Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Voigtländer 15mm F4.5 - Nato per la Sony A7

Voigtländer 15mm heliar Sony a7 mirrorless leica m

Un supergrandangolo da 110° di campo, nella versione sviluppata apposta per la Sony A7. 
Le prime impressioni di un obbiettivo che pare correttissimo. 

Seconda incarnazione di questo apprezzato obbiettivo Voigtländer/Cosina, arrivato alla sua seconda incarnazione (le prime due erano otticamente identiche, solo con diversi attacchi). 
Nominalmente é un obbiettivo per Leica M ma... In realtá é stato sviluppato apposta per la Sony A7 (e specialmente per la A7R). 
 
Si, perché su Leica andava benissimo su pellicola, e decentemente su digitale, ma sulle Sony con le versioni precedenti si hanno effetti psichedelici, con i lati delle foto completamente virati sul Magenta. :( 
In sostanza, per le mirrorless rimaneva come unica alternativa il costosissimo Zeiss 15/2.8.
 
Ma con questa versione 3 é tutta un'altra musica.  :)
"Entriamo" a vedere come é fatto. :P
 
Immagine Allegata: DSC03293.jpg
 
Un poco piú grande dei precedenti, ma resta ancora un obbiettivo minuscolo, piú piccolo del 50mm G di casa Nikon.
 
Immagine Allegata: DSC00654.jpg
 
Montato sulla A7, sua macchina d'elezione, l'insieme rimane "tascabile":
 
Immagine Allegata: DSC00649.jpg
 
La costruzione é in metallo, piacevolissima da usare e con il paraluce incorporato. 
L'attacco per i filtri é da 58mm, ed ovviamente sono consigliabili filtri "slim". 
 
Immagine Allegata: DSC00655.jpg
 
Il barilotto ha impressi i tradizionali riferimenti per la profonditá di campo... del tutto inutili.  :P
Si, perché questo é un obbiettivo da usare senza la perdita di tempo del mettere a fuoco, confidando sulla profonditá di campo che ad f5.6 consente giá di dimenticarsi di controllare nel mirino. 
 
Immagine Allegata: DSC03300.jpg
 
E meno male, perché il pur ottimo mirino elettronico della A7 va un po' in crisi con questa lente. 
Intendo in crisi in senso buono, perché l'indicatore di fuoco segnala tutti gli spigoli possibili, ed anche ingrandendo l'area desiderata non e facile distinguere cosa é a fuoco e cosa non lo é... perché é tutto a fuoco.  ;)
 
E la definizione é sorprendentemente alta, anche ai bordi. 
Prendiamo questo esempio, ad f5.6:
Immagine Allegata: DSC03292.jpg
 
Crop al centro (si vede che in realtá il fuoco é dietro il soggetto, ma nella pratica non importa  ;) ):
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-05-04 at 12.17.25.png
 
E crop di un lato:
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-05-04 at 12.16.59.png
 
Oppure quest'altro, ad f8 e con una luce migliore:
Immagine Allegata: DSC03367.jpg
 
Centro:
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-05-04 at 12.15.13.png
 
Angolo in basso:
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-05-04 at 12.15.25.png
 
Per essere lineare é lineare, il piccolino.  :)




Test: Yes



14 Comments

André se non hai ancora pubblicato, nota che la spunta per la correzione automatica delle AC in LR agisce su quella laterale, non sulla LoCA (assiale).

Ciao

Michele

Foto
Mauro Maratta
mag 04 2015 13:36

E' impressionante quanto sia realmente piccolo questo gingillo.

 

Non me ne farei mai nulla ma tanto di cappello a Còsina.

Peccato che non possa cimentarsi in cose del genere per l'attacco F (anche se già Nokton e Ultron sono begli esempi di ottimi apparecchi in poco volume) ;)

André se non hai ancora pubblicato, nota che la spunta per la correzione automatica delle AC in LR agisce su quella laterale, non sulla LoCA (assiale).

Ups... Corretto, grazie. :)

 

E' impressionante quanto sia realmente piccolo questo gingillo.

 

Non me ne farei mai nulla ma tanto di cappello a Còsina.

Peccato che non possa cimentarsi in cose del genere per l'attacco F (anche se già Nokton e Ultron sono begli esempi di ottimi apparecchi in poco volume) ;)

...E considera che confrontato ai precedenti, questo é un gigante. :P

 

Immagine Allegata: swh04.jpg

(é quello a sinistra ;), il piú piccolo é V-Mount, senza accoppiament per il telemetro, mentre l'altro é identico ma M come questo nuovo)

a_

Dici che è stato sviluppato per la Sony ma mi sembra di vedere un anello adattatore?
Non mi torna oppure ho capito male.
Foto
Silvio Renesto
mag 04 2015 14:41

Probabilmente Andre intende che otticamente progettato avendo (anche?') in mente la Sony a7, ma ha scritto che l'attacco è Leica M.

Un momento molto fecondo di articoli interessanti questo.

:)

Foto
Mauro Maratta
mag 04 2015 14:44

E' un Leica M.

Probabilmente andre_ intende dire che, rispetto al precedente (sempre Leica M) che ha fatto registrare (come altri superwide) pessime performance sulla Sony A7r, questo è stato progettato potendo utilizzare le Sony A7 come macchina di sviluppo (al posto delle Leica antidiluviane o a pellicola). ;)

 

Avendo l'attacco Leica M, il bacino potenziale raddoppia. Una furbata interessante :) anche se ad un certo punto i produttori dovranno decidere da che parte stare (mercato del lusso o del middle-class-man). ;)

Probabilmente Andre intende che otticamente progettato avendo (anche?') in mente la Sony a7, ma ha scritto che l'attacco è Leica M.

 

Esattamente.

Questo é un obbiettivo M-Mount, con accoppiamento del telemetro di Leica.

C'é anche il mirino dedicato esterno, che purtroppo non é piú di serie come era con la prima versione V-Mount (probabilmente perché "tanto la M ha l'EVF", bleargh!). 

 

Ma le versioni precedenti hanno sempre funzionato bene (molto bene) su pellicola, meno bene ma comunque decentemente sui sensori Leica.

 

Poi é arrivata la A7, che ho sempre detto essere un prototipo per lenti terze ;), e soprattutto la A7R, con cui il vecchio 15mm é peggio di una tragedia.

 

In Cosina, dove il marchio Voigtländer é tenuto in altissima consideerazione tanto da non avere quasi sbagliato un colpo, hanno colto la palla al balzo ed hanno sviluppato questa versione III, che a prima vista é praticamente perfetta.

 

Verrá buona per qualsiasi mirrorless presente e futura, che tanto ci sono gli adattatori (come quello che c'é nella foto). :)

Tanto piú che un 15mm (ed io mi aspetto anche la riedizione del 12mm, che pure ha problemi molto meno marcati) non ha bisogno di nessun ammennicolo, nemmeno dell'assistenza alla messa a fuoco. :) 

 

Potrebbero farlo con l'attacco FE, o con qualunque altro, ma tutto sommato non credo venderebbero una sola lente in piú e si complicherebbero la vita inutilmente (abbassando il valore dell'usato).

 

Qui stiamo parlando di una lente da 700€ scarsi che rivaleggia con i piú di 4000 dello Zeiss, ed é tutto da vedere chi vince ad un confronto diretto. ;) 

Chi glielo fa fare di metterci un attacco diverso?

a_

Per me è un tremendo let-down. Il salto di qualità esige attacchi nativi. Grosso peccato non solo per questa lente ma per le prossime che Cosina farà.
Se avesse l'attacco nativo penso ne venderebbe dieci volte di più. La praticità ma soprattutto la sensazione di costruzione corretta di un attacco nativo è impagabile.

A dir la verità io sono arcistufo degli adattatori :)

Per me è un tremendo let-down. Il salto di qualità esige attacchi nativi. Grosso peccato non solo per questa lente ma per le prossime che Cosina farà.
Se avesse l'attacco nativo penso ne venderebbe dieci volte di più. La praticità ma soprattutto la sensazione di costruzione corretta di un attacco nativo è impagabile.

A dir la verità io sono arcistufo degli adattatori :)

Mah, non so se ne venderebbero qualcuno in piú. 

Chi é stufo degli adattatori comincia ad avere un po' di scelta direttamente in casa Sony/Zeiss (ed il 16-35 pare sia eccezionale, come anche il piú lungo ed enorme 35/1.4). 

 

A me continuano ad interessare obbiettivi adattati, anche perché non comprerei una lente manuale con attacco EF. :) 

L'adattatore per M-Mount non mi disturba (come invece fanno quelli per lenti da reflex ;)).

 

In ogni caso, so bene che nessuno qui prenderá mai questo obbiettivo. :) 

Semmai qualche panografo dall'altra parte. :P 

a_

Sinceramente non so se prenderei questo 15mm ma un prossimo Cosina 19, 20 o 21mm di pari fatta lo potrei prendere, ma mi frenerebbe molto l'adattatore, e penso di non essere l'unico.

Tornando alla A7R dici che questo non sbraca (immagino parli del magenta ecc...): da cosa lo deduci?

 

Ciao e grazie per l'ottimo e interessantissimo test!

 

Tornando alla A7R dici che questo non sbraca (immagino parli del magenta ecc...): da cosa lo deduci?

Lo deduco (il termine é esatto, non essendo esperienze personali) dai confronti visti in rete. E dal fatto che nemmeno la A7 "liscia" era del tutto esente dal problema (che non ho visto qui nemmeno accennato). 

 

Era un po' che stavo accarezzando l'idea di un ipergrandangolo di questo tipo, indeciso tra questo 15mm in versione precedente con tutti i suoi problemi, l'immenso ed ottimo Nikkor, il Voigtländer 12/5.6 (forse in pole position tra i desiderata) e l'Hologon originale (che ha un "discreto" fascino...).

Di Hologon ne ho lasciati andare almeno due, perché leggendo in giro non é chiaro se é utilizzabile su A7, mentre Leica ne sconsiglia l'uso su M240 perché le tolleranze sono strettissime (ma ci sono diversi esempi che mostrano chiaramente che si puó usare, e rende pure benissimo...). 

 

Alla fine ho scelto questo proprio per i giudizi entusiastici delle reviews, ed il mio primo impatto li conferma. :) 

 

Ora scandaglio un po' la rete e cerco un mirino esterno, cosí vedo come va anche sulla M (non mi va di usare l'EVF sulla M, anche se ne ho uno - marchiato Olympus). 

 

Ma nel mio caso c'é da dire che ero rimasto senza un supergrandangolo da quando ho venduto l'eccezionale 17-35 per scarso utilizzo (e come ho scritto altrove, penso di avere fatto bene). 

Ma ogni tanto avrei voluto avere qualcosa di simile, e spero questo confermi la soddisfazione che sto avendo al primo impatto (ricordo che l'ho preso da pochissimi giorni, e ci ho fatto letteralmente due giri nel weekend). 

a_

 

P.S. Off-Topic... 

A proposito di adattatori, poco tempo fa mi é sfuggito un 28/2.8 Contax G modificato artigianalmente per Leica M (con tanto di accoppiamento del telemetro...). Mi é stato letteralmente soffiato sotto il naso, prenotato da qualcun altro mentre mi stavo loggando sul sito di NOC...

Foto
Mauro Maratta
ott 10 2015 10:10

Ecco ... diciamo che questi sono stati fatti veramente per le Sony E (anche se sono nati per altro).

 

Il 10/5.6 è una primizia :)

 

heliar-700x333.png
 
sono stati annunciati ma se ne riparlerà a primavera :)

 

Ecco ... diciamo che questi sono stati fatti veramente per le Sony E (anche se sono nati per altro).

 

Il 10/5.6 è una primizia :)

Li hanno fatti apposta per Spinoza. :) 

a_

Splendidi, hai ragione al 100%, questi obiettivi rappresentano la mia visione SlowPhoto, se il prezzo sarà terrestre...penso che ne prenderò uno.

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi