Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

A sorpresa la beta pubblica di Lightroom 5


Disponibile dall sito Adobe (qui) la versione di prova pubblica di Lightroom 5.

La scadenza della versione di prova è stata fissata al 30/6, segno che probabilmente la versione finale uscirà prima.

Le nuove funzionalità vanno nella direzione di un miglioramento di caratteristiche presenti, nulla di rivoluzionario e nessuna traccia di un nuovo motore di sviluppo che ritengo verrà introdotto, come da tradizione, insieme a Photoshop CS 6 l'anno prossimo.

Probabilmente è solo una versione intermedia necessaria per sostenere le vendite.

Riporto la lista delle nuove caratteristiche (traduzione alla buona dal sito inglese) :

Nuove funzionalità di Lightroom Beta 5

Advanced Healing Brush - rimuovere facilmente gli oggetti e risolvere i difetti, anche quelli con forme irregolari, come fili residui con un singolo colpo di pennello. Prendi il controllo preciso su ciò che è stato rimosso in modo da far scomparire gli oggetti indesiderati
Upright - Raddrizzare le immagini inclinate con un solo clic. Analizza le immagini in posizione verticale e rileva linee orizzontali o verticali distorte. Si sceglie uno dei quattro metodi di correzione, e e si possono anche raddrizzare le immagini in cui l'orizzonte è nascosto.
Gradiente Radiale - Guida l'occhio dell'osservatore con maggiore flessibilità e controllo. Lo strumento gradiente radiale consente di creare effetti di vignettatura decentrati, o più aree di vignettatura all'interno di una singola immagine.
Editing offline con Anteprime intelligenti - lavorare facilmente con le immagini senza portare l'intera libreria con voi. Basta generare piccoli file stand-in chiamati Anteprime intelligenti. Le regolazioni o le aggiunte ai metadati effettuate sulle anteprime intelligenti verranno applicate automaticamente agli originali in un secondo momento.
Slideshow Condivisione video - condividere facilmente il vostro lavoro in eleganti presentazioni video. Combina immagini fisse, clip video, e musica in creative video HD che possono essere visualizzati su qualsiasi computer o dispositivo.
Crezione fotolibri migliorata - Creare bellissimi libri fotografici con le tue immagini. Lightroom include una varietà di template di libri facili da usare, e ora è possibile modificarli per creare un look personalizzato. Carica il tuo libro per la stampa con pochi clic.


Io in generale non utilizzo versioni beta salvo che non portino grandi novità, quindi prego i nikonlander che volessero sperimentare la nuova versione di riportarci le proprie impressioni a beneficio di tutti.


32 Comments

Foto
Adriano Max
apr 16 2013 08:39
Apprezzo i continui avanzamenti di questo software per me oramai indispensabile !
Interessante l'appunto sull'Advanced Healing Brush
:)

Ciao !
Adri.
Mi chiedevo giusto quanto ci sarebbe voluto per la versione 5...
Foto
Giorgio Guastella
apr 16 2013 11:16
Per me invece la novità più interessante sembra essere l'editing offline che dovrebbe consentire, se non ho capito male, un editing "non distruttivo" in stile lightroom su una singola immagine.... molto comodo!
E' un software potente ,una sorta di camera raw con qualche funzione in più ma continuo a ritenere scomoda l'interfaccia perchè troppo incasinata , necessita di assuefazione e nonostante questo è antiintuitivo ,avrebbero potuto mantenere il layout di rawshooter da cui deriva.
Foto
Fab Cortesi
apr 16 2013 12:03

Non credo sia così... piuttosto è la possibilità di editare immagini il cui RAW non è accessibile (ad esempio si trova su un disco esterno non collegato) e lavorando quindi solo sulla preview per poi vedere il risultato definitivo e reale quando il file originale sarà presente. Se così fosse sono curioso di capire come potranno funzionare certi strumenti quale ad esempio il recupero alte luci... :GrattaTesta:


Qui in parte la risposta (minuto 12 del video).

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=Uig0j3nb3uc
però con photoshop devi comprarti la versione successiva per avere la compatibilità delle utlime fotocamere,io la trovo una follia.
Non condivido, Massimo. Trovo LR super-intuitivo e molto più comodo di ACR.
Penso però che ci voglia un po' di buona volontà per iniziare a usarlo seriamente, poi si "assorbe" e tutto diventa facile. La divisione in Moduli è il segreto del successo di LR e della sua popolarità e non credo che la cambieranno presto.
Mi sembra di capire invece che non sia cambiato il motore di rendering, che alla fine è la cosa forse più importante.
Foto
Mauro Maratta
apr 16 2013 13:23

però con photoshop devi comprarti la versione successiva per avere la compatibilità delle utlime fotocamere,io la trovo una follia.


Vero, ma cosa c'entra con LR?


No, solo quando viene aggiornato anche il motore di sviluppo Adobe propone la nuova versione a pagamento, altrimenti le versioni intermedie di ACR e di LR sono upgrade gratuiti.
Se non si ritiene necessario avere l'ultima versione del motore, in entrambi i casi (sia con Photoshop che con LR) c'è l'utility di conversione del RAW a DNG, gratuita, che consente di utilizzare la versione posseduta anche con le fotocamere del futuro.

A Cesare ... :)
Foto
Adriano Max
apr 16 2013 13:41

[...]

Molto interessante invece l'advanced healing brush! Ecco un video:

http://www.youtube.com/watch?v=s2xNLS0KjcY


Implementando questa funzionalità Lightroom è arrivato al punto da rendermi quasi del tutto inutile PS ... almeno per le mie necessità di postproduzione, decisamente poco invasive.
Ogni strumento poi è migliorabile nel modus operandi ... l'unico desiderata che mi rimane è la creazione di panorami facendo il merge di più immagini: la release 6 penso non mancherà di implementare anche questo ...
;)

Ciao,
Adri.



PS: Io sono anche un po' ignorante: magari qualcuno di voi conosce qualche add on di LightRoom che implementa le sole funzionalità di Photomerge ?
;)
Foto
Giorgio Guastella
apr 16 2013 14:31

Qui in parte la risposta (minuto 12 del video).


In realtà devo essermi espresso male (o forse non ho ancora capito ) perchè intendevo proprio qualcosa del genere: una delle cose noiose di LR è che quando devi trasferire parte del lavoro su un altro computer (nel mio caso sul notebook) di deve sempre lavorare per esportazione ed importazione di cataloghi...
Io di solito creo una "smart collection" la esporto come catalogo insieme alle immagini e poi alla fine del lavoro la importo nuovamente nel mac principale integrandola con quella esistente per non perdere il lavoro fatto.
MI sembra che questa "smart preview" semplifichi molto il flusso consentendo di lavorare anche sulla singola immagine e sincronizzando con l'originale i cambiamenti effettuati... Il problema è capire quali siano le capacità di questa funzionalità perchè immagino che mancando il RAW non sia consentito proprio tutto...
@Giorgio, guarda che per trasferire su un altro PC non devi lavorare con i cataloghi: basta che fai un clic a destra sulle foto che vuoi esportare (anche come selezione multipla) e selezioni "scrivi dati sui metadati" e poi semplicemente copi e incolli sul nuovo PC i file col sidecar .xmp che è situato di fianco al file principale. Se lavori con i DNG poi i metadati vengono stivati dentro al file per cui non c'è neanche bisogno dello .xmp.
Io lo faccio spesso ed è velocissimo.
@Massimo, scusa non avevo capito cosa intendevi. Poi immagino sia una questione di gusti.
Foto
Giorgio Guastella
apr 16 2013 16:38

@Giorgio, guarda che per trasferire su un altro PC non devi lavorare con i cataloghi: basta che fai un clic a destra sulle foto che vuoi esportare (anche come selezione multipla) e selezioni "scrivi dati sui metadati" e poi semplicemente copi e incolli sul nuovo PC i file col sidecar .xmp che è situato di fianco al file principale. Se lavori con i DNG poi i metadati vengono stivati dentro al file per cui non c'è neanche bisogno dello .xmp.
Io lo faccio spesso ed è velocissimo.

In questo caso però vene salvata la lavorazione finale del tuo file ma non la storicizzazione della lavorazione che hai effettuato... quindi hai a disposizione unicamente il raw iniziale ed il risultato finale del tuo lavoro di "post-produzione".
Con il catalogo invece hai la "history" di tutte le operazioni che hai effettuato e la cosa talvolta risulta utilissima: un esempio è quello di aver applicato un "preset" ad una o più foto e poi magari ripensarci perchè la stampa non convince...
Tra l'altro questo è il mio caso più tipico visto che di solito i files li trasferisco sul notebook proprio quando li porto in stampa... ;)
Quello che auspicherei in questa nuova versione di LR è proprio il fatto di poter registrare i vari "passaggi" su questa sorta di copia virtuale ed integrarli con quelli già presenti nel file originale.
Quello che non ho capito è se sarà così! :)
Foto
Bernardo Gattabrìa
apr 16 2013 21:41
Cavolo e' da meno una settimana che hanno ufficializzato la versione 4.4 che gia' escono con la versione 5. Ma ci stanno a prendere per il sedere?
Nel software e' cosi'. Per quanto mi riguarda, preferisco le Case che aggiornano i prodotti rispetto a quelle che li abbandonano o non li modificano per qualche anno (Nikon Scan e Capture vi dicono qualcosa?).
Ciao!

..
La 5 è una versione NUOVA
Non vedo cosa centri l'ufficializzazione di un aggiornamento con il lancio di una nuova versione?!? o_O

Nel software e' cosi'. Per quanto mi riguarda, preferisco le Case che aggiornano i prodotti rispetto a quelle che li abbandonano o non li modificano per qualche anno (Nikon Scan e Capture vi dicono qualcosa?).
Ciao!


E' vero quello che dite,però adobe se ne approfitta alla grande quando non pubblica gli aggiornamenti di camera raw per le versioni antecedenti .Ho provato la demo di cs5 e non leggeva i file della d600,cosa possibile con cs6..sempre scaricata in demo. Questo comportamento lo trovo molto discutibile ,visto il costo del software un professionista che cambia fotocamera dovrebbe mettere in conto anche una nuova licenza
E' vero, se ne approfittano alla grande. Sarebbe molto serio, da parte loro, fornire gli aggiornamenti di ACR a tutti; se poi uno vuole le caratteristiche del nuovo prodotto fa il salto, altrimenti rimane dove e'. Costringere ogni volta a comprare una nuova versione, cosiderando che non esiste l'aggiornamento di LR, mi sembra una forzatura al limite del ricatto.... E' uno dei costi nascosti del digitale, alla faccia di chi sostiene che costa meno della pellicola....
Foto
Mauro Maratta
apr 17 2013 08:20
E l'aggiornamento di LR costa 76 euro.
Mentre è sempre disponibile l'ultima versione gratuita del DNG Converter che consente di convertire un RAW in un DNG alla portata di qualsiasi versione di Photoshoppe.

Adobe vende la Creative Suite ai professionisti. E la vende al prezzo che ritiene :) chi è qui presente che ha pagato la licenza per intero alzi la mano .... :post-515-1140593913: ...

Per tutti gli altri c'è LR oppure Elements ;) senza dimenticare Capture One, Capture Two, Aperture & so on.

Chiarito questo, direi che possiamo archiviare questo discorso e, possibilmente, parlare delle novità della beta di LR 5 che poi sarebbe il titolo di questo topic.

Che ne dite ?

:)

però con photoshop devi comprarti la versione successiva per avere la compatibilità delle utlime fotocamere,io la trovo una follia.

Perché follia?
La retrocompatibilitá é garantita dal DNG converter, e non é poco.
Nessun software é retrocompatibile con fotocamere che non esistono al momento del lancio. Adobe lo é, grazie al formato DNG (che non perde assolutamente nulla dell'originale).
Credo che chiedere pure di sviluppare software obsoleti sia francamente troppo. :)
a_

Tra l'altro questo è il mio caso più tipico visto che di solito i files li trasferisco sul notebook proprio quando li porto in stampa... ;)
Quello che auspicherei in questa nuova versione di LR è proprio il fatto di poter registrare i vari "passaggi" su questa sorta di copia virtuale ed integrarli con quelli già presenti nel file originale.
Quello che non ho capito è se sarà così! :)

É il caso di chiarire una cosa, mi pare.
Prendo spunto dal tuo commento, ma anche altrove in questo thread si dimentica una cosa fondamentale: con LR5 é possibile lavorare offline con una copia ridotta della foto originale.
Non una preview 1:1.
Esattamente come giá si puó fare con CaptureOne.

Crea un DNG invece del solito JPG, ma la dimensione massima é intorno ai 2500px, invece dei 4800/7300 delle macchine da 12 o 36 Mp.

Quanto a questo:

In realtà devo essermi espresso male (o forse non ho ancora capito ) perchè intendevo proprio qualcosa del genere: una delle cose noiose di LR è che quando devi trasferire parte del lavoro su un altro computer (nel mio caso sul notebook) di deve sempre lavorare per esportazione ed importazione di cataloghi...
Io di solito creo una "smart collection" la esporto come catalogo insieme alle immagini e poi alla fine del lavoro la importo nuovamente nel mac principale integrandola con quella esistente per non perdere il lavoro fatto.
MI sembra che questa "smart preview" semplifichi molto il flusso consentendo di lavorare anche sulla singola immagine e sincronizzando con l'originale i cambiamenti effettuati... Il problema è capire quali siano le capacità di questa funzionalità perchè immagino che mancando il RAW non sia consentito proprio tutto...

Non capisco perché ti complichi la vita in questo modo.
Se trasferisci sul laptop l'intera Library (Catalog + Previews) e solo i files da stampare su cui vuoi lavorare, puoi farlo tranquillamente.
Apri Lightroom, rilocalizzi i files indicando il path di dove hai copiato i files sul laptop (e se hai mantenuto la stessa cartella basta un click, non é necessario localizzare ogni singolo file), e lavori come se fossi sul fisso.
Poi torni indietro e ti ritrovi sul fisso quanto fatto sul laptop.

Se hai l'accortezza di ottimizzare il catalog un po' di frequente (io lo faccio fare settimanalmente, quando faccio il backup), non hai nessun problema.

La possibilitá offerta da LR5, che ha copiato Phase One, é solo una possibilitá in piú, ma nel tuo caso, ti consiglio di renderti la vita piú facile e basta. :)
a_

Costringere ogni volta a comprare una nuova versione, cosiderando che non esiste l'aggiornamento di LR, mi sembra una forzatura al limite del ricatto....

Ripeto, basta scaricare gratuitamente il DNG Converter, e si apre qualsiasi RAW di una D7100 con CS2. :)
É piú di quanto fa qualsiasi altro produttore di software (con Aperture devi cambiare il sistema operativo, per dirne una...).
a_
Ho provato a giocarci un po'.
A livello di prestazioni sembra esattamente identico alla 4.4: su entrambe le versioni ho creato un nuovo catalogo e importato 15 foto (nef D800, quindi pesantini)
Import e creazione anteprime 1:1 ci hanno messo esattamente lo stesso tempo 3' e 10".
Poi ho fatto un paio di elaborazioni batch su tutte e quindici le foto ed un export a 1200 lato lungo; in tutti i casi paraticamente nessuna differenza.
A parità di risultati sulle prestazioni mi sembra (ma devo verificare bene) impegni di più il processore.
Test fatti su MAC, i7, 8 Gb RAM
Essendo una prima beta, non è poi male; per la mia esperienza sui software (ma in altri settori) la versione finale dovrebbe guadarci un po' quanto a velocità.
Venendo alle nuove caratteristiche ho provato le principali:
L'advanced healing brush è quello che ho provato di più e lavora proprio bene; effettivamente prima andava bene per rimuovere gli spot di polvere e piccole imperfezioni, sul resto si faceva una gran fatica rispetto allo strumento di PS.
Il filtro gradiente radiale è bello come effetto e permette di fare begli effetti, ma con me non lavorerà molto; per chi ama invece lavorare molto le foto con intetventi localizzati sarà un buon aiuto.
Le anteprime intelligenti ho solo visto che esistono e funzionano;
La gestione migliorata dei fotolibri comincia a permettere di lavorarci adesso che si possono memorizzare formati di pagina personalizzati, ma per me non ci siamo ancora: le carenze con Booksmart di Blurb, sul quale si basa, sono ancora tante se si vogliono sfruttare tutte le funzionalità di quest'ultimo. Peccato perchè lavorare sul libro con un processo continuo (lavorando in Lightroom posso continuare a modificare le foto mentre sto facendo il libro e queste vengono aggiornate) è un bel vantaggio rispetto ad export e import. Per usarlo così com'è basterebbe che prevedessero l'export in formato Booksmart (e/o InDesing) per fare il grosso del lavoro in Lightroom e poi rifinire, soprattutto testo e impaginazione dopo l'export.
Altre novità per ora non le ho provate o viste (tranne qualche opzione in più qua e là).

Ho provato a giocarci un po'.
A livello di prestazioni sembra esattamente identico alla 4.4: su entrambe le versioni ho creato un nuovo catalogo e importato 15 foto (nef D800, quindi pesantini)
Import e creazione anteprime 1:1 ci hanno messo esattamente lo stesso tempo 3' e 10".
Poi ho fatto un paio di elaborazioni batch su tutte e quindici le foto ed un export a 1200 lato lungo; in tutti i casi paraticamente nessuna differenza.
A parità di risultati sulle prestazioni mi sembra (ma devo verificare bene) impegni di più il processore.
Test fatti su MAC, i7, 8 Gb RAM
Essendo una prima beta, non è poi male; per la mia esperienza sui software (ma in altri settori) la versione finale dovrebbe guadarci un po' quanto a velocità.

Non stupisce, considerato che il motore di conversione é lo stesso.
So bene che le versioni Beta girano tutte in debug mode, ma non mi stupisce vedere confermato che la parte "solida" di LR5 (il motore di conversione, appunto) viene fatta dirare in moalitá normale, per non rallentare una funzione in maniera inutile, visto che é giá ben rodata.

Grazie delle altre impressioni, che per me sono le prime che leggo raccontate in prima persona.
Anche io non scarico praticamente mai le versioni Beta o RC, se non ne ho bisogno (come mi capitó con la D700, che presi all'uscita), ma certamente upgraderó alla veersione finale appena disponibie. :)
a_
Agostino, concordo con te sull'editing. Ma se in LR hanno messo un modulo libro (e sicuramente non sta lì per chi fa editing di professione, ma per aiutare i fotografi in un processo di post-produzione all-in-one o quasi), devi dare comunque la possibilità di fare qualcosa di interessante. Quello che potevi farci con LR4 era veramente poco, ma trovavo fantastica la possibilità, rispetto all'uso di Booksmart, di lavorare sulle immagini in LR anche se già inserite nel libro, velocizzando di molto tutto il mio flusso di lavoro. La troppa poca flessibilità però vanificava il tutto. Con LR5 hanno fatto un po' di cose in più (almeno ora puoi salvare dei layout di pagina tuoi), ma mancano ancora tante cose che in Booksmart ci sono; parlo di Booksmart perchè il modulo è basato su quello e perchè InDesing lo vedo come un prodotto di editing più professionale rispetto a quello che dovrebbe essere l'obiettivo di questo modulo.
A questo punto, sono d'accordo anch'io con te e Adobe che le funzionalità del modulo libro possano essere più limitate, ma lasciando la possibilità a chi vuole qualcosa di più di completare e rifinire il lavoro in Booksmart, visto che su quello si basano e/o su InDesing che è proprio un loro prodotto, permettendo l'export di quanto elaborato in LR. InDesign ti dà già la possibilità di modificare le immagini inserite, ma ovviamente non lo fa con i raw, quindi va bene solo se usi photoshop.
Foto
Gabriele Castelli
apr 19 2013 18:44

Ciao Michele, ma qui non stiamo confrontando con ACR... si è data una opinione su LR in generale. È certamente migliore di ACR non c'è dubbio alcuno. Ma a interfaccia è assolutamente migliorabile, e lo dico da utente assiduo fino dalla prima release (con un amico abbiamo anche gestito un sito lightroomitalia.it dedicato a LR!)

A presto


Dai? Lo seguivo tantissimo :D
Io mi trovo benissimo, sa sempre, anche con l'interfaccia. Se fai sparire strip dei provini e colonna sinistra, sei quasi a schermo intero.

Per le mie necessità, ha sostituito PS al 95%.
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi