Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Sony A6000: the NEX...t choice

sony e-mount ILCE NEX sony a6000 mirrorless

se Nikon piange, Sony ...se la ride?
 

Coltivare la passione per la fotografia conduce ad esplorare oltre che i generi che questa forma di espressione offre, anche le attrezzature che possano consentire di rinnovare la curiosita' con cui osservare soggetti e scene da riprendere.
 
Nikonland continua in questo senso ad allargare il suo raggio di interesse ben lontano da quell' F-mount che da quasi sessant'anni del centinaio che Nikon compie quest'anno, caratterizza la piu' parte della sua produzione.
 
 
 
 

Immagine Allegata: 0001 07032017 -_D8X9341  Max Aquila photo (C).jpg

E' in questo senso e naturalmente, anche a causa della carenza di offerta in casa Nikon degli ultimi anni sul versante delle macchine mirrorless, che la nostra attenzione si posa sulla Sony a6000 che rappresenta oggi l'esemplare alla base dell'offerta attuale Sony di corpi ML APS-C (23,5x15,6mm) ad obiettivi intercambiabili. Presentata nel 2013 in concomitanza con la piu' piccola (e meno performante) a5000, pero' ancora oggi tenuta a listino con un prezzo d'acquisto ben piu' invitante rispetto alle sorelle piu' recenti a6300 e a6500 anch'esse dotate dello stesso sensore CMOS da oltre 24Mpx, ma che costano quasi il triplo di questa 6000.
 
 
 
 
 
 

Immagine Allegata: 0019 07032017 -_D8X9407  Max Aquila photo (C).jpg

 
La Sony a6000, diretta discendente della serie NEX della Sony (in particolare della 6 e della 7) e' fin dalla prima occhiata un apparecchio compatto, leggero (344 g) e molto interessante per tutti gli aspetti legati alla categoria di appartenenza, quella cioe' delle macchine senza specchio dotate di E-mount,
 
 
 
 
 
 

Immagine Allegata: 0004 07032017 -_D8X9349  Max Aquila photo (C).jpg

(la cui sigla, oltre che sbeffeggiare l' F-mount Nikon, sta come iniziale per "Eighteen" che sono i mm di tiraggio del sistema), 

mirate alla costituzione di un corredo completo ma compatto e performante, formato da macchina, obiettivi fissi e zoom per tutte le focali piu' richieste ed accessori connessi.
Al momento costituisce in buona sostanza la "entry level" mirrorless Sony ad ottiche intercambiabili.
Vantava, al momento della commercializzazione, l'autofocus piu' veloce della categoria, poi sopravanzato dalle V3 e J4/5 della serie ONE di Nikon.
Di certo, con piu' di 12mila scatti in due mesi, l'abbiamo messa a dura prova!
 




Test: Yes



14 Comments

Complimenti Max per la consueta disamina precisa e puntuale. ;)

 

Conoscendo un po' la tua (vasta) dotazione di macchine e obiettivi, posso chiederti quale motivazione ti ha spinto ad acquistare questa non più giovane ma economica e performante fotocamera con i suoi accessori?

 

Sono ovviamente certo che la molla dell'acquisto non sia stata quella del "ho trovato l'occasione e l'ho comprata per avere una fotocamera in più"... :marameo:

Foto
Mauro Maratta
mar 11 2017 11:28

Anche io sto sperimentando la Sony A6000

 

Immagine Allegata: DSC03311.jpg

Immagine Allegata: DSC03328.jpg

 

alla mia maniera :marameo:

Foto
Mauro Maratta
mar 11 2017 11:33

Immagine Allegata: DSC03268.jpg

 

Immagine Allegata: DSC03098.jpg

 

Immagine Allegata: DSC03111.jpg

 

sempre ed esclusivamente con il Sigma 30/1.4 DN (ma ho anche il 60/2.8 Art da provare ;))

È a mio parere un'ottima macchina ML con sensore grande da abbinare all'utilizzo di ottiche fisse che abbondano ed escluse le Zeiss non sono neppure eccessivamente costose. Oggigiorno paga un pò l'assenza della sempre più diffusa stabilizzazione sul sensore e l'assenza di teleobiettivi zoom oltre all'economico 55-210 che però è assai poco luminoso. Ho avuto modo di confrontare staticamente in un paio di negozi esageratamente forniti (a Monaco) questa Sony con alcuni suoi obiettivi con Panasonic ed Olympus m4/3 con alcuni loro obiettivi e forse oggi in ambito ML un ottimo compromesso qualità/dimensioni/prezzo è offerto da Panasonic.
Foto
Mauro Maratta
mar 11 2017 14:32

Il limite del Sistema Sony E è dato proprio dall'abbandono di Sony (ma va ?) che negli ultimi anni ha proposto solo corpi macchina con caratteristiche aggiornate ma nessun obiettivo adeguato alle necessità formato piccolo.

Salvo, come per Nikon, adattarsi ad usare i full-frame, specie, come hai giustamente sottolineato, lato tele, enormi e molto costosi.

 

Il m4/3 è ben assortito di ottiche e di corpi (tanti) ma a mio parere è limitato proprio dal sensore e forse giunto al capolinea dello sviluppo.

Secondo me il tracollo del mercato fotografico ha molto arrestato anche i piani di sviluppo ottiche apposite, il sistema m4/3 è forse quello che comunque ha spinto di più (insieme anche a Fuji che però sulle ottiche propone prezzi non così abbordabili e dimensioni via via più rilevanti) ed oggi fornisce la più completa alternativa alle reflex avendo tuttavia raggiunto un buon livello qualitativo nel settore foto è molto alto nel settore video specie per Panasonic anche con corpi che non siano i GH, reflex che però per chi vuole avere la massima libertà di scelta e di qualità fotografica sono rimaste perlopiù inattaccate; forse poco utile avere un corpo macchina pur nettamente più piccolo se poi, come nel caso ML APS-C e FF, le ottiche sono comunque grandi e perlopiù assai costose e senz'altra scelta oltre a ciò proposto dalla casa. Con tutto ciò che è scaturito dal crollo del mercato oggi le ML sono forse alternativa al settore entry-medio livello reflex dato che le più performanti costano assai di più ed hanno limiti assai più difficilmente sormontabili da ciò che serve oltre al corpo macchina.
Foto
Max Aquila
mar 11 2017 14:55

Complimenti Max per la consueta disamina precisa e puntuale. ;)

 

Conoscendo un po' la tua (vasta) dotazione di macchine e obiettivi, posso chiederti quale motivazione ti ha spinto ad acquistare questa non più giovane ma economica e performante fotocamera con i suoi accessori?

 

Sono ovviamente certo che la molla dell'acquisto non sia stata quella del "ho trovato l'occasione e l'ho comprata per avere una fotocamera in più"... :marameo:

No di certo...

 

Immagine Allegata: 001  11032017  _D8X9628  Max Aquila photo (C).jpg

 

la motivazione all'acquisto di questa Sony a6000 e di un parco ottiche che adesso e' arrivato ad un numero rilevante di pezzi (6,5/2, 16/2,8 + converter 0,75x, 28/2 FE, 35/1,8, 60/2,8 Art, 55-210/4,5-6,3) l'ho scritta in testa all'articolo

 

 

Coltivare la passione per la fotografia conduce ad esplorare oltre che i generi che questa forma di espressione offre, anche le attrezzature che possano consentire di rinnovare la curiosita' con cui osservare soggetti e scene da riprendere ...                                                                                                            E' in questo senso e naturalmente, anche a causa della carenza di offerta in casa Nikon degli ultimi anni sul versante delle macchine mirrorless, che la nostra attenzione si posa sulla Sony a6000 che rappresenta oggi l'esemplare alla base dell'offerta attuale Sony di corpi ML                            

 

e ancora, in ultima pagina

 

 

 

Perche' the next choice?
...  c'e' da dire che noi Nikon-Neri dalla rabbia di non aver visto piu' sviluppi in ambito ML dopo la 1 J5 di tre anni fa, cerchiamo ardentemente di rifarci tentando la sorte con ogni altro brand, rompendoci le ossa (e la tasca) su mere speculazioni estetico-vintage di un marchio nato gia' ruffiano/sbagliato come Fujifilm (film...?) che ha tenuto banco in questi anni sempre con lo stesso sensore, senza mai progredire sul versante dei difetti che fanno a queste simpatiche e coreografiche saponette da corollario.
O con le mirabolanti gesta del Foveon delle Merrill e dp4 series Sigma (per non parlar delle SD...delle quali continueremo a parlare e subire il fascino, nonostante i difetti ancor piu' evidenti)

 

A me serve per i miei viaggi un corredo compatto e di livello medioalto per non farmi rimpiangere reflex e wide/mediotele/zoom i cui pesi ed ingombri sono giustificabili solo se viaggiassi da solo e con intenti unicamente documentativo/fotografici.

Capitera' di nuovo che cio' si avveri, ma nel frattempo, se devo scarpinare con persone cui non posso imporre i miei tempi (lunghi) fotografici, un corredo mirrorless e' esattamente cio' che fa per me.

 

Inoltre, dopo una ricerca specifica di Mauro, in ragione del miglior prodotto dell'ambito ML in ragione di un prezzo di acquisto da nuovo ragionevole, anche in rapporto ad altri corpi ML della stessa casa, irragionevolmente posizionati su livelli di prezzo da D500 (e pertanto non venduti nella quantita' che meriterebbero) ci siamo decisi entrambi all'acquisto e per giunta nonostante le differenti ragioni di utilizzo (per le quali sono certo che Mauro se ne privera' velocemente....giusta la qualita' delle ottiche da ritratto per reflex attualmente in suo possesso  :marameo: )

Mentre io sicuramente superero' tutto il periodo estivo, perche' ritengo di sperimentarla in custodia subacquea di quelle da max tre metri sott'acqua: la' dove batte ancora il sole...

 

Giusto per rispondere preventivamente ad eventuali domande, il prezzo pagato per macchina ed obiettivi menzionati (16/2,8 - 0,75x - 35/1,8 - 28/2 sono stati comprati usati) resta entro i 1500 euro, che e' di certo una cifretta, ma che risulta pari a quanto ho speso a suo tempo per Nikon V3 + 70-300 ONE usati, fatte le debite proporzioni, tenendo conto che non avevano all'attivo l'anzianita' progettuale di questa macchina al momento dell'acquisto.

 

Inoltre, ricordo, una delle componenti fondamentali per cui esiste Nikonland, essere proprio il desiderio di sperimentare ed utilizzare quanto piu' materiale possibile, fotograficamente (questo per evitare che si pensi a me come ad un bizzarro collezionista)...

Bel lavoro Max...  bello ed interessante, ora se qualche tempo fa.. non mi regalavano un corpo D 5300, è probabile che la sony sarebbe stata sul mio tavolo, ma.. ormai la D 5300 ha preso il suo posto..

Ottima analisi, come sempre puntuale e pertinente nei contenuti.

Una domanda.

Dai test precedenti sul banco di prova c'era la Fuji X-T1, se ricordo bene.

Quali sono le differenze riscontrate con Fuji? Non solo come sensore, ma anche come come sistema e elaborazione raw.

Foto
Mauro Maratta
mar 15 2017 09:25

Se intendiamo il sistema come corredo ottiche, insieme agli apparecchi, direi che non ci sono paragoni : attualmente la scelta di obiettivi per Fujifilm è sconfinata rispetto a quella per Sony E. Sony ha difatto abbandonato il formato APS-C visto che nell'ultimo anno ha proposto due corpi nuovi ma da oltre due anni non si vede un nuovo obiettivo. Un atteggiamento del tutto omologo a quello di Nikon per le sue DX (tanti zoom consumer, nessuna proposta di obiettivo di qualità che non sia full-frame).

 

Per quanto riguarda il file, il sensore della Sony A6000 è equivalente a quello della Nikon D7100, secondo me superiore a quello montato sulle Fujifilm (tutte) della generazione passata. Non ti so dire rispetto all'attuale 24 megapixel (ma visto che Fujifilm compra da Sony i suoi sensori, direi che c'è poco da immaginare : la X-T2, sarà equivalente alla Sony A6300/A6500, e leggermente superiore a questa A6000).

 

Anche in termini di sviluppo del RAW non c'è paragone ma questa volta a favore di Sony.

In ambiente Adobe i file Fujifilm sono ancora lenti da sviluppare e non esattamente "perfetti".

Quelli Sony - sebbene i colori non rispecchino del tutto la mia massima aspirazione come proposti dalla fotocamera - vengono elaborati da Lightroom come i Nikon o i Canon.

 

Ricordiamoci comunque che abbiamo (plurale majestatis, visto che la scelta l'abbiamo elaborata insieme, Max ed io) scelto questa Sony A6000 per il rapporto prezzo/qualità sinceramente imbattibile oggi sul mercato (non esiste un'altra 24megapixel mirrorless con questo mix equilibrato di prestazioni - al netto dei limiti di tutte le mirrorless - in offerta a prezzi variabili tra 440 e 530 euro per il solo corpo. Io poi l'ho pagata poco più di 350 euro).

Volendo spendere di più, in casa Sony ci sono altre proposte dotate di prestazioni superiori (ma a quel punto, superando i 1.000 euro, io andrei direttamente verso la A7 Mk II).

Foto
Max Aquila
mar 15 2017 11:38
Le ulteriori differenze rispetto Fujifilm nella mia personale esperienza (xe1/xt1 più numerose ottiche) sta tutta nella efficienza dell af e nella sua modulabilita' su soggetti differenti. Pur se anche questa a6000 risenta come le Fuji possedute di limitazioni imposte dal costruttore in funzione della ctg di destinazione prestabilita.
Come se potendo espandere le potenzialità di una funzione gia' presente, non si faccia perché "tanto l'acquirente di questo tipo di macchine non saprebbe che farsene".

Altra differenza, stavolta a vantaggio delle Fuji, la possibilità di acquistare a parte una impugnatura verticale dotata di ghiere oltre che di pulsante.
Mentre grande vantaggio Sony in termini di durata batteria (anche non originale) e minor surriscaldamento in condizioni di operatività massiva.
Dissento in parte da Mauro riguardo il salto di categoria: spenderei di più acquistando una Sony 7 solo se decidessi di abbandonare del tutto reflex e Nikon.

Quindi, ancora no...
Foto
Mauro Maratta
mar 15 2017 11:42

Mi spiego meglio : piuttosto che spendere i 1500 euro richiesti da Sony per la nuova A6500 (che resta comunque una APS-C e sconta l'avere un corredo di ottiche limitato), spenderei qualche cosa ... meno, per la A7 Mk II.

Senza sognarmi in entrambi i casi di abbandonare Nikon (nel mio caso non succederà mai :marameo:).

Foto
Mauro Maratta
mar 19 2017 09:42

gallery_1_85_424995.jpg

 

 

Sony A6000, Sigma 60/2.8 Art ad F2.8

1/15'', ISO 100

Luce Godox a LED da 200 W con softbox Fomex

Manfrotto 400 su Manfrotto 027B

 

sviluppo con profilo Sony "clear", nessun altro intervento.

 

Premere per vedere in formato 4K.

 

Ammetto che avere risultati "perfetti" con questa piccola Sony è più facile che con la Nikon D810 in queste circostanze :

 

Live View rapido, display orientato, nessuna vibrazione pur in raffronto alle minime offerte dalla D810 con tendina elettronica.

 

Spero vivamente che Nikon con la prossima generazione offra prestazioni superiori in questo campo, altrimenti dovrò dare un pensiero serio alla A7R II :(

Foto
Mauro Maratta
mar 19 2017 10:03

gallery_1_85_144540.jpg

 

stessa situazione ma ad F8 con lente addizionale acromatica Marumi da +3 tenuta in mano. 1/5''.

 

Qui ho usato il profilo Adobe Standard perchè tutti gli altri viravano troppo all'arancio (questi fiori hanno il cuore giallo mentre i petali hanno solo una leggere corona arancio).

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi