Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Photo Show 2013: ma ci siete stati o no?


Photo Show 2013, l'appuntamento di Milano con il mercato della Fotografia.

E' un rito, ogni 2 anni mi tocca. Voglia o non voglia, devo andarci. E' così da quando si chiamava SICOF, ma quelli erano altri tempi. Allora non bastava un giorno per visitare la Fiera della Fotografia italiana. Oggi, se non si è dispersivi, onestamente sono sufficienti un paio d'ore. E in questo grigio e piovoso sabato di fine Marzo, si è confermata questa triste tendenza. Ma veniamo ai fatti. La sede della vecchia fiera ospita la manifestazione. E' tutto contenuto, con ampio agio, nel solo padiglione 3.

[attachment=43668:25_VAR_0093.jpg]
Corridoi mezzi vuoti ed è quasi mezzogiorno

Chi c'è. Forse meglio dire chi NON C'E'! Ho fatto 5 volte il giro del padiglione ma di Polyphoto (distributore Leica) non vi era traccia. Pensare che volevo vedere e toccare con le mie manacce la nuova Leica M, che oggettino fantastico. Invece niente. Mancato appello anche per Mafrotto trading. Boh? Quindi ad occupare spazio e volume ci hanno pensato i 3 colossi Nital, Sony e Canon. Nelle piazze d'armi lascite libere, i tre moschettieri hanno messo in scena ogni possibile amenità: dalla ballerina di flamenco alla gioco di gruppo (?). Mancava lo spogliarello e la pole dancing, ma credo che sarà per la prossima edizione. Non sono certo, ma queste trovate mi sembra che comincino ad interessare sempre meno i visitatori. Non ho dovuto attraversare la calca impenetrabile di fotoamatori rapiti nel fotografare la scosciata di turno. Una volta succedeva, succedeva eccome!
Da Nikon user, mi sono contcentrato sullo stand di massimo coinvolgimento (capirete): Nital. Enorme, e articolata in differenti sezioni, la postazione Nital mette in mostra il parco Nikon. Solita ressa alla balconata teleobiettivi, ma tra i big gun non c'è il nuovo 800/5.6.

[attachment=43664:25_VAR_0075.jpg]
La balconata dei Tele Nikon.

Sul retro il caffè Nital, area riservata dedicata agli incontri particolari, su invito, credo, o per conoscenza. Fatto sta che mentre passo di lì scorgo seduto ad un tavolo, intento in conversazione con una maglia nera Nital, la persona con cui sostenni (oltre vent'anni fa) l'orale di Analisi 2. E chi è? Ma è Lello Piazza, per anni foto editor di Airone, oltre che, appunto, docente ordinario del Politecnico di Milano.

[attachment=43663:25_VAR_0071.jpg]
Eccolo lì il grande Lello Piazza con gilè Domke di rito. Ah quanto mi manca quella rivista col bordo giallo!!

Non me la sono sentita di tendergli un agguato all'uscita e fargli un paio di domandoni, anche perché, pochi istanti dopo, ho incontrato un vecchio amico, Sergio, e in sua compagnia ho proseguito la visita dello stand e della fiera tutta. Nital ha deciso di distribuire le borse LowePro. Ce ne accorgiamo svoltando l'angolo dello stand. In ampio spazio è in mostra quasi tutta la produzione corrente LowePro. Questa mossa di Nital significa due cose: primo che ha soffiato la distribuzione all'importatore precedente (Mamya trading) e secondo che han mollato, scaricato, salutato, Tenba. Infatti in tutta la fiera le borse e gli zaini Tenba si potevano vedere solo sulle spalle dei visitatori. Ma il punto clue, l'hot spot dello stand è il bancone di prova macchine e obiettivi. Diligentemente mi metto in coda ed aspetto il mio turno.

[attachment=43669:25_VAR_0097.jpg]
Il 200/2 tira sempre

Senza troppi spintoni, ricevuti, arrivo al bancone e una signorina GENTILISSIMA (devo ammettere che il personale degli stand quest'anno l'ho trovato squisitamente amichevole sarà la crisi??) mi permette di maneggiare e fare due scatti con la D800, quindi di provare il nuovo e leggero Nikon 70-200/4. Impressioni. Della D800 non posso che dire bene. Dopo aver tolto dai piedi tutte le impostazioni automatiche che erano settate ed averle fatto digerire il mio 16/2.8 AIS, è una macchina che mi fa sentire a casa. Il mirino è migliorato rispetto alla D700 e, ma è una sensazione e va presa come tale, il clack dello scatto mi pare meno rumoroso. O no? Che dite o voi che l'usate?

[attachment=43672:25_VAR_0112.jpg]
QUello che ride è il mio amico Sergio, l'altro son io

Il 70-200/4 è piccolo, ma non corto, e leggero. E' vero, l'anello treppiedi è venduto a parte! Sono ridicoli, in 1500 euro proprio un supporto treppiedi non riuscivano a farlo stare. Consiglio tutti gli acquirenti presenti e futuri di questo bell'attrezzo, di rivolgersi alla produzione Kirk che sarà sicuramente migliore del supporto Nikon e, soprattutto, così glie la si fa pagare...miserabili. Il VR3? Per quel che vale la mia prova ... acceso era acceso, ma ad 1/60 per 200 mm la foto è mossa. Boh?

[attachment=43670:25_VAR_0101.jpg]
1/60 @ 200mm + VR On.. è mossa, chissà cos'ho combinato
Nel bordello avrò sbagliato qualcosa, ma non è che sia a digiuno di VR... il mio 70-200/2.8 VRII lavora bene e 1/60 è garantito. Così il 200-400/4 VR II a mano libera a 400mm ad 1/200 la foto si fa e lo stesso con il 600/4 VR.
Sicuramente ho sbagliato qualcosa, perché mi pare strano. Fatto sta che è evidente che il VRIII non fa gridare al miracolo nel paragone con il VRII. A chi lo comprerà, e lo userà, l'ardua sentenza. Il resto del padiglione Nital sono opuscoli e … casino.

[attachment=43677:22_VAR_103_SCRSH.jpg]
questo è uno scatto impossibile D300 + 600/4 a mano libera.I dati EXIF sono lì da leggere.
Il VR Nikon funziona: allora cosa ho combinato con il nuovo 70-200/4 ??

Allo stand adiacente, sono parenti, c'è Fowa che, sorpresona, presenta i flash Metz monotorcia da studio!! Fantastico, quanti anni ci hanno messo per capire che il nome Metz poteva essere venduto anche in quell'ambito. Non posso dire nulla su quel prodotto, non ho dati di comparazione per confrontare con equivalenti torce Bowens, ma certo è che era ora.


[attachment=43671:25_VAR_0102.jpg]
Lo stand Pentax in orbita Nital-Fowa. Che ingordi!

Dopo una fermata di pura curiosità alla Pentax (marchio in scuderia a Nital - Fowa) dove osservo con piacere il nuovo 560/5.6, un tele pensato proprio per i fotonaturalisti digitali (bravi progettisti pentax) faccio un balzo da Mamya Trading, distributore di Sigma. Volevo provare il Fisheye 15/2.8 AF, e l'ho fatto. Anche qui ringrazio la pazienza e la gentilezza del personale addetto al banco prove. Il 15/2.8 Sigma ha una MDF di soli 15 cm. Ecco spiegato il suo successo rispetto al 16/2.8 Nikon che si ferma a soli 25 cm. Sott'acqua vuole dire tantissimo!! Ma questo è un altro discorso, un po' lungo.

[attachment=43667:25_VAR_0083.jpg]
Veduta 15mmSIgma: "va che bel"

[attachment=43666:25_VAR_0080.jpg]
Foto del 16 con il 15 alla MDF in AF. Talvolta parliamo arabo.

Già che c'ero ho voluto toccare con mano il Sigma 35/1.4 e il nuovissimo Sigma 120-300/2.8. L'impressione è quella di una svolta. Sigma si è messa a fare cose SERISSIME. Il costo di questi due oggetti è sempre competitivo, ma siamo di fronte a vetri di costruzione robusta, pensati per esserere usati tutti i giorni. Bravi, che dire di più: che se non avessi già svuotato il conto in banca per il 200-400/4 Nikon avrei guardato con seria cupidigia questo 120-300/2,8 OS. Too late! Il 35/1.4 invece è semplicemente fantastico. Se avessi un minimo interesse per questa focale, lo bramerei visceralemente.

[attachment=43665:25_VAR_0079.jpg]
Scatto rpova con il SIgma 35/1.4 diaframmato a f/2

Non sto qui a descrivere con dettaglio gli altri stand della fiera, chi è interessato sul web può trovare di tutto e di più. Voglio però spendere due righe sugli spazi di contorno.

Il mercatino dell'usato. Le bancarelle erano tante. Con tante cose che mi han fatto sentire vecchio. Sì perchè lì dietro ad una griglia da pollaio, sotto un pannello il plexiglass graffiato, giacevano oggetti che ricordo d'aver visto al centro della Fiera, al loro tempo. F4, F5, il Nikon Ais 500/4 P che ricordo d'aver fotografato in vetrina montato su un cavalleto con F4 in canna (era il 1990 o il '91). Ma l'occhio mi è caduto sul Nikon worst wide angle lens, il 18/2.8 AF-D. Ovviamente ho chiesto di provarlo. Un esemplare praticamente nuovo, con tanto di sacchettini di plastica ad avvolgere obiettivo e paraluce. E tanto WORST non si è rivelato.

[attachment=43678:25_VAR_0092.jpg]
Nikon AF18/2.8 D a f/2.8 non è mica male!

Worst era invece il prezzo richiesto: 850 Euro. Bravo! E' stato il commento che mi è scappato. Bravo perchè se riesci a prendere quella cifra per un oggetto di oltre venti anni fa, che non brilla per qualità assoluta, specialmente in accoppiata con le nuove digitali Full Frame, beh, se ci riesci allora sei proprio Bravo con la B maiuscola.

Le mostre: ce ne sono tante. Interessanti alcune, inutili molte, già viste altre. Mi ha colpito lo stand di Mondadori con le opere di Mario De Biasi. Esplorando la mostra mi soffermo su uno scatto non bellissimo, in assoluto, ma leggendo la didascalia di quella stampa bianco nero (digitale), mi commuovo. Sono le mani grosse e callose di un EROE del '900. Sono le mani di Walter Bonatti riprese nel 1963, mani che avevano già toccato le più ripide pareti delle alpi occidentali, il Dru, il Cervino, il Pilone Centrale del Bianco; mani che si erano scorticate con il canapone e con i cunei di legno.

[attachment=43680:_MAX1018.jpg]
Grazie ad Adriano che ha avuto il buon senso di fare una foto al quadro in questione.

Leggo "Opere in vendita".
Per farsi male vado a chiedere: "Signorina scusi, con opere in vendita significa che...?" e una coppia di bellissime, giovanissime e gentilissime operatrici Mondadori mi spiegano "... ma che le vendiamo". "Si, ok, va bene. Ma quelle esposte, o cosa?". Mi spiegano che sono a tiratura limitata, numerata e firmata dallo stesso De Biasi. E qui comincia ad allontanarsi nello spazio, a sfumare nel vuoto, la mia ipotesi di appendere Bonatti in salone. Inoltre, aggiungono, proprio quelle esposte sono opere uniche. Ecco che la parete, sopra la credenza, rimane vuota. Ma, proseguono, c'è lo sconto fiera che è del 30% !! Ciumbia! Quindi il Bonatti lo porto a casa per soli 3000 Euro. Un affare! Ma sì tanto sopra la credenza ci vedo bene anche un bel paesaggio canadese di quelli che ho fatto lo scorso anno in Quebec. Mondadori tira avanti anche senza il mio contributo.
E qui e là, tra una mostra e l'altra, ci sono seminari, dimostrazioni di stampa, servizi stampa fine art e qualche stramberia e amenità.

[attachment=43675:25_VAR_0122.jpg]
Stampe di qualità Epson ... o Canon

Tra le più originali stranezze devo citare gli elicotterini per fotografia aerea, gagliardissimi, ma forse di difficile utilizzo in un paese che difende, per legge, tanti, tantissimi luoghi "sensibili" come, mi sovviene, la strategica linea ferroviaria Novara - Varallo, vulnus dei collegamenti del nord Italia.

Mi soffermo ad un seminario sulla street photography tenuto dal simpatico fotografo Stefano Corso. Stefano racconta del suo approccio alla fotografia di strada e si sofferma, anche sollecitato dai presenti, sui problemi legati alla ripresa della gente, le liberatorie, le firme, i problemi connessi alla pubblicazione dei volti umani. La conferenza si trasformerebbe in un bel dibattito, se non fosse per il fastidioso tunz tunz della disco dance dello stand Canon, lì adiacente. Comunque bravo a Stefano, una conferenza piacevole, interesasnte e utile. Infine, un consiglio ai titolari dello stand di IMAGE Magazine: le foto alle pareti ... possono distrarre.

[attachment=43673:25_VAR_0114.jpg]
Stefano Corso durante il seminario

Curioso invece lo stand dei lettori di portfolio, una batteria di tavolini di esaminatori ed esaminandi. Onestamente questa è una cosa che non capisco, è oltre le mie capacità di comprendonio. Perché la gente deve mostrare un portfolio ad un signore estraneo che, suppongo, sarà chiamato a produrre un qualche giudizio. Al di là dei titoli che l'esaminatore sicuramente vanta nel curriculum, a che pro tutto ciò? Se il giudizio emesso è negativo cosa deve fare il malcapitato, smettere di fotografare? E se è positivo, abbandonarsi alla professione? Tanti auguri! Scopro inoltre che esistono delle gare di Portfolio. A questo punto mi arrendo. Vengo catturato invece da una piccola edicola dove tale Settimio Benedusi è disposto alla qualunque, almeno così dice il cartello. Non me ne voglia Settimio, ma proprio non lo conoscevo. Sul web la ricerca mi ha condotto al suo sito. Ho visto i suoi soggetti: la svanzica è sempre un gran soggetto. Avessi saputo mi sarei messo in coda anch'io per chiedergli semplicemente : come hai fatto ?

[attachment=43674:25_VAR_0121.jpg]
Settimio sei un Grande.

Me ne vado dalla fiera non senza un passaggio da HF Distribuzione, dove una ragazza rossa di capelli e simpatica mi arpiona e riesce, senza difficoltà, a farmi comperare un libro. Beh brava lei come venditrice, ma ha avuto gioco facile perché il libro che ho adocchiato era Dies Irae di Paolo Pellegrin edito da Contrasto. Una raccolta di immagini da fucilata negli zebedei eseguiti magistralmente da, forse, il più potente fotografo italiano di guerra (e altre varie disgrazie umane) attualmente in attività. Effettivamente questa raccolta di Pellegrin è molto cupa, speravo di trovare qualche fotocolor di quelli che ho visto negli ultimi due lavori su NG Magazine, ma ho cercato invano. In questo volume Pellegrin non ha lasciato spazio alla speranza. E io ho tirato sul prezzo: sconto fiera e ci vediamo nel 2015.

Valerio


54 Comments

sono curioso di sapere com'è stata l'edizione di Milano, visto che lo scorso anno a Roma sono stati soldi buttati...
Foto
Mauro Maratta
mar 26 2013 15:43
Grazie per il pezzo ironico e con taglio giornalistico Valerio.

Io sono stato ... attorno al Photoshow con amici.
L'ho costeggiato, ho dato indicazioni a chi voleva andarci.
Ma non mi è venuta nemmeno la tentazione di entrare.

Temo che oramai queste manifestazioni abbiano fatto il loro tempo.
E le importanti defezioni che hai citato ne sono la prova.

Quel banchetto in legno con quel personaggio che di fatto sfotte tutti gli altri operatori che cercano di fare onestamente il loro lavoro tutto attorno, mi pare il definitivo epitaffio, grottesco, di un genere di incontro che un tempo era liturgico, adesso é a metà tra la strapaesana a base di gnocchi e gnocche e il mercatino delle pulci imbalsamate.

:(

E che dire del prezzo simbolico di euro 1 ? Che non è una fiera seria.
O gratis o al prezzo che si merita.
E per una cosa da tunz-tunz e baraccone, vorrei essere pagato per entrare !

;)
Foto
Adriano Max
mar 26 2013 16:08
Mah, PhotoShow chiaramente ha un pubblico: l'affluenza c'è ed è varia. Io la considero un'interessante occasione per prendere in mano oggetti che altrimenti vedrei solo da negozianti gelosi ... posso frugare nelle borse, sforzare i treppiedi e le teste, provare alcune stampanti, guardare varie attrezzature ... se non ci si fa sopraffare dal tunzi-tunzi posso anche farmi venire delle idee. Posso provare gli obiettivi: se si ha la freddezza di non farsi coinvolgere dalla calca e si hanno le idee chiare di cosa si vuole capire e verificare. Si possono incontrare persone interessanti, ma bisogna avere 'il filtro nella testa' come diceva mio padre: altrimenti non si vede e sente nulla ... Settimio è un provocatore e un comunicatore oltreché fotografo e se la domanda è come ha fatto, la risposta è credendoci e lavorandoci notte e giorno ...
;)

Ciao,
A.
ovviamente intendevo avere anche altri pareri :D Valerio non volevo affatto sminuire il tuo bell'articolo eh... ;)
Foto
Paolo Tagliaro
mar 26 2013 16:48
Mi dispiace non essere stato al PhotoShow solo perché potevo incontrarti.
E' un articolo spassosissimo che racconta molto più di quello che oggettivamente l'evento mette a disposizione al fotografista-amatore semi-distratto.
In realtà avrei voluto esserci (in pizzeria) per incontrare di persona e contemporaneamente Max-Mauro.
Foto
Paolo Tagliaro
mar 26 2013 16:49

bisogna avere 'il filtro nella testa' come diceva mio padre: altrimenti non si vede e sente nulla ...


Questa me la segno :)
Foto
Valerio Brùstia
mar 26 2013 16:52
Ovvio Ale.

Onestamente qui non ho mica fatto il racconto della Fiera. Ho raccontato la Mia Fiera. A riguardo vorrei stimolare tutti quanti ad una riflessione.

Ma che pizza ce ne frega di scosciate che ballano il flamenco in una baracconata da luna park? Si va alle fiere per vedere e toccare con mano degli oggetti. Per provarli e vedere se vale la pena di fracassare il porcellino. Se poi si possono fare incontri interessanti ed assistere aqualche bella conferenza o dibattito, allora siamo davanti ad un happening veramente interessante. Ma cosi' che senso ha??. Sto ragazzo Stefano Corso: ero a 4 metri da lui e lui era microfonato. Non lo sentivo, ci credete? La musica da discoteca era da fracassare i timpani. Ma veramente vogliamo questo? Veramente ci interessa fare due BRUTTE foto alla sgarzola di turno arrampicata su un triciclo a motore?? Io credo che sia tempo di paintarla li' con queste buffonate. Le iniziative di "contorno" erano molte. Si vede che qualcosa si muove. Ma a me pare ancora poco
voi che dite?
Foto
Francesco64
mar 26 2013 16:56
Intanto Bravo a Valerio che ha fatto un articolo davvero piacevole da leggere e con la giusta ironia.
Io al Photoshow ci vado volentieri, direi per gli stessi motivi di Adriano:
Ho tanta roba a disposizione e posso provare cio' che mi interessa.
In questo caso il Samyang 14 che mi ha talmente convinto che, come scritto in altro post, ho comprato al mercatino permutando il mio Tokina 12/24.
Poi mi sono fatto un giro fra libri (comprandone uno) e riviste, ho raccolto un po' di cataloghi Nikon, che mi piace sfogliare e conservare per un po'.
E ho dato un'occhiata alle mostre, non con l'attenzione che avrei voluto perche' si e' fatta ora di andare via. Tanto che l'immagine di Bonatti, mio mito d'infanzia alla pari di Gimondi e Gigi Riva, me la sono persa.
Foto scattate? Zero se si escludono quelle coi due Samyang, uno allo stand e l'altro al mercatino.
Foto
Valerio Brùstia
mar 26 2013 16:58
Scusa Adri.
No, la mia domanda su Settimio non è come ha fatto a diventare fotografo professionista. Ma come ha fatto a fotografare solo svanzica ... speravo si cogliesse l'allusione

ciao
Valerio onestamente io nella precedente edizione a roma sono rimasto deluso proprio dall'aspetto "incanta burini". Poca sostanza e molta apparenza e soprattutto non ci sono gli spazi giusti per provare in modo decente le ottiche (tanto per dirne una).
Mi ricordo bene come Samsung avesse riservato uno spazio, grande, per fare la prova delle funzione panoramica di una sua compatta, con tanto di pulpito per sovrastare la scena e poi come per le ottiche nikon ad esempio ci fosse un guinzaglio di non oltre 30 cm...

Venne organizzato molto meglio il Nital day, a mio parere, quando vennero presentate la D700 e la D300, con la possibilità di muoversi in una sala.

E' un peccato, perché in una fiera della fotografia si fa molta più attenzione alla "patacca" che non alla sostanza. Scusate ma in quel contesto mi "eccita" molto di più la possibilità di provare un pezzo che magari vorrei compare, piuttosto che vedere due modelle che sgambettano.

E poi altra cosa che mi pare sia stata simile, non si può girare con la musica che te spacca le recchie :D

1 euro il biglietto, 5 il parcheggio, più il tempo e i km per arrivare alla Fiera di Roma lo scorso anno sono stati anche troppo...


Avrei una domanda poi: ma con i gadget come eravate messi? A Roma 2 edizioni fa mi ricordo che sono uscito da là pieno zeppo di gadget, omaggi (anche banali) che facevano se non altro capire che un po' ai clienti ci tengo. Sai il laccetto Nikon, la penna SanDisk ecc ecc Tutte cose senza le quali campi lo stesso, però che magari fanno piacere in una fiera. L'ultima edizione romana fu invece un pianto. E a Milano?
Foto
Valerio Brùstia
mar 26 2013 17:37
Mani lunghe, niente gaggi.

Ma ci può anche stare, se mi offri una sedia e uno spazio per sentir parlare che so, un fotografo a caso di Magnum.

Siamo daccordo tutti sulla prova dell'equipaggiamento. E' una fiera e questo deve mostrare. Sul contorno invece c'è ancora tantissimo da fare e da aspettarsi che venga proposto
Foto
Francesco64
mar 26 2013 17:41
Gadget? Azzerati totalmente.
Ma ormai e' prassi diffusa. Io partecipo ad un paio di fiere all'anno come espositore. Sono fiere di Elettronica professionale, dove si incontrano aziende leader mondiali coi loro clienti. Anche in quel caso non c'e' praticamente piu' niente, tutti hanno i budget ridotti all'osso.
Foto
Max Aquila
mar 26 2013 17:56

Mi dispiace non essere stato ....
In realtà avrei voluto esserci (in pizzeria) per incontrare di persona e contemporaneamente Max-Mauro.

perche' tu ancora non ci credi che siamo due persone diverse, vero?

;-)
Foto
Mauro Maratta
mar 26 2013 18:28
Ma certo che siamo due persone diverse !

Immagine Allegata: _DSF2454.jpg

Io ho più panza e tu meno capelli :)
Foto
Mauro Maratta
mar 26 2013 18:31
Max Aquila :

Immagine Allegata: _DSF2451.jpg


Rudolf :

Immagine Allegata: _DSF2452.jpg


entrambi sorridenti, non troppo interessati al Photoshow che si svolgeva a poche centinaia di metri, e certamente meno stronzi di quanto sembrano qui sul forum ;) ... almeno a giudicare dai sorrisi e dalle battute :)
Foto
Silvio Renesto
mar 26 2013 18:48
Io ci sono stato domenica e mi sono divertito... moderatamente, ma ne è valsa la pena per lo stesso motivo addotto da Francesco, al prezzo di 1 euro ho potuto provare delle cose che mi interessavano e farmi venire delle voglie.
Non mi sono curato di frastuoni e modelle, ho bazzicato il mercatino dove ho visto qualche cosa bella ed altre solo curiose, oltre a rivedere alcuni personaggi caratteristici che fanno ormai parte del folklore per chi come me frequentava un tempo la mostra mercato di Castel San Giovanni.
Un paio d'ore e via. Non mi aspettavo di più.
Ciao,

Silvio
Foto
danighost
mar 26 2013 19:07
Bell'articolo, non mi fà rimpiangere il non aver potuto esserci ...
Io quoto il commento di Silvio. Sono stato alle ultime due edizioni del Photoshow qui a Roma e ci sono andato sempre con aspettative piuttosto basse, per cui alla fine non ho motivi particolari per lamentarmi.
Nell'ultima edizione ho potuto toccare con mano e portarmi a casa degli scatti fatti con D800 e D4, nonché provare la allora nuova Fuji x PRO. Sicuramente le condizioni di prova non sono mai buone ma non è che serva per forza un set con modella per capire se un sensore da o meno buoni file... Ma capisco che per provare un tele non è la stessa cosa.
In effetti è un peccato che le fiere siano livellate verso il basso e la confusione, ma è anche in quella fascia che gira la maggioranza delle vendite.
Foto
Max Aquila
mar 26 2013 19:35

Ma certo che siamo due persone diverse !

Immagine Allegata: _DSF2454.jpg

Io ho più panza e tu meno capelli :)

la felpa pero' era uguale...

L'appetito anche:Immagine Allegata: 001 20130323 _D4H0366  Max Aquila ph.jpg

Immagine Allegata: 002 20130323 _D4H0371  Max Aquila ph.jpg
ecco lo sapevo.. max mostra che io mostro il capo che mostra la fame... di pizza... uffi...
Stefano De Lorenzi
mar 26 2013 20:21
Bello e simpatico l'articolo, io c'ero solo la Domenica ma solo perché avevamo lo stand degli "elicotteri":))
Per quello che ho visto mancavano tantissimi marchi importanti, volevo dare un occhio ai vari monotorcia
visto che sono in fase di rinnovo della sala ma non ho trovato nulla. Se non fosse per fare presenza al mio
stand me ne sarei stato a casa volentieri.
Foto
Valerio Brùstia
mar 27 2013 09:42
aHHHH Stefano,
non posso esimermi dal chiedere che accolgienza ha avuto il vostro prodotto, cioè se avete la sensazione di aver interessato seriamente dei potenziali (se non certi ) acquirenti,

Ovviamente non potevo non prendere un po' per i fondelli un così particolare "accessorio". Ma non me ne volere, sapppi che hanno su di me un certo fascino. Non moi dispiacerebbe affatto fare delle riprese dall'alto, anche se devo ammettere che in generale preferisco essere dietro alla macchina quando faccio click.

Immagine Allegata: 13_0714.jpg
foto d'epoca


ciao
Foto
giannizadra
mar 27 2013 11:26
Ottimo articolo, Valerio, grazie. Mi hai perfettamente aggiornato su contenuti e... clima.
Non sono proprio riuscito a venire. E nemmeno ci tenevo molto, visto quello precedente.
Così per la prima volta dopo qualche decennio ho disertato il Photoshow a Milano.
Sarei venuto soltanto:
a) per incontrare te, i Nikonlanders, amici e colleghi vari; sarà per un'altra volta...
b) per vedere e provare (mera curiosità) l' 800/5,6 (che non c'era)
c) per maneggiare la Leica M (id)
d) per innestare l'ottimo 35/1,4 Sigma (se non avessi già provato quello di Spinoza).

PS. Per quanto riguarda il VR e il mosso, forse nella calca non gli hai potuto lasciare il tempo di stabilizzarsi. O forse si muoveva il soggetto... Per il click allo scatto, D800 e D4 sono effettivamente meno fracassone di D700 e D3.
Foto
Valerio Brùstia
mar 27 2013 11:43
Si Gianni, lo credo anch'io d'aver fatto qualche fesseria con il VR.
Bene per il fracasso, non era un abbaglio

Mi dispiace dover ammettere che chi non ha partecipato non s'è perso quel granchè. Peccato, sono occasioni perse (da parte di chi organizza chiaramente).

Se va avanti così la prossima fiera possono farla nel tendone del libro usato, oppure, come sembra mettersi, qualche distributore "di importanza" si attrezzerà in proprio.
E sta già succedendo: Nital tra poc si trasferirà in una nuova sede in zona Moncalieri. Ho parlato con una giovane maglia nera Nital e mi ha descritto il prossimo scenario: ampi spazi espositivi e store tipo unieuro.
Certa sarà una cosa: i prezzi non saranno da Outlet !!

...
E sta già succedendo: Nital tra poc si trasferirà in una nuova sede in zona Moncalieri. Ho parlato con una giovane maglia nera Nital e mi ha descritto il prossimo scenario: ampi spazi espositivi e store tipo unieuro.
Certa sarà una cosa: i prezzi non saranno da Outlet !!


Non conosco la situazione distributiva a Milano, ma già se avessero tutto il Nikon ed il Nital disponibile a prezzo di listino sarebbe utile per risolvere tante situazioni.

Certo, da Nital regali non me ne aspetto...
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi