Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Canon-Nikon cinque a uno!

Macrofotografia

Un obiettivo Canon sulla Nikon D800? Cosa ne esce? Macro estrema!
Per fare macro spinta esistono diverse soluzioni più o meno complesse: tubi, soffietti, obiettivi rovesciati, obiettivi accoppiati e varie combinazioni di tutte queste tecniche.
Queste soluzioni hanno vantaggi e svantaggi. Tra gli svantaggi si ha perdita di luminosità consistente (con tubi e soffietti, ricordiamo che si parla di macro spinta oltre l'1:1). con gli obiettivi rovesciati che agiscono come lenti addizionali, si hanno rapporti di riproduzione anche molto spinti, ma con poca variazione.


Minolta e Canon hanno prodotto obiettivi macro particolari che permettevano rapporti di riproduzione estremi, da 1:1 a 5:1 (cinque volte la reale dimensione del soggetto).
Canon ce l'ha ancora in catalogo, è il 65mm f2.8 MPE.
Non so cosa voglia dire MPE. Però ne ho uno.

Immagine Allegata: mpe.jpg

Il canon 65mm f2.8 MPE alla minima estensione.


Ho acquistato ilCanon 65mm MPE qualche anno fa per lavoro, e naturalmente ho dovuto acquistare un corpo macchina Canon (esattamente una 450D). Ma non è una bella accoppiata, il 65 mpe non è autofocus, anzi non ha nemmeno una vera ghiera della messa a fuoco; la ghiera serve ad impostare i rapporti di riproduzione, la messa a fuoco si effettua muovendo avanti e indietro il complesso fotocamera obiettivo. Nella 450D mirino è piccolo e la messa a fuoco a vista difficile. Non c' é nemmeno una conferma della corretta messa a fuoco (il "pallino"), per cui non è il massimo.
Mi spiaceva che un'ottica così interessante non potesse essere sfruttata con un corpo macchina migliore. Non ho però mai avuto intenzione di comprarmi un altro corpo Canon e sulle Nikon gli obiettivi Canon non vanno, per via del tiraggio minore... un momento, questo vale se si vuole mettere a fuoco alle grandi distanze, perchè aggiustare il tiraggio sarebbe come mettere dei tubi di prolunga. Ma il 65MPE non mette a fuoco a grandi distanze, nemmeno coi corpi Canon!
Quindi ho cercato un adattatore ed ho trovato quello di Adriano Lolli che è dalla ditta stessa contrassegnato "solo per macro, non si può mettere a fuoco all'infinito". Bene, quel che mi serve. Posso montare il 65 MPE sulla mia D800.

Immagine Allegata: anellololli.jpg

L'anello adattatore della COMA di Adriano Lolli.

Immagine Allegata: nikka.jpg

la D800 con il 65MPE


Questa è una violetta, il fiore misura circa 2,5cm in altezza.

Immagine Allegata: viola.jpg

Questa è una ripresa a 4:1, ossia quattro volte la dimensione reale. Il fuoco è sugli stami, nessun crop.

Immagine Allegata: single.jpg

Con un po' di stacking si ottiene una certa profondità di campo, se anziché fare della poesia si vuole documentare:

Immagine Allegata: viola4b.jpg


Qualche nota tecnica:

L'anello chiaramente non trasmette informazioni. per cui non si possono regolare i diaframmi. Si lavora solo a tutta apertura.
Sicuramente f2.8 può sembrare poco in macro, ma bisogna tenere conto che a distanze così brevi il diaframma effettivo è pari a: diaframma nominale + (diaframma nominale x ingrandimento) , ad es a 1:1 è 2,8+ (2,8x1)=5.6 a 5:1 è 2.8+(2.8x5)=16,8. Sempre poco ma qualcosa.

Sul barilotto sono segnati i rapporti di riproduzione e la distanza di lavoro (distanza del soggetto dalla lente frontale dell'obiettivo) relativa. Dati i rapporti elevati di ingrandimento, è necessaria una slitta di messa a fuoco

Immagine Allegata: kit1.jpg

ed un illuminatore slave o qualcosa del genere è fondamentale:

Immagine Allegata: kit2.jpg

Sicuramente non mi sarei comprato il 65MPE apposta per lavorarci con la D800 ma già che l'avevo, con poche decine di euro posso lavorarci con la D800 (e rispetto alla Canon 450D è un'altro pianeta nonostante la situazione ibrida) e anche divertirmici un po'!

Immagine Allegata: P1010297.JPG


Silvio Renesto


9 Comments

la prossima accoppiata.. cosa potrà essere?

vediamo..

ti fai prestare un tubo dall'osservatorio di arcetri... e ti fai le violette?

dai.. bravo e intrigante come sempre... ma per tua fortuna il 65 lo avevi...
Ma... Non ho capito bene.
Questo Canon ha la possibilitá dei diaframmi, su un corpo compatibile, vero?

Perché se li ha, trovo inaccettabile usare una macchina castrata come la D800 con una lente del genere!
Mi pare che valga la pena di prendere un corpo Canon che permetta di usarlo al 100%. Con i rapporti di ingrandimento corretti, i diaframmi e gli automatismi.

Le 5D MkI ormai le danno come resto quando compri le caramelle. ;)
L'obbiettivo se lo merita. :)
a_
Foto
Alessandro
gen 24 2013 08:13
Perdonami... la macro non è il mio campo e pertanto la butto li:
ma se deve essere un accrocchio che devi spostare avanti e indietro.... non è meglio un bel soffietto?!?!
Foto
Mauro Maratta
gen 24 2013 08:30

Le 5D MkI ormai le danno come resto quando compri le caramelle. ;)
L'obbiettivo se lo merita. :)


E perchè non prendere un adattatore per montare un'ottica del Multiphot sulla D800 ?
Insomma, credo che oggi ci siano soluzioni di tutti i generi se uno vuole giocare e divertirsi con tutto quanto di buono è stato prodotto negli ultimi 50 o 60 anni.
Bastano tutto sommato pochi soldi :)

Mi pare che valga la pena di prendere un corpo Canon che permetta di usarlo al 100%.

Molto rischioso: a quel punto vorresti un adattatore Canon per montare le ottiche Nikon... poi quelle Leica... sei sull'orlo di un precipizio! :)
Con questa proposta, Canon qualifica molto bene la sua offerta in campo macro. Tra l'altro il prezzo, poco sopra ai 1000 Euro, mi sembra molto ragionevole per un'ottica così specialistica.
Ho apprezzato molto lo stacking della violetta per il suo impatto. Tutt'altro che arido.
Marco

Molto rischioso: a quel punto vorresti un adattatore Canon per montare le ottiche Nikon... poi quelle Leica... sei sull'orlo di un precipizio! :)

No, tranquillo.
Un adattatore per montare ottiche Nikon su Canon é stato il motivo che mi ha vatto desistere dal passare completamente a Canon, quando Nikon era cinque passi indietro con i corpi macchina rispetto alla concorrenza.
Nello specifico... É stato il confronto tra il 17-35 nostrano ed il 16-35L II Canon. ;)

Ma in questo caso credo che avendo giá un obbiettivo cosí particolare valga la pena di valorizzarlo. :)
a_
Foto
giannizadra
gen 24 2013 09:57
Quando (da ragazzo...) facevo macro per mio padre, gli ingrandimenti "pazzeschi" glieli realizzavo con un grandangolare montato invertito sul soffietto.
Io utilizzavo il 24mm (8:1 max, se ben ricordo); ma con un 20mm "rovesciato" sul PB-6 si può arrivare all' RR 12:1. La soluzione è praticabile tuttora.
Avendo tu il 65mm Canon, fai benissimo a utilizzarlo; sono però dell'avviso di Andre. Un corpo usatissimo Canon acquistato per due lire dal rigattiere non ti consentirebbe di sfruttarlo meglio? Quanto meno potrai diaframmare...
Rileggendo l'articolo, ho scovato una cosa molto interessante che mi era sfuggita:
"Sul barilotto sono segnati i rapporti di riproduzione e la distanza di lavoro (distanza del soggetto dalla lente frontale dell'obiettivo) relativa."

Questo obbiettivo é l'unico di cui abbia notizia che indica la distanza di lavoro oltre al RR che hanno un po' tutti.
Mi pare una cosa molto utile. :)
a_
Foto
Silvio Renesto
gen 24 2013 11:16
Questo è chiaramente un po' un tentativo e un po' un gioco ;), il 65 l'avevo già e l'anello costava meno di una sera in pizzeria, spedizione compresa, quindi, perchè no.
Ci ho pensato sul comprarmi una 5D molto usata, in modo da poter chiudere i diaframmi. Tra l'altro la resa aumenta enormemente tra f5.6-11. Però ci vuole comunque qualche centinaio di euro e se lo uso per lavoro posso anche (obtorto collo) adattarmi alla 450D, sopratutto se uso la slitta e seleziono poi gli scatti migliori. Vedremo.
Andre_ , sì su corpi Canon puoi chiudere i diaframmi. L'unica cosa che non ha è la ghiera di messa a fuoco, ruotando la ghiera che c'è, selezioni i rapporti di riproduzione.
Ciao,

Silvio
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi