Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon Nikkor 300 AIs F2.8 IF-ED


Immagine Allegata: 300.jpg


Vista laterale


Immagine Allegata: 300_schemaoptic.jpg

e Schema ottico


Al suo apparire, oramai oltre 30 anni fa (la prima versione non AI risale al 1971), questo straordinario super-teleobiettivo, rivoluzionò il modo di concepire la fotografia al teleobiettivo in ambito sportivo.
La luminosità massima pari ad F2.8, inaudita per quel periodo (Nikon aveva in catalogo il vecchio F4.5 evolutosi dai tempi della Nikon F) e la ridottissima profondità di campo consentivano cose incredibili anche in bassa luminosità, isolando il soggetto dallo sfondo.

Come costume Nikon l'obiettivo é stato nel tempo aggiornato, andando alla versione AI del 1977, l'introduzione dell'uso di vetri ED a bassa dispersione, la seconda versione AIs e quella con minima distanza di messa a fuoco ridotta a 3 metri.

L'esemplare provato é quest'ultimo, con uno schema semplice su 8 lenti in 6 gruppi di cui un di tipo ED.

Come sappiamo questo obiettivo é stato nel tempo ulteriormente aggiornato con l'introduzione della versione con messa a fuoco automatica a fine anni '80 (versione AF, esteticamente molto simile a questa), la versione con motore elettrico interno (AF-I) e le più moderne espressioni con motore ad ultrasuoni (due successive sotto-vesrioni I e II) fino ad arrivare all'ultima, in produzione, versione del 2004, in cui oltre allo stabilizzatore d'immagine é stato anche aggiunto un nuovo trattamento superficiale ai nanocristalli d'argento che minimizza le riflessioni interne e migliora la trasmissione della luce sul sensore digitale.

Comune a tutta questa famiglia di obiettivi é, oltre alla mole (fino ad oltre tre chilogrammi di peso massimo) il setto anteriore di protezione in vetro piatto e il cassettino portafiltri posteriore per semplificare l'uso dei filtri, considerato il diametro della lente anteriore.
Stesso discorso per il paraluce aggiuntivo in materiale pregiato e la sacca di protezione del gruppo anteriore in similpelle.

I primi modelli venivano forniti di valigia di trasporto in alluminio !

Eccolo in tutto il suo splendore, attaccato ad una D2, con la sua cassa di trasporto :

Immagine Allegata: DSC_4929.jpg

Immagine Allegata: DSC_4920.jpg

Immagine Allegata: DSC_4925.jpg


Dal punto di vista costruttivo, credo che questo obiettivo abbia inaugurato il periodo di massimo splendore nella costruzione degli obiettivi da parte di Nikon.

L'introduzione della finitura ruvida ad alta resistenza, l'uso dei vetri ED e il trattamento di questa famiglia di obiettivi rappresentano il massimo.

L'oggetto è compatto - sebbene lungo 25 cm - e il peso é estremamente concentrato con un baricentro che ne permette l'uso disinvolto a mano libera.
Fatto per durare decenni, non é affatto raro vederne esempleri a distanza di 30 anni che funzionano come il primo giorno a dispetto di pochi segni dovuti al normale uso sulla verniciatura.

Purtroppo la forma, complice la mia muscolatura non proprio da atleta, rendono difficile la messa a fuoco rapida a mano libera.
L'uso di un monopiede é quanto mai d'obbligo.

In ogni caso l'anello di messa a fuoco é estremamente morbido e preciso senza indecisioni o giochi che possano pregiudicare una regolazione di precisione.

Vi chiederete se abbia senso, nel 2007 in era digitale preda degli ultimi gadget se sia ancora sensato utilizzare simili pesi massimi.

La mia risposta é innegabilmente si, perché la resa ottica - specie a tutta apertura - é difficilmente eguagliabile, a condizione, come dicevo di poter metter a fuoco bene e con la necessaria calma.

Credo sia abbastanza difficile ottenere uno sfuocato del genere ad F2.8 con un altra ottica (foto eseguite con Nikon D2x in condizioni di luce decisamente contrarie) :

Immagine Allegata: DSC_4668.jpg

Immagine Allegata: DSC_4661.jpg


Immagine Allegata: DSC_4714.jpg

Immagine Allegata: DSC_4626.jpg

E che dire poi del colore ?

Immagine Allegata: boats1.jpg

Immagine Allegata: sandsok.jpg

smagliante !

Il mio Sean che se ne intende, può confermare :

Immagine Allegata: DSC_4828.jpg

Altri dettagli :

Immagine Allegata: GC1818_DSCN1252.jpg

Il cassetto portafiltri posteriore

Immagine Allegata: GC1818_DSCN1253.jpg

Il solidissimo attacco per il treppiedi

Ultime foto :

Immagine Allegata: DSC_4907.JPG

Immagine Allegata: DSC_4887.JPG


Conclusioni :

L'oggetto é di quelli che sono costruiti per durare in eterno. Pieno, solido, robusto, bello !
La resa cromatica e lo sfuocato reggono ancora bene il confronto con le migliori ottiche disponibili oggi.

Con una cifra intorno ai 700 euro, oggi si può coronare quello che un tempo era un sogno mostruosamente proibito e portarsi a casa un 300 mm Nikkor con apertura massima F2.8.

Per la cronaca oggi la versione AF (quasi identica salvo, appunto, l'innesto per l'autofocus) costa circa il doppio, non meno di 1.350 per un buon modello garantito.

Non parliamo delle più moderne versioni AF-I (2.350 euro), AF-S (2.500 per la MK I e 2.800 per la MK II, mentre la VR viene di listino circa 5.000 euro !).

L'unico punto negativo, come dicevo é la oggettiva difficoltà nel mettere a fuoco senza poggiare il tutto su un solido monopiede e la necessità di fare un'accurata messa a fuoco se si lavora a tutta apertura.
E' il motivo per cui si è passati all'autofocus velocissimo dei motori SWM !

Da provare, almeno una volta, nella vita : é un'esperienza indimenticabile !




Nikonland ringrazia sentitamente Ryuichi Watanabe di Newoldcamera per il prestito dell'obiettivo.

Immagine Allegata: logo.gif



[Le foto marittime sono di Massimo Aquila]


18 Comments

Foto
plarggnkl
lug 19 2007 18:26
Ciao Mauro!
Intanto complimenti per gli articoli che scrivi, sempre molto interessanti, completi di utili informazioni tecniche, esperienze d'uso sul campo, e di valide foto d'esempio, che da sole spesso bastano a chiarire la qualita' dell'oggetto in esame...

Volevo confermare che il 300mm./F2,8 AIs e' secondo me, anche se siamo in un'era digitale, ancora un'ottica veramente valida, con la quale si puo' riuscire a fare qualche bello scatto anche in condizioni dove si potrebbe pensare che senza l'AF non ci si possa riuscire...

Il peso secondo me non e' un problema, e se le condizioni di luce sono abbastanza favorevoli, si puo' scattare anche a mano libera, anche se, con un corpo D2, alla lunga le braccia e le spalle si affaticano parecchio...

Credo che per un uso piu' rilassante e per avere maggiori possibilita' fotografiche sia comunque meglio avere con se (ed usare, se possibile) almeno un monopiede, oppure un treppiede se si sta in appostamento.

Sono d'accordo che ottiche con questo feeling a livello meccanico purtroppo appartengono al passato, ed e' veramente un peccato che se ne facciano sempre di meno...

Finora mi e' capitato di usarla solo in campo sportivo, se si eccettua qualche prova in casa, e ne potete trovare qualche esempio in questa galleria con foto effettuate in notturna al tennis del Foro Italico, oppure nel volley, come si vede nella foto qui sotto.

Appena posso conto di mettere nella galleria fotografica alcuni scatti effettuati sempre con il 300mm. durante la gara di nuoto sincronizzato che si e' svolto alcune settimane fa' a Romaquatica 2007...

Ciao a tutti. :P
Paolo.

Immagine inserita
Foto
Visitatore
lug 19 2007 21:42
Cavolo che spettacolo di ottica!
Un po' di tempo fa ero sul punto di comprare il Nikkor 300 f4 af-d, poi ho pensato all' uso non esagerato che faccio dei tele ( eccetto il Sigma 180) e ci ho ripensato.
Che dite il 300 f2.8 ai-s potrebbe essere una valida alternativa?
Meccanicamente direi che ? un vero gioiello, certo che per? la mancanza di af forse in questo caso si fa sentire...
Ciao

Gabriele
Foto
Visitatore
lug 19 2007 21:50
Proprio adesso ce n' ? un esemplare in asta su ebay da venditore tedesco.
Sembra proprio ben tenuto, difatti a due giorni dalla scadenza dell' asta ? gi? a 800 euro! :)
Ciao

Gabriele

Un po' di tempo fa ero sul punto di comprare il Nikkor 300 f4 af-d, poi ho pensato all' uso non esagerato che faccio dei tele ( eccetto il Sigma 180) e ci ho ripensato.
Che dite il 300 f2.8 ai-s potrebbe essere una valida alternativa?


ho venduto da poco il 300 f4 (non AF-S)
? un obbiettivo splendido, con una incisione ai massimi livelli e dei colori che solo il 35 AI ed il 16 (!) mi hanno mai dato

solo... era troppo grande per i miei gusti
mi sono accorto che il suo uso era relegato al birdwatching, per cui non ? nemmeno molto adatto
in tutte le altre occasioni neanche lo portavo con me (occasioni di svago, per il lavoro nemmeno lo consideravo)

ora non ho nemmeno un ottica veramente tele (!!)
il massimo che ho sono i due 105, inseparabili entrmbi per diversi motivi

per assurdo, ho valutato seriamente di prendere il 300 f2.8 (proprio quello del test, se "qualcuno" non l'avesse preso in prestito...)
? un'ottica completamente diversa, per foto pi? "posate" e di maggiore impatto

resto comunque dell'idea che l'f4, con tutti i suoi limiti di impossibilit? di duplicazione (almeno in digitle) e di AF lento, sia comunque una scelta molto pi? flessibile
tanto pi? che, al pari dei tele pi? luminosi, la qualit? ? davvero ottima fin da tutta apertura

per chi non ne fa un uso particolarmente intenso, l'f4 ? sicuramente pi? appetibile e di pi? "facile" uso

...ma non ha il fascino del superluminoso...

a_
Foto
Mauro Maratta
lug 20 2007 07:29
Condivido in pieno quanto dice a_ specie sulla valutazione del 300/4 (AF-S) - vedere test nella stessa sezione del 300/2.8 AIs - ma il 300/2.8 AIs, ? l'equivalente automobilistico di una Mercedes SL anni '80 : impegnativa sia nella guida che nella manutenzione ma di un fascino senza et?.

I risultati che si possono ottenere con questo obiettivo sono inestimabili a condizione di poter fotografare come una volta.
Per chi fa (anche) foto dinamica, sport e simili, si deve comunque considerare l'abbinamento di un obiettivo autofocus veloce.

Per questo motivo io ho puntato al 300/2.8 AF-S, molto pi? costoso ma in grado di compendiare le due anime.
Foto
danighost
nov 23 2009 20:31
La versione AF com'? a livello ottico? quanto pu? valere?
Foto
Mauro Maratta
nov 24 2009 08:39
La versione AF ? apparentemente identica a quella AIs sia nello schema che nell'estetica.

Non ? allo stesso livello a tutta apertura purtroppo.
L'autofocus ovviamente ? molto lento date le masse in gioco che devono essere movimentate dal motorino della fotocamera.
Foto
danighost
nov 24 2009 09:20
Grazie Mauro, 870? ? poco per questa versione?
Foto
Mauro Maratta
nov 24 2009 10:57
Se in buone condizioni (considera che sono oggetti vecchiotti ma robusti) mi sembra un ottimo prezzo, al livello del manual focus.
L'obiettivo di cui alla recensione, come ho gi? scritto altrove, ? uno dei miei preferiti e trovo che abbia una resa impareggiabile sia nei colori che nello sfuocato. Certamente, la messa a fuoco, specie a f/2.8, non ? sempre immediata da centrare, meno male che nel mirino c'? il pallino verde che si illumina altrimenti il vetro spezzato penso che sarebbe indispensabile.
Non ? il genere di obiettivo, per peso ed ingombri, che mi porto sempre in borsa e quando c'?, ? sempre accompaganto dal monopiede.

Il prezzo? Io sotto i 1.000 euro non l'ho mai trovato salvo che non si giochi sulla differenza di cambio con il dollaro ma comunque c'? sempre la dogana e il dazio e intorno a quella cifra si torna. Per questo penso che gli 850 euro per varsione AF che propone Danighost siano davvero un prezzo ottimo.

E' in teoria uno degli "incedibili" sebbene so che prima o poi dovr? passare ad una versione autofocus e allora dovr? ben valutare se tenerlo a fianco o sostituirlo.

Ma bando alle ciance e mettiamo un paio di foto scattare con sensore FF (D3) e tutte a f/2.8.

Lo sfuocato: Immagine inserita

Immagine Allegata: DSC_7004.jpg


Immagine Allegata: DSC_7076.jpg
E i colori? Immagine inserita Immagine inserita

Immagine Allegata: DSC_7210.jpg


Immagine Allegata: DSC_7222.jpg
Per lo sport?

Beh, senza l'aufocus bisogna un po' ingegnarsi ma i risultati son sempre all'altezza!

Immagine Allegata: DSC_4878.jpg


Immagine Allegata: DSC_4892.jpg
Come ho gi? scrito a Dani in PM, sul manual focus secondo me va considerato assolutamente anche il Tamron SP, nell'ultima serie con anello Adaptall2.

L'ho usato un bel po', su pellicola, ed era davvero su altri livelli, rispetto ai Tamron di oggi... (ed anche tenerlo in mano ? un piacere).
a_
Complimenti per l'ottimo articolo, ricco di dettagli tecnici e completo di immagini che parlano da sole. Io stesso, pur non occupandomi di foto naturalistica, troverei volentieri uno spazio nel mio armadietto per un'ottica del genere...anche senza nanocristalli! ;-) ...specie se reperibile alle cifre da te indicate.
Alberto
Foto
Silvio Renesto
mar 18 2013 13:16
Non dovevi riproporre questo articolo. So che non mi serve, so che mi pentirei se lo comprassi, ma tutte le volte che lo vedo, mi viene una insana tentazione.
Domanda forse sciocca, forse l'ho anche già fatta, perdonami: se lo schema ottico è lo stesso, perchè sono tutti concordi nel dire che questo è meglio del suo gemello Af?
Foto
Mauro Maratta
mar 18 2013 13:21

Non dovevi riproporre questo articolo. So che non mi serve, so che mi pentirei se lo comprassi, ma tutte le volte che lo vedo, mi viene una insana tentazione.
Domanda forse sciocca, forse l'ho anche già fatta, perdonami: se lo schema ottico è lo stesso, perchè sono tutti concordi nel dire che questo è meglio del suo gemello Af?


Anche io - pur avendo oramai l'eccezionale 300/2.8 VR II - rimpiango di non averlo tenuto ... lo sfuocato cremoso di questo AIs è sempre insuperabile a mio parere :(

Credo che per l'AF ... il limite sia proprio l'AF, lento e macchinoso (pilotato dal motore della macchina) a TA raramente consente di avere la massima nitidezza.
Ma a prima vista sono proprio identici ...
Foto
Mauro Maratta
mar 18 2013 13:22

Come ho già scrito a Dani in PM, sul manual focus secondo me va considerato assolutamente anche il Tamron SP, nell'ultima serie con anello Adaptall2.

L'ho usato un bel po', su pellicola, ed era davvero su altri livelli, rispetto ai Tamron di oggi... (ed anche tenerlo in mano é un piacere).
a_


L'ho sognato a lungo. Credo sia l'unico Tamron che ho realmente desiderato ;) ma adesso è praticamente introvabile.
Da un po' l'ho sostituito con il 300 VRI ma resta uno dei migliori obiettivi che abbia mai provato.
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi