Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon Nikkor AF-S 400 F2.8 IF-ED II


Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_128_Oca_selvatica.jpg

Oca Selvatica all'Oasi di Sant'Alessio (Pv)



Io me ne infischio sembra dire quest'oca al fotografo.

Probabilmente é con lo stesso spirito che si presenta il Nikkor 400/2.8 AF-S, forte della sua mole e della sua robustezza :

Immagine Allegata: DSC_4357.JPG

Qui ripreso di fianco al 300/2.8 VR che si porta sopra un dorso digitale (la Nikon D200 !).

In effetti, con i suoi quasi cinque chili e il paraluce in due segmenti é un obiettivo impressionante.
Sinora non ho mai portato sul campo un 600/4 ma facendo le debite proporzioni ...

Immagine Allegata: GC779_DSCN0058.jpg Immagine Allegata: GC779_DSCN0061.jpg

Le due viste laterali


Immagine Allegata: DSC_4368.JPG

Dettaglio della taghetta dorata, segno distintivo delle ottiche superiori Nikon


Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_012_Cormorano.jpg

Cormorano (Oasi di Sant'Alessio (Pv)


Ma con lo stesso orgoglio di questo cormorano, questo 400 mm si presenta al pubblico come il superteleobiettivo Nikon più lungo prodotto con apertura massima di F2.8.

Infatti, dopo la prima versione presentata nel 1976 (già dotata di vetri ED ma pesante solo 2,8 chili), evoluta in AI e AIs ma di apertura limitata ad F3.5, nel 1985 venne presentato il nonno della versione che abbiamo in prova, l'AIs F2.8 IF-ED che pesava allora - record - 5 chilogrammi e due etti !
Padrone degli stadi, ippodromi e circuiti, incurante delle condizioni di luce e clima, nel 1993 passò direttamente alla versione autofocus dotata di motore interno (AF-I) che aggiunse alla sua mole un altro chilogrammo.

Soltanto nel 1998 venne presentata l'ultima generazione, dotata di motore interno ad ultrasuoni (AF-S con motore SWM), riprogettato con uno schema di 11 lenti in 9 gruppi (in luogo delle originali 8/6, schema comune all'epoca anche per il 300/2.8) ed alleggerito sino a 4,8 chilogrammi.
Nel 2001 comparve l'attuale versione, con sezioni in fibra di carbonio, alleggerita di altri 400 grammi.

Con messa a fuoco minima di 3,8 metri, questo teleobiettivo dispone del motore più veloce disponibile in Nikon, in grado di passare dalla minima distanza ad infinito in soli 0,27 secondi (!).

Come norma per questi obiettivi, viene fornito con una valigia in alluminio :

Immagine Allegata: MF400mmf28IFEDAdorama.jpg

Mentre i filtri possono essere inserito nel cassetitno portafiltri posto dietro al gruppo ottico :

Immagine Allegata: 16.jpg

E' indispensabile un buon monopiedi :

Immagine Allegata: DSC_8155.jpg

[Rudolf e Mudmad appostati all'Oasi di Sant'Alessio (Pv)]

per arrivare a sera con le spalle sane e portare a casa scatti come questi :

Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_550_Pellicano.jpg
Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_544_Pellicano.jpg
Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_550_Pellicano.jpg

che possono anche non impressionare sino a quando non si valuta bene, come in questo caso :

Immagine Allegata: 2006_10_14_Sant_Alessio_098_Cavaliere.jpg

che stiamo comunque parlando di un 400 mm, in grado di riprendere in primo piano un eccellino come il cavaliere d'Italia sfuocando lo sfondo come se non esistesse !

Ovviamente in grado di dare ottimi risultati anche duplicato con il TC-14E II che lo portano a diventare un potente 560 mm F4 :

Immagine Allegata: DSC_3829.JPG
Immagine Allegata: DSC_3723.JPG
Immagine Allegata: DSC_3726.JPG
Immagine Allegata: DSC_3730.JPG

(avevo in tasca il TC-17 ma non me la sono sentita di provare un 700 mm F4.6 ... !)

Ovviamente non é facile seguire un oggetto volante con un simile bestione (specie se hai sotto il monopiedi e devi alzare e spostare un bel 7-8 chili di attrezzatura al volo ! ) :

Immagine Allegata: DSC_3824.jpg

ma grazie all'atufocus fulmineo e al crop mode della D2x qualche scatto buono lo si porta a casa ...

Immagine Allegata: DSC_3712.JPG

Insomma, solo luci in questo test ?

Immagine Allegata: DSC_3725.JPG

No. Anche qualche ombra.

L'obiettivo é lo strumento di punta Nikon per i professionisti dello sport, in grado di inquadrare mezza porta di uno stadio di calcio dalla parte opposta.
Però la resa non é al livello delle ultime creazioni pensate per l'era digitale.

Se guardiamo la grana e i colori delle foto che possiamo ottenere con un 200/2 o un 200-400/4, il 400/2.8 diventa un pò più rozzo, come se il percorso ottico all'interno non avesse quella purezza necessaria a far rendere al massimo il sensore digitale.

Certo, parliamo di fisime, di sottigliezze che in parte sono condivise sia dal 300/2.8 Mk I che dal 500/4 AF-S.

Ma da un obiettivo che costa nuovo quasi 10.000 euro e che, usato, si trova a non meno di 4.500, é lecito pretendere il massimo.

Una nuova (credo imminente) versione di questo colosso, dovrà integrare quegli accorgimenti (vetro super-ED o rivestimento ai nanocristalli di argento) che consentano di avere lo stesso impatto che si riesce ad ottenere con le migliori ottiche Nikon disponibili oggi.

In definitiva io non lo comprerei ma é talmente affascinante che se me lo offrissero per una cifra ragionevole sarei comunque molto tentato .... !


[Ringrazio la società FCF di Milano per il noleggio di questo obiettivo e l'amico Mudmad che se lo é scarrozzato fino a Sant'Alessio]


11 Comments

Ti ringrazio per l'interesante articolo... ? un oggetto che neppure io comprerei (del resto costo a parte non saprei che farmene) per? bisogna ammettere che la resa ? veramente spettacolare da quel che ho potuto vedere nella tua prova.
Foto
Mauro Maratta
lug 15 2007 12:22
Figurati.
L'idea ? di condividere tutto quanto riusciamo a capire delle attrezzature Nikon.

Considera tra l'altro che il supporto per il treppiedi del 400/2.8 pesa da solo all'incirca quanto la tua D50 ... :lol:
Puoi dare delle info pi? dettagliate su questa affermazione, anche se ? ben comprensibile?
"Se guardiamo la grana e i colori delle foto che possiamo ottenere con un 200/2 o un 200-400/4, il 400/2.8 diventa un p? pi? rozzo, come se il percorso ottico all'interno non avesse quella purezza necessaria a far rendere al massimo il sensore digitale."

grazie
Foto
Mauro Maratta
lug 16 2007 21:22
Si, certo.

Premesso che si tratta di fisime o comunque di punti di vista personali, a mio avviso con l'attuale generazione di fotocamere digitali da oltre 10 megapixel, le immagini catturate con i super-teleobiettivi della generazione precedente ai pi? recenti 200/2 VR e 300/2.8 VR mostrano una trama meno definita, ho usato il termine "pi? rozza" a differenza della "cremosit?" ed amalgama omogenea che si ottiene invece per l'appunto dalle pi? recenti ottiche progettate espressamente per il digitale.

La stessa cosa devo dire la noto anche nello sfuocato che tranne a tutta apertura - dove la resa ? abbastanza simile - mi sembra che sia sempre superiore e pi? omogenea nelle ottiche recenti.

Sar? merito del nuovo rivestimento o di qualche accorgimento particolare nella produzione dei vetri ? Probabilmente si ed ? normale che il comportamento delle ottiche di nuova progettazione venga tarato sulla resa dei sensori cos? come trenta anni fa veniva regolato dal rendimento delle pellicole dell'epoca.

Anche i colori mi sembrano pi? neutri sia nel 400/2.8 oggetto di questa prova sia nel 300/2.8 prima versione (parlo sempre degli AF-S) mentre sono decisamente pi? saturi, brillanti e squillanti nelle ottiche pi? recenti.

Paradossalmente invece ho trovato che il vecchio 300/2.8 AIs del 1985 ? pi? simile nella resa alle ottiche dell'attuale generazione che alle precedenti.

Ripeto, probabilmente sono solo considerazioni personali ma trovo il comportamento nettamente differente.
Grazie per la esauriente risposta. Un'altro aspetto che mi interessa e la capacit? di messa a fuoco. Tu dici che "Questo teleobiettivo dispone del motore pi? veloce disponibile in Nikon, in grado di passare dalla minima distanza ad infinito in soli 0,27 secondi (!)". Ma cosa mi dici degli altri 200, 300, 200-400? Godono della stessa rapidit? di messa a fuoco? Su soggetti difficili, con sfondo con +o- stesso colore sono ugualmente rapidi nella messa a fuoco o hanno delle indicisioni? Parlo al plurare per avere una tua opinione su tutti gli obbiettivi citati.
Ciao e grazie
Foto
Max Aquila
lug 17 2007 22:31

Grazie per la esauriente risposta. Un'altro aspetto che mi interessa e la capacit? di messa a fuoco. Tu dici che "Questo teleobiettivo dispone del motore pi? veloce disponibile in Nikon, in grado di passare dalla minima distanza ad infinito in soli 0,27 secondi (!)". Ma cosa mi dici degli altri 200, 300, 200-400? Godono della stessa rapidit? di messa a fuoco? Su soggetti difficili, con sfondo con +o- stesso colore sono ugualmente rapidi nella messa a fuoco o hanno delle indicisioni? Parlo al plurare per avere una tua opinione su tutti gli obbiettivi citati.
Ciao e grazie

secondo me il 200-400 sar? ancora pi? rapido, disponendo di masse in gioco pi? contenute
Perch? dici sar?.? Una supposizione o hai dei dati precisi?
Foto
Mauro Maratta
lug 18 2007 07:27
Sul 200-400 ne riparleremo dopo il prossimo test. Se ? vero che le masse sono complessivamente minori, per? abbiamo le complicazioni dello zoom e la grande quantit? di lenti in gioco.

Per quanto riguarda invece il confronto, secondo me andrebbe fatto tra gli obiettivi della stessa generazione.

A occhio (non sono in grado cronometrare) il 400/2.8 ? pi? veloce del AF-S 300/2.8 Mk I e Mk II.

E' sullo stesso piano del nuovo 300/2.8VR mentre ho l'impressione che il 200/2 sia pi? veloce ma probabilmente grazie alla superiore luminosit?.

Ma stiamo parlando comunque di scattisti di razza che non possono lasciare insoddisfatti, nulla a che fare con l'AF-S dell 300/4, ad esempio.
Foto
Max Aquila
lug 18 2007 14:14

Perch? dici sar?.? Una supposizione o hai dei dati precisi?

purtroppo solo una supposizione: ho usato il 200-400 una sola volta e al Photoshow di Milano: non certo il posto migliore dove poter fare prove a confronto.
Ma non essendo riuscito a svellerlo dal supporto su cui stava, opportunamente ancorato, poi quelli della Nital se lo sono riportati a casetta... :bigemo_harabe_net-113:
Perfetto, tutto chiaro e molto interessante come potrebbe esserlo la prova del 200-400 VR. A quando la messa online della prova?
Grazie a tutti.
Foto
Mauro Maratta
feb 26 2013 09:06
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi