Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Dragonflywatching? Perchè no?

macrofotografia libellule natura nikon

Tutti sappiamo cos'è il birdwatching,innumerevoli società e club di birdwatchers son sparsi per il mondo. Però da un po' di tempo a questa parte, cominciano a sorgere ovunque club ed associazioni di osservatori di  ... libellule, i Dragonflywatchers!

 
Operativamente potremmo dividere la fotografia alle libellule in due parti. Su posatoio ed in volo.
 
Le libellule usano spesso lo stesso posatoio per riposare, sorvegliare il territorio e decollare una volta individuata una preda od un rivale. Quindi se si trova un soggetto interessante ci si può avvicinare, lentamente, evitando di innervosirlo, senza preoccuparsi se vola via, se non è stata colpa nostra, quasi certamente ritornerà,
 
 


Immagine Allegata: _DSC3632_218.JPG

 
per cui possiamo prepararci con calma, posizionarci secondo la  luce, prefocheggiare sul posatoio e attendere che ritorni, magari con una preda, rendendo la foto più interessante.
 

 

 

Immagine Allegata: coeruleuspreda2_220.JPG

 

 

 

Anche altri momenti interessanti come l'accoppiamento, richedono pazienza ed attenzione ma possono essere ripresi con lo stesso criterio.
 
 

Immagine Allegata: _DSC1684b_222.JPG

 

 
 
Le riprese possono essere quelle classiche, di lato, per le libellule che si posano  più o meno orizzontali sopra ad un supporto, oppure da sopra per quelle (di solito specie molto grandi che invece si appendono sotto al posatoio tenendo il corpo verticale).
Molto spesso si cerca il perfetto parallelismo tra il corpo del soggetto e il sensore, oppure se si ha la possibilità di avvicinarsi, si possono inquadrare di tre quarti o di fronte per avere immagini un po' più originali.
 
 

Immagine Allegata: sympetrum fonscolombii_225.JPG

 

 

Immagine Allegata: _D8X4127b_226.JPG

 

 

Quando si riprendono di lato quelle libellule che si posizionano "sopra", in orizzontale, se si è abbastanza rapidi le si riesce a cogliere nel momenti in cui si posano, quando per un momento tengono le ali ben aperte lasciando scoperto il capo,
 
 

Immagine Allegata: coerulescens_223.JPG

 
 ...dopodichè molte specie portano le ali un po' in avanti con un effetto meno gradevole.
 

 

Immagine Allegata: _DSC0844_224.JPG

 

Fotografando le libellule su posatoio,  specie se usiamo focali lunghe, il cavalletto è fondamentale. 
 


Immagine Allegata: IMG_1226.jpg

 

A volte la concentrazione è tale che non ti rendi conto di altri soggetti potenzialmente interessanti...

 

 








8 Comments

Non conoscevo quest'attività.. Decisamente benvenuta come tutto quello che è rispetto e cultura per la natura.

Tempo fa grazie a Silvio ero riuscito a recuperare un bel volume sulle libellule, sfogliandolo mi era passata per la testa che vi fosse un gruppo dedito alla caccia di questi insetti, gli odonati ed ora mi viene la conferma.
grazie Silvio per l'articolo chiaro ed esaustivo..

Foto
danighost
nov 10 2015 09:41

No scusa, ma l'ultima foto della terza pagina??? Quel dinosauro che appare nella boscaglia dietro di te è casuale? :P

O stava facendo Silviowatching?

Foto
Silvio Renesto
nov 10 2015 15:31

No scusa, ma l'ultima foto della terza pagina??? Quel dinosauro che appare nella boscaglia dietro di te è casuale? :P

O stava facendo Silviowatching?

 

Per fortuna aveva già mangiato ;)

Non è il mio genere ma grazie per le informazioni, non si finisce mai di imparare qualcosa.

Foto
Valerio Brùstia
nov 11 2015 08:51
Tra i fondatori di BW novara ci sono un paio di feroci appassionati di osservazione delle libellule. Quando la provincia(ex)aggiorno' le cartine turistiche chiese la consulenza di BW novara --> vuoi che omettessero le libellule???

Bravo Silvio! Ottimo articolo, ottime dritte ed eccellenti immagini.

 

Aggiungo che Odonata.it, società scientifica creata dai non moltissimi odonatologi "veri" del nostro paese, di cui Elisa è la presidente, è apertissima l contributi degli appassionati.

Esiste un portale: www.ornitho.it in origine nato solo per l'ornitologia, ma nel quale è possibile inserire le proprie osservazioni erpetologiche (anfibi e rettili, a cura dell'SHI) e da qualche mese anche quelle che riguardano libellule e damigelle. Un team di validatori di Odonata.it sparsi per lo stivale (io mi occupo dei dati della Toscana), è incaricato di controllare i dati inseriti e di "validarli" scientificamente. Una gran mole di dati arricchirebbe non poco l'Atlante delle Libellule italiane, di cui è uscita una prima versione oltre un anno fa (e già esaurita...). Se vorrete inserire delle vostre osservazioni sul portale, spesso una foto a corredo è indispensabile per la validazione del dato, non necessariamente di eccelsa qualità.

 

Una ultima annotazione fotografica: contrariamente all'indicazione di Silvio, io non uso mai il treppiede. Fotografo quasi sempre con l'afs 300 f. 4, praticamente sempre a mano libera, solo ogni tanto aiutandomi con il monopiede. Uso spessissimo il flash popup della fotocamera, impostando manualmente 1/250 o 1/320 di secondo.

Foto
Silvio Renesto
nov 19 2015 17:31

Grazie Marco, è un onore. In effetti il cavalletto è una limitazione, della mobilità e della velocità, con il 200 micro però mi riusciva difficile farne a meno. Con il 300 invece anch'io sono riuscito a fare qualcosa a mano libera, oltre ai voli naturalmente (dove il cavalletto proprio non ci vuole).

 

Questo Gomphus vulgatissimus  ad esempio :)

 

 

Immagine Allegata: vulgatissimus1bh.jpg

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi