Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon Micro Nikkor 105mm f/4 ...il figlio dei fiori...

105 micro f4

Un progetto "di razza", accreditato da illustri fonti delle migliori prestazioni tra le ottiche Micro Nikkor.
 
 
Immagine Allegata: leaves.jpg
 
Sarà per l'anno di presentazione, 1975, in cui i figli dei fiori ancora abbondavano, sarà perchè arriva  a 1:2, il rapporto massimo ottimale per "fiorigrafare", saranno gli occhi miei che brillano... quando vedo un vero obiettivo per macrofotografia...
 
sarà che mi mancava da tempo tra i 55 e 60mm ed il 200 un Micro a metà strada...
 
Immagine Allegata: microlenses.jpg
 
Ma da quando è arrivato a casa mia da San Diego California questo desiderato obiettivo, la mia D200 non ha occhi che per lui(E un sensore... sensibile)
 
Immagine Allegata: stami.jpg
 
Immagine Allegata: 105mmnonzai2.jpg
 
Lo immaginavo più compatto, ed invece si manifesta davvero come il progetto "di razza" che è, accreditato da illustri fonti delle migliori prestazioni tra le ottiche Micro Nikkor, a causa sia dell'estrema semplicità del suo schema ottico di cinque lenti in soli tre gruppi.
 
Immagine Allegata: 105mmf4microptic.jpg
 
sia della stretta parentela con uno dei più formidabili attrezzi da vera microfotografia, che è il 105mm f/4 bellows (ossia da soffietto), obiettivo sprovvisto di ghiera da messa a fuoco in quanto espressamente ottimizzato per l'uso a elevatissimi rapporti di riproduzione, oggi uno degli oggettini Nikon più ambiti dai collezionisti!
 
Immagine Allegata: 105mmf4bellowMantis.jpg
 
Nasce come tutte le ottiche Micro Nikkor pre AF, per raggiungere il rapporto di riproduzione "half lifesize" vale a dire 1:2 ma corredato di un massiccio tubo di prolunga dedicato (PN-1 per le baionette non-Ai, PN-11 da Ai in poi), da 52,5mm di tiraggio e provvisto di attacco per treppiede e ghiera ruotante per le inquadrature verticali con blocchi a scatto ogni 45 gradi!
 
Immagine Allegata: pn1.jpg
(gioielli d'altri tempi!)
 
Immagine Allegata: 105mmf4microptic.jpg
 
Insieme al quale PN-1 raggiunge appunto il fatidico rapporto di 1:1 ma in danno di un aggravio di peso e di lunghezza (157mm) non da poco:
 
Immagine Allegata: long.jpg
 
sul barilotto dell'obiettivo sono al solito riportati in arancione i rapporti di riproduzione ottenibili con e senza il PN-1 (oltre alle distanze espresse in piedi e metri) 
 
Immagine Allegata: lens1.jpg

 
La scala dei diaframmi, come si conviene ad un obiettivo nato ... per chiudere... arriva fino al diaframma virtuale di f/32 il quale poi, in forza dell'allungamento del barilotto davvero consistente, arriva a perdere altri due stop abbondanti di luminosità, diventando al massimo della chiusura (e diffrazione) possibile un f/128 equivalente se non peggio!
 
Numeri di serie a partire da 174011 per i non-Ai e da 186956 per gli Ai: praticamente identiche le due versioni, tanto che molti obiettivi non-Ai venendo trasformati in Ai (come il mio) sono quasi indistinguibili dalla versione pi? recente se non per l'assenza della ghiera di blocco della messa a fuoco, presente dagli Ai in poi (esiste la versione AiS, immutata, con seriali a partire da 232001)
 
500grammi di peso, paraluce incorporato e filettatura filtro standard da 52mm, completano il senso della realizzazione ideata per essere ben integrata nel sistema Nikon del periodo forse più fecondo...frutto dell'intento di dare seguito al primo in assoluto degli obiettivi di questa focale e luminosità, realizzati da Nippon Kogaku, quel rarissimo 10,5cm f/4 con diaframmi a preselezione (non automatici) che aveva trovato piccoli spazi nei corredi telemetro prima (1960) ed in quelli reflex già dalla Nikon F in poi.
 
 
Immagine Allegata: 105cm-preset.jpg
 
Passando a parlare delle prestazioni,
sono una volta di più convinto che ingegneri ottici come quelli che si sono succeduti alla Nikon, abbiano davvero avuto carta bianca nella realizzazione di progetti che anche in economia potevano far arrossire come pomodori i colleghi concorrenti.
 
Immagine Allegata: pomo_1a1.jpg
 

 
In particolar modo questo è illuminato dal semplice flash incorporato della D200 che riesce senza grandi difficoltà a coprire questo f/11 a t/100 nonostante i quasi 23 cm di distanza dal margine della flangia frontale dell'obiettivo (complice il tubo di prolunga per raggiungere 1:1)
 
Colpisce parecchio la planeità di immagine, paragonando centro e bordi, che si manifesta in una totale assenza di distorsione curvilinea ed in un'interpretazione di nitidezza esemplare su tutte le parti del fotogramma, come in questa immagine realizzata ad "half lifesize" (1:2)
 
Immagine Allegata: micro200.jpg
 
Ancora la neutrale interpretazione dei colori pi? accesi e contrastanti, anche in abbinata tra luce ambiente e luce flash, naturale complemento non soltanto dei rapporti di ingrandimento pi? importanti
 
Immagine Allegata: stami2.jpg
 
Accompagnata da un contrasto raramente osservabile, specie in presenza di schemi semplificati di illuminazione
 
Immagine Allegata: blatt.jpg
 
Con obiettivi come questo si può tranquillamente giocare ad emulare la sensazione del mosso, semplicemente gestendo il diaframma non per forza ai diaframmi più chiusi, come in quest'altra immagine scattata ad f/8, proprio per cercare di infondere con lo sfuocato del "dinamismo" ad un soggetto .... eminentemente statico
 
Immagine Allegata: car.jpg
 
Immagine Allegata: car2.jpg
 
Un obiettivo che merita per intero il tempo dedicato a trovarlo al prezzo (basso) che ho pagato...
con cui diverte giocare con la Luce per riuscire a trovar modo di indurire o ammorbidire il soggetto inquadrato...a seconda del proprio piacimento.
 
Immagine Allegata: 20070604-DSC_4994.jpg
 
Meditate, gente meditate...
 
 
© Max Aquila  per Nikonland 2007  (rev. gen 26 2010)
 
Test: Yes



41 Comments

Foto
Max Aquila
giu 06 2007 17:37

Money. La classifica la intuisco (anche se tu non conosci il VR).

Mah ...
la quotazione di questo 105 ? piuttosto varia: mi sono incaponito per anni tentando di aggiudicarmelo su ebay (USA-CA-UK) a meno di 100 euro senza mai riuscirci: negli ultimi sei mesi, al contrario, le quotazioni sono aumentate, insieme a quelle dell'AiS f/2.8 in modo tale da aver difficolt? a vederli aggiudicare lui a meno di 150 euro (io l'ho pagato 140 compresa la spedizione) ed il pi? luminoso f/2.8 a meno di 180 euro.
In realt? vale a mio parere la spesa che ho fatto e le quotazioni sul mercato dell'usato italiano (se a quello facevi riferimento) non scendono mai sotto i 200-220 euro

Ma mi pare che il mercato dell'usato per le ottiche speciali sia al momento in rialzo, rivitalizzato presumibilmente dai costi proibitivi delle ottiche moderne Af e VR che poco o nulla aggiungono alla modalit? di utilizzo di un obiettivo del genere, se usato per gli scopi per cui ? nato (e non per fare le foto ai brufoli della modella di turno)
Foto
Max Aquila
giu 06 2007 22:29
a tutta apertura, oggi, poco prima del tramonto: non un filo di intervento salvo il ridimensionamento...

Immagine inserita

meglio che un Cosina 100mm f/3.5... no? :bigemo_harabe_net-112:
Foto
Max Aquila
giu 06 2007 22:33
ah... il pomodorino era quello di questa foto
Immagine inserita
Foto
Max Aquila
giu 19 2007 20:56
niente di particolare per soggetto ed inquadratura....anzi: ma raramente con un obiettivo di pi? di trenta anni fa un sensore digitale moderno riuscir? a fare di meglio per saturazione e rispetto delle cromie

Immagine inserita

neanche a parlare dello sfuocato in secondo piano! :bigemo_harabe_net-03:
Foto
Max Aquila
giu 19 2007 21:19
roba da giocarci...:

Immagine inserita(nature)
Immagine inserita(winter and snow)
Immagine inserita(...reverse)...

:bigemo_harabe_net-113:
Foto
Max Aquila
giu 19 2007 21:26
bacche ad 1:2
Immagine inserita

a caccia...sempre 1:2
Immagine inserita

bianco saltare...
Immagine inserita
Castorino
giu 09 2008 23:00
Immagine Allegata: q042056.jpg Io ho questo, per? sulla ghiera non c'? scritto f.4 ma f.4,5 come mai? Ciao
Foto
Max Aquila
giu 10 2008 00:01

Immagine Allegata: q042056.jpg Io ho questo, per? sulla ghiera non c'? scritto f.4 ma f.4,5 come mai? Ciao

perch? il tuo ? un UV Micro Nikkor 105/4.5
un obiettivo davvero speciale, costruito nel 1984 in 6 lenti per 6 gruppi con specifici campi di utilizzo per le riprese su una particolare regione dello spettro fotosensibile, quella tra i 220 ed i 900 nanometri, utile per indagini scientifiche di laboratorio e di polizia, ricerche mediche e spettroscopie su dipinti o altri manufatti.

Direi che la mia risposta meriti adesso il tuo racconto di come ne sia entrato in possesso e... perch?! :D :rolleyes:
Castorino
giu 10 2008 10:11
Bravo 10+ ! Era pi? di un anno che lo cercavo perch? ne avevo lmeraviglie sul sito di Rorslett, finalmente 2 mesi fa ne ho trovato uno in Giappone ed approfittando del favorevole cambio Dollaro Euro sono riuscito ad aggiudicarmelo, purtroppo la D3 ? cieca nell'UV e le mie attuali condizioni di salute non mi permettono di dedicare alla fotografia il tempo che vorrei, come premio ti invio una foto che rappresenta alcuni dei mie piccolini Immagine Allegata: Little_big_brothers.jpg Ciao
Foto
danighost
giu 10 2008 10:52
Nell'articolo hai sritto:

sia della stretta parentela con uno dei pi? formidabili attrezzi da vera microfotografia, che ? il 105mm f/4 bellows (ossia da soffietto), obiettivo sprovvisto di ghiera da messa a fuoco in quanto espressamente ottimizzato per l'uso a elevatissimi rapporti di riproduzione, oggi uno degli oggettini Nikon pi? ambiti dai collezionisti!


Quindi la differenza con il bellows, sta solo nell'assenza della ghiera di messa a fuoco, o in altro, tipo lo schema ottico? :unsure:
Foto
Adriano Max
giu 10 2008 11:25
Ciao Max,
ma senti... il filo di post produzione con il 105 f/4 ? stato sul contrasto ?
La resa ? neutra come per gli altri Ais o ?
:rolleyes:

Bravo 10+ ! Era pi? di un anno che lo cercavo perch? ne avevo lmeraviglie sul sito di Rorslett, finalmente 2 mesi fa ne ho trovato uno in Giappone ed approfittando del favorevole cambio Dollaro Euro sono riuscito ad aggiudicarmelo, purtroppo la D3 ? cieca nell'UV e le mie attuali condizioni di salute non mi permettono di dedicare alla fotografia il tempo che vorrei, come premio ti invio una foto che rappresenta alcuni dei mie piccolini Immagine Allegata: Little_big_brothers.jpg Ciao


Uh, li hai entrambi !! spettacolo !! dimmi quindi o posta foto in nuovo thread :wub: : tra il 50 f/1,2 e il 58 f/1,2 sul campo hai notato differenze oltre alla focale ? Quali ? e la resa su D3 ?
:rolleyes:

Grazieeeee !!
Adri.
Foto
Adriano Max
giu 10 2008 13:16

Ciao Max,
ma senti... il filo di post produzione con il 105 f/4 ? stato sul contrasto ?
La resa ? neutra come per gli altri Ais o ?
:rolleyes:


Ok, dopo attenta lettura mi sono dato risposta... ho anche messo i piedi in bacinella con acqua e ghiaccio per raffreddare il cervello (che ultimamente ? da quelle parti) !
:a136:
Foto
Max Aquila
giu 10 2008 14:15

Bravo 10+ ! Era pi? di un anno che lo cercavo perch? ne avevo lmeraviglie sul sito di Rorslett, finalmente 2 mesi fa ne ho trovato uno in Giappone ed approfittando del favorevole cambio Dollaro Euro sono riuscito ad aggiudicarmelo, purtroppo la D3 ? cieca nell'UV e le mie attuali condizioni di salute non mi permettono di dedicare alla fotografia il tempo che vorrei, come premio ti invio una foto che rappresenta alcuni dei mie piccolini Immagine Allegata: Little_big_brothers.jpg Ciao

ah...
allora era un'interrogazione...! :lol:

Grazie della foto di gruppo di quei tre obiettivi che a parte la elevatissima luminosit? e il marchio Nikkor, non hanno poi proprio null'altro in comune per prestazioni, caratteristiche e valore collezionistico...

Preferirei piuttosto vederlo all'opera quell' UV Micro Nikkor: ci fai vedere qualche foto realizzata magari a pellicola?

Perch? a causa delle limitazioni in gamma bassa ed alta dei sensori digitali, sarebbe proprio un peccato se non lo avessi comunque messo alla prova!
Foto
Max Aquila
giu 10 2008 17:30

Nell'articolo hai sritto:
Quindi la differenza con il bellows, sta solo nell'assenza della ghiera di messa a fuoco, o in altro, tipo lo schema ottico? :unsure:

non voglio alimentare eresie, ma lo schema ottico del 105 bellows ? paragonabile a quello del Micro, la luminosit? max ? la stessa, cos? come il diametro filtri, ma non per questo le prestazioni possono essere comparate in assoluto...

parlavo di una parentela ideale...un filo di comunicazione che lega i vari progetti ottici di una certa epoca (1970 il bellows 1974 il Micro), ottimizzati ognuno per le rispettive utilit?...

Certo che tra tutti i 105mm che posseggo, questo qua, insieme ad un certo altro... ben difficilmente mi abbandoner? mai!
Foto
danighost
giu 10 2008 18:04
Ok diciami molto simili, al 99,9%; un po' come il DNA tra l'uomo e le scimmie, giusto per andare in OT :P
Foto
Max Aquila
giu 10 2008 22:34

Ok, dopo attenta lettura mi sono dato risposta... ho anche messo i piedi in bacinella con acqua e ghiaccio per raffreddare il cervello (che ultimamente ? da quelle parti) !
:a136:

attento alle spine:
se le fotografo con questo Micro 105/4...risultano parecchio pericolose!

Immagine Allegata: D2X_3478.jpg
Foto
Max Aquila
giu 10 2008 22:40
morbido quando serve...per?!
Immagine Allegata: D2X_3476.jpg

Immagine Allegata: D2X_3497.jpg
Vorrei capire una cosa: il rapporto di ingrandimento 1:1 o 1:2 (ad esempio per micro 200 f/4) che ? segnato sul barilotto immagino venga alterato su formato DX. Mi ? sembrato che RFSP abbia provato questa lente su D200 quindi il problema se lo sar? posto.

Ossia quando imposto la lente su 1:1 e metto a fuoco immagino che non avr? quel rapporto l? ma di 1:1,5.... O no? Quindi se voglio un vero 1:1 devo fare la proporzione e variare di conseguenza la tacca sull'obiettivo?

Si ? capito qualcosa di quello che volevo dire? :specchio:

...
Si ? capito qualcosa di quello che volevo dire? :specchio:


Si, si ? capito, ma sei tu che non hai capito cosa sia il RR :o

Il rapporto di ingrandimento ? la proporzione che intercorre tra le dimensioni reali del soggetto e le dimensioni "fittizie" dello stesso soggetto sulla pellicola (o sensore).
Quindi 1:1 vuole dire che 1cm nella realt? viene riprodotto come 1cm sul sensore... qualsiasi dimensione abbia.
Che io fotografi con una lastra 10x12 o con una compatta da 2/3", le dimensioni del soggetto sulla pellicola rimangono le stesse.

...Certo, bisogna sapere che dimensioni ha la "pellicola"... :rolleyes:
a_

Si, si ? capito, ma sei tu che non hai capito cosa sia il RR :o


Ci sono tante cose che non ho capito... Una di esse ? perch? quando aumenta il prezzo del petrolio al barile subito sale anche il prezzo alla pompa, mentre quando scende, non cala mai in proporzione. Luride sanguisughe! :angry:

Comunque, grazie. :)
Foto
Paolo Tagliaro
giu 23 2008 19:45

Un obiettivo che merita per intero il tempo dedicato a trovarlo al prezzo (basso) che ho pagato...
con cui diverte giocare con la Luce per riuscire a trovar modo di indurire o ammorbidire il soggetto inquadrato...a seconda del proprio piacimento


morbido quando serve...per?!


Vorrei capire meglio come "indurire o ammorbidire" il soggetto.
Foto
Max Aquila
giu 23 2008 21:02

Vorrei capire meglio come "indurire o ammorbidire" il soggetto.

quando saturi cromaticamente questo Micro pastella la scena, mentre quando diminuisci il contrasto luminoso ridiventa rigoroso e chirurgico!
Foto
Paolo Tagliaro
giu 23 2008 23:15

quando saturi cromaticamente questo Micro pastella la scena, mentre quando diminuisci il contrasto luminoso ridiventa rigoroso e chirurgico!


Ok, grazie.
giocolnet
feb 23 2010 21:57
Ordinato su ebay ed arrivato dal Giappone in meno di una settimana.
Ho preferito spendere un pelo in pi? per un oggetto a prezzo fisso (360 CHF.) ma che davano come eccellente.
Infatti sembra uscito dalla scatola. Sulle lenti non riesco a trovare il minimo difetto. E' bello come il soleImmagine inserita

Ho trovato unicamente due "forellini" sulla cassa che vedi solamente se estrai completamente il paraluce.
Anche sul vostro ci sono ?

GioImmagine inserita
giocolnet
feb 24 2010 22:46
Un'altra domanda, oltre a quella fatta sopra: aggiungendo l'anello PN-11, al massimo dell'ingrandimento, il telemetro fa fatica e non si vede il pallino di conferma della messa a fuoco (solo frecce incostanti).
Presumo sia dovuto all'abbassamento di luminosit?, o sbaglio ?
(NB: su D700)

Grazie
GioImmagine inserita
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi