Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR


Amsterdam, Paesi Bassi, 29 gennaio 2013 – Nikon lancia oggi un nuovo super teleobiettivo con lunghezza focale singola e moltiplicatore di focale dedicato. L'obiettivo AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR con MOLTIPLICATORE DI FOCALE AF-S TC800-1.25E ED è dotato di componenti di alto profilo e di tecnologie avanzate che riducono il peso, aumentano la maneggevolezza e migliorano la qualità dell'immagine. Questo è il primo obiettivo NIKKOR caratterizzato non solo di tecnologie e materiali sofisticati, quali controllo del diaframma elettromagnetico ed elementi dell'obiettivo in fluorite, ma anche da funzioni già sperimentate e collaudate, ad esempio riduzione vibrazioni e trattamento Nano Crystal Coat.

Grazie alla maggiore lunghezza focale della gamma NIKKOR, questo straordinario obiettivo rappresenta la scelta ideale per i fotografi sportivi e della stampa professionisti. Quando non è possibile avvicinarsi al soggetto, il modello AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR offre un raggio di azione più ampio, che consente di compiere l'operazione inversa, ovvero avvicinare il soggetto alla fotocamera.

"Abbiamo sviluppato questo obiettivo sulla base delle richieste dei fotografi professionisti più esigenti", dichiara Zurab Kiknadze, Product Manager della divisione Lenses, Accessories & Software, Nikon Europe. "Non ci siamo limitati a ridurre il peso del super teleobiettivo, generalmente elevato, e a dotare l'obiettivo di tecnologie di nuova introduzione per NIKKOR, ma siamo andati oltre, progettando un moltiplicatore di focale appositamente studiato per aumentare la lunghezza focale dell'obiettivo e trasformarlo a pieno diritto nel modello di punta della nostra linea di super teleobiettivi".

Nikon ha annunciato l'ideazione di AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR nell'estate del 2012. I prototipi dell'obiettivo sono stati presentati durante la manifestazione Photokina di Colonia e testati durante i più importanti eventi sportivi, ricevendo un'accoglienza estremamente positiva.

Corpo macchina leggero con elementi in fluorite


Considerato il raggio di azione che assicura, l'obiettivo AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR è sorprendentemente leggero e ben bilanciato. Questo risultato è stato raggiunto realizzando il corpo macchina con una lega di magnesio solida e leggera e grazie a una struttura ottica perfezionata, che include due elementi in fluorite.

Lo schema ottico contiene un totale di 20 elementi in 13 gruppi, inclusi due elementi in fluorite e due in ED. L'utilizzo della fluorite per i due elementi frontali rende più leggera la parte anteriore dell'obiettivo e ne sposta il centro di gravità verso la parte posteriore, assicurando una maneggevolezza superiore e maggiore stabilità. Gli elementi in fluorite offrono, inoltre, prestazioni ottiche più elevate, garantendo una velocità di trasmissione superiore con un'aberrazione cromatica minima e una dispersione minore rispetto anche agli elementi in vetro Super ED. Il trattamento antiriflesso Nano Crystal Coat di Nikon assicura immagini chiare con luce parassita e immagini fantasma ridotte al minimo.

L'obiettivo è inoltre dotato di una lente protettiva a menisco curva e viene fornita con un filtro NC da 52 mm. È presente anche un pratico supporto per filtro da 52 mm scorrevole, situato nella parte posteriore dell'obiettivo.

Controllo estremamente accurato del diaframma elettromagnetico


L'affidabile diaframma elettromagnetico offre un controllo del diaframma estremamente accurato con un'incidenza decisamente limitata degli errori. Questo sofisticato meccanismo assicura la massima stabilità del controllo automatico dell'esposizione durante le riprese in sequenza e una maggiore precisione, soprattutto quando l'obiettivo viene utilizzato con il relativo moltiplicatore di focale, che richiede un doppio collegamento al diaframma.

Per aumentare la stabilità, il meccanismo VR di riduzione vibrazioni fornisce una compensazione equivalente a tempi di posa all'incirca quattro volte più veloci. I modi VR Normal e Active offrono una ripresa stabile per quantità e velocità di movimento della fotocamera diverse, mentre quando la fotocamera è innestata su un treppiedi, il relativo rilevamento automatico riduce le vibrazioni provocate dallo scatto. Il modello AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR dispone inoltre di un piedino per treppiedi integrato, che ottimizza il bilanciamento dell'obiettivo quando questo è innestato su un treppiedi.

L'obiettivo integra il motore Silent Wave (SWM, Silent Wave Motor) per un'acquisizione della messa a fuoco più rapida e accurata. I modi di messa a fuoco utilizzati sono tre: A/M (esclusione dell'autofocus manuale, priorità AF), M/A (passaggio immediato dall'autofocus alla messa a fuoco manuale in qualsiasi modo AF) e M (manuale).

Moltiplicatore di focale dedicato


Tutti i modelli AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR vengono forniti con un MOLTIPLICATORE DI FOCALE AF-S TC800-1.25E ED, il primo a utilizzare un elemento in vetro ED per correggere l'aberrazione cromatica, un problema frequente negli obiettivi con elevata lunghezza focale.

Sviluppato in esclusiva per il modello AF-S NIKKOR 800mm f/5.6E FL ED VR (non è venduto separatamente), ogni moltiplicatore di focale viene ottimizzato per l'obiettivo a cui è associato, al fine di mantenere inalterate le proprie prestazioni ottiche superiori, portando al tempo stesso la lunghezza focale dell'obiettivo a 1.000 mm.

L'obiettivo e il moltiplicatore di focale dedicato sono forniti in una borsa rigida (CT-801) che rende il trasporto più pratico e sicuro.

Caratteristiche tecniche


- Lunghezza focale: 800 mm
- Apertura max.: f/5,6
- Apertura min.: f/32
- Schema ottico: 20 elementi in 13 gruppi (più una lente protettiva)
- N. di lamelle del diaframma: 9 (circolari)
- Messa a fuoco minima: 5,9 m in modo AF; 5,8 m in modo MF
- Dimensione attacco/filtro: 52 mm
- Diametro x lunghezza: circa 160 x 461 mm
- Peso: circa 4.590 g o 4.725 g con il moltiplicatore di focale innestato
- Note: MOLTIPLICATORE DI FOCALE AF-S TC800-1.25E ED dedicato in dotazione


prezzo previsto circa 18.000 dollari


42 Comments

Foto
Mauro Maratta
gen 29 2013 09:53
Un oggetto che non mi interessa ma che decisamente mi riconcilia con Nikon che, almeno in questo caso, sembra ritornare quella di un tempo.

Straordinario è il solo termine con cui riesco a definire questo apparecchio che farà la felicità dei fotonaturalistici disposti a pagarne il prezzo ;)
Foto
Francesco64
gen 29 2013 10:53
Sono d'accordo, un pezzo "in stile Nikon".
Anche un oggetto per dimostrare leadership tecnologica a prescindere dalle vendite.
Credo che lo acquisteranno essenzialmente agenzie, noleggiatori e qualche fotoamatore dal portafoglio eccezionalmente gonfio.
Per un professionista non facile vedere il "return of investment". Forse piu' che per un fotografo di orsi polari e calciatori potrebbe essere un buon investimento per qualche paparazzo: certe foto "proibite" vengono pagate a peso d'oro.

Forse piu' che per un fotografo di orsi polari e calciatori potrebbe essere un buon investimento per qualche paparazzo: certe foto "proibite" vengono pagate a peso d'oro.

Beh, il moltiplicatore dedicato serve "anche" a quello.
Cosí si parte da un 1000mm, ed é pronto per reggere un ulteriore duplicatore. ;)
a_
Foto
Francesco64
gen 29 2013 11:34

Beh, il moltiplicatore dedicato serve "anche" a quello.
Cosí si parte da un 1000mm, ed é pronto per reggere un ulteriore duplicatore. ;)
a_


Certo, non discuto l'utilita' di questo bazooka per la foto naturalistica, ma ritengo che un paparazzo potrebbe monetizzare di piu'.
Foto
Bernardo Gattabrìa
gen 29 2013 18:46
Ecco qui si vede la qualità Nikon.... anche se a prezzo di una media berlina. Beato chi potrà permetterselo, anche se penso che trasportarsi 5 chili di obiettivo non sia proprio comodo. Mi immagino comunque la definizione per la fotografia di determinate porzioni della via lattea, perchè come sanno tutti i bravi astronomi, quello che conta è il diametro della lente...

.... Mi immagino comunque la definizione per la fotografia di determinate porzioni della via lattea, perchè come sanno tutti i bravi astronomi, quello che conta è il diametro della lente...


In questo caso il 600/4 sarebbe avvantaggiato.
.....in Inghilterra con la nascita del nuovo erede al trono ...andra' a ruba !

.....in Inghilterra con la nascita del nuovo erede al trono ...andra' a ruba !


Da quello che ho potuto notare qui a Londra è che sono tanti gli inglesi fedeli al brand Nikon (sarà merito anche di Grays of Westminster? mah! :rolleyes:) e che tutti i cano(n)isti sono in stragrande maggioranza asiatici in giro per turismo.
Ad ogni modo si vedono già in giro alcuni "cecchini" che aspirano a scattare la prima foto all'erede... ;)
Pensatelo con duplicatore e V2... un 2700mm :)
Foto
Max Aquila
gen 30 2013 01:12

Un oggetto che non mi interessa ma che decisamente mi riconcilia con Nikon che, almeno in questo caso, sembra ritornare quella di un tempo.

... ;)

non sarebbe però la prima volta che...

Mi piacerebbe sostituire finalmente quest'altro ... :bigemo_harabe_net-03:
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 08:10

non sarebbe però la prima volta che...


Ho venduto un anno fa il 600/4 e non ne sento la mancanza. Pur affascinante in effetti non ne ho mai avuto bisogno.
Il mio campo di azione rende il 400/2.8 l'obiettivo più adatto.
E nelle rare occasioni - più che altro per vezzo - in cui non basta, con il nuovo TC 20 E III non è del tutto disprezzabile, specie per il fatto che io non punto al piumaggio variopinto di pennuti rari :)
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 08:15
Dette queste amenità non mi pare che qualcuno abbia rimarcato due importanti novità di questo super-tele che potrebbero anche avere ricadute sul rinnovo degli altri già presenti in catalogo.
Lo faccio io dato che non riesco per nulla ad essere ammaliato dal nuovo 18-35 che invece mi pare abbia monopolizzato l'interesse dei commentatori di Nikonland.

Il nuovo 800/5.6 ha due elementi in fluorite :

Immagine Allegata: AF-S-NIKKOR-800mm-f5.6E-FL-ED-VR-lens-designb.jpeg

oltra al solito carico di ED. A parte la leggerezza (e fragilità) delle lenti alla fluorite, Nikon assicura che la qualità ottica permessa è superiore a quella del SUPER-ED montato sul 200/2. Non stento a crederlo.

Mentre il nuovo TC800 dedicato (che rinnova i fasti dei teleconverter dedicati, come quello per il 300/2), ha per la prima volta in un duplicatore un elemento ED :

Immagine Allegata: Nikon-AF-S-TELECONVERTER-TC800-1.25E-ED.jpg

sono convinto che qui Nikon è all'eccellenza suprema. Meno male ... ;)
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 08:20
Gli MTF ufficiali pubblicati, fatta la tara al fatto che si tratta di un F5.6 e quindi non può essere confrontato se non a questo diaframma con gli altri più corti, sono impressionanti, anche con il TC inserito :

Immagine Allegata: AF-S-NIKKOR-800mm-f5.6E-FL-ED-VR-lens-MTF-chart-270x228.jpeg
lisclio

Immagine Allegata: AF-S-NIKKOR-800mm-f5.6E-FL-ED-VR-lens-MTF-chart-with-teleconverter-270x228.jpeg
combinato con il TC800 a 1.000 mm F7.1

;)


Amazing :)

Dette queste amenità non mi pare che qualcuno abbia rimarcato due importanti novità di questo super-tele che potrebbero anche avere ricadute sul rinnovo degli altri già presenti in catalogo.
...
Il nuovo 800/5.6 ha due elementi in fluorite :
....
oltra al solito carico di ED. A parte la leggerezza (e fragilità) delle lenti alla fluorite, Nikon assicura che la qualità ottica permessa è superiore a quella del SUPER-ED montato sul 200/2. Non stento a crederlo.

Io non lo vedo come un passo avanti, sinceramente.
Le lenti alla Fluorite vengono usate da Canon ormai da decenni.
Dire che sono migliori delle migliori lenti prodotte da Nikon equivale a dire che... Ok, l'ho giá scritto. ;)

Ma scherzi a parte, personalmente non sono mai impressionato dall'abbondanza di termini "speciale" e simili nelle lenti e nei trattamenti.
Un obbiettivo é una cosa nella sua interezza, e tutto sommato nulla mi importa se contiene lenti di un tipo piuttosto che un altro.
Gli esempi sia di obbiettivi fantastici con sole lenti "normali", sia del contrario non si contano. :)

Lo faccio io dato che non riesco per nulla ad essere ammaliato dal nuovo 18-35 che invece mi pare abbia monopolizzato l'interesse dei commentatori di Nikonland.

Vabbé, lo sappiamo bene che non é questione di essere ammaliati o meno.
Questo é un obbiettivo affascinante, per chi é interessato ai lunghi tele in generale, ma a detta di tutti i commentatori finora non interessa a nessuno. :P
Ovviamente sono serio, e non mi riferisco certo a cosa "secondarie" come ad esempio il prezzo, che tutto sommato é esattamente quello che ci si aspetta da un mostro di questo genere.
a_
Foto
Max Aquila
gen 30 2013 08:36
ho letto che per renderlo piu" possibile "leggero" e" stata data prevalenza costruttiva ad una lega col magnesio.
Posto che il "touch" sara" probabilmente eccezionale, come nella tradizione dei piu" riusciti obiettivi Nikon pro, non e" possibile che aumenti il rischio urto e la conseguente vulnerabilita" dell'obiettivo stesso?
Un rivestimento esterno in materiale adeguatamente refrattario sarebbe certo stato meno bello.
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 08:43
Non intendevo dire che sia una novità assoluta. La fluorite si usa da decenni per le lenti speciali.
Ma al fatto che Nikon si sia decisa di impiegarla adesso .
Considerato che Nikon si fonde ancora da se i vetri speciali e che quindi ha il controllo totale del processo evidentemente hanno valutato che per questo progetto non si poteva usare il Super-ED che resta sinora impiegato nel solo 200/2.

Concordo che non siano nè le sigle nè il contenuto di un obiettivo che ne caratterizzano la resa ... ma la resa effettiva.

Ma siamo su Nikonland, quindi le novità vanno rimarcate anche per quello che possono rappresentare in termini di ricadute su oggetti più alla portata di tutti.
E' la stessa cosa per il recente brevetto di 300 mm DO, un sistema che la stessa Canon non ha più sviluppato e che invece Nikon sta esplorando soltanto oggi.

Insomma credo che sappiano che per andare oltre le prestazioni degli attuali 300/2.8 e 400/2.8 probabilmente ci vuole qualche cosa di più del trattamento N.
Lo stesso vale per il TC che è solo 1.25x ma si permette una lente ED, diversamente dai suoi compagnucci più estesi.

Se poi questo 800 mm verrà utilizzato per fare foto come queste ... :

Immagine Allegata: index2.jpg Immagine Allegata: index.jpg

fatte a quanto capisco con l'800 mm Canon, bé, è un altro paio di maniche ...
Il fatto che Nikon abbia deciso di impiegarla ora puó voler dire anche altro.
La Fluorite ha un grosso problema meccanico, nel senso che é fragilissima (molto piú delle lenti ED e tradizionali).

Non mi stupirei se Nikon avesse trovato il modo di renderla un poco meno fragile (temo sia oggettivamente impossibile fare molto di piú)... con una maniera che magari passa per l'impiego della lega di Magnesio, che assorbe meglio gli urti. ;)
a_
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 09:18
E' possibile. Nikon ci dimostra con questo arnese di non aver perso l'anima originaria, dato che arriva sempre per ultima e solo dopo aver perfezionato al massimo cose già presenti sul mercato.

Peccato solo per tutta quella fuffa con cui intasa le newsletter (come le Coolpix di ieri) e con cui si riempie la bocca dei suoi 75 milioni di Nikkor ... pietosi :(
Foto
Paolo Tagliaro
gen 30 2013 15:06
Ad essere "cattivi" si potrebbe dire che anche questo segue il nuovo corso: più fragile ==> dura meno. :P

Da quanto dichiara Nikon la fluorite serve a bilanciare l'obiettivo in quanto questa è più leggera dei vetri ED (le lenti frontali sono le più grandi e spesse).
Per rendere meno vulnerabile l'obiettivo c'è un "filtro protettivo" anteriore (prima lente piatta) a protezione delle due lenti fragili.

La cosa strana è che Nikon sembra smentire se stessa. Infatti al tempo del super ED dichiarava che la fluorite non era necessaria, ora invece: "Gli elementi in fluorite offrono, inoltre, prestazioni ottiche più elevate, garantendo una trasparenza di trasmissione superiore con aberrazione cromatica minima e una dispersione minore rispetto anche agli elementi in vetro Super ED.". :GrattaTesta:


In ogni caso ogni passaggio vetro-aria, aria-vetro introduce decadimento, non solo la qualità dei materiali.
E' impressionante il numero di lenti presenti in questo fisso, ben venti, maggiore di molti zoom.
Senza lenti speciali quelle MTF non sarebbero così alte.

La cosa strana è che Nikon sembra smentire se stessa. Infatti al tempo del super ED dichiarava che la fluorite non era necessaria, ora invece: "Gli elementi in fluorite offrono, inoltre, prestazioni ottiche più elevate, garantendo una trasparenza di trasmissione superiore con aberrazione cromatica minima e una dispersione minore rispetto anche agli elementi in vetro Super ED.". :GrattaTesta:

Beh, ormai é sport nazionale di qualsiasi nazione...
Cose che fino al giorno prima "non sono necessarie" (se non dichiarate a gran voce come assolutamente deleterie) diventano improvvisamente la punta di diamante della casa.
Prima la volpe, poi l'uva, poi.... :P

Apple sta facendo alcune migliaia di milioni a forza di rimangiarsi quanto detto il giorno prima.
Non credo Nikon perderá la faccia per questo. :lol:
a_
Foto
Mauro Maratta
gen 30 2013 15:50
Comunque sia, l'unica cosa che mi rende perplesso in questo pachiderma è il colore nero.
Ve lo immaginate ad un safari sotto al sole africano, dentro ad una Land Rover per tutto un giorno come si squaglia la fluorite ?
Cioè, questo non è un obiettivo da studio ... è un affare che dovrebbe sopportare ogni tipo di stress ;)
Foto
Paolo Tagliaro
gen 30 2013 16:00

Comunque sia, l'unica cosa che mi rende perplesso in questo pachiderma è il colore nero.
Ve lo immaginate ad un safari sotto al sole africano, dentro ad una Land Rover per tutto un giorno come si squaglia la fluorite ?
Cioè, questo non è un obiettivo da studio ... è un affare che dovrebbe sopportare ogni tipo di stress ;)


Ad essere "cattivi" si potrebbe dire che anche questo segue il nuovo corso: più fragile ==> dura meno. :P


Meno dura prima si cambia... :P

P.S. A breve Nikon venderà i pezzi di ricambio direttamente all'utente finale.
Valentino.Todeschini
gen 30 2013 18:59

Comunque sia, l'unica cosa che mi rende perplesso in questo pachiderma è il colore nero.
Ve lo immaginate ad un safari sotto al sole africano, dentro ad una Land Rover per tutto un giorno come si squaglia la fluorite ?
Cioè, questo non è un obiettivo da studio ... è un affare che dovrebbe sopportare ogni tipo di stress ;)


il 400 a bordo pista da questi problemi? se uno proprio ha problemi con il nero può sempre coprirlo di bianco, viceversa a me il bianco dei canon non piace affatto
Foto
giannizadra
gen 31 2013 12:03
Nell'ultima parte di questo pezzo di Marco Cavina (per Nital), sono riportati gli indici di dispersione di vetri ED, Super-ED, UD, Super-UD, ED "commerciali" e fluorite.
La dispersione inferiore è appunto quella della fluorite.
http://www.nital.it/...rical/200mm.php
Foto
Mauro Maratta
gen 31 2013 12:07

il 400 a bordo pista da questi problemi? se uno proprio ha problemi con il nero può sempre coprirlo di bianco, viceversa a me il bianco dei canon non piace affatto


No, ma il 400 mm è pesante quanto questo 800 mm (ed è lungo la metà) e non ha dentro vetro alla fluorite (che è più fragile e ha anche un punto di fusione più basso).

Se aggiungi che qui hanno usato più magnesio nella lega e meno alluminio, fai due più due e ti rendi conto che potrebbe essere il colosso d'argilla con prestazioni eccellenti in laboratorio ma da verificare la tenuta nella realtà di tutti i giorni.
Il campo per questo oggetto non è certo lo stadio o l'autodromo ma la savana o il mare aperto ...

... nemmeno a me il bianco di Canon piace ma il sole africano è una brutta bestia, quello monzese al massimo ti abbronza ;) quindi Canon non fa un sciocchezza a fare bianchi i suoi cannoni.

Non a caso, quando i progettisti avevano le palle, per esempio in relazione al mitico e leggendario 2000/11 reflex

Immagine Allegata: ReflexNikkor2000mmf11_Side.jpg

e mica lo hanno fatto nero !

Però forse adesso i progettisti Nikon sono tutti ex-teenagers brufolosi che badano alla forma e non alla sostanza.

Qui stanno le "mie" preoccupazioni. I pochi 2.000 mm prodotti sono in regolare servizio anche oggi (e vengono offerti usati intorno ai 35.000 euro ... oggi !), ne ho visto uno davanti a San Pietro all'incoronazione dell'attuale Papa.


Se poi questo era il tuo solito appunto scortese ... allora parlì più ;)
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi