Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Una foto in Bianconero - "Vederla" mentre la si fa

Bianconero BW Ripresa

Una foto in Bianconero é fatta di luci, ombre, contrasti. Bianchi e Neri. 
Dimentichiamoci i colori. :) 
Spessissimo su queste pagine ed altrove si leggono frasi del tipo. "Metto la versione a colori ed in bianconero, cosa ne pensate?". 
Oppure richieste della stessa cosa, confronti o addirettura "Facci vedere la versione a colori, per avere un termine di paragone". 
 
Personalmente non ho mai risposto a cose di questo tipo, perché se una foto la faccio in bianconero, non ne esiste "una versione a colori". E viceversa. :) 
 
Insomma, se fossi capace di dipingere e disegnassi questo:
Immagine Allegata: pablo-picasso-guernica1.jpg
 
Non esisterebbe questa versione:
Immagine Allegata: steve_kaufman_homage_to_picasso_guernica.jpg
;)
(Steve Kaufman, un omaggio che personalmente trovo bellissimo)
 
In vista della Mostra di Nikonland a Conegliano, e delle iniziative correlate, provo a mettere giú due spunti per imparare a vedere la foto in bianconero, e non semplicemente fare una foto a colori e convertirla. :) 
 
Niente di esaustivo o stringente, ma solo qualche consiglio e spunto di riflessione.
 
 
Partiamo da una nota squisitamente tecnica:
Per scattare una foto in BW, é utile impostare la modalitá bianconero direttamente on-camera, e continuare a tenere la foto in BW fino alla fine. 
A partire dall'apertura in Lightroom CaptureOne, RAWTherapee o qualsiasi altro software si usi.
 
Ovviamente il RAW raccoglierá comunque tutti i colori, che saranno utilissimi (meglio, indispensabili) in fase di sviluppo, ma l'avere la fotografia direttamente in toni di grigio fin dal primo momento, a cominciare dall'eventuale revisione sul monitor della macchina, aiuta non poco a vedere come sará il risultato finale, ed eventualmente a correggere la ripresa. 
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-07-27 at 11.02.28.png
 
Una qualsiasi mirrorless o il Live View delle DSLR permetterá di vedere il bianconero direttamente nel mirino, ma non é una cosa indispensabile.
Meglio abituarsi a vedere la foto monocromatica... anche senza la macchina fotografica. ;) 
 
Un preset creato ad arte nel software permette di importare le immagini direttamente come le si vuole.
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-07-27 at 10.58.40.png
 
E via cosí... fino alla stampa.
 







18 Comments

Bravo,complimenti...

Mi hai fatto ricordare una cosa importante che secondo me si è persa col digitale,cioè il fatto di "pensare" lo scatto in BW già prima di eseguirlo.

Ho scattato molte immagini analogiche con pellicole BW come le T-max e diapo come le Agfa Scala (che nostalgia) ed in effetti quando sapevo di avere in macchina un rullo BW cercavo di "vedere" il risultato che sarebbe uscito già in BW,cosa che,almeno per quello che mi riguarda ho un pò perso col digitale.

Come suggerito,ottima l'idea di selezionare monochrome già in macchina...

 

Grazie!

bravo andre, pezzo chiaro ed esaustivo.. letto molto volentieri, vedrai che vi saranno personaggi che ne faranno tesoro..
Foto
Andrea Zampieron
lug 27 2015 16:12

Mi auguro che questo tuo articolo così ben fatto ,mi aiuti a vedere gli scatti in BN,il primo esempio sui fiori lo trovo perfetto per capire la differenza tra colori e bianco e nero

 

Grazie 

 

Andrea

Foto
danighost
lug 27 2015 17:19

Bell'articolo, inoltre mi ha chiarito jn paio di cosine ... spero di riuscire a provarle nei prossimi giorni :) ...

Foto
Mauro Maratta
lug 27 2015 17:34

Mi auguro 

 

 

 ... spero 

 

 

Mi auguro ? Spero ?

 

Si spera in qualche cosa che ... dipende da altri come, ad esempio, la volontà Divina.

Qui non c'è che da applicarsi :)

Foto
Silvio Renesto
lug 27 2015 17:37

Molto interessante e piacevolissimo da leggere. Per me il bianco e nero è un attraente continente misterioso. Ho fatto qualche tentativo di esplorarlo, ma fugace. Forse perchè lo approcciavo in modo errato, come hai scritto tu.

Foto
Giannantonio
lug 27 2015 17:59

Bello, diretto ed immediato il confronto con la Guernica, comunicazione moolto efficace; l'articolo "sembra" scritto apposta per me !

Da parte mia un grande GRAZIE!

Foto
danighost
lug 27 2015 18:07

 

 

 

 

Mi auguro ? Spero ?

 

Si spera in qualche cosa che ... dipende da altri come, ad esempio, la volontà Divina.

Qui non c'è che da applicarsi :)

Intendevo : spero di avere il tempo ... in questo periodo mi sto dedicando a manetta alle libellule ... :)

 

Non spero di farcela ;) :P 

Innanzitutto grazie a tutti. :)

 

Mi hai fatto ricordare una cosa importante che secondo me si è persa col digitale,cioè il fatto di "pensare" lo scatto in BW già prima di eseguirlo.

Ho scattato molte immagini analogiche con pellicole BW come le T-max e diapo come le Agfa Scala (che nostalgia) ed in effetti quando sapevo di avere in macchina un rullo BW cercavo di "vedere" il risultato che sarebbe uscito già in BW,cosa che,almeno per quello che mi riguarda ho un pò perso col digitale.

Come suggerito,ottima l'idea di selezionare monochrome già in macchina...

Pensa che per me é stato l'esatto contrario. 

Ho iniziato a scattare in BW con il digitale (non ho nessuna esperienza di camera oscura). 

Ai tempi scattavo anche a pellicola, per cui ho qualche rullo di Agfa Scala fatto in contemporanea con D1x e nei primi mesi della D2x, slides scannerizzate (come se fossero Kodachrome, perché non reggevano l'antipolvere di Minolta e Nikon). 

 

Ma l'idea di bianconero, per me, é nata e si é sviluppata con il digitale. :)

a_

 

P.S. Poi scrivo anche la mia idea sui sensori monocromatici, che non é per niente positiva. ;)

Mi interessavano tantissimo, ma dopo averli provati ho deciso che non valgono la pena. :)

Foto
Gabriele Castelli
lug 27 2015 21:22

Ottimo articolo, grazie.

 

Il suggerimento più utile è senz'altro quello di iniziare a guardare la luminosità degli oggetti e non il colore (personalmente aggiungerei anche la texture), cosa che effettivamente è controintuitiva.

 

Serve moltissimo per la mostra in arrivo :)

Foto
Paolo Mudu
lug 27 2015 21:36

I miei complimenti!

E' pure incoraggiante.

Foto
Mauro Maratta
lug 28 2015 07:13

Vi anticipo che preparerò presto anche un articolo molto più pratico di quello di Andrea e decisamente nikon-oriented ;) prossimamente su questi schermi :)

Foto
happygiraffe
lug 28 2015 08:12

Vi anticipo che preparerò presto anche un articolo molto più pratico di quello di Andrea e decisamente nikon-oriented ;) prossimamente su questi schermi :)


Bene, allora aspetto il seguito di questo pezzo che ho letto con molto piacere.

Interessante articolo, che ben riassume alcuni aspetti che ogni fotografo dovrebbe tenere sempre a mente quando scatta, indipendentemente dal fatto se intenda ottenere immagini a colori o in bianco e nero. :D

 

Riguardo l'uso di filtri colorati, se ho ben capito sconsigli quelli che si utilizzano davanti l'obiettivo, ma non mi è chiaro il discorso sui filtri digitali: quelli che si possono settare direttamente sul picture control in macchina sono raccomandabili? E sono efficaci? O è meglio applicare le modifiche in sede di sviluppo?

Foto
Mauro Maratta
lug 28 2015 08:29

[...]

 

Riguardo l'uso di filtri colorati, se ho ben capito sconsigli quelli che si utilizzano davanti l'obiettivo, ma non mi è chiaro il discorso sui filtri digitali: quelli che si possono settare direttamente sul picture control in macchina sono raccomandabili? E sono efficaci? O è meglio applicare le modifiche in sede di sviluppo?

 

Hanno senso per previsualizzare l'immagine come la si vuole avere, oppure se si scatta in jpg pronto e cotto :)

Diversamente, gli interventi che si possono fare in sviluppo e PP sono di gran lunga più efficaci e funzionali ;)

Riguardo l'uso di filtri colorati, se ho ben capito sconsigli quelli che si utilizzano davanti l'obiettivo, ma non mi è chiaro il discorso sui filtri digitali: quelli che si possono settare direttamente sul picture control in macchina sono raccomandabili? E sono efficaci? O è meglio applicare le modifiche in sede di sviluppo?

Non conosco le potenzialitá dei vari Picture Control e settings simili, ma non credo raggiungano la completezza di un software. 

Come dice Mauro, di certo possono essere utili per visualizzare a monitor il risultato finale, e regolarsi di conseguenza.

 

Piú in generale, se non consiglio mai l'uso dei JPG on camera, nel bianconero lo sconsiglio con forza. 

I motivi sono diversi, ma uno in particolare: le stampanti moderne stampano piú di 256 toni di grigio (non so quantificare, ma la differenza é visibile), ed un JPG ne ha in partenza cosí pochi. 

Se poi viene sviluppato appena (anche solo per fare in modo che l'istogramma sia completo, senza fare altro), il numero di grigi cala anche drasticamente. 

Se puó comunque essere accettabile a colori, in BW no. 

 

Ed una stampante acccetta input a 16bit. E come ho scritto, anche se non stampa tutte le 16mila tonalitá la differenza puó essere notevole. 

Soprattutto in termini di gradienti, che diventano spesso visibili e non piú gradevoli. 

a_

Quando il digitale non c'era nella mia borsa erano presenti sempre due reflex, una  caricata con diapositive colore e l'altra con pellicola BN.

Oggi faccio ameno di una reflex ma il 90% dei miei scatti in BN vengono pensati così prima di scattare, anche se poi la conversione la faccio in fase di sviluppo del raw. Possedendo ancora una reflex a pellicola non mi sono sbarazzato dei filtri, possono dempre tornare utili per le uscite analogiche. :-)

Foto
Mauro Maratta
ago 03 2015 14:05

Vi anticipo che preparerò presto anche un articolo molto più pratico di quello di Andrea e decisamente nikon-oriented ;) prossimamente su questi schermi :)

 

 

Pubblicato : qui !

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi