Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon Df: en attendant...

Nippon Kogaku Nikkor UD non Ai Ai-d

...attendendo la DF (ed i 3000 dollari per comprarla),
ma anche per fare da pendant con la review di questo articolo,
ed a maggior chiarimento di quest'altra esternazione di possesso
Immagine Allegata: 001001 24 ottobre 2013 _D3H6599  Max Aquila photo (c)_   60 mm.jpg di giorni orsono...
 
...oggi sono uscito con la D800 in compagnia di tre obiettivi fissi non Ai, gia' modificati Ai (cioe' Ai-d)
Immagine Allegata: 014image -1.08  4.12 mm.jpg
 
nella fattispecie mi sono dilettato con Sua Maesta' il "padellone" Nikkor UD 20mm/3.5 (11 lenti in 9 gruppi del 1967)
un Nikkor N 24mm/2.8 prima serie, (9 lenti in 7 gruppi del 1967 anch'esso)
ed un terza serie del Nikkor Q 200mm/4 (4 lenti in 4 gruppi del 1966)
 
che fedelmente e coerentemente con le necessita' degli anni in cui furono progettati oggi su D800 rendono cosi'...
 
 
20mm f/8 Immagine Allegata: 002_D8C4422   20 mm.jpg 200mm f/5,6Immagine Allegata: 005_D8C4446   200 mm.jpg
ed f/4Immagine Allegata: 003_D8C4424   200 mm.jpg
 
24mm /2,8Immagine Allegata: 006_D8C4465   24 mm.jpg
200mm f/4Immagine Allegata: 004_D8C4430   200 mm.jpg
 
ancora 20mm f/8Immagine Allegata: 007_D8C4471   20 mm.jpg e 200mm f/5,6Immagine Allegata: 009_D8C4492   200 mm.jpg
ed f/8Immagine Allegata: 010_D8C4495   200 mm.jpg
 
obiettivi nati per funzionare con tempi ed ISO certo piu' lenti di quelli in alcune di queste foto, che oggi ritrovano vita anche a dispetto della modesta luminosita', la quale spesso non e' indice di scarsa cura costruttiva ma, all'opposto, di ricerca specifica per le caratteristiche complementari.
 
Progetti ottici dal prezzo e destinazione differente, nate per funzionare su pellicole diverse l'una dall'altra, ma alle quali un sensore (per quanto esigente) non fa ancora imboccare per forza
il  Immagine Allegata: 012_D8C4503   200 mm.jpg ...del tramonto
 
In buona sostanza, a distanza di anni e corpi macchina ben differenti da questo nel condurre similari tentativi, ho riscoperto doti cromatiche anche nel fetido Nikkor-Q 200/4 (fetido nell'abbinamento a D200 e 300) che in condizioni di luce brillante e ben direzionata (da un quarto a tre quarti rispetto il soggetto, escludendo controluce e luce diretta) riesce a vibrare di ...luce propria, come non gli avevo fin qui visto ancora fare.Immagine Allegata: 011_D8C4500   200 mm.jpg
 
Ineccepibile il 24mm pur nell'unico scatto pubblicato, ma con l'intezione d provarlo in contesti diversi e piu' orientati allo Street reportage, magari anche monocromatico che era poi il campo di elezione per queste ottiche nate con un coating primigenio e naif, nella sua blu intensita'.
che oggi richiede una certa dose di correzione post scattoImmagine Allegata: 020_D8C4469   24 mm.jpg
...ma le pellicole del tempo erano gialline e calde, prima dell'avvento di Fuji....
 
Anche il padellone, del quale avevo due esemplari ed uno e' stato ceduto a Watanabe questa primavera, scientemente lasciando la versione Aid a futura memoria ed impresa...
anche il Nikkor UD 20/3,5,dicevo, continua a colpire pur nella sua incoerenza tra centro e bordi che per quella focale fa tanto wide, appunto.
Ce lo ricordiamo da sempre cosi', non ci aspettavamo niente di piu' e niente di diverso: saturo, nitido al centro e non ai bordi, vignettante di quel tanto che rende inutile ancora oggi la postproduzione (che nel 1967 si chiamava bruciare e mascherare), distorto...quasi da pervertito!
Immagine Allegata: 008_D8C4476   20 mm.jpg
 
Noi di Nikonland siamo nati in quegli anni, i nostri occhi e la nostra mente si sono nutriti delle immagini prodotte da questi obiettivi:
 
aspettiamo di poterli usare ancora, di nuovo, per molto tempo ancora.
 
Non chiediamo poi molto...
 
Max Aquila per Nikonland 2013
 
Test: Yes



10 Comments

Foto
Leonardo Visentìn
ott 28 2013 07:42
Passione, tanta passione! E cuore! A Tokyo non hanno capito bene alcune cose... (O forse leggono solo i report di vendita)
Foto
danighost
ott 28 2013 10:55

Essendo cresciuto in altra epoca, certe cose riesco solo (lontanamente) ad immaginare ... ma un po' il dubbio me rosica, che differenza ci potrebbe essere tra fotografare con una D700/800 ecc. (comunque una di quelle già esistenti), e questa fantomatica FE/FD/old stye baracca e burdell?  :GrattaTesta:

 

Mi riferisco all'immagine finale, qual differenza ci potrebbe essere, perché a livello di come fotografare, quella sì ho presente, il piacere di fotografare con un corpo "retrò" è  :bigemo_harabe_net-113:  ... ma quanti sarebbero disposti a spendere 3000 cocuzze solo per questo brivido?  :oracolo:

 

PS Max io retrò per retrò, mi diverto con la D1h ;) ... solo ora mi sono accorto che la D700 l ho voluta prendere in un momento sbagliato ... ma questo è altro discorso 

 

Tornando a noi, ti capisco e comprendo la tua gioia di usare i ferri vecchi ... ;)

Foto
Max Aquila
ott 28 2013 12:09

Essendo cresciuto in altra epoca, certe cose riesco solo (lontanamente) ad immaginare ... ma un po' il dubbio me rosica, che differenza ci potrebbe essere tra fotografare con una D700/800 ecc. (comunque una di quelle già esistenti), e questa fantomatica FE/FD/old stye baracca e burdell?  :GrattaTesta:
 .....
 
PS Max io retrò per retrò, mi diverto con la D1h ;) ... solo ora mi sono accorto che la D700 l ho voluta prendere in un momento sbagliato ... ma questo è altro discorso 
 
Tornando a noi, ti capisco e comprendo la tua gioia di usare i ferri vecchi ... ;)

vedi Dany...
la tua D1h non e' retro'.... e solo il prototipo di cio' che sarebbe oggi la tua D700

Gli obiettivi che ti ho messo in foto non sono per nulla prototipi...sono degli esemplari che gia' negli anni 60 facevano eminentemente il loro dovere.
Anzi...erano dei punti di riferimento per le aziende concorrenti.

La differenza sta tutta in questo:

mentre fotografare oggi con la tua D1h e' solamente un esercizio di originalita' (passamelo) perche' potresti usare con migliore efficacia qualsiasi altra dslr e mai nessuno stupirebbe di fronte ad un suo file avendo come punti di riferimento quelli delle D800 attuali

invece ottenere risultati di eccellenza (che non sono certo i blandi tentativi della discussione in oggetto), con obiettivi commercializzati piu' di cinquant'anni fa e' ancora oggi possibile ed il fatto che Nikon ci privi apposta (fino ad oggi) della possibilita' di farlo e' un vero peccato.

Motivazioni che sottolineo quando scrivo che quel 200/4 archiviato come ciofecone con le passate D70-200-300 oggi, messo a confronto con i files attuali della D800, mi dimostra dei margini ulteriori di utilizzo...
e sto parlando di un obiettico economico del 1967...
...altro che ferrovecchio...


Comprenez moi?

Foto
Mauro Maratta
ott 28 2013 12:23

La D1h è una enormità e Il 50/2 o il 45/2.8 scompaiono su quel corpo (come facevano con la F5 o fanno anche con la D4).

E comunque la D1h pur essendo una macchina vecchia ha le stesse prerogative delle macchine della generazione F5-D4.

E senza nessun aiuto particolare alla messa a fuoco manuale che non sia il pallino o la freccina (salvo aver montato sulle macchine compatibili, i vetrini alternativi vecchio stile, peraltro inadatti ai teleobiettivi e concentrati ... al centro).

D1-D2-D3-D4 sono machine concepite per i grossi teleobiettivi e gli zoom più pesanti.

 

Quello che si pretenderebbe invece dalla macchina retro di cui stiamo parlando è altro, ovvero un ritorno al passato sia nelle proporzioni (corpo macchina adatto all'ingombro di un 50/1.8 AI, inadatto ad un 50/1.4 Sigma) che in una ergonomia priva di ghierette e di pulsantini, piuttosto un utilizzo vecchia maniera di anello dei diaframmi (sull'obiettivo)e rotella dei tempi sopra alla capottina del corpo, con l'unica apprezzabile modernità dell'auto-ISO visto che adesso possiamo permettercelo ma con il variatore degli ISO anche esso, possibilmente con una "rotella" fisica, nessun passaggio da menù, parlante, niente indicazione LCD.

 

Ogni regolazione visibile ad occhio a prima vista, senza nessun display superiore, senza display secondario inferiore, il display LCD principale posteriore giusto per dire che c'è e si può vedere la foto appena scattata o mostrare a qualcun altro quella data foto. Possibilmente non in formato Samsung Galaxy Note (con o senza Android).

 

Nessuna operazione di ginnastica digitale, quindi, come si faceva con una FM o una F3, per concentrarsi sulla composizione, tendenzialmente in manuale magari innestando un'ottica del 1961 non modificata ;)

 

Di moderno e innovativo dovrebbe esserci/o ci sarà, il mirino ibrido con il quale, grazie ad un processore prestante, simulare quegli ausilii per la messa a fuoco che oramai in campo ottico non sono più tanto efficaci, anche perchè l'età avanza :(

Foto
danighost
ott 28 2013 12:51

vedi Dany...
la tua D1h non e' retro'.... e solo il prototipo di cio' che sarebbe oggi la tua D700

Gli obiettivi che ti ho messo in foto non sono per nulla prototipi...sono degli esemplari che gia' negli anni 60 facevano eminentemente il loro dovere.
Anzi...erano dei punti di riferimento per le aziende concorrenti.

La differenza sta tutta in questo:

mentre fotografare oggi con la tua D1h e' solamente un esercizio di originalita' (passamelo) perche' potresti usare con migliore efficacia qualsiasi altra dslr e mai nessuno stupirebbe di frinte ad un suo file avendo come punti di riferimento quelli delle D800 attuali

invece ottenere risultati di eccellenza (che non sono certo i blandi tentativi della discussione in oggetto), con obiettivi commercializzati piu' di cinquant'anni fa e' ancora oggi possibile ed il fatto che !Nikon ci privi apposta (fino ad oggi) della possibilita' di farlo e' un vero peccato.

Motivazioni che sottolineo quando scrivo che quel 200/4 archiviato come ciofecone con le passate D70-200-300 oggi, messo a confronto con i files attuali della D800, mi dimostra dei margini ulteriori di utilizzo...
e sto parlando di un obiettico economico del 1967...
...altro che ferrovecchio...


Comprenez moi?

Concesso :)  ... però trovo che aiuti ancora tanto a fare la Foto, non è facile e immediata come le attuali DSLR, non solo come resa, ma anche quando riguardi la foto, il monitor non aiuta, anzi!!! pensi di avere cannato ... e mi mi rifaccio alla risposta dopo di Mauro, sullo schermo, come non quotarti ed essere d'accordo? 

Foto
Max Aquila
ott 28 2013 13:57

Concesso :)  ... però trovo che aiuti ancora tanto a fare la Foto, non è facile e immediata come le attuali DSLR, non solo come resa, ma anche quando riguardi la foto, il monitor non aiuta, anzi!!! pensi di avere cannato ... e mi mi rifaccio alla risposta dopo di Mauro, sullo schermo, come non quotarti ed essere d'accordo?

si infatti...
il monitor non aiuta mai se non nella valutazione dell'istogramma, quella delle alte luci, quella dell'ingrandimento al 100% del particolare di messa a fuoco.

per tutto il resto o e' fin troppo dettagliato rispetto il file oppure troppo poco.

Anche una macchina semplice come la DF che desideriamo da tempo aiuterebbe a rimettere al centro della questione la fotografia,
intesa come senso estetico nella composizione ed inquadratura, al servizio di una illuminazione confacente.
Per divertirsi a scattare invece che stressarsi
Foto
Leonardo Visentìn
ott 28 2013 14:16

... piuttosto un utilizzo vecchia maniera di anello dei diaframmi (sull'obiettivo) e rotella dei tempi sopra alla capottina del corpo...

 

Ogni regolazione visibile ad occhio a prima vista, senza nessun display superiore, senza display secondario inferiore...

 

Qui vedo un problema effettivo dato dalla corrente intrapresa da Nikon col primo obiettivo.G... I diaframmi sulle nuove ottiche non si potrebbero settare fisicamente, quindi avremmo un bel corpo digitale compatibile con tutti gli obiettivi Nikon F dal 1959 al... 2000. Che sarebbe comunque un autogol clamoroso. Anche se effettivamente di obiettivi G compatti non se ne sono visti.

Foto
Mauro Maratta
ott 28 2013 18:04

 

Qui vedo un problema effettivo dato dalla corrente intrapresa da Nikon col primo obiettivo.G... I diaframmi sulle nuove ottiche non si potrebbero settare fisicamente, quindi avremmo un bel corpo digitale compatibile con tutti gli obiettivi Nikon F dal 1959 al... 2000. Che sarebbe comunque un autogol clamoroso. Anche se effettivamente di obiettivi G compatti non se ne sono visti.

 

Non credo, il modo di cambiare il diaframma delle ottiche moderne si trova. Purchè - per i miei gusti - sia una eccezione che non sostituisca l'anello dell'obiettivo.

 

Personalmente mi avvio ad avere una pattuglia più numerosa di obiettivi con l'anello e privi di motore che durino quanto me, piuttosto che di moderni ordigni pronti a rompersi ... :)

Foto
Leonardo Visentìn
ott 28 2013 21:33
Sono d'accordo sul preferire i ferrosi vecchietti anni 60-70-80-90 agli ultimi ritrovati del laboratorio di plastiche&co di Tokyo. Dicevo che temo non sia possibile non avere una ghiera per la selezione diaframmi,speriamo sia fatta con criterio.
Foto
danighost
ott 29 2013 12:20

si infatti...
il monitor non aiuta mai se non nella valutazione dell'istogramma, quella delle alte luci, quella dell'ingrandimento al 100% del particolare di messa a fuoco.

per tutto il resto o e' fin troppo dettagliato rispetto il file oppure troppo poco.

Anche una macchina semplice come la DF che desideriamo da tempo aiuterebbe a rimettere al centro della questione la fotografia,
intesa come senso estetico nella composizione ed inquadratura, al servizio di una illuminazione confacente.
Per divertirsi a scattare invece che stressarsi

Esatto :) 

 

E' questo il punto, se sarà così, sarà quella che sostituirà la D1h per il divertimento fotografico, e "potrebbe" essere la FF che cerco ...

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi