Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon scopre lo scatto a distanza compatto

control autoscatto remote

...e si accorge che le sue TopReflex sono prive di alcun ricevitore incorporato da due soldi.

 

Immagine Allegata: Cattura.JPG

 

E si ricorda che il remote control ML-L3 presentato con la D70 nel 2004 e poi esteso a pochi altri modelli, compatte incluse, era davvero una buona idea...

 

e cerca di correre ai ripari, magari cominciando a pensare anche ad un trigger da mettere sui prossimi flash da 500 cucuzze... tanto per non farmi sudare durante un matrimonio per colpa del CLS che è acronimo di Critic Light System, piuttosto che Creative come vorrebbero dire Loro...

 

insomma un i-TTL che sia wireless senza fallo...

 

Intanto con questi dispositivi wireless Nikon, il telecomando WR-T10, il ricevitore WR-R10 e l'adattatore WR-A10

 

insieme all'Advanced Multifunctional Remote Controller WR-1 potremo comandare a distanza lo scatto simultaneo, e/oppure sincronizzato, di più fotocamere.

 

Nel contempo i cinesi ridono francamente regalando agli acquirenti dei loro fakes roba molto simile...




2 Comments

Foto
Max Aquila
apr 01 2013 08:31

e incredibile a dirsi,
a distanza di otto anni dalla mia D70, ho ricomprato un ML-L3 per pilotare lo scatto a distanza delle mie Nikon ONE.

Non c'e' che dire, leggero efficiente ed economico (io poi che esagero sempre l'ho trovato a sette euro spedizione inclusa dalla spagna)

Penso che a Nikon costi piu' commercializzarlo a parte piuttosto che regalarlo in bundle agli apparecchi cui e' destinato,
per consentire facilmente alle persone di scattare foto sceme come questa

 

Immagine Allegata: 004 31 marzo 2013 _DSC0901  Max Aquila photo (c)_.jpg

Foto
Max Aquila
giu 30 2016 23:08

oggi che abbiamo scoperto l'ultimo nato tra i flash Nikon SB5000

essere radiocontrollato solamente attraverso questo insieme di accessori annunciato sul mercato appunto tre anni fa (quando nessuno comprendeva a cosa potessero servire)

ci rendiamo conto di quanto sconclusionata sia la commercializzazione di prodotti evidentemente disegnati e ben pronti per l'immissione sul mercato in periodi assolutamente differenti da quelli di reale presentazione.

 

Continuiamo a non comprendere il motivo di questa confusione organizzativa: l'effetto consiste nel trovarsi a considerare come novita' oggetti gia' superati al momento della reale disponibilita'.

 

Lo dico a buon diritto in relazione a questo nuovo SB5000 provato a Pero durante il Nikon Day appena trascorso

(credo di essere stato l'unico a chiederlo in prova durante la giornata)

 

rispetto l'ennesimo Godox appena ricevuto Immagine Allegata: 001 _DSC7524 01 luglio 2016 Max Aquila photo (C).jpg

 

questo i-TTL Ving 860-II N, radiocontrollato da master e da slave, Nikon CLS-compatible, alimentato al litio 

 

del quale avro' piacere di descrivere i vantaggi rispetto al Nikon, che non si limitino al prezzo (quasi quattro volte meno costoso)

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi