Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Ma si, suicidiamoci !


No, no, calma.

Non è un mio proposito personale. Mai sia, ci sono tante cose belle da fare a questo mondo, non ci penso proprio.

Ma mi è venuto in mente il suicidio pensando alle scelte commerciali di Nikon per questa campagna natalizia.

Prima il ribasso folle - mai visto nella storia - della V1 a ridosso del lancio della nuova V2 :

Immagine Allegata: Untitled.jpg

ragionevole se pensiamo a vendite non soddisfacenti e alla prospettiva di avere i magazzini pieni di questo modello ma del tutto dissennato in termini di rapporto con i clienti.
Chi mai comprerà adesso la Nikon V2 al prezzo di listino, immaginando che durante il 2013 Nikon deciderà di rifare l'operazione V1 ?
Effettivamente nemmeno i tedeschi di Hitler sul finire della guerra avrebbero sprecato così le loro poche munizioni.

Ma dove si va oltre la follia, nel puro campo della dissennatezza commerciale e nel marketing mix da mercato rionale è nell'operazione D600.

Prima limitato a pochi grandi vendors statunitensi, adesso si allarga anche ad altri Paesi :

Immagine Allegata: Nikon-D600-savings-Canada.png

la Nikon D600 al prezzo della Nikon D600 ma con in regalo un ottimo obiettivo di ultimissima generazione (presentato pochi mesi fa) del valore da solo di circa 500 euro.
E non solo, una scheda di memoria di grande capacità, magari una borsa, altri accessori ...

... mentre su HK ci sono già venditori che piazzano la D600 a 1.399 euro ...

Chi mai comprerà nei prossimi mesi una D600 in giro per il mondo se non a prezzi superscontatissimi ?
E chi ha comperato il modello nuovo appena uscito al prezzo imposto, cosa penserà del suo rapporto di fedeltà con Nikon ?

Fidelizzazione del cliente ? Ma va là ... qui conta solo il budget trimestrale e il report delle vendite settimanale. Come se oggetti da migliaia di euro fossero come i fiocchi di avena o gli assorbenti intimi.

In un mondo di plastica, oggetti di plastica, venduti a prezzi di plastica e poi subito dopo scontati a prezzi comunque elevati. Perchè mi rifiuto di credere che a questi prezzi Nikon ci perda o che ci perda anche la sua catena di distribuzione.

Insomma, smettiamola. Un pò di serietà Nikon. Prodotti validi, venduti a prezzi giusti e mantenuti nel tempo in modo da non svilirle il valore portano la soddisfazione dei clienti.
Scelte di questo genere, portano profitti immediati e perdite incontenibili sul lungo periodo.

Perchè al prossimo coso come il 28/1.8G che mi proporrai ad un prezzo che non sta né in cielo né in terra (che io sono stato così co....ne da acquistare per poi rivendere offeso), sai cosa ti risponderò ?

Immagine Allegata: 16fa8f347c012849ee7bdce9e00bf995.jpg


fottiti Nikon, vai a vendere le tue schifezze a qualcun altro ... oppure ripassa quando me le vorrai proporre a metà prezzo.
Magari qualche altro soldino te lo darò. Riflettendoci sopra su per bene e magari guardando prima da qualche altra parte !


(PS : io non sono scontento né dei componenti del mio corredo né sono incappato in investimenti con un timing sbagliato. Penso però al rapporto qualità/prezzo dei prodotti Nikon attuali - ai prezzi ufficiali di listino - e allo scoramento di chi si è fidato del primo prezzo e poi si è visto passare sotto al naso offertissime ultraconvenienti ... pochi giorni dopo. Per fortuna queste sciocchezze Nikon non ha ancora deciso di farle nel mercato Pro. Ma diamo tempo al tempo ... :()


95 Comments

Avendo sempre lavorato in ambienti Marketing-oriented di multinazionali avanzate, io non credo che il VP di Marketing (e il suo team) di Nikon, Apple, ecc siano a) degli incompetenti che non capiscono l'impatto del prezzo sul profitto, oppure b) siano diventati pazzi improvvisamente o c) non capiscono l'impatto di questi sconti sulla fidelizzazione del cliente .

Penso, con rispetto, che sarebbe più interessante riconoscere questi 3 punti e da lì partire per capire cosa sta succedendo. Non è facile, ma sarebbe più Nikonland-oriented...sennò tanto vale andare su Nital.

Offro due possibili spiegazioni:
1. Una previsione orribile per la congiuntura economica del 2013 che spinge ad arraffare il possibile adesso e poi ci salvi Iddio
2. Qualche grande movimento di M&A (Merger and Acquisition...cioè vendita dell'azienda) che spinga a gonfiare il fatturato, elemento principe nella valutazione del valore di un'azienda.

Queste sono solo due idee compatibili coi miei tre punti fermi enunciati sopra. Magari ne avete di migliori.
Per quanto riguarda il prezzo della d600 al lancio, abbiamo discusso per giorni su queste pagine, mantenendo all'incirca ciascuno le proprie idee...secondo me il giusto differenziale tra questa e la d7k, dovuto al sensore fx, dovrebbe essere nell'ordine delle 3-400 € a parità di carriera commerciale...e anche di questo si era già discusso ben prima che uscissero i rumors che collocavano l'ultima fx sui 1500 €. secondo me in nikon hanno semplicemente fatto i furbi, cercando di elevare il fatturato quanto + possibile e magari cercando di fare un figurone di fronte alla proprietà, visti i periodi di magra mondiali.
io personalmente non avrei mai acquistato la V1 a prezzo pieno e nemmeno lo farò con la V2, primo perchè non m'interessano come oggetti, secondo perchè ritengo i prezzi di lancio fuori della grazia del Signore.

magari ha ragione spinoza, sicuramente più preparato di me dal punto di vista commerciale, le mie sono solo riflessioni da medio acquirente...

Enzo
Foto
Alessandro
dic 19 2012 11:18
Io penso più "ignorantemente" che sia semplicemente una "svendita" figlia dei tempi.

Cioè... hanno gonfiato i prezzi per anni, andando a farci pagare pezzi di plastica fatti in serie come macchine meccaniche pregevolmente rifinite a mano, pur spendendo ovviamente meno.
Il tutto in nome del profitto e dell'aumento di pezzi prodotti...

Adesso c'è crisi, quindi la gente non è più disposta a spendere quanto ha speso nell'ultimo decennio di follia digitale... e il fatturato langue...

Nikon come Canon come Sony... stanno solo diventando sempre più... prodotti da grande magazzino.... offerte paghi 2 e prendi 3 e sconti fidaty del 20/30/50%.....
Mi trovo in accordo con le impressioni di Rudolf, anche se ho smesso da un po di prendermela a male.
Sarà la deformazione professionale, ma ormai vedo questo stesso approccio alla vendita in tutti i settori merceologici.
Per prodotti dove conta pure l'aspetto emozionale del nuovo, tipo le reflex o lo stra-citato Iphone, è ancora più evidente che il prezzo di vendita è totalmente slegato al costo di produzione e segue logiche totalmente diverse.
Ragion per cui adotto le solite "precauzioni":
Non acquisto mai un prodotto appena uscito per evitare o almeno ridimensionare il rischio di difetti di gioventù.
Cerco per bene le offerte perché non considero la maggiore spesa un investimento ma solo una maggiore perdita al momento di un'eventuale rivendita.
Non mi affeziono più a nessun marchio, se loro mi trattano da babbeo allora restituisco al mittente il pensiero.
Foto
Francesco64
dic 19 2012 11:41
Il prezzo di un prodotto e' quello che il venditore crede sia il massimo che il cliente e' disposto a pagare.
E spesso e' totalmente slegato al valore intrinseco dell'oggetto.
Io viaggio spesso in aereo e le tariffe sono una variabile impazzita: si possono spendere 100 Euro come 1000 per la stessa tratta e con la stessa compagnia, a volte addiritura sullo stesso volo...

Credo che Nikon abbia cercato di vendere questi oggetti enormemente piu' cari del loro reale valore, non ci e' riuscita, e allora ha tagliato. Non si taglia se si vende.
D'altronde la D600 e' stata presentata condita da una possente campagna pubblicitaria che la definiva "low cost" ma ad Euro 2150 di questi tempi non puo' esserci la fila per comprare un oggetto destinato per i piu' allo svago. Adesso siamo su prezzi molto piu' accessibili.

Avranno torto o ragione? Al momento impossibile dirlo. E' pero' la prima volta che vedo questi saldi che hanno spiazzato credo molti acquirenti.
Ho notato una cosa interessante e cioè che la svendita tocca soprattutto la D600 e la D800, con prezzi nell'ordine di 1500€ e 2250€ rispettivamente. Invece la D800E ha un prezzo minimo di 2990€ non Nital, quindi in pratica non si è svalutata. Evidentemente ne hanno ancora poche rispetto alla domanda e infatti ho un paio di amici che non riescono a trovarla Nital, né cara né in offerta.
Il ragionamento sul differenziale di prezzo tra la D7000 e la D600 secondo me non é completamente corretto perché non considera l'enorme differenza di costo tra un sensore FF e uno DX, ma soprattutto perché anche la D7000 é crollata come prezzo sicché la differenza relativa é rimasta invariata. Oggi la D7000 si trova dappertutto a 750€ non Nital...pensate un po' ossia la D600 costa il doppio della D7000 come era al momento del lancio, euro più euro meno.

Io propendo verso un aggravarsi della crisi mondiale e contemporaneamente una disaffezione di tutti i consumatori verso il concetto di Marchio. Prevedo tempi duri per Nikon e Canon, non hanno mai fatto profitti mostruosi tipo Apple e un taglio dei prezzi potrebbe essere fatale soprattutto per Nikon...pazienza faremo Samsungland!
Foto
Raffaele Pantaleoni
dic 19 2012 11:57

Per prodotti dove conta pure l'aspetto emozionale del nuovo, tipo le reflex o lo stra-citato Iphone, è ancora più evidente che il prezzo di vendita è totalmente slegato al costo di produzione e segue logiche totalmente diverse.
Ragion per cui adotto le solite "precauzioni":
Non acquisto mai un prodotto appena uscito per evitare o almeno ridimensionare il rischio di difetti di gioventù.
Cerco per bene le offerte perché non considero la maggiore spesa un investimento ma solo una maggiore perdita al momento di un'eventuale rivendita.
Non mi affeziono più a nessun marchio, se loro mi trattano da babbeo allora restituisco al mittente il pensiero.

Come non quotarti? Condivido al 100%.

pazienza faremo Samsungland!

Per quel che mi riguarda: pazienza, userò la D300s finché campa; poi si vedrà! :-D
...c'è anche l'aspetto positivo...per il compratore attento.
Il mercato dell'usato si sta adeguando e ho visto diverse D700 usate a 900€. Quindi un ottimo prezzo per chi volesse una FF.
Così come le Canon 5D Mk1 si trovano a 4-500€...veramente un prezzo incredibile per una macchina FF che a bassi ISO è ancora eccellente.
E le D7000 usate? non ho ancora visto, ma se nuove costano 750€ usate dovrebbero essere sui 500€...
Aggiungo che per la prima volta mio sono sentito tentato dalla V1.
Si trova da Galaxia a 320€ col 10-30mm...ma sapete perchè non la prendo? perchè è un obiettivo buio buio buio....
Il solo corpo costa 279€, ma col 10mm già si salta a 459€...meglio così!!

...secondo me il giusto differenziale tra questa e la d7k, dovuto al sensore fx, dovrebbe essere nell'ordine delle 3-400 € a parità di carriera commerciale...
Enzo


...
Il ragionamento sul differenziale di prezzo tra la D7000 e la D600 secondo me non é completamente corretto perché non considera l'enorme differenza di costo tra un sensore FF e uno DX, ...


:bigemo_harabe_net-16: :bigemo_harabe_net-16: :bigemo_harabe_net-16:

... ma soprattutto perché anche la D7000 é crollata come prezzo sicché la differenza relativa é rimasta invariata. Oggi la D7000 si trova dappertutto a 750€ non Nital...pensate un po' ossia la D600 costa il doppio della D7000 come era al momento del lancio, euro più euro meno...


...la d7k ha compiuto 2 anni ad agosto, quando è uscita la notizia dell'annuncio della d600...la mia precedente faceva riferimento al medesimo lasso di tempo trascorso dal momento del relativo lancio...
Foto
Mauro Maratta
dic 19 2012 13:50
Hmmmmmpf ...

... ovviamente la mia è una provocazione dettata dallo sbigottimento e dalla totale incomprensione per una politica demenziale.
Un soggetto economico che ha a cuore il suo futuro, prezza correttamente i suoi prodotti e cerca di fare in modo che non si svalutino nel loro tempo di commercializzazione per non scontentare i clienti che, così facendo, compreranno ancora prodotti di quel brand.

Operazioni come quelle in corso su prodotti nuovissimi come la D600 e il 24-85VR possono solo essere spiegate dal panico (come dice giustamente Michele, la previsione che il 2013 sarà ben più orribile) o .... dalla necessità di raggiungere il budget 2012 e prendersi i lauti premi previsti per il management.

Non vedo operazioni societarie in questo momento ma potrebbero essere queste il preludio. Come dire, continuate a farvi del male, abituate la clientela a comperare solo a fronte di una svendita, disaffezionatela e vedrete se poi non sarete costretti a ... fare la fine di Olympus o di Kodak.

Detto questo, è ovvio che per l'acquirente accorto queste sono ghiotte occasioni di acquisto.

Ma di questo passo il forte sconto fruito sarà un valore nel futuro ?

Ai posteri ...


... personalmente non ho né deciso di spostarmi su Nital ( e perchè mai ? Nikonland è dove si possono fare questi ragionamenti ... !) né di fare un giorno Samsungland.
Ma ho deciso di vendere altro materiale Nikon che possiedo e di non comprare più nulla nel breve-medio periodo.
Rivolgendomi esclusivamente all'usato consolidato :) cosa che per Nikon si tradurrà in introito = ZERO :)

Quanto vale una Nikon 1 V1 usata in questo momento ? 125 euro ? Forse ... :(
Foto
Mauro Maratta
dic 19 2012 14:06
Scusami Agostino ma non devi vederla dalla parte dell'acquirente, almeno, l'editoriale parla del suicidio commerciale di Nikon (e fa il verso ad un topic simile di qualche mese fa di un iscritto che per fortuna si fa vedere poco e che credeva che il suicidio fosse il prezzo troppo alto della D600 ... non come dico io ... troppo basso come è ora. Un prezzo che svilisce il suo valore nel tempo. Considerando la reflex Full Frame un bene fungibile sul medio termine e non ... per le vacanze e basta).

Nikon sta vendendo come non mai. Le trimestrali vanno bene, ad inizio novembre ha superato i 75 milioni di Nikkor prodotti, 5 milioni in più rispetto a maggio.

Non è un problema di vendite ma di scarsa oculatezza dei metodi di vendita.

Esce l'iPhone 5 ? Costa come il 4S che intanto non viene svenduto (salvo rari casi).
Esce l'iPad 3 ? Costa come il 2. Non viene svenduto dopo due mesi dalla presentazione.

Non è una questione di rispetto della propria clientela ma di conservazione della propria clientela.

Chi sbaglia ad acquistare sbaglia di suo. Ma se una società che ha sempre pretesa un plusvalore nel prezzo come Nikon per il suo marchio riconosciuto perde il contatto e il rispetto dei suoi clienti (che è l'inverso), muore. Semplicemente è una questione di stabilire a quando le esequie.

;)

La D600 non è un prodotto da banco, costa troppo. Chi la acquista sa cosa acquista e perchè.
Se tu gliela vendi a 2.000 euro e poi dopo tre mesi la svendi a 1.399, credi che quello comprerà ancora qualche cosa di tuo alla prossima novità ?
Dubito fortemente.
Ma ognuno avrà opinioni personali.

Quello che è certo è che fino ad ora operazioni così demenziali Nikon non ne aveva mai fatte.
Sciocchezze si, non harakiri sfacciati.

Ecco

:)
Foto
Mauro Maratta
dic 19 2012 14:27
B&H

Immagine Allegata: 892428.jpg

aggiunge effettivamente di suo anche un monopiede, batteria aggiuntiva e una borsa.

Sconto di 700 dollari (ovvero del 27%) + 145 dollari di omaggi ...

offerta fino al 29 dicembre. E dopo ? :)
Foto
Adriano Max
dic 19 2012 14:49
Può anche essere che il pezzo che viene svenduto sia l'obiettivo ... ?!
;)

Per la V1 io non ho avuto mai molti dubbi che i suoi prezzi potessero crollare: molte mirrorless hanno visto il prezzo dimezzarsi alla presentazione del modello successivo ... quel che forse stupisce è la velocità: non potrebbe essere legata più a necessità della grande distribuzione che riceve hint sui nuovi prodotti in arrivo e reagisce prima di Natale con queste modalità del 'compra adesso, costa poco, pagherai dopo' (tanto usi la carta di credito) ... ?
:)

La giustificazione che do quindi a Nikon è che su questi prodotti Nikon (come tutte le altre aziende) fa fatica a mantenere un rigore che si sganci dal mercato 'alla Amazon' ... Apple forse resiste perché ha una sua grande distribuzione e la controlla a pieno (i negozi Apple sono tra i più 'ricchi' sulla Terra).

Che stia per uscire la mirrorless Nikon ?! quella 'seria' ??

Ciao,
Adri.

B&H


... E dopo ? :)


...e dopo secondo me i prezzi continueranno (lentamente) a scendere...il kit a 2000 €...se fosse stato quello forse il prezzo di lancio penso che anche qui tra noi la d600 avrebbe fatto diversi proseliti, mi pare invece siano 2 o 3 se non sbaglio...a tre mesi dal lancio su NL a mia memoria c'erano molte + d800 malgrado il prezzo maggiore e forse non staremmo qui a parlare di suicidio commerciale...
Foto
Paolo Tagliaro
dic 19 2012 15:00

Io viaggio spesso in aereo e le tariffe sono una variabile impazzita: si possono spendere 100 Euro come 1000 per la stessa tratta e con la stessa compagnia, a volte addiritura sullo stesso volo...


Questo è tutt'altro discorso, funziona al contrario: le tariffe basse sono disponibili subito, riservate a pochi posti o a voli che altrimenti rimarrebbero vuoti (di notte , ecc.), finite quelle si paga il prezzo pieno.
L'editoriale dice il contrario: prezzi eccessivi prima per scontare subito dopo.

In comune c'è il suicidio commerciale delle compagnie aeree low cost (quelle veramente low cost) che stanno scomparendo.
Alcune compagnie non si sono mai lasciate affascinare da questa moda, ma ne hanno sfruttato i vantaggi (v. eliminazione delle commissioni per le agenzie, vendite dirette, ecc.). Al limite hanno aperto un'altra compagnia solo appoggiata, ma indipendente.
Le low cost che funzionano hanno il low solo nel prezzo di partenza (quello che rimane in mente).
Poi tra tasse (tariffe per servizi aggiuntivi), limitazioni (qui si include di tutto) e transfer recuperano i guadagni.

L'approccio come vedi è differente: parte da un prezzo basso per invogliare (mettere nelle condizioni) un po' alla volta di sborsare la cifra "giusta" (per il venditore).
In questo modo l'acquirente ricorda il prezzo base perché era quello potenziale, il resto l'ha scelto (oppure era inevitabile).

Nikon, invece di premiare i primi acquirenti, si fa pagare di più e li sfrutta per "testare" il nuovo prodotto.

Sigma, al contrario, visto l'errore di commercializzazione della SD1, ha abbassato il prezzo compensando però i primi acquirenti con un buono di acquisto sulle ottiche.
Sigma ha cercato di mantenere la soddisfazione degli affezionati gestendo un proprio errore e un intervento che poteva essere "suicida" in modo da accontentare tutti.

L'approccio Nikon evidentemente non include la soddisfazione del cliente tra i propri obiettivi.
In questo mi accodo all'editoriale nella valutazione delle strategie attuali.

La motivazione che ci leggo io non è quella di Spinoza (non sono un commerciale), ma un emulare le strategie Nital che hanno prodotto effettivamente risultati vincenti.
Però la strategia ripagava in un mercato monopolizzato e particolare come quello italiano e, soprattutto, in un momento di "vacche grasse".
Se Nikon intendeva gonfiare i prezzi per poi giustificarli con "il regalino" doveva lasciare un mercato parallelo al "giusto costo" (l'import a disposizione dei non nitaliani), ma soprattutto doveva farlo nel "periodo buono".
Applicata in questo modo è (anche per me) una strategia suicida, non nell'immediato, ma nel medio termine.
Foto
Paolo Tagliaro
dic 19 2012 15:07

offerta fino al 29 dicembre. E dopo ? :)


Poi scenderà il prezzo (inevitabile) fino alla promozione (regalino) seguente.
Foto
Paolo Tagliaro
dic 19 2012 15:13

... quel che forse stupisce è la velocità: non potrebbe essere legata più a necessità della grande distribuzione che riceve hint sui nuovi prodotti in arrivo e reagisce prima di Natale con queste modalità del 'compra adesso, costa poco, pagherai dopo' (tanto usi la carta di credito) ... ?
:)

La giustificazione che do quindi a Nikon è che su questi prodotti Nikon (come tutte le altre aziende) fa fatica a mantenere un rigore che si sganci dal mercato 'alla Amazon' ... Apple forse resiste perché ha una sua grande distribuzione e la controlla a pieno (i negozi Apple sono tra i più 'ricchi' sulla Terra).

Che stia per uscire la mirrorless Nikon ?! quella 'seria' ??


Altra possibilità è proprio questa: d'ora in avanti nuovi modelli a cadenza ravvicinata, vedi Canon con 400D, 450D, 500D, 550D, 600D, modelli quasi identici, poche differenze dal modello precedente, per entrare a pieno regime nel meccanismo dell'elettronica di consumo.
Anche qui però un po' in ritardo, proprio quando tutto il settore sta rallentando.

Questa ipotesi sarebbe confermata dalla pubblicità di questi giorni nella quale compaiono D3200 e D5200 in primo piano e leggermente arretrate, di fianco, vengono mostrate D3100 e D5100.
Se il settore reflex si avvia a fare la fine dei telefonini, con mille nuovi modelli ogni 6 mesi apparentemente nuovi ma sempre tutti quasi uguali, direi che possiamo solo domandarci chi sarà a presentare l'iphone del settore ? E nel frattempo, chi ci lascerà le penne ?
Foto
Bernardo Gattabrìa
dic 19 2012 15:53
Signori le macchine fotografiche sono prodotti a forte valore aggiunto, prodotti da lauti guadagni, sin da quando orami non si ha più a che fare col metallo se non in piccola parte, e sappiamo bnenissimo poi che vieppiù il guadagno maggiore avviene attraverso la vendita di obiettivi plasticotti che vengono smerciati a più di 1000/2000 euro con il fatto che sono F1,8 o F,14,.... ma di plastica sono fatti. Ora in tempi in cui è difficile vendere si puo' benissimo rinunciare a favolosi guadagni, perchè l'obiettivo primario non è più il margine, ma il fatturato.
Foto
Fab Cortesi
dic 19 2012 18:27
Credo sia dovuto al market share.

Condivido il pensiero di Spinoza.


A volte i dimentichiamo che e' finito un bel po di tempo addietro il mondo della fotografia..... intesa come la intendevamo molti anni fa.

Oggi si parla in termini di azioni e non di fotocamere.

Credo che il suicidio (morte) sarebbe di Nikon se non approfittasse di queste offerte per il cliente
Foto
DanyPPhoto
dic 19 2012 20:02
Solo una precisazione condivido il pensiero di rudolf e il paragone con la apple ma pian piano anche apple si sta adeguando infatfi qui a roma qualche giorno fa ha aperto un nuovo punto vendita euronics se non sbaglio dove avevano iphone 4s a prezzo scontato, e se é vero che era già uscito il 5 évero anche che cosi il vantaggio di comprare apple x la tenuta del mercato si va a far benedire.....
malizia da trader : e se nikon volesse squizare canon sui mercati (che sta rincorrendola con le presentazioni dei nuovi modelli?)

nel senso nikon ha gia' fatto bilancio (con i nuovi prodotti) salda per le feste il magazzino (fottendosene alla grande della propria reputazione con l' affezionata clientela) e costringe canon a comprimere ii margini per starle dietro con i volumi dei nuovi modelli?

nota: debolezza della mia tesi, non so cosa canon abbia pianificato come nuove uscite per competere a nikon sul fine anno,......
Foto
Aldo Del Favero
dic 19 2012 22:33
Su forniture Conti Canon EOS 5D Mark III euro 2.702,14 - Nikon D800E euro 2.759,15 al lancio costavano rispettivamente euro 3551,76 e euro 3200,00 non mi sembra che Canon sia molto più seria... 24% in meno del prezzo di lancio su una pro e allineato alla Nikon che costava di meno, forse si tratta di semplice concorrenza e per non perdere quote di mercato i prezzi devono scendere, di solito si dice che la concorrenza è un bene per i consumatori, no? Ovviamente c'è un limite, che oltrepassato fa pensare di essere stati presi per i fondelli sul reale valore del bene acquistato. Una BMW o Mercedes non te la scontano del 24% dopo 8 mesi dal lancio!
Il tuo paragone noni sembra corretto. Devi confrontare Nital con Nital. Oggi una D800E Nital non si trova a meno di circa 3000€.
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi