Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
* * * * *

I treni di Grumpy (fotografia ferroviaria)

treni Grumpy

Ancora oggi, da buon pendolare un po' insonnolito, guardo distrattamente fuori dal finestrino quando si passa per qualche stazione e se vedo un bimbo col nonno, o più raramente con il papà, seduto su una panchina a veder passare i treni, accenno un sorriso. Mi ricordo quando mi ci portava mio padre, i treni per me bambino erano grandi, veloci, rumorosi, ma mai spaventosi, anzi a modo loro rassicuranti, come forti compagni che fanno risoluti il loro dovere (diventato pendolare le mie opinioni sulle ferrovie sono cambiate non poco... ma è un'altra storia).
Mio padre amava molto i treni e il modellismo ferroviario, mi regalava bei trenini e sperava mi divertissi nel comporre i convogli e farli girare, ma io, preferivo giocare con i miei animali di plastica. La genetica non dimentica però, e il mio primo figlio è stato un grande appassionato di trenini, tralicci e tutto ciò che è meccanico, aborrendo ogni sorta di bestia se non commestibile. Contrappasso, karma, quel che volete. Sta di fatto che finchè non è diventato adolescente ho assorbito cose sullo scartamento, gli elettro-diesel ed altre diavolerie.
Però, mi piace comunque imparare e mi piace documentarmi su quel che mi interessa, in questo caso la fotografia, così quando sono per caso incappato in un tizio che fotografava solo treni e insegnava come fotografarli, mi sono incuriosito e nonostante non abbia mai fotografato un treno in vita mia, escluse un paio di locomotive a vapore ferme in quanto monumenti in qualche paesino, solo perchè c'era il arrampicato figlio di cui sopra.
Su nikonlinks, fra i tanti link alle recensioni del materiale un tempo c'era quello al sito di Grumpy (brontolone). Il nome era meritato, il linguaggio era a dir poco "schietto", ad esempio una recensione iniziava con "Those idiots at Nikon", oppure la descrizione di un obiettivo iniziava con "junk" (spazzatura). Punto. Insomma era gustoso da leggere. Scriveva anche che valutava gli obiettivi esclusivamente per quel che fotografava lui, ossia i treni. Sono andato a visitare il suo sito per vedere come fosse possibile fare sistematicamente foto ai treni senza morire e far morire di noia. Con sorpresa ho trovato una dovizia di dritte alcune ovvie, altre interessanti, sulla fotografia ferroviaria e in generale con tanto di classificazioni in tipologie, tecniche di ripresa, ecc.
Poi il link è scomparso anni fa da nikonlinks ed io non ci ho più pensato finché Rudolf non ha pubblicato quel topic sui treni d'epoca. Preso da nostalgia mi sono messo in caccia ed ho ritrovato Grumpy, aggiornato, abbellito e corredato di blog (qui)

Se uno ha interesse per la fotografia ferroviaria (e legge l'inglese, tra l'altro semplicissimo) secondo me è una lettura obbligata. Il sito comprende un benvenuto (grumpy style), una serie di tutorial molto lineari sui tipi di fotografia ferroviaria.

N.B. TUTTE LE FOTO SONO PRESE DAL SITO DI GRUMPY E SONO DI SUA ESCLUSIVA PROPRIETA', RIPORTATE QUI RIDOTTE A SOLO SCOPO INFORMATIVO SUL SITO DI GRUMPY

Immagine Allegata: artsy.jpg


ad esempio la foto al convoglio in curva, al solo locomotore, la foto statica, di azione la foto interpretata, le condizioni migliori di luce e i punti di ripresa da preferire secondo la tipologia, insomma una lettura piuttosto ricca, penso niente di nuovo per un professionista, ma utile invece per un neofita che si interessi a questo genere.


Immagine Allegata: bnsf5506ss.jpg

Ci sono diverse considerazioni sull'uso della fotocamera per riprese statiche o in movimento. Queste ultime sono aggiornate al 2012 o quasi, per cui si parla di live view, VR e quant'altro, mentre le recensioni degli obiettivi e delle fotocamere sono ferme agli anni 90 circa con qualche integrazione del 2010, ma lo stesso Grumpy ci avverte della cosa. Il tutto, ma principalmente il blog, è infarcito di buone foto di treni, quei grossi treni USA, convogli a tre locomotori e così via, ambientati, ravvicinati, di fronte e in tutte le viste possibili.
Una cosa curiosa è che Grumpy nel 1999 era passato da Nikon a Canon, ma le ultimissime foto le ha fatte con... una Nikon D800E per la quale ha solo parole di lode.

Immagine Allegata: bnsf7894vs.jpg


Io faccio foto agli animali perchè li amo e li conosco bene, sono convinto della verità del detto che si ama soprattutto quel che si conosce, ma ho letto con piacere il sito di Grumpy e fatto questo report perchè sono altrettanto convinto che non si debba seguire invece il detto che si disprezza ciò che non si conosce. Meglio imparare a conoscere che disprezzare.

Ripetere giova:

TUTTE LE FOTO SONO PRESE DAL SITO DI GRUMPY E SONO DI SUA ESCLUSIVA PROPRIETA', RIPORTATE QUI A SOLO SCOPO INFORMATIVO SUL SITO DI GRUMPY


6 Comments

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi