Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon D500: macro e avifauna.

Nikon D500 Macro natura

Ho provato la nuova Nikon D500 in macro e nella "wildlife photography" (caccia fotografica) si è confermata come uno strumento validissimo per  fotografo naturalista; è robusta, affidabile, ed offre  (finalmente!) in formato dx le caratteristiche di un corpo professionale ed una grande velocità operativa, unite ad una ottima qualità di immagine. 

Ho avuto la possibilità di  usare La nikon D500 in macro (e foto ravvicinata) e nella wildlife photography (termine anglosassone meno cruento nell'immaginario collettivo rispetto all'italiano "caccia fotografica" ;) ) ed ecco mie impressioni.
 
 
Ergonomia e praticità d'uso.
Uno degli aspetti che mi hanno maggiormente soddisfatto della D500 è che offre  (finalmente!) al fotonaturalista le caratteristiche di un corpo professionale nel formato dx.  Naturalmente c'è anche la qualità di immagine, aspetto già abbondantemente trattato in altri articoli pubblicati, ma la  praticità d'uso mi ha veramente impressionato.
 
La robustezza, la velocità dell'af, il buffer, la raffica, sono  caratteristiche fondamentali per la fotografia di natura  e sportiva e rendono la D500 uno strumento veramente versatile ed affidabile anche, ad esempio, in macro.
 
 
Macrofotografia, ma non solo
Non va dimenticato che il formato Dx in macro è utile perchè permette, a parità di copertura dell'inquadratura, di stare più distanti dal soggetto, consentendo di avere una maggiore profondità di campo, una migliore gestibilità della luce e, nel caso i soggetti siano vivi e reattivi, la maggiore distanza diminuisce le probabilità di causarne la fuga.
Quindi una DSRL che unisce caratteristiche di livello professionale al formato ridotto è uno strumento validissimo anche per il macrofotografo. Ma c'è di più.
 
Il soggetto è rasoterra? Il display orientabile ti permette di controllare l'inquadratura anche da sopra, senza che ci si debba sdraiare e guardare nel mirino (naturalmente se non c'è troppo sole o se si può fare ombra con qualcosa, testa compresa :)).
 
 

Immagine Allegata: body1.jpg

 

 

 

Immagine Allegata: plantatrifo.jpg

 
 
Essendo touch si potrebbe pensare di selezionare il punto di messa a fuoco ottimale e di scattare direttamente con il display, ma in macro è meglio di no, a mio parere, perchè si provocherebbero vibrazioni e spostamenti indesiderati, meglio usare uno scatto a distanza. Buona notizia, sulla D500 c'è una presa a 10 pin, per cui posso usare il mio vecchio cavo di scatto per evitare e vibrazioni e tenermi ben distante. Inoltre, nelle fotocamere della serie D7000  il sollevamento preventivo dello specchio c'è, ma è sepolto nei menù, per cui richede diversi passaggi per essere attivato, cosa che io trovo particolarmente irritante. Nella D500 con mio grande piacere ritorna ad essere selezionabile direttamente dalla ghiera di scelta delle modalità di scatto. Se ne sentiva la mancanza.
 
 

Immagine Allegata: body3.jpg

 

La freccia gialla indica la modalità mirror up, il cavo di scatto è inserito nella presa a 10 poli.

 

 

Si teme l'infiltrazione di luce parassita dal mirino? C'è la tendina che chiude l'oculare.
 
 

Immagine Allegata: body2.jpg

 

Immagine Allegata: dragonfly.jpg

 
Resa ad alti ISO
Anche in macro o nella fotografia ravvicinata, poter usare alti ISO senza compromettere la qualità è importante, perché permette di avere contemporaneamente  tempi rapidi e diaframmi chiusi, offrendo così grandissima versatilità (e comodità d'uso). Perchè a vibrare non è solo la fotocamera, col vento, in macro, vibra, anzi dondola, il soggetto. 
 

Immagine Allegata: libellula1.jpg

 





Test: Yes



8 Comments

Foto
Valerio Br¨stia
lug 09 2016 11:26

Silvio, vedo che anche tu hai realizzato quanto sia ben progettata e quindi pratica questa D500.

Se ci pensi però non è che ci volesse molto: a parte il miglioramento del sensore (che è effettivamente notevole) e del sistema autofocus (migliorato in copertura, rapidità e precisione), tutti quei piccoli dettagli utili in fase di ripresa dal mirino, allo schermo orientabile all'alzo specchio, son tutti arcinoti e già presenti su altri modelli di Nikon.

Una dimostrazione di quanto sia stata ottusa e sorda la dirigenza di Nikon degli ultimi anni.

 

Grazie per le foto e per lo sbattimento: affrontare il Torrile in questa stagione torrida è segno di impegno concreto, grazie e bravo

Foto
happygiraffe
lug 09 2016 11:27

Bravo Silvio, bellissimo test! Complementare a quelli di Valerio e Bruno.

E complimenti per le foto :)

Foto
Valerio Br¨stia
lug 09 2016 12:15

Colgo l'occasione per riprendere un discorso introdotto da Mauro fin dal primo momento: la non completa disponibilità di tutte le "features" offerte (da libretto) dalla D500.

A cominciare dalla incompatibilità con una certa famiglia di SD card, per passare alla batteria apparentemente compatibile con lo stesso modello già prodotto fino ad arrivare ai menù che offrono ma non impostano, la D500 risulta effettivamente acerba, nervosetta se preferiamo.

 

Io dalla mia non mi sono accorto di alcuna limitazione ma ammetto di essere un utilizzatore un po' rozzo: per capirci, mi sono accorto solo per caso che lo schermo è Touch e per scorrer le foto potevo fare a meno del cursore, ma le abitudini sono quelle e la D500 le ha assecondate (!)  

Poiché per la batteria ho usato solo la sua in dotazione, per la scheda di memoria ho fatto ricorso alla velocissima XQD e i menù "profondi" li ho tenuti alla lontana, per me la D500 è stata decisamente un'esperienza frizzante, senza intoppi 

Silvio tu invece hai incontrato qualche piccolo grande guaio durante il tuo testing?

Si,  Valerio, il Silvio anche se è restio a dirlo è incorso in un grosso ma grosso problema.. ma tanto grosso che si è persino vergognato di dirlo..

 

ma io lo so..  ed è.....

 

 

A DOVUTO  RENDERLA......  A DOVUTO..... 

Foto
Silvio Renesto
lug 09 2016 12:40

A parte la menzionata "bruciabilità" dei bianchi in certe occasioni, non ho avuto problemi, ma io sono un utilizzatore se possibile ancora più rozzo di te. Quindi, sotto questo aspetto non posso dire molto. Mi è piaciuta e basta.

La macchina ha digerito senza problemi le batterie originali  che uso sulla D7100, una volta esaurita quella di  Mauro, mentre si è rifiutata di funzionare con le  batterie Patona, che funzionano benissimo sulla D7100.

Ho usato una normale scheda SD e, a parte un tempo di scrittura un po' lungo, non ci sono stati intoppi. Ma era una scheda fossile come le bestie che studio, quindi penso sia normale.

No, una cosa a dire il vero ci sarebbe: in live view, la messa a fuoco a contrasto di fase mi è sembrata veramente ... lentissima (con il 105VR) come il diversamente bello della pubblicità Vodafone. Mi è sembrato che in live view fosse più lento (e anche un po'  vagante)  che nella D7100, ma non ho confrontato, forse sono uguali e io  mi aspettavo qualcosa di più.

Foto
Gianni_54
lug 09 2016 14:36

Un altro bel test sulla D500, accompagnato da foto di pregevole fattura.

Foto
Max Aquila
lug 10 2016 14:22
Bravo Silvio,
anche tu hai messo l'accento su caratteristiche di user friendly...bility che denotano la superiorita' di questa d500 sulle dx precedenti, pur buone come la d7200.

Nikonland attraverso le esperienze di utilizzatori differenti della stessa macchina potra' in breve costruire una brochure sulla Nikon D500 ben superiore per contenuti e foto a quella ufficiale Nikon.

Non e' cosa da poco, a mio avviso.



PS
appena guarisco del tutto mi aggiungo al gruppo in questa ottica...
Foto
Adriano Max
lug 16 2016 14:09

Sempre molto interessante il tuo contributo, Silvio !! e sempre più visibile e 'da prendere con mano' il progresso fatto dall'apparecchiatura fotografica Nikon ...

:)

 

Ciao,

Adri.

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi