Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
* * * * *

Michael Kenna


Io preferisco fotografare il palcoscenico dopo che gli attori se ne sono andati
 
 
Immagine Allegata: bebf879.jpg
Lettiere per Ostriche, Studio, Isole Chausey, Francia, 2007 © Michael Kenna
 
 
Ho scelto di fotografare l'assenza di persone, la memoria della loro presenza, le tracce che si lasciano dietro
 
Immagine Allegata: 82f8e43.jpg
Gradini e foglie. © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 1703d41.jpg  
Produzione di alghe, Studio #10, Xiapu, China. 2010 © Michael Kenna
 
Anzichè le onde del mare, a volte posso desiderare una morbida superfice nebbiosa. Quando voglio il movimento o le scie delle stelle, allungo l'esposizione. Certe volte arrivo a 10 o a 12 ore di esposizione
 
Immagine Allegata: 5c20140.jpg
La luna sopra Puget Sound, Seattle, Washington, USA. 2013 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: dc0de10.jpg
Cacciatori di luna sul Mar Nero, Odessa, Ucraina. 2013 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: e645812.jpg
Milford Sound, Studio #2, New Zealand. 2013 © Michael Kenna
 
Trovo che il bianco e nero sia più malleabile e misterioso del colore, è una interpretazione della realtà più che un riflesso della realtà. Non mi interessa copiare e descrivere ciò che vedo. Sono più interessato ad entrare in sintonia con ciò che fotografo. Il colore è troppo specifico per me. Vediamo tutto a colori per tutto il tempo. Le fotografie a colori non hanno alcun appeal per me
 
Immagine Allegata: ec62158.jpg
Parete di Budda, Palazzo d'estate, Pechino, Cina. 2007 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: f610375.jpg
Il ponte di Podolsko-Voskresensky, Studio #2, Kiev, Ucraina. 2013 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 263c6313.jpg
Il Caino di Vidal, Giardini delle Tuileries, Parigi, Francia. 2010 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 41f4532.jpg
La Torre Eiffel, Studio #7, Parigi, Francia, 2007 © Michael Kenna
 
Sono sempre stato affascinato da pittori come Turner, Picasso e Kandinsky
 
Immagine Allegata: 4cca4e3.jpg
Alberi nel ghiaccio, Cheongsong, Gyeongsangbukdo, Sud Korea, 2011 © Michael Kenna
 
 
Immagine Allegata: 5064eb10.jpg
Veduta di Thalys, Brussels, Belgio. 2010 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 6f33c52.jpg
Veduta di Shanghai, Cina,  2011 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: cad4f02.jpg
Barche sul Fiume Ross, Hanoi, Vietnam, 2008 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: b79cf10.jpg
La spiaggia di Copacabana , Rio de Janeiro, Brasile, 2006  © Michael Kenna
 
 
Il mio fotografo giapponese preferito è Daido Moriyama. Lo è per diversi motivi, probabilmente perchè per lo più é l'opposto di ciò che faccio io
 
Immagine Allegata: 0e0c5a6.jpg
Reti da pesca e il monte Daisen, Yatsuka, Honshu, Giappone, 2001   © Michael Kenna
 
 
Immagine Allegata: 46208b14.jpg
Steccato su per la collina, Studio #2, Teshikaga, Hokkaido, Giappone, 2002  © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: d5b94230.jpg
isole di Pier e Nakashima, Lago Toya, Hokkaido, Giappone, 2002 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 70b9a050.jpg
Ritratto di albero, Studio #3, Wakoto, Hokkaido, Giappone, 2002 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: f6723a43.jpg
38 pali, Nagahana, Honshu, Giappone, 2002 © Michael Kenna
 
Io sono interessato alle interrelazioni, giustapposizioni e interazioni tra i paesaggi e le strutture che noi, umani, lasciamo nel paesaggio.
Storie, impronte, evidenze, tracce, atmosfere e storie
 
Immagine Allegata: 1e5b602.jpg
Praga, Cecoslovacchia, 1992 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: f199110.jpg
Praga, Cecoslovacchia, 1982 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 2b6f9b7.jpg
Cento e quattro uccelli, Praga, Cecoslovacchia, 1992 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: b9a6f70.jpg
Stazione di Branik, Praga, Cecoslovacchia, 1992 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 21afbd8.jpg
Chrysler Building, Studio #3, New York City, USA, 2006 © Michael Kenna
 
Qualche volta mi lascio ispirare da altri fotografi come Bill Brandt, Josef Sudek, Eugene Atgét
 
Immagine Allegata: 5c25cd22.jpg
Il battello del Fiume Hudson , New York City, USA, 2000 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 85981d40.jpg
Le Torri Gemelle, New York City, USA, 2000 © Michael Kenna
 
Immagine Allegata: 442be60.jpg
Portatrice di torce, Praga, Cecoslovacchia, 1990 © Michael Kenna
 
comincio andando nelle stesse location che si vedono nelle loro fotografie, come hanno fotografato, perché lo hanno fotografato, cosa hanno visto
 
 
Immagine Allegata: f7796d4.jpg
Immagine Allegata: 61241519.jpg
uccello in volo sopra San Marco, Venezia 1990 © Michael Kenna
 
 
 

***

 

Michael Kenna è nato nel 1953 nel Lancashire, in Inghilterra. Ultimo di numerosi fratelli e sorelle è stato l'unico ad avere la fortuna di continuare gli studi. Ha frequentato l'istituto d'arte e poi l'accademia fotografica dove si è specializzato nella stampa. Negli anni '80 si è trasferito a San Francisco dove ha continuato a fare lo stampatore.
Finora ha fotografato esclusivamente a pellicola con medio formato principalmente in 6x6, raramento in 4x5''. Sono rare le sue fotografie a colori, principalmente per occasionali richieste commerciali.
Sa che prima o poi dovrà fare i conti con il digitale e non ne fa un dramma perchè vede che sia la chimica che le carte continuano ad essere sempre più rare da reperire.
Ha luoghi che ama fotografare particolarmente (oltre all'Inghilterra, gli Stati Uniti, l'Estremo Oriente, Praga, l'Ucraina, l'Italia) e che torna a visitare periodicamente.
Durante le lunghe esposizioni notturne (che possono durare anche 10-12 ore) si rilassa e non fa assolutamente nulla. E' un lusso che é felice di potersi permettere in quei frangenti.
La sua ispirazione viene da ciò che vede e cerca di vedere attraverso un mezzo che dia una interpretazione del reale, non che riproduca il reale.
Non si fa problemi ad ammettere che spesso trae da altri fotografi l'idea e lo fa nel modo più semplice. Se lo ispira Sudek, va nella Praga di Sudek a vedere con i suoi occhi ciò che Sudek ha visto e ha fotografato.
Ovviamente stiamo parlando di fotografia intesa come gesto artistico e raramente documentario.
Nelle sue fotografie l'uomo non c'è. Ci sono le sue tracce. Come nei romanzi di Simak, dove i cani raccontano attorno al fuoco le storie degli uomini che un giorno hanno conosciuto e che si sono estinti ...
Per certi versi è il fotografo della sua generazione che vanta il maggior numero di imitazioni. Probabilmente una parte degli introiti della vendita di filtri ND1000 e big stopper dovrebbe essere versata a lui.
 

***

 

Adoro Michael Kenna perchè la sua fotografia è il mio opposto. Lui è mite e paziente per quanto io sono impetuoso e impaziente.
Lui ama luci eteree, bianchi smorti e paesaggi nebbiosi per quanto io concepisco solo luci intense, colori accesi, ombre scurissime, il fuoco contro la bruma.
Io sono un umanista, fotografo le persone anche se non ne sono particolarmente attratto. Lui non fotografa le persone che per la loro assenza.
In un certo senso il soggetto è lo stesso, cambiano i tempi. Probabilmente in fondo è la stessa cosa, solo una diversa, profonda, sensibilità.
 
Il sito di Michael Kenna è pieno di notizie e di suoi lavori, questo racconto fotografico del suo lavoro, forzatamente parziale per non esagerare con gli spazi, prende vita da diverse interviste da lui rilasciate. Quindi è lui che ci parla, con le sue foto e il suo pensiero.
 
Grazie Mr. Kenna :)


7 Comments

 

 
Grazie Mr. Kenna :)

 

 

Senza parole....

e grazie Mauro !

Non lo conescevo e mi ha colpito la frase
"Io preferisco fotografare il palcoscenico dopo che gli attori se ne sono andati"

 

nonostante questo si vede benissimo il loro passaggio.

Foto
Adriano Max
feb 06 2014 10:43

Lo guardo senza tentare di emularlo capisco perfettamente ciò che fa ma ho la sfortuna di apprezzare il colore perchè lo vedo male.

E' la mia ispirazione nel senso che mi ricorda costantemente che ovunque c'è la Fotografia e insieme a Tina Modotti e il suo mondo, Rodcenko e Pete Turner è tra i miei più grandi ispiratori: bastano un punto, una linea e una superficie per fare grandi cose.

:)

 

Ciao,

Adri.

Subito dico che non sono un cultore del bianco e nero.. anche se ho iniziato con quello..  anche con la stampa.

 

Ma queste sono un'altra cosa, non ci sono dubbi, qui mi dimentico che siano in BN..  

 

grazie

Foto
montidelsole
feb 06 2014 15:36

Grazie Mauro per aver condiviso questo artista.

Onestamente non lo conoscevo ma mi ha lasciato a bocca aperta.

Credo che in questo caso non si parli di b/n, colore, digitale ecc. ma dell'essenza delle sue immagini.

Foto
Leonardo Visentìn
feb 06 2014 18:25

Ho preso il mese scorso un suo libro (Immagini dal settimo giorno, http://www.skira.net...hael-kenna.html)... A scatola chiusa, tanto mi ha sbalordito la copertina (non ho guardato molto altro, m'è bastata quella. Questa è la fotografia che vorrei)

Foto
Silvio Renesto
ago 25 2014 08:51

Per fortuna un topic estemporaneo ha fatto sì che Mauro  riportasse alla luce questo articolo che mi ero perso, 

Come ha scritto Monti del Sole, l'essenza dell'immagine.

Grazie di avermelo fatto conoscere.

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi