Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 600 mm F4 AF-S VR Test : il bolide

supertele natura 600mm

Premessa.


Ognuno compie le proprie scelte in funzione delle esperienze pregresse, specialmente per decisioni importanti. Le mie "conoscenze" si sono formate in venti anni di tentativi, più o meno validi, di fotografare gli spaventati animali che vivono nelle poche e isolate aree verdi nei dintorni di casa. E dove vivo non ho una gran scelta. Volendo entrare nel terzo millennio, e per sfruttare tutte le possibilità tecniche fornite dalla nuova D3, la scelta più logica é stata investire nella sostituzione del 600 /4 AIs con ilnuovo 600/4 Afs VR. Tutte le considerazioni che seguono sono legate alle mie esigenze, che non sono quelle di un fotografo sportivo, ma di un frequentatore di boschi in condizioni scomode in termini di luce ed ambientali in genere. Uso questo nuovo bolide da solo 6 mesi , quindi ci sarà ancora da dire in futuro e, spero bene, qualche buon scatto da incorniciare.

L'obiettivo

Immagine Allegata: 1.jpg


Le principali novità introdotte da Nikon su questo vetro, rispetto al precedente AFS II,sono:
 
  • Stabilizzatore ottico di nuova generazione (VR II);
  • Scomparsa della tanto apprezzata ghiera dei diaframmi: l'obiettivo é un G!;
  • Schema ottico riprogettato che comprende una nuova lente frontale a menisco e il trattamento Nanocrystall del gruppo posteriore per diminuire i riflessi tra lenti e sensore;
  • diminuzione della minima distanza di messa a fuoco, ridotta a 4,8 m;
  • alcune variazioni, di design quali una migliore finitura della parte in gomma del paraluce pi? esterno e una guarnizione di guardia alla baionetta (era ora);
I dati di un obiettivo che ritengo utili sono quelli operativi cioé dell'oggetto incondizioni di esercizio. Riporto di seguito i più importanti.


Peso in condizioni di trasporto
Peso Obiettivo con piede corto +piastra P50 + paraluce + cappuccio di protezione + imbottitura ferma paraluce + D3 : 7,3 kg


Ingombri

Lunghezza con paraluce retratto e cappuccio di protezione + D3 ........... 53 cm
Lunghezza con mezzo paraluce esteso + D3 ....................................... 63 cm
Lunghezza con paraluce completamente esteso + D3 .......................... 70 cm
Diametro di testa ob. con paraluce retratti e cappuccio di protezione .... 22 cm
Diametro ghiera di messa a fuoco ...................................................... 10,8 cm
Diametro barilotto lato fotocamera ...................................................... 8,6 cm
Ingombro in altezza con piede corto + piastra Wimberley P50 + D3 ...... 22 cm

Fornitura

Nel baule trova posto l'obiettivo, la cinghia di trasporto a spalla, il piede corto di ricambio e un bel libretto di istruzioni apparentemente ricco di informazioni, perché é bello spesso. In realtà si rivela alquanto deludente. Il manuale si spertica nello spiegarti che é bene non immergere l'obiettivo nell'acqua, ma nemmeno nell'olio o nel vino. Poi ti raccomanda di tenerlo fuori dalla portata dei bambini, di non darlo in testa alla suocera e soprattutto: mai, maproprio mai ti venga in mente di fotografare il sole. Si possono provocare incendi e alla meglio guastarsi la vista. A quello ci potevano pensare quando hanno piazzato quel buco di serratura di mirino sulla piccola e tanto comoda D300. Per l'uso del VR, Nikon presenta un bel grafichetto (di cui dirò in seguito) e con questo effetto di design si sciacqua le mani del lavoro dei suoi ingegneri. Secondo me Nikon ha un problema nella divisione documentazione.


Finitura esterna

Il barilotto é verniciato come le ultime serie di obiettivi Afs, il che mi allontana molto, ahimé, dal senso di robustezza e durevolezza del vecchio 600/4 AIs (un carrarmato!).


Pulsanti e comandi

La ghiera di messa a fuoco é morbida e fluida e, con AF attivo, basta un leggero tocco per prendere il controllo del fuoco in manuale. I pulsanti per le modalit? di AF di VR, il limitatore e altre amenità sono sul lato sinistro dell'obiettivo. Ciò consentirebbe delle regolazioni senza mollare la fotocamera e senza togliere l'occhio dal mirino. Il condizionale é d'obbligo perché é necessario memorizzare bene dove si trovano i selettori. Diventa poi una mera illusione se si indossano dei guanti. I selettori a slitta sono troppo piccoli e occorre avere le mani nude per comandarli. Accidenti, sulla serie AF-I il limitatore é bello grosso, riesco a manovrarlo con le MOFFOLE!!


Immagine Allegata: 2.jpg


L'autofocus

Rapido veloce preciso e silenzioso. Contrariamente a quanto afferma il delirante libretto diistruzioni L'AF funziona bene anche con il TC17. Meglio su D3, ma decentemente anche su D300. Per me, che sono entrato nel mondo dell'autofocus nel 2008, é una magia poter inseguire il volo di un gabbiano senza dover toccare la ghiera di messa a fuoco! Il limitatore ha solo 2 posizioni: full e 10 - oo. Ad essere pignoli mi sarei aspettato anche una limitazione 10-5. Ma si vede che Nikon sa quanto sono sfigato.


Resa Ottica

Molto buona, comunque il 300/2.8 AF- I non viene detronizzato!


Riduzione delleVibrazioni VR

Come già accennato, il selettore di modalità "Normal/Tripod" é molto piccolo quindi risulta complicato cambiare modalità in fase di ripresa. E sarebbe importante, perché il VR sul 600 é un aiuto che é necessario dominare, altrimenti si sprecano occasioni e scatti!! Il comando di inserimento del VR é invece bello grosso. Non é un selettore, bensì una ghiera posta prima dei selettori. Con la mano sinistra si riesce ad incontrarla abbastanza facilmente. Per l'inserimento del VR occorre premere un pulsante di sicurezza posto sulla medesima ghiera (e cade proprio ad altezza pollice sinistro), quindi ruotarla insenso antiorario. Si avverte l'inserzione del dispositivo, perché il gruppo ottico di compensazione vibrazioni si porta in posizione. Alla pressione sul pulsante di scatto i motori VR si attivano e si percepisce un lieve ronzio con conseguente movimento del gruppo ottico di stabilizzazione. Questo fatto mi ha procurato qualche grattacapo. Pensavo che il mio tele fosse difettoso. Ma sia Pravo che LTR, a cui ho chiesto lumi e ho fatto vedere l'obiettivo, mi hanno confermato che é assolutamente normale.


In effetti la compensazione delle vibrazioni su un 600 mm é più impegnativa rispetto a LF inferiori. Credo che Nikon sul 500 e sul 600 abbia montato moduli VR con un ampio margine di movimento. Il funzionamento pratico del VR é un po' complesso. Partendo dal presupposto che a me non capita MAI di utilizzare il 600 a mano libera, rimane la questione aperta: Normal o Tripod?


La ricca documentazione di Nikon a riguardo é imbarazzante. A pagina 152 del manuale compare un grafico ove l'asse Y rappresenta la frequenza delle vibrazioni di mosso mentre l'asse X riporta l'ampiezza delle medesime. Dal disegnino risulta che per vibrazioni ad elevata frequenza e stretta ampiezza (tipiche di un cavalletto ben serrato) si deve usare la modalità Tripod. Negli altri casi Nikon raccomanda il Normal. Ma quali sonogli altri casi?

La ripresa a mano libera, per forzuti o smargiassi, o con il monopiede, che il manuale Nikon si incaponisce a chiamare "cavalletto con una sola gamba" (ma chi traduce sta roba?).
Le riprese panoramiche da cavalletto. Ci crediamo.
 
Il grafico non mi aiuta molto, quindi ho fatto delle prove e sono giunto a delle conclusioni pratiche non molto dissimili (ma certamente meno complete) di quelle del compianto Fritz Poelking che, armato di pazienza e buona volontà, tabulò tempi di scatto limite in funzione della macchina usata e del cavalletto. Si, perché ogni cavalletto ha la sua cedevolezza alle vibrazioni, dipendente dal "grado di apertura" e di estensione delle gambe oltre che, ovviamente, dal terreno su cui é piazzato,nonché dalla fotocamera utilizzata. Questo comporta una complessità e una mole di prove che francamente mi demoralizza.


Ma un riferimento é necessario. A grandi linee, con un cavalletto pesante quale un G5 Gitzo in alluminio, con una testa robusta (io uso una B1g), con gambe non estese e divaricate all'angolo minimo, appoggiando su terreno solido (terriccio battuto o sassoso) ho notato che conviene usare:
  • VR Tripod: per soggetti statici con tempi più lenti del 1/60" con testa ben serrata.
  • VR Normal: per soggetti in movimento con tempi più lenti del 1/60" e cavalletto con testa aperta, ma frizionata per seguire il soggetto. Oppure con l'uso di monopiede.
  • VR OFF: per tempi pari o più brevi del 1/250" . L'uso del VR Normal o Tripod per tempi di questa entità é dannoso.
Il tutto con fotocamera D3 e scattando impugnando la fotocamera e appoggiando la mano sinistra sul piede del teleobiettivo.


Balza all'occhio che il1/125" é un tempo di confine: é la zona d'ombra del "che faccio?". Cerco di stare lontano da questa soglia. O giù o su. Per il formato DX effettivamente occorre applicare il coefficiente di amplificazione 1.5x, quindi il tempo limite diventa il 1/250" . Infine, dimenticavo, per le pose davvero LUNGHE dell'ordine del 0.5sec o oltre: VR OFF e sacchetti di sabbia tipo trincea.


Note di Utilizzo pratico


Obiettivo e cavalletto


L'obiettivo é ben bilanciato con tutte le fotocamere di una certa "pezzatura", ma solo se si monta il piede corto. Il piede lungo é un pezzo di lega di magnesio utile come fermacarte. Molti acquistano il piede ribassato della Wimberley o della Really Right Stuff. Io disponevo già della piastra P50 di Wimberley, che usavo sul precedente 600/4 Ais. Ho quindi montato il piede corto fornito con il tele, e ad esso ho fissato la P50. Purtroppo il piede cortodispone di un solo foro filettato quindi, per evitare rotazioni della piastra, ho fissato 2 delle 4 viti di fermo che Wimberley fornisce con la P50 proprio per questo scopo.


Immagine Allegata: 3.jpg


Non ho esperienze con le teste a culla, ma in un prossimo futuro vorrei fare qualche prova dato che ne ho sentito dire un gran bene.



Curiosità

Il manuale Nikon dice che sul 600 AFs - G le vecchie macchine manual focus non si possono usare. Non é vero. Si monta benissimo qualsiasi Nikon e, certo, il diaframma non é comandabile, ma un 600/4 nel 90% dei casi viene usato a f/4 !!!!


Imballaggio e trasporto

La cassa da morto, tanto cara ai Nikonisti come me, con il suo bel color beige sabbia...la lascio nello sgabuzzino. Vale un patrimonio (vedere il listino): la conservo come una reliquia. Faccio notare che Nikon ha smesso di personalizzarla con il nome del tele contenuto. Adesso fuori c'é scritto solo il modello di baule. Economia di scala? La borsa in cordura CL-L2 é fatta bene e non si tratta di un accessorio esornativo: é necessaria. Consente di trasportare il tele, specialmente in aereo, con notevole comodità e sicurezza. Inoltre nel kit della borsa sono contenuti diversi cuscini di riempimento. Il fatto é che la borsa in questione si adatta a tutta la serie di tele Nikon presenti e passati dal 400/3.5 al 600/4 (l'800 no, é troppo lungo). Di queste imbottiture, una, la più piccola, credo sia stata pensata (almeno io la uso così) per riempire il vuoto tra testa obiettivo e paraluce rovesciato. In questo modo si annulla il tragico effetto leva che tende a strappare il paraluce dalla sua sede capovolta, conconseguente sbeccatura della vernice del bordo della lente frontale. Sui 400/2.8 e 600 /4 AFS II e VR é utilissima perché il doppio paraluce é pesante e facilmente si scalza dalla sede. Con tale imbottitura ciò non avviene più. Ma il manuale Nikon non poteva sprecare due parole due sull'argomento nel libretto di istruzioni del tele?


 Immagine Allegata: 4.jpg Immagine Allegata: 5.jpg



Per il trasporto sul campo utilizzo un normale zaino da montagna. Al Decathlon di Corsico per 39.90 euro ho acquistato uno zaino di un bel color marrone e nero che ha l'apertura su tutta la sua lunghezza. E' grande abbastanza da contenere il tele con paraluce retratto e la D3 montata. L'insieme si infila nello zaino con un unico movimento, e si é pronti a partire. Per evitare urti con altri obiettivi o oggetti vari, avvolgo il teleobiettivo nel suo telo antipioggia e la macchina in una protezione di neoprene Zing.


Qualche foto d'esempio:


Il tele l'ho preso poco prima delle ferie dell'estate 2009. Quindi é stato provato subito "sul campo" in Finlandia tra renne e orsi.


 
 

Immagine Allegata: 6.jpg

 

Nikon D3 iso 800 1/640 f/4 VR OFF Manfrotto 055+B1


 

Immagine Allegata: 7.jpg

 

Nikon D300 iso 800 1/250 f/4 VR OFF Manfrotto 055+B1


Ovviamente il mirino della D300 rende meno agevole l'utilizzo prolungato di questo tele. L'occhio si affatica parecchio, specialmente se le riprese sono in controluce. Fortunatamente l'autofocus é molto veloce e preciso. Ciò, unitamente ai 51 punti di rilevazione AF, fa sì che la messa a fuoco non sia un problema anche con la piccola Nikon.


Il 600 funziona bene anche con il TC17 e ho potuto notare che le indicazioni del manuale obiettivo sono SBAGLIATE. L'AF funziona perfettamente anche con la D300. Certamente é meno veloce , ma non ti abbandona nemmeno in condizioni di luce difficoltosa.


 

Immagine Allegata: 8.jpg

 

Nikon D3 iso 2000 TC17 1/320 f/6.7 VR ON normal Manfrotto 055+B1


 

Immagine Allegata: 9.jpg

 

Nikon D300 iso 800 TC17 1/320 f/6.7 VR OFF Manfrotto 055+B1


il secondo scatto é , per me , significativo. Si tratta di una lunghezza focale equivalente a circa 1500 mm. Stratosferica.

La perdita di nitidezza, sicuramente dovuta a MICROMOSSO oltre che al notevole strato d'aria (umidissima) tra obiettivo e soggetto, é contenuta e lo scatto risulta ben leggibile.

Probabilmente avrei dovuto scattare anche con il VR inserito, ma devo dire che in quel momento non mi é venuto neanche in mente!!

L'insieme formato DX e moltiplicatore risulta una estrema ratio a cui ricorrere ove la situazione ne trovi giovamento. Ci sono delle situazioni nelle riprese ad animali selvatici, in cui non é possibile accorciare le distanze di ripresa. Oppure , più frequentemente, può accadere che qualche evento si manifesti a distanze ben superiori a quelle per le quali si sta facendo l'appostamento. In questi casi strumenti come il formato DX e i TC, sono la carta in più da giocare, ampliando le possibilità di ripresa. Notevolmente
Test: Yes



51 Comments

Alessandro Catalano
feb 26 2010 00:50
Non posso far altro che confermare che ci troviamo di fronte ad un ottica davvero straordinaria con un efficientissimo sistema anti-vibrazioni ... anche su monopiede !

Alessandro

E va alla grande anche con TC 14 E II !!!!!

Miniature Allegate

  • Immagine Allegata: DSC_6795.jpg
Foto
Mauro Maratta
feb 26 2010 08:47
Beh, mettete altre foto. Non è usuale trovare gente che possiede questa "bestia" !
Foto
Valerio Br¨stia
feb 26 2010 12:47
A proposito di Monopiede.

Il mio si ? scassato, o meglio dagli e ridagli ... non tiene +.

Quindi chiedo ad Alessandro che mono usa. Ci sono 2 Gitzo in carbonella, un serie 2 ed un serie 3. Cosa faccio? prendo il pi? piccino ?
Foto
Mauro Maratta
feb 28 2010 11:03
Valerio, francamente io continuo a fidarmi dei classici Manfrotto in alluminio.
Buoni anche per difesa personale dai malintenzionati che volessero soffiarti la belva !
Foto
Valerio Br¨stia
mar 01 2010 13:04
oIBOH

Il prob dei manfrotto ? che hanno la chiusura blocco gambe a levetta. Il mio primo vecchio monopiede manfrotto (ha ancora le leve in alluminio pieno) non tiene sui giunti. Devo portarmi appresso una chiave a bussola per stringere il dado di fermo. Per questa, ragione molto "furbescamente", dieci anni fa giusti comprai una colonna centrale telescopica per Manfrotto 055. Allora era l'unico monopiede Manfrotto con chiusura a ghiera (e credo che lo sia tuttora). Snello e leggero, l'ideale ... Il sistema funziona benino per pesi fino ai 4 Kg. Oltre non tiene, e lentissimamente il monopiede si chiude. Il che ? anche pittosto ridicolo, perch? non te ne accorgi subito. Dopo qualche minuto per? ci si rende conto che la postura ? diventata stranamente scomoda. Per forza! il monopiede si ? accorciato di 10 cm!!! Adesso stavo pensando alle alternative. Effettivamente 200 e passa euro per un tubo telescopico sono tantini, ma magari trovo qualcosa a meno.

Non so vediamo

Domattina prometto, prima di andare al lavoro faccio una fermata dove so di vedere qualche capriolo. Se va bene posto qualche scatto.
Se va male posto...l'appostamento (che fa sempre sorridere)

questo ? dell'inverno 2008/2009
Immagine Allegata: 20_PTC_0006pic.jpg

Foto
Valerio Br¨stia
mar 02 2010 22:57
come promesso,

Immagine Allegata: 22_PTC_0052.jpg

D3 iso 1250 1/750 f/4 Nikkor 600/4 AFs VR in VR Normal On su Manfrotto 055 + B1

e questo ? il tristo appostamento

Immagine Allegata: 22_PTC_0059.jpg


Una nota.

L'AF nella boscaglia ? di impiccio. La nebbia di stamane ? stata, poi, la ciliegina sulla torta. Ho dovuto focheggiare a mano, perdendo molti scatti. Il clack della D3 ? molto secco e il capriolo l'ha percepito. E mi ha salutato.


Nikonland mi ha portato fortuna. Bene!

Foto
Adriano Max
mar 03 2010 12:19
Magiche creature !! Se non avessi tagliato le zampe te la chiedevo per farci un poster quella foto !!
:wub:
Foto
Valerio Br¨stia
mar 03 2010 15:24
Le zampe!!!! ma cara grazia che son riuscito a mettere a fuoco il faccione!! tra rami e nebbia l'AF mi ha fatto impazzire. E non potevo escluderlo perch? con i guanti non ce la faccio proprio a muovre il selettore di lilliput che Nikon ha messo sul tele.

Spero in altri incontri (son 3 anni che dico cos?)
ciao
Foto
Adriano Max
mar 03 2010 15:46

Le zampe!!!! ma cara grazia che son riuscito a mettere a fuoco il faccione!! tra rami e nebbia l'AF mi ha fatto impazzire. E non potevo escluderlo perchè con i guanti non ce la faccio proprio a muovre il selettore di lilliput che Nikon ha messo sul tele.

Spero in altri incontri (son 3 anni che dico così)
ciao


Assolutamente, in passato mi è capitato di fare appostamenti simili al tuo... con meno mezzi e risultati decisamente più scarsi, però !!
Era ed è un complimento per te: sei ad un passo dalla perfezione !!
:bravo:
Foto
Valerio Br¨stia
mar 03 2010 20:40
Ti ringrazio dei complimenti. Mi imbarazzano un po'.
Alla fine in questo genere di foto non ? che si possa scegliere molto.
Fanno tutto loro, gli animali dico, che , per citare Ando Gilardi , sono sempre naturalmente spontanei. Il che aiuta!

Spero in altre occasioni.

Una nota:
mentre aspettavo i caprioli, uno scoiattolo mi ? arrivato da dietro. Non l'ho visto ma l'ho sentito. Al pi? un paio di metri dietro di me. Ha borbottato (mi avr? annusato) e si ? arrampicato su un piantone l? vicino.
son cose belle, che a raccontarle non rende. Per questo fotografo
Grz e ciao
Foto
Adriano Max
mar 04 2010 11:25

[...]
son cose belle, che a raccontarle non rende. [...]


A meno di non averle vissute... a me una volta per esempio è capitato questo (in mezzo al bosco, ai lati di uno sterrato, quello è mio padre):

Immagine Allegata: corvo_papa_dobbiaco_1991.jpg

Un giovane di corvo imperiale (forse una cornacchia, non sono mai riuscito a discriminare con precisione) che è sceso a mangiare con noi... è entrato anche nella mia borsa fotografica (una FE ai tempi, questo è il 35mm f/2) e ci voleva anche mangiare le stringhe delle scarpe... eravamo a circa 1500m di quota (sopra Toblach)... poi se ne è tornato coi suoi...
:blink:
Foto
Mauro Maratta
mar 04 2010 11:39
Valerio ... ma perch? non ci inviti dalle tue parti (giornate festive) per questi tuoi appostamenti ?

:scimmia:
Foto
Francesco64
mar 04 2010 18:15

Valerio ... ma perch? non ci inviti dalle tue parti (giornate festive) per questi tuoi appostamenti ?

:scimmia:


Mi associo senz'altro alla richiesta!

Francesco
Foto
Valerio Br¨stia
mar 05 2010 14:29
Mah, non so se conviene.
Il posto in questione ? un tratto del Parco del Ticino che presenta un bosco MAGNIFICO di querce tigli e ontani. C'? una nutrita popolazione di caprioli, ma la si vede in ore "strategiche" e non nel fine settimana.
Io lo visito, quando posso, solo la mattina tra le 7.30 e le 9 - 9.30 poi via in ufficio (quindi da luned? a venerd?, sab e domenica non vale la pena c'? sempre fracasso).
Non che voglia fare il gelosone o il prezioso, ? che ? un po' da matti stare 3-4 h seduto per terra con una rete in testa , muovendosi pochissimo, ma stando vigili perch? ogni frusc?o potrebbe essere quello buono. Il capriolo della foto, per es., mica l'ho sentito!! con la coda dell'occhio dx ho percepito un movimento. Ho aspettato, speranzoso, che quel "movimento" entrasse nel campo di azione del tele. Mi ? andata bene.
In realt? nel 90% dei casi non si conclude nulla.


Ci? non toglie che mi piacerebbe molto scambiare opinioni e informazioni dal vivo; si sa che ? sempre utile oltre che dilettevole.
Quindi le proposte sono ben accette.

Per Adriano:
la cornacchia non ha piume sul becco, il Corvo Imperiale s?. Dalla tua foto non si vede bene. Comunque, quello da te testimoniato, ? un comportamento non comune . Specie da noi in Italia. Probabilemente l'animale era abituato a prendere cibo dalle persone.
I passeracei (corvi e cornacchie lo sono) sono degli inguaribili accattoni!!
Foto
Adriano Max
mar 05 2010 15:44

[...]
Per Adriano:
la cornacchia non ha piume sul becco[...]


Corvo imperiale allora. Conosco postazioni simili alla tua, specie per camosci, caprioli e volpi, ma sempre intorno a Dobbiaco... confermo l'aleatorit? delle occasioni: ? pi? la soddisfazione di esplorare e conoscere un territorio. Che diventa un po' il 'nostro', anche come momento di silenzio... io ora abito a Rho e non conosco bene le campagne circostanti: immagino ci siano posti cos?, forse in quel di Vanzago...
;)

Ciao e grazie della tua 'condivisione' !!
Adri.
:)
Foto
Valerio Br¨stia
mar 05 2010 18:49
Sei in zona!

Da Rho sono 40 minuti di Auto: sarebbero 30 se non ci fosse quel casino di traffico.

ciao
Foto
Valerio Br¨stia
apr 25 2010 20:23
Allagano le risaie. Grande festa

Ho avuto modo, nelle prime ore del mattino , di mettere alla prova il 600 e la D3 nelle riprese in risaia. Va detto che non ? facile fare foto decenti agli aironi in risaia. Sono molto diffidenti e , se da una parte sono poco intimoriti dall'automobile, non appena questa si ferma tendono a scappare impauriti. LF superiori ai 500mm sono di notevole aiuto. Quindi Obiettivo appoggiato al finestrino dell'auto e via ad inseguire i pennuti.
Ecco due scatti ad un Cenerino poco infastidito dalla mia presenza (crop al 50% circa per riempire l'inquadratura)

Immagine Allegata: 22_NOV_0137p.jpg Immagine Allegata: 22_NOV_0129p.jpg


Tempo di otturazione di 1/1000 riesce a congelare il movimento, ma l'AF ha delle incertezze che mi fanno preoccupare. Sento il motore ultrasonico eseguire continue micro correzioni. Tanto da preoccuparmi. Non avevo mai colto questo modo di azionare il motore da parte della D3. Per scrupolo ho montato un'altra macchina (D700). Uguale. Stai a vedere che devo fare vedere il tele al centro riparazioni!!! Le peggio indecisioni sulle garzette


Immagine Allegata: 22_NOV_0069p.jpg


Preoccupato, la sera tornando dal lavoro, ripasso dalle risaie per fugare dubbi ed incertezze. Trovo dei Cavalieri d'Italia che da qualche anno sono tornati a ripopolare la bassa. La scarsa luce richiede gli alti iso della D3 e l'inserimento del VR.


Immagine Allegata: 22_NOV_0160p.jpg


Con o Senza VR le indecisioni non dell'AF sono sparite. Sospettavo che i problemi fossero di natura atmosferica pi? che foto elettro meccanica!! In effetti durante le riprese del mattino avevo notato che l'aria non era limpidissima. La riduzione del contrasto nella ripresa ha rotto le scatole all'AF e a me

Foto
Mauro Maratta
apr 26 2010 09:39
Non vorrei dire eresie ma forse, forse, per questo campo specifico, una bella D300s farebbe la differenza, concentrando sia i 51 punti di AF che i suoi 12 mpx tutti l? dove serve ed evitandoti il fastidio del crop.
Foto
Valerio Br¨stia
apr 26 2010 09:53
E' vero. Quella mattina avrei dovuto mettere la d300 in canna. Ma era a casa. E mi sono pentito.
C'? per? un altro dettaglio che, quando scatto con il 600, mi fa preferire la D3 alle altre fotocamere : il pentaprisma, e la vista ringrazia.

saluti
Foto
Valerio Br¨stia
mag 02 2010 21:59
Ok ho montato la D300
pur nei limiti del mezzo, ci si guadagna parecchio
Immagine Allegata: 22_NOV_0202.jpg Immagine Allegata: 22_NOV_0257.jpg
Foto
Valerio Br¨stia
mag 15 2010 13:15
Il 600 si sta rivelando uno strumento piuttosto versatile.


Immagine Allegata: 22_NOV_0305.jpg Immagine Allegata: 22_NOV_0316-0319.jpg

poi, in preda a delirio tecnologico, ho provato a brandeggiarlo a mano libera con la D300

Immagine Allegata: 22_VAR_0103.JPG


lo stabilizzatore fa i miracoli
saluti, alla prossima
Foto
Mauro Maratta
mag 15 2010 15:47
Qui non ? una questione di stabilizzazone ma di muscoli !

Io con il 400 ci riesco ma tengo il monopiede attaccato per poterlo appoggiare appena fatto.
Sono non pi? di 4 etti di differenza.
Foto
Valerio Br¨stia
mag 15 2010 16:01
Vero, non ? proprio il caso di brandeggiare il tele cos?, certo che mi ha lasciato di stucco l'azione dello stabilizzatore.

per la cronaca: in macchina il tele sta sulla destra, posto passeggero. Per portarlo al finestrino giocoforza uso sempre il braccio destro. C'? un muscolo tra la spalla e il gomito.
E' un mese che mi fa un male cane.

ciao

.... per la cronaca: in macchina il tele sta sulla destra, posto passeggero. Per portarlo al finestrino giocoforza uso sempre il braccio destro. C'? un muscolo tra la spalla e il gomito.
E' un mese che mi fa un male cane.

ciao


Penso che tu stia parlando del tuo tricipite brachiale, che serve proprio a fare il movimento anzidetto. Basta rinforzarlo adeguatamenteImmagine inserita .... facendo proprio quei movimenti! meglio contro resistenza.
Senza scherzi, il 600 lo trovi usabile da postazione mobile come l'auto? Magari usando un beam-bag?

Giovanni
Foto
Valerio Br¨stia
mag 18 2010 10:30
ciao Giovanni,

ho visto solo adesso. Si tutte le foto qui postate sono fatte dal finestrino appoggiando il tele su una bean bag fatta in casa.

Non ho mica il tempo per andare in palestra a riforzare il tricipite. Mi sa che mi tengo il male.
Male oltremodo fastidioso per movimenti quali alzare il braccio verso l'alto per ritirare un vasetto nella credenza o tirare fuori l'insalata dal frigo. Dolore del tutto sopportabile per sollevare i 7Kg e oltre dal sedile posteriore al finestrino passeggero.

ciao
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi