Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 500 mm f/4G ED VR N: appunti, impressioni, sensazioni.


Immagine Allegata: su treppiede.jpg


Una foto scherzosa che ritrae il tele comparato all'obiettivo più piccolo (come dimensioni), proposto da Nikon, il 45 f/2.8 AIS-P.

Immagine Allegata: 500 vs. 45.jpg

Dopo anni di 300 mm f2.8 sono approdato a questo supertele, anche se prima ho posseduto la splendida versione AIS-P dotata di CPU, e in questa mia scelta, ponderata a lungo, sono intervenuti diversi fattori, quali la presenza di un autofocus veloce e preciso e la dotazione di un sistema VR di seconda generazione, la relativa leggerezza, la robustezza costruttiva dell’obiettivo che lo rende in grado di sopportare condizioni di impiego anche gravose.
Il 500 mm rappresenta la scelta di molti fotonaturalisti, anche per il peso e gli ingombri non eccessivi, se paragonati a un 600 mm; la sua manovrabilità a mano libera rappresenta un'ulteriore buona carta da giocare.

Premesso che questa non è una lente concepita per fotografare da lunghe distanze gli animali (così come non lo è nessun teleobiettivo), dopo circa due anni di utilizzo mi sono trovato ad utilizzarla prevalentemente tra i 5 e i 20-30 metri al massimo. Oltre tali distanze di norma non scatto, o se lo faccio è solo per documentazione. E' bene tuttavia ricordare che questa classe di supertele è ottimizzata per avere una resa ottima anche su lunghe distanze (Seeing e umidità dell'aria permettendo). Questa caratteristica risulta utile per attività fotografiche che implicano ad esempio l'osservazione di nidi da distanza di sicurezza oppure il monitoraggio della fauna all’interno di aree protette (i guardiaparco del Gran Paradiso compiono osservazioni dei nidi utilizzando focali lunghe moltiplicate 2x).


Le dimensioni:

Immagine Allegata: 500.jpg
Obiettivo senza paraluce: lunghezza cm.40,5

Immagine Allegata: 500 con paraluce esteso.jpg
Obiettivo con paraluce esteso: lunghezza cm.55,5

Immagine Allegata: 500 paraluce retratto.jpg
Con paraluce retratto: lunghezza cm.41

Con cappuccio in neoprene (optional, circa venti euro) e con cappuccio di protezione Nikon, il cappuccio in neoprene è molto meno voluminoso e protegge bene la lente frontale.
Immagine Allegata: _DSC0570.jpg

Il peso: 3880 gr.
Con un corpo simil-D3 arriviamo a gestire un peso di kg.5,32.


Particolare della ricca pulsantiera, da sinistra a destra:

Immagine Allegata: pulsantiere.jpg

- Selettore Autofocus-Manual Focus (la posizione da me utilizzata sempre è A/M)
- Selettore range di distanza autofocus, spesso lo utilizzo in posizione infinito - 8m., specie con uccelli di piccole dimensioni,in questo caso la rapidità dell'autofocus aumenta.

- Selettore del VR, Normal (da me normalmente utilizzato), e Tripod.
- Selettore Memory Recall, per il richiamo del punto di fuoco, comodissimo ma ancora non lo uso molto, tornerò su questo argomento.
- Selettore beep acustico, sempre disattivato per quel che mi riguarda.
Credo che se i comandi fossero stati un po' più grandi la manovrabilità con i guanti ne avrebbe giovato, alcuni selettori sono davvero troppo piccoli.

L'attacco treppiede:
le dimensioni della staffa sono generose, fin troppo. Per evitare vibrazioni indesiderate l'ho smontata e l'ho sostituita con quella per monopiede (in dotazione), a quest'ultima ho poi fissato una piastra con attacco Arca Swiss (l'alternativa era ordinare negli USA la costosa staffa ribassata della Really Right Stuff;).


Immagine Allegata: Staffa.jpg

Il trasporto sul campo:
Il mio impiego avviene soprattutto da postazione fissa, su treppiedi (attualmente uso con soddisfazione un GITZO GT 3541 LS anche se mi piacerebbe provare un upgrade alla serie 5), e adoperando una testa basculante della Photoseiki, e non sono rare le volte in cui lo trasporto a spalla nel suo zaino in montagna o per i boschi.
A proposito di zaini, ne utilizzo due, un Lowepro Lens Trekker 600 AW II che consente il trasporto del teleobiettivo con paraluce retratto, cappuccio di protezione in neoprene e corpo macchina con ingombri tipo D3 già innnestato. Nella tasca anteriore ci trova posto il moltiplicatore e un secondo corpo macchina, oppure acqua e cibo; Non è adatto per lunghe camminate non essendo concepito per tale uso, anche se è piuttosto confortevole.

Immagine Allegata: Lens Trekker.jpg
Utilizzo anche un Lowepro Photo Trekker Classic più piccolo per spostamenti più lunghi, il 500 mm ci sta a pennello (non avanza un mm.), senza tuttavia fotocamera innestata (quella ci sta in uno scomparto a fianco).

Il comportamento ai vari diaframmi:

Liscio: lo uso prevalentemente a f/4 e f5.6, ma già a f/4 è dotato di nitidezza superlativa, che diventa eccellente a f/5.6 fino a f8. Non vi sono grandi differenze, al mio occhio almeno, e sui miei soggetti, tra f/8 e f/11 e mi capita raramente di doverlo usare chiuso oltre tale valore.
Metto alcuni scatti ai due diaframmi maggiori, quelli che uso nella quasi totalità dei casi.
A f/4:

Immagine Allegata: F4.jpg
Chicca, D3s, ISO 2000 1/500 sec., mano libera.
Immagine Allegata: f4-2.jpg
Cincia sotto una nevicata, D3x, 1/500 sec. ISO 500, bean bag.
Immagine Allegata: f4-3.jpg
Germano, D3s, 1/3200 sec. ISO 400, treppiedi.


A f/5.6:
Immagine Allegata: 5,6.jpg
Cavaliere d’Italia, D3x, 1/640 sec. ISO 320, bean bag.
Immagine Allegata: 5.6_2.jpg
Erba del mio prato dopo la pioggia, D3s, 1/1250 sec. ISO 5000, mano libera.
Immagine Allegata: 5.6_3.jpg
Anatra mandarina, D3s, 1/1000 sec. ISO 400, treppiedi.
Immagine Allegata: 5.6_4.jpg
Tarabusino, D3s, 1/1250 sec. ISO 2000, bean bag.


Un esempio a diaframmi chiusi:
Immagine Allegata: F10.jpg
Monza, prove libere, D3, f10, 1/640 sec, ISO 200, treppiedi, da dietro la recinzione d'acciaio.

Vignettatura: sicuramente visibile a f/4, per poi annullarsi chiudendo uno stop, uno scatto di esempio a TA. La vignettatura per me è un non-problema, nel senso che non ne inserisco il controllo sui miei corpi macchina, né la correggo in post. La trovo addirittura creativa, tuttavia non la aumento né la riduco mai. Questione di gusti.
Cormorano, D3s, f/4, 1/1000 sec. ISO 400, treppiedi.
Immagine Allegata: vignettatura a f4.jpg
Questo è una situazione limite, da me appositamente ricercata, sullo sfondo azzurro del cielo si nota molto di più, se si osservano gli altri scatti a f/4 è presente ma non infastidisce troppo.



Moltiplicato: con il TC 14 EII, conviene chiudere a f7.1-f8 per avvicinarsi alla nitidezza che si avrebbe a f5,6 senza moltiplicatore. La perdita di nitidezza è davvero minima.
Alcuni esempi:
Immagine Allegata: 700 f5.6.jpg
Airone cenerino D3x, f/5,6, 1/2500 sec. ISO 640, treppiedi.
Immagine Allegata: 700 f5.6_2.jpg
Cavaliere d’Italia D3x, f/5,6, 1/2000 sec. ISO 1000, treppiedi.
Immagine Allegata: 700 f6.3.jpg
Passera scopaiola D3x, f/6,3, 1/800 sec. ISO 320, mano libera.
Immagine Allegata: 700 mm f7.1.jpg
Svasso giovane D800E, f/7,1, 1/2000 sec. ISO 800, treppiedi.


Duplicato: il TC 20 EIII è una soluzione d'emergenza, molti considerano le immagini ottenute con questo abbinamento non accettabili, e io sono d'accordo in linea di massima per tutto ciò che si trova oltre una certa distanza, ma se il soggetto è molto vicino ( e sottolineo molto) lo si può usare mantenendo una buona qualità in alcuni casi; se possibile meglio chiudere a f/10 - f/11.
Metto di seguito un paio di esempi:
Immagine Allegata: 1000 mm f10.2.jpg
Tuffetto, D800E, 1000 mm, 1/500 sec., f/10, ISO 1600 , treppiedi.
Immagine Allegata: 1000 mm f10.jpg
Libellula in volo, D800E, 1000 mm, 1/500 sec., f/10, ISO 1250, mano libera.

Sulla qualità di questa accoppiata non mi pronuncio, lascio giudicare ai miei tre lettori.
Apro però una piccolissima digressione per esternare un mio pensiero, e cioè che le ultime lenti prodotte, abbinate ai nuovi TC (il nuovo 20 E III ha una lente asferica), ma soprattutto ai nuovi sensori abbiano notevolmente alzato l’asticella della qualità.
L'aggettivo "inguardabile" si può riferire ai vecchi TC con sensori della scorsa generazione, oggi non è più così, si è passati in molti casi da inguardabile ad accettabile. Dipende comunque da quanto è vicino il soggetto. E' un'opinione personale e come tale prendetela. Fine digressione.

In sintesi, nato per essere utilizzato senza moltiplicatori tutte le volte che si può (ovvio), devo anche dire che sopporta tranquillamente il TC14, e in tantissime situazioni lo utilizzo con questo set-up con notevole soddisfazione.
Il TC20 EIII, che pure è l'ultima versione, rimane una soluzione d'emergenza.

Il VR: il meccanismo VR è azionato da un anello che si aziona abbastanza facilmente con pollice e indice della mano sinistra, cade esattamente alla giusta altezza. Memore dei famigerati anelli a rotazione per l’inserimento dell'autofocus che così spesso si rompevano (e si rompono) sui barilotti dei vari 200 AFD Micro, 80-200 f2,8 bighiera, 28 f1,4 AFD, avrei forse preferito un normale interruttore switch.
Lo utilizzo poco, dal momento che uso l'ottica fissa su treppiede al 95% e con tempi sempre piuttosto veloci, ma consente scatti al limite.
A media distanza: Ghiandaia f/5,6 ISO 800 1/60 sec., mano libera.
Immagine Allegata: F5.6_VR ON_.jpg

Non ho mai utilizzato finora il VR in modalità tripod, non ho pertanto esempi da proporre ma mi riprometto di condurre alcune prove in futuro.

Per concludere, lo sfuocato:

molto piacevole, e anche se non raggiunge le vette dello sfocato di un mediotele da ritratto risulta davvero notevole.
Martino maschio, D3s, f/4, 1/3200 sec. ISO 400, bean bag.
Immagine Allegata: sfuocato-2.jpg
Infiorescenza, D3x, f/5.6, 1/400 sec. ISO 500, treppiedi.
Immagine Allegata: sfuocato.jpg

Avvertenza; tutte le foto di questo articolo non sono ritagli, eccezion fatta per quelle raffiguranti l'obiettivo. I files NEF sono stati aperti con LR4 e convertiti in JPEG senza ulteriori modifiche.
Molte sono immagini d’archivio, ma alcune foto sono state scattate appositamente per questa recensione (cormorano in volo per la vignettatura, martino su sfondo sfocato, germano.).

Grazie a chi ha avuto la pazienza di seguirmi fin qui.

Immagine Allegata: su Treppiedi.2.jpg


Bruno Mora
Test: Yes



9 Comments

Foto
Mauro Maratta
dic 05 2012 10:00
Grazie Bruno, molto apprezzato.

Comunicazione per tutti : chiunque può proporre test, prove, experience, report, anche se non fa parte della redazione.
Basta scrivere l'articolo sul proprio blog e richiamare l'attenzione di un redattore.

;)
Tutto bello.. tutto chiaro.. per me inavvicinabile.. ma il tuo lavoro è interessante comunque.. grazie
Foto
Adriano Max
dic 05 2012 17:05
Uno splendido strumento ! la recensione mette bene in luce come questi 'gingilli' non siano solo obiettivi: incarnano scelte logistiche per il trasporto, filosofie di ripresa, anni di lavoro per sfruttarli al meglio.
:)

Davvero bravo Bruno e complimenti al fuoco sempre vivo della sua passione !!
:)

Adriano.
Foto
Valerio Brùstia
dic 05 2012 18:45
Bravo Bruno!
La prima volta che passi dalle mie parti mi mandi una mail che ti faccio provare il GT5541LS, così ti decidi a non comprarlo

ciao

Valerio
Valentino.Todeschini
dic 05 2012 18:55
non credo che mi sarei mai messo a fare una recensione, cmq da ex possessore dell'ottica in oggetto avrei solo da ridire sul discorso del 2X che sia in versione II o III per i quali è meglio un crop dell'1.4X
Foto
danighost
dic 05 2012 23:51
Mai usato con l'1.7x ... ne ho sentito parlare bene come accoppiata ...
Valentino.Todeschini
dic 06 2012 00:07
si l'ho usato non mi piaceva, all'inizio avevo il 1.7X poi dopo aver provato il 1.4X l'ho dato via, l'esatto opposto del 70-2000 VR II per il quale da 1.4X + 2X ho tenuto solo il 1.7X
Foto
Bruno Mora
dic 06 2012 20:14
Grazie a tutti dei commenti.
Sul discorso moltiplicatori, ho espresso il mio pensiero, TC14EII molto ben supportato, TC20EIII può essere una piacevole sorpresa, ma da usare cum grano salis, TC17EII non lo possiedo e non posso dire.
Michael Weber è arrivato a conclusioni opposte alle mie, secondo lui, il peggiore della triade 400-500-600 è proprio il 500, che sopporta molto poco qualunque moltiplicatore, ed è quello con minor resa a TA e ha la vignettatura più pronunciata.

Valentino ma hai venduto i tuoi pezzi migliori, hai lasciato spegnere il fuoco sacro? Peccato :-(

Valerio prima o poi organizziamo una puntata nelle tue zone? Non ti rubo i segreti tranquillo, sto troppo lontano...
Valentino.Todeschini
dic 06 2012 20:58
veramente ho ancora la passione e le lenti ci sono ancora ma tenere una lente del genere ferma per cosi tanto tempo mi dispiaceva
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi