Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
* - - - -

Nikon Zoom 24-85mm f/3,5-4,5G e Nikon Zoom 17-35mm f/2,8D: la strana coppia (again)

Nikon Zoom Nikkor SWM VR AF-S17-35mm f/2.8D IF ED AF-S 24-85mm f/3.5-4.5G ED VR wide zoom

zumzumzumzumzum

Immagine Allegata: 0091 _D8X5799   1-80 sec a f - 11 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG

Cosa mi porti ad accostare due zoom Nikkor cosi' differenti per eta' e dati di targa e' presto detto:


 Immagine Allegata: 0093 _D8X5814   1-40 sec a f - 29 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG

- ho molto usato il piu' "anziano" dei due, tanto da essere oggetto di analogo test a confronto agli albori di Nikonland, dieci anni fa, quando pero' non esisteva ancora il formato pieno e gli obiettivi si sceglievano in funzione della copertura equivalente
 
- ho da un anno il piu' giovane dei due e Mauro non comprende perche' mi ostini a non parlarne  :marameo:
 
- ho appena venduto il secondo dei miei 17-35 ma questa volta non lo ricomprero' perche' salvo rare eccezioni... tendero' ad usare prevalentemente obiettivi di focale fissa: una di queste eccezioni sara' appunto il 24-85
 
Immagine Allegata: 0092 _D8X5803   1-80 sec a f - 16 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG
 
il Nikon AF-S 17-35mm f/2,8D zoom da 13 lenti in 10 gruppi, venne presentato a meta' del 1998, due anni dopo la F5 e poco prima della F100, per sostituire il predecessore 20-35/2,8 non motorizzato, ma sopratutto come zoom professionale per le reflex ammiraglie della casa: prima scelta nella preistoria delle reflex digitali D1 (e per le successive fino alla D2Xs) caratterizzate dal sensore di formato APS-C, quindi necessariamente tarpato dal fattore di moltiplicazione 1,5X che lo trasformava in un 25,5-52,5mm equivalente.
E' un obiettivo IF - ED, pesa 771 grammi senza paraluce, ha un diametro filtri da 77mm e misura 8cm di larghezza per 10,5 di altezza.
Risulta presente a listino ed ancora oggi costa la bellezza di 1400 € (ma negli anni di auge e' arrivato a costare quasi il doppio)
 

Immagine Allegata: 0094 _D8X5818   1-20 sec a f - 25 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG

il Nikon AF-S 24-85mm f/3,5-4,5G e' uno zoom da 16 lenti in 11 gruppi, motorizzato e stabilizzato (VR II), presentato nel 2012 per sostituire i precedenti zoom, anch'essi a diaframma variabile con la zoomata, con l'intento di mettere sul mercato un obiettivo di secondo acquisto, capace di buone performances, entro i 500 €.
Pesa senza paraluce 483 grammi, ha un diametro filtri da 72mm, e' un IF - ED anch'esso, ma zoomando il barilotto fuoriesce procedendo verso le focali maggiori, tanto da variare la misura della sua altezza, dagli 8,2cm a 24mm fino a 11,5cm ad 85mm, per 7,5cm di larghezza. 

Immagine Allegata: 0097 _D8X5829   1-800 sec a f - 8,0 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG Immagine Allegata: 0096 _D8X5828   1-800 sec a f - 8,0 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG

 
Entrambi caratterizzati da una messa a fuoco minima davvero ridotta, specie nel caso dei 28 cm del 17-35
(ma anche i 38cm del piu' recente non sono affatto male)  Immagine Allegata: 0095 _D8X5827   1-160 sec a f - 11 NIKON D810 105 mm 105.0 mm f-2.8 Max Aquila photo (C).JPG
 dotati di lenti speciali ED, ed elementi asferici, ghiera dei diaframmi per il "D", regolazione a ghiera on camera per il "G"

17-35Immagine Allegata: 17-35.jpg   Immagine Allegata: 24-85.jpg 24-85

 

 
un "must" per professionisti il piu' anziano, un obiettivo in fondo poco conosciuto il piu' recente.
Vediamo il come ed il perche' di questo test





Test: Yes



7 Comments

Foto
Dario Fava
mag 13 2016 08:06

Bell'articolo, anche io uso il nuovo zoomino consigliatomi all'inizio da Mauro, in luogo del più pesante e costoso 24-120 ...diciamo che lo uso con soddisfazione per lavori di poca pretesa artistica, cresime comunioni ecc, oppure quando in studio devo correre dietro a bambini esagitati, perché l'AF li segue senza fare errori, ed anche quando ho necessità di avere più cose a fuoco... "ma come, non dovrebbe cambiare nulla sulla PDC a parità di impostazioni" in realtà, lo sfuocato (bokeh) più ruvido dei 24, 35 e 50 art, dà la percezione di avere più cose a fuoco, e questo anche perché il passaggio tra la zona a fuoco a quella fuori fuoco è meno netta e decisa.

Quindi, per conto mio, come ottica tuttofare non è affatto male, ed in virtù del prezzo direi ottima prima lente per chi inizia su FF.

 

Unica critica che mi sento di fare riguarda il VR, troppo lento nell'assestamento per i miei gusti, al punto da tenerlo quasi sempre spento, ma talvolta può comunque essere di aiuto.

Foto
Valerio Brùstia
mag 13 2016 08:40

Manca un pezzo MAX!

 

Il 17-35 se ne va perchè sul wide veramente "wide" nella tua borsa è entrato un 1.4 tutto nero.

Avrei fatto lo stesso (e bada che lo dice uno che non nota carenze deleterie nel 17-35) per razionalità d'uso dell'equipaggiamento più che qualsivoglia altra valutazione.

 

ciao

Foto
Max Aquila
mag 13 2016 09:58

Manca un pezzo MAX!

 

Il 17-35 se ne va perchè sul wide veramente "wide" nella tua borsa è entrato un 1.4 tutto nero.

Avrei fatto lo stesso (e bada che lo dice uno che non nota carenze deleterie nel 17-35) per razionalità d'uso dell'equipaggiamento più che qualsivoglia altra valutazione.

 

ciao

Hai in parte ragione:

 

in parte perche' quando usavo a tutto spiano il 17-35 in DX avevo accanto anche il meraviglioso Nikkor 15mm f/3,5...

ma per gli stessi motivi che per il 17-35, quando sono arrivate D700 e D3....

la resa e' diventata quella espressa in questo test

 

 

anche Lui, allora, via... :ciao:

 

In effetti, il mio wide piu' estremo e' sempre stato un fisso.

Foto
Adriano Max
mag 13 2016 10:52

 

Possiamo lasciare il tutto sul soggettivo senso di piacere personale? 

Certamente: ma dall'altro ieri tra i miei obiettivi uno dei due ha spiccato il volo...  :ciao:

 

Che botta di nostalgia, ma è così: sono strumenti per fare e creare: anche per i pittori i pennelli di martora sono bellissimi, ma alcuni nuovi materiali sintetici non sono davvero da meno !

:)

 

Adri.

Io per quanto mi sforzi non riesco a vedere nessun punto di incontro tra le lenti dei due test... "accoppiati" in un unico articolo per motivi che mi sfuggono completamente. 

 

Poi anche io mi sono privato del mio amato 17-35, ma perché gli anni bui del DX hanno lasciato un segno al momento indelebile e piuttosto fastidioso, portandomi ad usare focali sempre piú lunghe. 

Ma sto ponendo rimedio, tornando al "normale" da 35mm... e con un wide ancora piú ampio di quanto concesso dal 17-35. ;) 

 

Peró trovo che il 17-35 ed il 24-85 abbiano talmente niente in comune da non considerarli neppure complementari in qualcosa. :( 

Ma so di avere un bias per il fatto di non avere apprezzato nemmeno un po' il 24-85, non riuscendo a collocarlo nella mia borsa nemmeno per un uso residuale. 

a_

Foto
Valerio Brùstia
mag 13 2016 11:15

Andre_ il fatto è che tra 24 e 35 si sovrappongono quindi, se li hai entrambe nella borsa, c'è un pestamento di piedi e scegli l'uno piuttosto che l'altro. Ragiono ovviamente sul formato pieno, perchè demoralizzare un wide su DX  è proprio una ciambella di salvataggio  (piuttosto che niente ...)

 

Però se nascono desideri veramente wide e allora il 24-85 se ne deve fare una ragione. Qui Max ci dice che per il suo modo di fotografare per il vero wide conviene puntare su un fisso dedicato, corretto e molto più performante di uno zoom vecchio come il 17-35. Io trovo che sia un ragionamento sensato non solo ragionevole, detto questo nella borsa , personalmente, preferisco  un 17-35 + 60 micro alla coppia 20 fisso e 24-70 (o 24-85 del caso). Ma se dovessi fare matrimoni la seconda soluzione (adottata da Max) è più performante in termini di produttività pura.

Foto
Max Aquila
mag 13 2016 11:24

Il perché di questa strana coppia e' lungamente spiegato nell'articolo.
E le focali dei due zoom sono esattamente coincidenti alla minima per le esigenze per le quali il 17-35 venne prodotto( e da me comprato): per essere usato su reflex dx

Delle pericolose incomprensioni dettate da simpatie ed antipatie ho altresì scritto nello stesso articolo  :)

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi