Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Fine anno, tempo di bilanci


Ho scritto sul finire del 2010 questo editoriale ma nel ripubblicarlo mi sono accorto che a distanza di due anni penso esattamente tutto allo stesso modo. Ve lo riconsegno quindi senza alcuna variazione. MM
Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni
W. Shakespeare, La Tempesta, Atto IV

_____________________________________________________________________________________________________
Il finire di un anno é spesso tempo di bilanci.

In televisione fanno le carrellate con i migliori (?) spezzoni delle trasmissioni più in voga.
Si fa il riassunto dell'anno per notizie, una cronologia dettagliata che ricordi gli avvenimenti pi? importanti.
Ci si interroga anche su cosa si é fatto e su cosa si vorrà fare nel futuro.

Ecco, questo ultimo punto è ciò di cui vorrei parlare in queste righe.

Quale che sia il motivo che genera la voglia di fotografare in ognuno di noi, dovrebbe essere quella molla che ci fa vedere come un percorso continuo la nostra passione. Perché ogni stagione fotografica ha le sue peculiarità, le sue fasi.

Fasi segnate dal tempo, dalle stagioni, dalla disponibilità di una tal strumento che ci consente di esprimerci meglio o diversamente da prima.

La nascita di nuovi interessi o la riscoperta di inclinazioni dimenticate o sopite. Il coraggio - a volte ci vuole - di prendere strade che non avevamo mai frequentato, esplorando nuovi generi o nuove soluzioni.

Ma é tempo anche di bilanci. Come é stato il mio 2010 fotograficamente parlando ?
Ho fotografato tanto, poco, meglio o peggio del passato ?

Mi sono baloccato con nuovi giocattoli oppure ho capito finalmente che genere di fotografo sono o vorrei essere ^

Magari lo sono già, magari ho buttato via il mio tempo.

Alcune delle mie foto sono delle vere e proprie gemme. Oppure ho deciso di formattare il mio hard-disk con tutte quelle schifezze inguardabili ...

Perché salvo che non ci abbia già catturato il germe della superbia (sono il migliore !), o il calare delle pulsioni giovanili ci abbia fatto entrare nella fase del letargo, é normale che si arrivi al momento in cui o si capisce di essere in grado di utilizzare la fotografia per esprimere qualche cosa, oppure stiamo veramente giocando a far passare il tempo.

Esprimere. Esprimersi, esprimere se stessi e raccontare, raccontare per esprimere se stessi, mostrare ad altri luoghi, momenti, usi, forme, colori e volti lontani. Lontani nello spazio e nel tempo. Oppure vicini, vicinissimi, sotto ai nostri occhi eppure trascurati o dimenticati.

Dire, esprimere, raccontare, mostrare, affermare, scrivere. Tante parole per individuare cosa rappresenta quel gesto di inquadrare (con la giusta ottica e le opportune pre-regolazioni) e fermare in un fotogramma quello che stiamo vedendo.

Per chi è quel gesto ? E perché ?

Possibilmente domani meglio di ieri.

Meglio per chi ? Meglio per me. Meglio per chi vedrà le mie foto. Meglio per chi, con le mie foto potrà vedere quello che ho visto io.
Ciò che ho amato. Ciò che ho cercato.

Quella materia di cui sono fatti i sogni, di cui le fotografie sono una rappresentazione, per parafrasare Prospero e le parole dell'immortale Bardo.

Buon 2011 2013 che fotograficamente rappresenti una fase significativa della vostra esistenza, del vostro essere fotografi e non semplici appassionati di fotografia e di macchinette fotografiche.
Immagine Allegata: pt_205.jpg
___________________________________________________________________________________________
Mauro Maratta per Nikonland e Nikonland Fotografi


26 Comments

Il 2010 per me ? stato un anno veramente incredibile. Dal punto di vista fotografico credo segni un momento molto importante, con diverse occasioni di mettermi alla prova, fortunatamente anche superate. Sicuramente c'? sempre da andare avanti e sicuramente avrei potuto superare meglio le prove di cui sopra, ma il fatto di essersi messo alla prova ed in discussione ed essere sopravvissuto lo vedo gi? un ottimo elemento :D

Infatti quest'anno ho deciso di accettare diverse sfide, di rischiare, di farmi dare anche dell'imbecille, dell'incapace, ma certo le nuove prospettive sono state molto utili dal punto di vista personale.
Vista l'annata, io non parlo di scatto migliore o peggiore, ci sono state delle fasi molto intricate tra di loro, che alla fine mi fanno fare il bilancio totale.

Non faccio retorica se dico che buona parte del supporto necessario l'ho trovato qui su nikonland, c'? poco da fare ? cos? ;)

Il salto pi? importante ? stato con l'attrezzatura, ovvero riprendendo quanto dicevi tu Mauro nell'editoriale, ho fatto molto con quello che ho, cercando di sfruttarlo al 100%, per ottenere il massimo, scoprendo che per i miei scopi quello che ho ? perfetto. Non nascondo che il 28-70 ha significato tantissimo, infatti ? stato un elemento fondamentale che mi ha supportato nelle varie avventure, facendomi riacquistare fiducia. Infatti anche la componente tecnica di quest'ottica ha avuto il suo peso, dal momento che premia moltissimo le scele che si fanno con immagini assolutamente di qualit?. E questo fa morale, questo ti fa venir voglia di rimettere l'occhio nel mirino.

Ho visto ridursi il numero di scatti per contesto, ma fortunatamente ho visto aumentare i contesti, quindi meno foto ma pi? "azzeccate", con il vantaggio di potermi cimentare in ambiti svariati.

In chiusura di anno mi ? presa anche la fantasia dello stil life, su cui sto assolutamente indietro, ma che vorrei imparare. Un altro modo dimettersi in discussione, un'altra possibilit? di imparare e anche se non ci dovessi riuscire, sarebbe comunque un valore aggiunto.


Guardando al 2011 la vedo difficile che possa essere un anno come il 2010, che come dicevo ? stato molto intenso e proficuo. Un po' me ne dispiace, perch? gli impegni, gli sforzi e le gratificazioni sono stati tantissimi nell'anno che si chiuder? con un servizio matrimoniale proprio il 31 dicembre.
Accetter? quello che arriver?, cercando di fare tesoro di quello che il 2010 mi ha dato e ovviamente state certi che continuer? a bussare da queste parti :D


Io il 2010 me lo ricorder? parecchio dal punto di vista fotografico e paragonando lo scorrere dei mesi allo scalare di una montagna, ora che siamo quasi in vetta, dove mi aspetta come detto l'ultimo evento di quest'anno, guardo dietro di me un panorama bellissimo, di cui porter? uno splendido ricordo con me :)
Il 2010 ? stato per me un anno di svolta. Monomaniaco per il fotonaturalismo, gli acciacchi del tempo e la frequentazione di Nikonland Fotografi mi hanno portato verso altro genere: la fotografia in studio (complice Mauro). Lo studio l'ho frequentato incostantemente anche negli anni scorsi, ma in modo saltuario e con modelle non proprio professionali. Quello che mi affascina ? la possibilit? di controllo completo della luce e degli effetti espressivi della medesima, fatto che ipende dal fotografo, quindi se le foto non vengono come si vuole, non resta che studiare. Certo, altro genere rispetto a quello praticato da anni, ma estremamente affascinante. Questo non vuole dire che abbandoner? il fotonaturalismo, ma in questo momento sto cercando nel genere qualcosa di diverso dal solito uccellino, pi? basato su luce, colore e forme, che sul soggetto in s?, vedremo se riuscit? a svilupparlo nel corso di questi prossimi mesi. Comunque, trattandosi di un hobby che per me ? molto coinvolgente, non i metto limiti.

Ad majora

Giovanni

Approfitto per augurare a tutti i nikonlanders i migliori auguri di buon 2011!!!!
S?, Giovanni, ad maiora...

in futuro cosa voglio fotografare?
ma soprattutto per chi, per quale ragione?

come ho gi? detto in passato a me interessa fotografare quello che trovo bello, che non necessariamente deve piacere agli altri.
La fotografia ? il mio modo per distrarmi da una realt? che a volte non mi piace e vedere solo con i miei occhi.
Se poi capita che quello che vedo piaccia anche agli altri, allora, in un certo senso, ? come se qualcosa dicesse che dentro di me, per la propriet? transitiva, c'? a sua volta del bello.

Per questo, quando sono entrata in studio la prima volta ne sono rimasta affascinata.
E' una questione che va oltre il mero fotografare.
A me non interessa quale ottica sto usando, non so neanche capire se un 50mm in studio distorce a differenza di un 60mm... per esempio... ma questo si impara.
Quello che non si impara ? il sentire la bellezza intorno... come quella volta dentro alla Chiesa di Santo Stefano a Venezia tanti anni fa, quando da sola seduta in navata laterale non ero davanti a qualcosa ma ero completamente immersa dentro all'arte.

E per una sorta di laico, stesso, modo, quando sei in studio e si chiudono le porte ? come entrare in un mondo magico che si forma solo se tutti quelli che ci sono dentro bevono la pozione magica.
Per me la fotografia ? magia, ? luce e ombra che prende forma.
Per me "dare forma" ? vita.
E' il lavoro che vorrei fare... e per il quale mi sto impegnando, anche se tante volte non come vorrei, all'universit?.
Se studio scienze della formazione e vorrei lavorare nelle risorse umane non ? per stare "dove licenziano la gente" (come mi ? stato detto qualche tempo fa) ma ? per un romantico principio per cui le persone possono ancora trovare il bello dentro di loro e "formare" gli altri a esso, trovando modi perch? ognuno possa esprimersi al meglio, suggerendo, non imponendo.

Io sono una inguaribile Elizabeth Bennet: non posso e non voglio fermarmi neanche quando cammino sotto la pioggia battente e in mezzo al fango.

E se in questa strada fangosa ci sono stata, ora ? la strada che sia la mia strada fotografica che voglio trovare.

Questo ? il mio proposito per il 2011.

Ad maiora, semper...
Come ho detto anche di l?, il 2010 non ? stato un buon anno. Positivo sicuramente dal punto di vista dei "giocattoli" visto che sono arrivate ottiche interessanti ma quanto a foto..... Sempre meno tempo a disposizione, sempre pi? problemi da fronteggiare che assorbono completamente la mia mente non rendendola sgombra ed aperta come invece vorrei per poter meglio seguire questo hobby ma non solo.
E il futuro non promette nulla di buono, anzi temo di essere solo all'inizio.

Questo determiner? senz'altro un progressivo allontanamento dagli approfondimenti che mi ero prefissato concludendo quindi che le mie conoscenze e sperimentazioni in campo fotografico si fermano qui. Da ora in avanti campo di rendita: le mie gi? provate residue forze servono altrove. -_-
Foto
giannizadra
dic 27 2010 16:02
Un 2010 fotografico difficile, di ripensamenti critici, il mio.
forse sto maturando... sarebbe ora. :rolleyes:
Meno foto di reportage e street (ma sempre tante), qualche incursione, non solo teorica, in generi diversi.
Tentando di mantenere la stessa "impronta" e lo stesso approccio, da reporter. Con esiti alterni.
Desiderio di ampliare il campo, di cimentarmi con altro?
O magari di fare della passione di una vita qualcosa di diverso, di pi? organico?
Cambiare alla mia et?... perch? no?
Il fanciullino che ? in me attende lil 2011 per capirne di pi?.
Foto
~ Fabio Desmond ~
dic 27 2010 21:02
In questo anno si ? compiuta la mia "conversione fotografica". Grazie a NL ho maturato un rapporto pi? diretto verso la fotografia. Questo mi ha portato pi? a fondo di quanto non abbia fatto il Coniglio Bianco con Alice. Non c'? solo NL per?, quest'anno mi sono avvicinato alla fotografia anche come "lavoro", facendo da assistente ad un gruppo di fotografi della mia citt?, durante i matrimoni. Con loro, che ringrazio tantissimo, ho capito molte cose, sopratutto riguardo la cosa pi? importante: la luce. Federica ha appena elogiato la bellezza dello "studio"(che ancora io non ho avuto modo di gustare al 100%) per? posso dire che "crearsi" o addirittura "scoprire" uno studio fotografico all'aperto d? una gioia immensa e ti consente di imparare molto pi? velocemente che sfogliando un libro.

Poi vediamo... sto cercando di lasciare aperte quante pi? possibilit? esistono, la mia priorit? di quest'anno ? stata conoscere "la base" che mi illudevo di sapere gi?, per il 2011 mi auguro di conoscere quello che viene dopo tale base... insomma, voglio iniziare a fare foto decenti(almeno al mio occhio) :D
Foto
Adriano Max
dic 27 2010 21:08
Per me gli ultimi non sono stati anni facili e con questo intendo soprattutto che mi ? mancato tempo per fotografare.
Lo faccio in qualsiasi momento mi sembra possibile, ma ? difficile ideare e svolgere progetti soddisfacenti nei 'ritagli'... ho tra l'altro 'esaurito' oramai la mia D200 e ora mi sto lentamente attrezzando per il passaggio a un nuovo corpo molto probabilmente FX... per quanto riguarda la tecnica ho un paio di punti da mettere a fuoco, la fotografia resta per me soprattutto un mezzo di riproduzione del reale ed ? attraverso il reale che vorrei sovvertire il reale... senza 'costruirlo', ma solo 'ritagliandolo'o 'decostruendolo'... nei soliti modi un po' strambi che mi contraddistinguono.

Spero di trasformare il mio cosmo in un universo, chiss? che mi vada bene nel 2011 !!
;)

Ciao a tutti,
A.
Il 2010 ? stato un anno abbastanza intenso, fotograficamente molto positivo. Due corsi con DEAPHOTO (con il mitico duo GIL e Simone), la mia prima mostra sempre grazie a DEAPHOTO, due Workshop (uno con Ross e Stana in Sardegna e uno con Sala Posa Firenze), il 70-200 e il sito. Ho conosciuto di persona tre membri del forum e uno virtulamente su FB, un sacco di fotoamatori sardi con i quali mantengo contatti tramite FB. Penso sar? difficile fare di meglio. Per? ci devo provare. Spero di fare un corso di Still Life e poi un workshop o un tutoring con Ross verso Aprile - Maggio. Per settembre resta la malsana idea dell'Islanda con Nital School, ma ? troppo presto per programmare cose cos? impegnative e anche onerose. Mi piacerebbe trovare un gruppo di persone per organizzare qualcosa di simile a quello che avviene a Milano, ma non ? cos? facile trovare persone appassionate di foto in studio disposte anche a spendere qualcosa. Il noleggio dello studio e una modella hanno un prezzo troppo elevato da affrontare singolarmente, quindi la prima cosa ? creare una squadra, ma la cosa non ? semplice. Sarebbe sufficiente creare un gruppo che si riunisce una volta ogni 2 mesi per cominciare a divertirsi seriamente. Incrocio le dita ho conosciuto un fotografo su una comunity molto talentuso, spero che a breve organizzi qualcosa, chiss? che non sia la volta buona per consocere persone con cui creare una squadra. Intanto per continuare a lavorare in luce controllata penso quest'anno di approfondire lo Still Life e se mi piace con una modica spesa, allestire un mini set domestico.
Insomma di buoni propositi ce ne sono tanti... vediamo se prende forma anche qualcosa di buono. Lato "balocchi" il grosso del corredo ? stato realizzato fra il 2009 e il 2010, nel 2011 ci dovrebbero essere poche rifiniture l'SB900 probabilmente il 105 Micro VR. Per ora niente di pi?...
Saluti
Foto
Bruno Mora
dic 28 2010 10:17
Esprimere. Esprimersi, esprimere se stessi e raccontare, raccontare per esprimere se stessi, mostrare ad altri luoghi, momenti?.
Meglio per me. Meglio per chi vedr? le mie foto. Meglio per chi, con le mie foto potr? vedere quello che ho visto io.
Ci? che ho amato. Ci? che ho cercato.


In questi stralci dell?editoriale che mi sono permesso di richiamare sta il succo di tutta la storia fotografica di ciascuno di noi.
Personalmente esulto quando riesco a far s? che chi vede una mia foto provi quello che ho provato io, questo ? il massimo successo per un fotografo, e naturalmente mi abbatto e cerco di capire quando non ottengo questo.
Vedo troppo spesso immagini su giornali, riviste, forum che non mi comunicano nulla. Nulla.
Sar? che sono io ad avere dei limiti.
Mi si perdoni la digressione.

Venendo al dunque, in questi mesi ho dato una certa direzione ai miei interessi, sia attraverso l?individuazione di un nuovo genere, quello del ritratto in studio, che sta ora a me cercare di approfondire ( non a caso quello che ho giudicato migliore scatto del 2010 ? stato fatto in una sessione in studio?), sia attraverso la pratica sempre maggiore (e mai sopita?)delle tecniche del paesaggio e del fotoreportage urbano.
Troppi generi? Forse?anche perch? non tutti i giorni si ha a disposizione uno studio formidabilmente attrezzato per scatti di glamour, ma tutti i giorni attraversiamo strade e marciapiedi per recarci al lavoro, e anche l? si possono allenare occhio riflessi e istinto.

Ho scattato di pi?, molto di pi?. La qual cosa non necessariamente significa meglio. Ma ho avuto il ?coraggio?, fotografico s?intende, di uscire con la pioggia e col vento, con il freddo e con il caldo, col sole e con la neve, e non solo pi? ?la-domenica-dopo-la-messa-mentre-vado-a-comprare-le-paste, categoria alla quale sono appartenuto anche io in passato, e rispettabilissima comunque.

Un paio di giocattoli nuovi sono arrivati, e a Dio piacendo nel 2011 ne arriver? uno piuttosto ?pesante?, perch? si sa, al cambiare dell?et? cambia anche il tipo di giocattolo, ma questo non interessa a chi osserva le mie foto.
Noto per? per la prima volta che il mio corredo non si ? accresciuto, anzi si ? snellito.
E lo considero un buon punto di partenza.
giulian79to
dic 28 2010 15:30
Il 2010... :rolleyes:

B? ? stato un GRAN anno fotografico.

Sono migliorato di tanto nel genere che prediligo: la fotografia paesaggistica, metabolizzandone definitivamente la tecnica.
Miglioramenti ne ho avuti anche in altri generi curando maggiormente la composizione e il momento....
Netto miglioramento anche nel flusso di lavoro e acquisizione di conoscenze in photoshop.

L'unico rimpianto ? non aver avuto giornate per dedicarmi alle macro, ma ci sar? tempo :)

Ovviamente il tempo non ? stato molto con una bimba di 3 anni, ma bastavano 30 minuti liberi per correre a prendere la macchina foto. Sempre lei: l'instancabile D300 che ha compiuto 2 anni a settembre, con tanta voglia per? di ritornare al respiro del Full Frame come su pellicola.

Ringrazio tutti per le informazioni che avete condiviso nella speranza di ottenere dal 2011 risultati ancora superiori :a063:

Buon anno a tutti :D
Foto
Mauro Maratta
mar 16 2011 11:42
Riporto questo intervento di Bruno Mora in altra discussione sottolineandone la conclusione :

[...]
Per quanto riguarda me, forse ho un armadio troppo pieno. Di attrezzatura. E un hard disk ancora troppo vuoto. Di fotografie
Meno pensieri ad acquisti futuri e pi? immagini, progetti, percorsi.
Mi piacerebbe riuscirci. E ci sto lavorando per quel che posso.


Per riportare in evidenza l'editoriale "Tempo di bilanci" scritto sul finire dell'anno scorso e secondo me ancora di piena attualit?.
Forse qualcuno dovrebbe ripensarsi come fotografo nel 2011 e programmare un percorso diverso da quello passato ?
Magari anche solo di riuscire a fare qualche foto per il preciso scopo di poterla condividere con gli altri.

Diciamo che il nostro ? solo un suggerimento. Liberi di pensarci ...

:bigemo_harabe_net-03:

Mi piacerebbe invece sapere da chi ha commentato l'editoriale se ... qualche cosa ? cambiata.

Buone foto !

:a200:
Foto
Adriano Max
mar 16 2011 12:30

[...] tra l'altro 'esaurito' oramai la mia D200 e ora mi sto lentamente attrezzando per il passaggio a un nuovo corpo molto probabilmente FX...[...]


Io il passaggio a FX l'ho fatto, ho ridotto le mie ottiche AF a tre (16-35mm, AFD 50mm f/1,8 e micro 105mm VR), faccio poche foto con la digitale ultimamente (tutte su pellicola, che faticosamente trasferisco a media digitali)... ho per? in canna qualche progettino.
;)

Se son rose...
;)

Ciao,
A.
Foto
Mauro Maratta
dic 23 2012 16:02
Insomma, sempre a parlare di balocchi Adriano e niente foto, ancora adesso dopo due anni ? :(
Foto
Silvio Renesto
dic 23 2012 19:20
Sono arrivato dopo...
Nel 2012 ho fatto sicuramente molte, moltissime meno foto che in passato, ma ho fatto più foto che cercavo di fare. Per cui, tutto sommato, non è andata male. Proposito per il nuovo anno?
Continuare così, il meno possibile uccellini e insettini come capitano, ma soggetti cercati, meditati, che mi interessa ritrarre. Stando attento, spero, a non finire a cercare la strada per Shangri-La... come una volta mi mise in guardia Mauro.
Ciao,

Silvio

L'attrezzatura? mai soddisfatto, naturalmente :lol:
Foto
Valerio Brùstia
dic 24 2012 10:19
Ecco, nel 2010 non dissi nulla, non capivo la questione. Nel senso che non la sento. Fotografare per me è esplorare e andare fuori, in giro, ovunque. Nel 2013 l'archivio conterà "25" cioè venticinque anni di esplorazione con la fotocamera in mano. Non ho mai avuto una flessione di desiderio di indagare il mondo attraverso il mirino della fotocamera. Ci sono stati anni più prolifici di altri il tutto legato alle Occasioni. L'occasione si crea uscendo, mettendosi in gioco, dedicando tempo e fatica perché conoscere non è gratis.
Spero che il Lavoro nel 2013 mi stia un po' su da dosso e non mi asfissi come negli ultimi 5 anni, vorrei riprendere un discorso vecchio di oltre 15 ani fa, abbandonato incompleto. Vorrei completare invece la mia ricerca sul Parco delle Lame del Sesia, mi mancano quelle Stunning Images di Aironi al fiume che sogno di scattare da troppi anni. Ma forse questi desideri resteranno tali anche per il 2013, anche perché, lo so bene, non c'è fine a quello che si può immaginare di fare, quindi sposterò ancora più avanti l'asticella. Fortunatamente, almeno in questo settore, non ho obblighi e scadenze contrattuali da rispettare.
Se così non fosse, sarebbe un lavoro.

Ciao e Auguri a tutti
Valerio
Foto
Adriano Max
dic 24 2012 14:39
Per me la fotografia resta un gioco e quindi i 'balocchi' sono importanti !
:)

Il mio bilancio è estremamente positivo: ho potuto utilizzare le più differenti attrezzature e sistemi fotografici incrementando notevolmente le mie competenze e conoscenze tecniche ! è una cosa che mi piace fare e da 'smanettone' non riesco ad educarmi a non fare ! è nella mia natura :P ... ho anche realizzato un certo numero di scatti ... forse non ne mostro tanti perché non li ritengo interessanti ad un pubblico diverso dai miei occhi, forse riconosco che non sono capolavori, forse sbaglio ... ma tant'è che la fotografia non riesce mai ad annoiarmi !

Quest'anno vorrei stampare e comporre - magari in modo simile a ciò che consente Blurb per il nostro annuario - dei libri fotografici che traccino un po' la storia che finora ho percorso delle mie ricerche personali ...

Buon Natale a tutti e buone ispirazioni per l'Anno Nuovo che verrà !
:)

Adriano.
Adriano, mi piace moltissimo il tuo stile e mi raccomando...continua così. Ho bisogno di un collega smanettone!
Foto
Mauro Maratta
dic 24 2012 15:01

Adriano, mi piace moltissimo il tuo stile e mi raccomando...continua così. Ho bisogno di un collega smanettone!

Michele, il 999°/°° di chi frequenta Nikonland è uno smanettone, baloccone, tecnicone. Noi del restante 1 °/°° tentiamo solo timidamente di farvi riflettere su altri aspetti della fotografia. Per lo più ... invano :(
Non posso parlare per gli altri...ma nel mio caso l'interesse della fotografia è 50% amore per l'"arte" e 50% amore per la meccanica e per la tecnica.
Le mie foto vengono pubblicate in rete con una certa discrezione come già spiegato in passato, mentre trovo più facile parlare di tecnica.
Trovo che sia un ottimo equilibrio e mi sento fotograficamente felice così.
D'altronde è bellissimo gustarsi le foto di Rudolf &C e le lenti di Adriano (e di Spinoza).
E' il miglior mondo possibile.
E questo è anche il mio bilancio per il 2012 e il proposito per2013...forse nel 2013 vorrei smettere di comprare lenti...penso di aver passato quota 50 e non voglio assolutamente creare una collezione: devono restare oggetti da uso...che vengono usati.
Ciao ragazzi e Buon Natale!
Foto
Giuliano M.
dic 25 2012 14:26
Una foto in particolare ed un incontro determinante, questo, in sintesi, il bilancio fotografico del mio 2012, per me estremamente formativo ed arricchente.
Ne ho già scritto qui.
Foto
Mauro Maratta
dic 30 2012 13:58
Un piccolo pensiero inviatomi da un vecchio amico :

Quanto passa in fretta un anno, mi sembra di aver scritto l’ augurio di buon anno qualche giorno fa ma è pur passato un anno intero.
Pensandoci bene, soprattutto cercando di ricordare ogni volto, ogni sorriso scambiato con voi, mi rendo conto che sono passati ben 365 giorni, se poi penso a quanti oggetti sono passati tra le nostre mani … è cosa veramente impressionante !!!
Quest’anno abbiamo messo in vendita circa 10000 oggetti, pezzo per pezzo li abbiamo guardati, controllati, provati, puliti, fotografati e scritto un commento da mettere sul sito. Abbiamo messo in mostra questi magnifici oggetti con la speranza che ognuno venisse acquistato da uno di voi o da un nuovo cliente e che ogni oggetto avesse la capacità di rendervi felici o almeno portarvi un po’ di soddisfazione, la soddisfazione di poter creare una immagine migliore, quella immagine che avete tenuto nascosta e che avete da sempre nella mente.
Sono sicuro che ognuno di noi ha già le immagini ben impressionate nella mente e nell'anima, le macchine fotografiche, sono solo uno strumento che ci aiuta a tirarle fuori.
Penso all’immensità di Michelangelo il quale spiegava che le sue sculture nascevano “semplicemente” togliendo il marmo in eccesso, perché la scultura era già contenuta nella pietra e lui ne liberava la forma, gli ridonava la vita, portava alla luce la forma che era già contenuta nel marmo.
Il desiderio del fotografo è un po’ come quello dello scultore, dare luce, forma e composizione a ciò che già è insito nella propria mente,
la macchina fotografica come lo scalpello sono il mezzo per arrivare a dare la vita alle nostre idee.
Un’ infinita ricerca di una immagine ideale che riesca con semplicità ad esprimere quello che hai dentro, cosa hai pensato e cosa hai sentito.
Certo che conta la tecnica e anche un’ottima attrezzatura ma probabilmente quello che ci sembra più economico e a portata di mano è la cosa che ci costa di più ed è la cosa più difficile da raggiungere, essere sinceri con se stessi e riuscire a liberarsi dalle sovrastrutture.
In occasione questo capodanno vorrei rivolgere un sincero augurio a tutti perché possiate esprimervi al meglio e perché possiate trovare l’estro e l’ispirazione per fotografie che lascino il segno.
In particolare vorrei augurare a tutti un nuovo anno in ottima salute, che è la cosa più importante, e augurarvi una grande fortuna per quanto desiderate.
Vorrei esprimere infinita gratitudine per la fiducia che avete riposto in noi, con un grazie dal più profondo del cuore.

Ryuichi Watanabe
Foto
Giuliano M.
dic 30 2012 16:25

Penso all’immensità di Michelangelo il quale spiegava che le sue sculture nascevano “semplicemente” togliendo il marmo in eccesso, perché la scultura era già contenuta nella pietra e lui ne liberava la forma, gli ridonava la vita, portava alla luce la forma che era già contenuta nel marmo.
Il desiderio del fotografo è un po’ come quello dello scultore, dare luce, forma e composizione a ciò che già è insito nella propria mente,
la macchina fotografica come lo scalpello sono il mezzo per arrivare a dare la vita alle nostre idee.
Un’ infinita ricerca di una immagine ideale che riesca con semplicità ad esprimere quello che hai dentro, cosa hai pensato e cosa hai sentito.

...non di tutti i fotografi, per fortuna. C'è chi fa del caso la propria materia prima. Ringrazio quest'anno (e il signor Scianna) per avermelo fatto capire in modo definitivo.
Foto
Mauro Maratta
dic 30 2012 16:55

...non di tutti i fotografi, per fortuna.


Perchè ? Uno è forunato se preferisce il risotto alla pastasciutta o viceversa ?

La tua Fortuna può essere se il caso ti fa incontrare ciò che fa al caso tuo.
La mia può essere se mi capita avere a disposizione ciò che mi permette di creare una immagine che mi fa palpitare il cuore.

Che importa se siamo diversi ? Non vedrei né sollievo né ... fortuna in questo.
Foto
Giuliano M.
dic 30 2012 21:51
"Per fortuna" che non ci siano solo fotografi che assimilano la fotografia all'opera d'arte (tanto più se scomodano Michelangelo, facendone un simile e maldestro paragone...) ed il fotografo ad un creatore di qualcosa che plasmerebbe con le proprie mani.
Concetto di certo meglio espresso da Scianna nell'intervista che gli ho fatto.
Sono l'ultimo o tra gli ultimi iscritti al forum, perciò dirò la mia esperienza senza sapere il trascorso del forum, io mi rendo conto che ogni anno che passa divento sempre più critico sulle mie foto, e delle volte sbagliando divento critico anche delle foto degli altri, o almeno mi chiedo cosa abbia spinto uno a pubblicare una foto che per me doveva essere solo comand-canc.
E' vero che se la foto è arte o una forma d'arte, allora si deve accettare un pò tutto, dalle tele bianche tagliate a Raffaello.
Torniamo al 2012, quest'anno ho fotografato tanto, ho il piacere e l'onore di essere amico di uno dei più grandi fotografi italiani di auto da corsa,
perciò ho fotografato in tutti i circuiti italiani, e ho anche imparato tanto, dal fotografare rilassato, benché la partenza mi faccia ancora battere il cuore, al fotografare solo in manuale, ad essere veloce ma non aver fretta, ad aver il piacere di veder pubblicate tante foto.
Cosa spero per il 2013, di non sbagliare più a comperare una macchina fotografica........., ad avere sempre il piacere di scattare una foto, ma prima di tutto ,e questo è l'augurio che faccio a tutti i componenti di questo forum, che possiamo avere un anno in salute.
Buone feste
Daniele
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi