo sapete che c'è una nuova professione sul web ? Io sono letteralmente inondato da proposte di collaborazione di ritoccatori professionisti di tutto il mondo ....).
 
Si chiama Imagenomic Portraiture, parliamo della versione 2.
 
Imagenomic fa anche un valido plugin di rimozione del rumore e, all'opposto, anche un plugin che inserisce nelle foto una grana di taglio naturale.
 
Attenzione, questo plugin si limita all'intervento sulla pelle del soggetto e lo fa utilizzando algoritmi basati sulla differenze di frequenze, non con operazioni di sfocatura superficiale.
Fa solo questo e lo fa bene. Insomma, non vi aspettate cose tipo modifica delle dimensioni degli occhi, alzo degli zigomi e aumento della carnosità della bocca.
Queste operazioni le farete - se vi va - con altri strumenti (anche con il solo Photoshop e il suo nuovo Liquify). Qui il ritocco è circoscritto e può essere anche del tutto trasparente ad un occhio non esperto e il vostro soggetto resterà tale e quale a come é nello scatto originale, per quanto riguarda la sua morfologia.
 
L'applicazione si installa con semplicità è viene resa disponibile nel menù di Photoshop, tra gli altri plugin
 
Immagine Allegata: Senza titolo-2.jpg
 
ho scelto di parlarvene partendo dal ritratto di una bella modella che però, si è presentata in studio con una diffura acne
 
Immagine Allegata: Senza titolo-1.jpg
 
sviluppata opportunamente la foto su Lightroom, l'ho passata su Photoshop.
Ho preventivamente rimosso a mano le "eruzioni" più grosse (selezione manuale con il lazo e poi tasto Canc. E' il modo più semplice sebbene noioso. Per i puntini si può fare anche su Lightroom con il pennello correttore che in pratica clona una zona scelta su quella "contaminata" ma ci sono i pro e i contro in queste tecniche. Ognuno si regolerà per il meglio secondo la propria esperienza).
 
Ci vuole un pò ma è meglio dedicarsi bene a questa fase.
Quando soddisfatti facciamo partire Portraiture che si presenta con questa interfaccia utente.
 
Ho indicato con le frecce le funzionalità più importanti :
 
Immagine Allegata: Senza titolo-3.jpg
 
a sinistra, in alto, i cursori con la profondità di intervento.
Ci sono delle preselezioni che vanno da un intervento normale ad uno via-via più aggressivo.
Sceglierete voi quello che vi serve a seconda delle circostanze.
Più qualche altro intervento più "creativo" che prevede anche modifiche al tono e alla resa del ritratto.
 
Ho indicato con la freccia blu la finestra dove è possibile modificare i parametri con cui il plugin seleziona la maschera dell'incarnato.
La modalità può andare dal tutto automatico a quella guidata con il contagocce.
 
Con la freccia rossa c'è la zona di "miglioramento" dell'incarnato.
Si possono modificare la nitidezza e la morbidezza complessiva, il tono (più caldo o più freddo), la tonalità (verso il rosso o verso il verde), la luminosità e il contrasto.
 
Immagine Allegata: Senza titolo-4.jpg
 
mentre a destra c'è un riquadro che riporta in tempo reale la maschera selezionata, è possibile visualizzarla anche a tutto schermo per fare le regolazioni più opportune.
Nel manuale è spiegato abbastanza bene come modificare i parametri per ottenere una maschera il più possibile uniforme e che comprenda perlopiù l'incarnato.
 
Ma il trucco, secondo me, è quello di scegliere di far produrre al plugin un Livello con la sua elaborazione in modo tale da porter intervenire poi a mano dentro Photoshop.
 
Con la freccia azzurra ho selezionato dove intervenire per avere le correzioni alla maschera.
 
Una volta soddisfatti, il plugin applicherà la correzione a quanto selezionato.
Possiamo avere le consuete due viste (prima e dopo) oppure vedere l'effetto applicato e non applicato semplicemente premendo con la manina sull'immagine a tutto schermo.
Con OK, torniamo a Photoshop.
 
Immagine Allegata: Senza titolo-5.jpg
 
in questa vista ho selezionato come visibile il solo livello che contiene la maschera elaborata da Portraiture.
 
Immagine Allegata: Senza titolo-6.jpg
Come vedete c'è una sottile (ma in talune zone non proprie sottile) velatura anche dei capelli.
Daria ha un incarnato molto simile al colore dei suoi capelli (naturali) e quindi c'è poco da fare.
Io però non voglio che i capelli siano trattati e quindi provvedo a rimuovere, grossolanamente, tutta la parte che non riguarda l'incarnato dal nuovo livello.
 
Immagine Allegata: Senza titolo-7.jpg
la maschera corretta a mano semplicemente con la gomma, sfumando l'opacità se è il caso, meglio lavorare sempre con un pennello morbido, anche con la gomma
 
Immagine Allegata: Senza titolo-8.jpg
prima
Immagine Allegata: Senza titolo-9.jpg
dopo
 
 
a questo punto ritengo che sia ancora necessario un ulteriore intervento di "spuntinatura" che questa volta faccio con il timbro clone, intervenendo su un nuovo livello vuoto sovrapposto agli altri due, indicando nell'intervento agli strumenti di campionare tutti i livelli sottostanti.
Immagine Allegata: Senza titolo-10.jpg
ecco il solo livello di correzione con tutte le pennellate che ho dato
 
Il risultato finale è già di buon livello e lo presento qui in formato maxi.
Sarebbe ancora necessario un intervento più artistico sulla guancia, nella zona in cui il colore non è uniforme.
Ve lo risparmio (si fa con un nuovo livello, pennellando una sfumatura di colore con opacità ridotta, presa da una zona adiacente, con effetto schiarisci)
 
Immagine inserita
 




Test: Yes



10 Comments

a chi interessa il campo, è veramente un risparmio di tempo e, in poco tempo si ripaga del costo..

 

ottimo.

Foto
Dario Fava
gen 09 2017 14:33

Io ho usato la versione 1 per i ritratti veloci, e devo dire che ho trovato l'algoritmo tra i migliori, forse il migliore, che si trova in giro, purtroppo però adesso io vedo sempre un intervento troppo pesante sulla texture della pelle, non riesco più a ritoccare un viso senza usare la separazione in frequenze, sta di fatto che ho dovuto aggiornare tutto il sistema adobe PS e LR all'ultima versione e questo plugin non l'ho ancora installato, solo la nik collection, con l'aumento delle mie pretese sono diminuiti gli orpelli... se non ho tempo di operare sulle frequenze lascio perdere.

Comunque se usato con criterio, resta ancora il miglior plug per ritratto. IMHO

Vorrei richiamare l'attenzione di tutti su un aspetto molto importante che vedo spesso trascurato dai plugin e dai vari forum.

 

E cioè il fatto che per l'abbellimento della pelle valgono esattamente le stesse considerazioni che valgono per lo sharpening: l'intensità dell'effetto deve essere assolutamente rapportata alle dimensioni finali dell'immagine.

Solo che, ovviamente, in modo opposto rispetto allo sharpening.

 

Quindi mentre per lo sharpening vale la regola che più è piccola l'immagine finale più intenso esso deve essere, per il trattamento della pelle vale il contrario: per immagini piccole il trattamento dovrà essere molto leggero, crescendo di intensità con la dimensione dell'immagine.

L'errore più comune è quello di operare il trattamento in funzione del rapporto di visione 1:1 e di pubblicare poi sul web una versione di 1200 o 1600 pixel. Il risultato è sempre lo stesso: decine di critiche per aver piallato troppo la pelle (vedi puntuale commento di Fava sopra), Nel caso di Mauro la foto va aperta al 100% visto che è disponibile, ma se uno si ferma alla preview il risultato è appunto quello che ho detto.

Quindi, per qualsiasi metodo scegliate, ricordate che sharpening e trattamento della pelle (ma anche Noise Reduction!!) vanno fatti DOPO aver stabilito quale sarà la dimensione dell'immagine (e quindi dopo averla ricampionata, sia in alto che in basso). Questo vale sia per la stampa che per la pubblicazione web.

Foto
Dario Fava
gen 09 2017 17:38

Il problema è che io l'ho aperta al 100% e la vedo comunque la perdita di texture, ma non solo queste, anche le mie quando intervengo con il plugin, non voleva essere una critica sulle foto o sul plugin ma piuttosto il mio modo di vedere l'effetto finale, che è cambiato, se prima mi andava bene, ora non mi soddisfa più, mi piace vedere tutta la texture della pelle, e l'unico modo per farlo è a mano. Ma resta un problema mio...  :lol:

Ok Dario, capito. Resta comunque il fatto che l'intervento deve essere funzione della dimensione dell'immagine finale.

Devo concordare con Dario, il buon metodo manuale rimane di gran lunga il migliore (si lo so ho scritto una ovvietà), però io non sono mai riuscito a trovare nessun plug-in soddisfacente.

Per esempio nella foto postata la differenza tra la pelle sulla fronte e quella del resto del viso, IMHO, è francamente imbarazzante. ;-) (Soprattutto se aperta al 100%)

Foto
Mauro Maratta
gen 09 2017 20:19
Naturalmente, Dimitri.
Se hai letto l'articolo, avrai visto anche che sulla fronte ho rimosso di brutto il trattamento con la gomma al 100 %, non é causato dal plugin la differenza di interventi ma da me, per dimostrare il metodo di lavoro che uso per chi ne mastica poco ...

Resta il fatto che questo plugin elabora le cose in pochi secondi.
Voi a mano vi siete cronometrati ?

Per le foto da stampare, ovviamente, io lavoro con l'accuratezza necessaria.
Queste foto sono solo a corredo di un test di un software che qui nessuno aveva mai nominato.

Ma forse dovrei essere io quello imbarazzato da certi commenti un po' fuori contesto ... solo che il mio ruolo qui é differente da quello del commentatore di passaggio.
Foto
Mauro Maratta
gen 09 2017 20:30
Allora, a scanso di equivoci e per chi non ha tempo di leggere con cura gli articoli :

1) questo software non opera con sfocature come tutti gli altri
2) l'algoritmo di calcolo si basa sulla stessa tecnologia della riduzione di rumore, ovvero sulla differenza di frequenza delle trame su piani differenti
3) per celerità divulgativa ed essendo il contenuto destinato non alle mie stampe ma al web, non mi sono soffermato con la cura necessaria alle mascherature. Sono certo che chi voleva trarre spunto dal mio articolo lo ha fatto pur con questa mia sommaria esposizione.
Agli altri chiedo venia.

;)
Foto
Gabriele Castelli
gen 09 2017 21:12

Ottimo articolo Mauro, non sapevo fosse uscita la versione tre.
Sono assolutamente dipendente da Portraiture, e mi fa solo piacere che si sia ulteriormente aggiornato. 

Naturalmente, Dimitri.
Se hai letto l'articolo....

Hai ragione Mauro, rileggendo il mio commento, scritto velocemente e di getto, risulta brusco e sembra essere una critica frettolosa alla tua immagine. Quindi sono io a chiedere venia perchè così non voleva essere inteso. Davvero.
Non ci sarebbe neppure bisogno di scriverlo ma è ovvio che se qui c'è una persona che subito nota quello che ho evidenziato nel mio commento, quello sei certamente tu.
La tua era semplicemente una 'recensione' al plug-in, e la mia era semplicemente una critica a questo genere di plug-in, però mi sono espresso male, quindi ancora pardon.
Anzi trovo che pubblicare una immagine così post prodotta, sia quanto di più onesto si possa fare in una recensione, perchè evidenzia bene quale sia il limite di far fare 'tutto' e velocemente ad un plug-in.

È proprio per questo limite, oltre che alla loro mano pesante (comunque regolabile) che non mi sono mai trovato bene, e da dire il vero è da moltissimo che non approfondisco neppure più tali plugin. Piuttosto lascio tutto com'è, non per snobismo ma tra i due troppo... preferisco il non fare nulla.
E se c'è una persona di cui ho visto moltissime bellissime immagini, di genere glamour, praticamente non ritoccate (oltre che tanti famosi autori) quello sei proprio tu (correggimi se sbaglio).

Trovo assolutamente inutili questi plugin, per la mia personale maniera di fotografare, anche per il discorso fatto da Massimo, nel quale mi ritrovo perfettamente.
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi