Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Profumo d'erba in Bianconero

Bianconero Lightroom Figura Ambientata

Montagna estiva, il profumo d'erba appena tagliata, una falce a mano (un'ambulanza in fondo che non si sa mai :P)... e la luce.
Ecco, qui di luce ce n'é davvero pochina pochina... 
 
Contrariamente a quello che farei con una mia foto, in questo caso apro la fotografia in Lightroom a colori.
Non c'ero quando é stata scattata, e mi serve sapere come era la scena in quel momento.
 
Immagine Allegata: SAM_3652-3.jpg
 
Uhm... si, decisamente sottoesposta.
Ma c'é una cosa in questa foto tremendamente scura che mi piace, e che vorrei mantenere: la trama della canottiera.
Mi colpisce, e cercheró di mantenerla fino alla fine, migliorandola.
 
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-03 at 22.39.14.png
 
L'altra cosa che salta subito all'occhio é una quantitá di luce sprecata, da recuperare ed usare.
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-03 at 22.39.23.png
 
Provo due profili (ma i profili che Adobe ha costruito per Nikon scuriscono l'immagine praticamente tutti), e vado con Adobe Standard.
E tutto a zero, per iniziare.
 
Ho davanti l'immagine cosí:
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-03 at 22.25.07.png
 
Ho due scelte possibili per recuperare luminositá velocemente: aumentare l'esposizione o agire sulle curve, affetatandone via un pezzo, per non usarlo piú.
Normalmente andrei per la prima possibilitá (aumentare l'esposizione), perché vengono mantenuti meglio i rapporti tra la luminositá delle diverse aree della foto.
 
In questo caso no.
Il soggetto é indubbiamente il falciatore, e non farei un favore al fotografo schiarendo tutto con un +2.0EV (nei commenti metteró il confronto tra i due metodi).
 
Taglio pesante nella parte destra della curva, ed inizio a lavorare su questo:
Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-03 at 22.25.42.png
 







13 Comments

Non ho speso piú di dieci minuti dall'inizio alla fine. 

:)

a_

Foto
danighost
ago 04 2015 08:06

Interessante, sopratutto sull'uso delle maschere in LT che non ho mai fatto, e non saprei nenache da che parte iniziare :( ...

Bravo Andrea, hai spiegato bene i passaggi e, soprattutto, il perché vengono singolarmente attuati, ciò che spesso in fase di sviluppo - per quanto mi riguarda - intuisco senza averne però precisa consapevolezza.

 

Vorrei chiederti che differenza c'è in termini di effetto sull'immagine fra l'aumento dell'esposizione e l'azione sulle curve, e quando consigli l'uso dell'uno rispetto all'altro. ;)

Foto
Mauro Maratta
ago 04 2015 08:22

La modifica dell'esposizione (sia locale che generale) agisce linearmente, come una curva ... retta, parallela alla mediana :marameo:

 

La curva invece consente di applicare modifiche differenti alle zone scure, ai toni medi e alle zone chiare, a seconda di come si compone la curva, di quanti punti ci sono nella curva, di come la modelli ;)

Un'altra cosa: lo spostamento del vertice della curva come fatto qui è esattamente equivalente all'uso del cursore Whites che fa la stessa cosa.

Ognuno può usare il metodo che gli è più comodo.

Io di solito mi limito a usare Whites, Highlights, Shadows, Blacks e Exposure senza toccare la curva, ma è proprio una questione di comodità.

E' chiaro che l'uso della curva consente infinite posizioni intermedie, ma anche infinite possibilità di creare pasticci ;)

Vorrei chiederti che differenza c'è in termini di effetto sull'immagine fra l'aumento dell'esposizione e l'azione sulle curve, e quando consigli l'uso dell'uno rispetto all'altro. ;)

Come ho scritto, é in programma una dimostrazione. :P 

Non l'ho ancora messa perché il computer sta lavorando e non mi permette di avvicinarlo...

E poi perché volevo rileggere a mente fredda quanto scritto ieri per eventualmente correggere, e se faccio un esempio perdo tutta la history passo passo. 

 

La modifica dell'esposizione (sia locale che generale) agisce linearmente, come una curva ... retta, parallela alla mediana :marameo:

 

La curva invece consente di applicare modifiche differenti alle zone scure, ai toni medi e alle zone chiare, a seconda di come si compone la curva, di quanti punti ci sono nella curva, di come la modelli ;)

Non é esattamente cosí, in un converter moderno che applica dei profili di conversione. 

Una volta rasterizzato il file (quindi applicato un gamma che "corregge" quello che é stato registrato linearmente dal sensore per avere un risultato utile per l'osservatore), in teoria l'effetto agendo su curve ed esposizione dovrebbe essere identico.

Non é cosí, o meglio non lo é con tutti i profili disponibili, perché il gamma applicato non é uguale per tutti, come non sono uguali il punto di bbianco e di nero (e molti altri motivi, ma per il bianconero questo é il principale). 

 

Ovviamente sto parlando di curva "retta", come quella che ho usato qui.

 

Le curve "curve", che agiscono su un determinato range di luminositá, oggi sono completamente superate (ed in parte soppiantate) dai comandi White/Highlights/Shadows/Blacks, enormemente piú potenti e che funzionano in maniera ormai del tutto separata dalle curve. 

É il motivo per cui non é piú possibile riprodurre gli effetti di LR/ACR in Photoshop. :)  Il pensiero che sta dietro agli strumenti di Photoshop é del tutto differente da quello che governa Lightroom. 

 

(Ed é anche il motivo per cui i comandi degli strumenti pennello e gradiente non sono i White/Highlights/Shadows/Blacks come le correzioni generali, ma i vecchi Highlights/Shadows delle versioni iniziali di Lightroom, e dei motori di conversione piú datati). 

a_

....

Le curve "curve", che agiscono su un determinato range di luminositá, oggi sono completamente superate (ed in parte soppiantate) dai comandi White/Highlights/Shadows/Blacks, enormemente piú potenti e che funzionano in maniera ormai del tutto separata dalle curve. 

É il motivo per cui non é piú possibile riprodurre gli effetti di LR/ACR in Photoshop. :)  Il pensiero che sta dietro agli strumenti di Photoshop é del tutto differente da quello che governa Lightroom. 

 

(Ed é anche il motivo per cui i comandi degli strumenti pennello e gradiente non sono i White/Highlights/Shadows/Blacks come le correzioni generali, ma i vecchi Highlights/Shadows delle versioni iniziali di Lightroom, e dei motori di conversione piú datati). 

a_

 

Quindi ritieni LR più "potente" e flessibile di PS, oppure si tratta solo di differenti modalità per raggiungere gli stessi risultati?

 

Non conosco PS come LR, ma quest'ultimo mi sembra più intuitivo e "maneggevole" rispetto all'altro. E' solo un'impressione?

 

Quindi ritieni LR più "potente" e flessibile di PS, oppure si tratta solo di differenti modalità per raggiungere gli stessi risultati?

 

Non conosco PS come LR, ma quest'ultimo mi sembra più intuitivo e "maneggevole" rispetto all'altro. E' solo un'impressione?

Lightroom é non solo molto piú user friendly, con i suoi cursori wysiwyg (what you see is what you get), ma fa delle cose di una complessitá del tutto sconosciuta alle curve di Photoshop. 

Non per niente le curve sono solo uno degli strumenti di LR. :) 

 

In particolare, se vai a modificare una curva agisci solo sul segmento di curva che stai considerando. Photoshop i "aiuta" modificando anche quelo che c'é intorno, ma in maniera del tutto bovina. 

Gli estremi non cambiano mai, ad esempio. 

Quando invece vai a toccare il valore delle highlights in LR, per dirne una, vedrai che l'intero istogramma cambia forma, fino al punto in cui dei neri clippati non lo saranno piú. ;) 

E cosí via, lo stesso vale per gli altri comandi, e sono molto piú visibili con le foto in bianco e nero (l'istogramma é uno solo, non tre sovrapposti), ma succcede sempre.

 

Questo perché gli algoritmi di quegli strumenti sono pensati in modo da preservare l'aspetto "fotografico" dell'immagine. 

Gli sviluppatori di Lightroom avevano in mente solo fotografie quando l'hanno creato, mentre in Photoshop sono solo un genere di immagini tra quelli possibili (fotografie, ma anche rendering, disegni digitali e composizioni di immagini raster e vettoriali). 

 

Qui sta per intero la differenza tra Lightroom e Photoshop, e la potenza di LR nellvorare fotografie in qualsiasi formato (non solo RAW, ma anche JPG, TIF, PSD...). 

a_

Foto
Andrea Zampieron
ago 04 2015 14:39

Sembra  un altra foto,effetto finale ottimo,sicuramente devo evitare di sottoesporre tutte le foto.

 

Andrea

Sembra  un altra foto,effetto finale ottimo,sicuramente devo evitare di sottoesporre tutte le foto.

 

Andrea

Sarebbe stato piú semplice e diretto, si. ;) 

:P

a_

Piuttosto, come promesso ecco qui il confronto tra i due metodi possibili per il primo passaggio.

Lo scopo era quello di eliminare quello spazio privo di dati ed usare al massimo i toni di grigio dal bianco al nero nella foto.

 

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 15.54.38.png

 

A sinistra una correzione dell'esposizione (circa +1.1EV), a destra il taglio netto direttamente nella curva di luminositá. 

Ho scelto il secondo perché mi ha reso giá in partenza un favore sul soggetto umano, con una distribuzione delle luminositá giá discreta in partenza. 

Il background é piú scuro, ma in ogni caso era chiaro fin dall'inizio che avrei dovuto lavorarci a parte.

 

L'immagine semplicemente sovraesposta é piú banale. Magari piú equilibrata, ma piatta.

Avrebbe avuto bisogno di interventi piú pesanti sullo sfondo, con il rischio di strafare. :) 

 

Se invece la foto fosse stata piú chiara in partenza, l'effetto sarebbe stato diverso dalla simulazione dell'esposizione... 

Magari sarebbe stata leggermente piatta in ogni caso, ma un differente profilo o un po' di contrasto generale avrebbe risolto in maniera piú diretta ed elegante. :) 

 

 

Ancora, da notare l'effetto dei due diversi interventi sull'istogramma.

 

Con l'aumento dell'esposizione avrei recuperato un po', ma sarebbero stati sacrificati i neri profondi senza arrivare ad avere un solo punto "bianco". 

...É un effetto collaterale dei sensori moderni. ;) 

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 15.55.29.png

 

Intervenendo sulla curva e segando via un pezzo senza pietá, invece, ho giá dall'inizio una distribuzione di grigi che va da un estremo all'altro, e posso concentrarmi altrove.

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 15.55.45.png

 

Ovviamente sono tutte scelte da fare caso per caso, ed estremamente personali (sono certo che Michele avrebbe sviluppato questa foto in una maniera differente). 

Senza contare l'idea del fotografo, qui completamente assente e sostituita dall'idea dello sviluppatore. ;)

a_

 

Scusa, avevo perso questo commento perché stavo scrivendo in contemporanea. :)

 

Un'altra cosa: lo spostamento del vertice della curva come fatto qui è esattamente equivalente all'uso del cursore Whites che fa la stessa cosa.

Ognuno può usare il metodo che gli è più comodo.

Io di solito mi limito a usare Whites, Highlights, Shadows, Blacks e Exposure senza toccare la curva, ma è proprio una questione di comodità.

Si e no: come rispondevo prima a Pedrito, i cursori fanno qualcosa di piú che muovere curve. :)

 

Si nota subito dall'istogramma, differente per il solo "White" a +62 (per avere praticamente lo stesso numero di pizel bianchi):

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 16.26.11.png

 

...O con il taglio netto che ho dato alla curva:

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 16.26.20.png

 

Il confronto visivo tra le due azioni (White e curva) é chiaro:

Immagine Allegata: Screen Shot 2015-08-04 at 16.26.41.png

No, non é lo stesso effetto.

 

Anche io preferisco usare i cursori, proprio per quell'effetto olistico sull'intera immagine, che riduce tantissimo la possibilitá di fare pasticci, come giustamente dici. ;) 

In un How-To di una foto a colori, ad esempio, la curva non l'avrei mai toccata nemmeno sotto tortura, se posso evitare.

 

In una foto in BW invece le possibilitá di fare danni si riducono un poco, in particolare quando si tratta semplicemente di togliere qualcosa che non c'é, come in questo caso. 

Mi ha evitato di alzare il White, poi il contrasto e poi Shadow, per finire aumentando un poco i Neri... Avendo comunque la foto ancora sbilanciata e da mascherare a parte. 

Ma la curva l'ho lasciata dritta... Perché le possibilitá di fare pasticci non spariscono, anzi aumentano esponenzialmente se oltre a tagliare lati della curva.. la si piega. :P 

 

Anche io raramente tocco la curva, se posso farne a meno. :) 

a_

 

P.S. Ho il sospetto, pur senza avere mai fatto prove specifiche, che Lightroom vada a guardare cosa si é tagliato fuori agendo sulla curva come ho fatto io, quando si va a cambiare i valori di Highlights e Whites in un secondo tempo. 

Che quindi sia molto conservativo, anche oltre le intenzioni dell'operatore, al contrario della precisione di una curva fatta con Photoshop.

 

Grazie Andrea, eccellente!

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi